Colla Melosa

Andre27

Biker poeticus
Feedback: 16 / 0 / 1
26/5/11
3.950
1
Milano
Bike
Liteville 301, Giant Talon pimpata e Rose Granite Chief rubatami
Ciao a tutti,
la scorsa estate ho fatto una pedalata dal rifugio Allavena alla Cima di Marta.
Guardando sulla cartina ed essendo "innamorato" di quei posti mi sono venute in mente un paio di idee e volevo chiedere se possono essere fattibili, senza avere una gamba da pro e senza doverci impiegare un giorno intero...

1) Partenza dal rif. Allavena - percorrenza dell'Alta Via - discesa fino a Briga marittima - ritorno

2) partenza dal rif. Allavena - percorrenza dell'Alta Via fino al Passo della Guardia - discesa fino a Molini di Triora.

Grazie in anticipo!

p.s. Tendenzialmente sarò lì in Liguria (a S. Lorenzo) da metà luglio, se qualcuno vuole aggregarsi...
 

 

sandrullo

Biker tremendus
Feedback: 4 / 0 / 0
ciao, io credo di si
a occhio il primo giro che hai citato sarà sui 400d+ all'andata e 1200d+ al ritorno
quindi 1600d+ inun giorno li fai tranquillamente senza essere un pro
il secondo (se ti fermi a molini e non fai il ritorno) è addirittura tranquillo direi.. i soli 400d+ circa, se poi pensi di tornare via asfalto a melosa a prendere la macchina calcola altri 1200d+ e alla fine è come l'altro

calcoli a occhio , naturalemente.. ma più o meno dovremmo esserci
piuttosto, rischiano di essere un pò noiosi.. anche se questa è una valutazione soggettiva..
forse potresti insaporirli con qualcuno dei numerosi sentierini ( o single tracks se ti piace di più) che impreziosiscono quella fantastica zona
buone pedalate
ciao
 

Andre27

Biker poeticus
Feedback: 16 / 0 / 1
26/5/11
3.950
1
Milano
Bike
Liteville 301, Giant Talon pimpata e Rose Granite Chief rubatami
ciao, io credo di si
a occhio il primo giro che hai citato sarà sui 400d+ all'andata e 1200d+ al ritorno
quindi 1600d+ inun giorno li fai tranquillamente senza essere un pro
il secondo (se ti fermi a molini e non fai il ritorno) è addirittura tranquillo direi.. i soli 400d+ circa, se poi pensi di tornare via asfalto a melosa a prendere la macchina calcola altri 1200d+ e alla fine è come l'altro

calcoli a occhio , naturalemente.. ma più o meno dovremmo esserci
piuttosto, rischiano di essere un pò noiosi.. anche se questa è una valutazione soggettiva..
forse potresti insaporirli con qualcuno dei numerosi sentierini ( o single tracks se ti piace di più) che impreziosiscono quella fantastica zona
buone pedalate
ciao
Il fatto è che single tracks lì in zona non ne conosco...
Stando ai tuoi calcoli il giro sembra realmente fattibilissimo, grazie!

Non ho molte info per l'itinerario che scende a Briga ma per il resto lo so a memoria...

ora non ho tempo di scrivere ma in questi giorni metto giù 2 "dritte" ;)
Grazie!
 

Roby86GT

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
Per quanto riguarda l'itinerario Colle Melosa - Molini di Triora...

I punti "caldi" dell'itinerario sono: Melosa - Rifugio Grai - Bassa di Marta - Colle Sanson - Galleria di Collardente - Passo Guardia - Triora - Molini di Triora

Il primo tratto Melosa - Bassa di Marta é il più impegnativo, é quasi totalmente esposto al sole e se ci si segue la strada principale é anche molto sconnesso.

Ci sono 2 possibili alternative in questo tratto:

1- appena lasciato l'asfalto sulla destra parte un sentiero, molto appeso, da portage o spinta che taglia in cresta e ci porta direttamente sotto il rifugio Grai sull'AV.

2- da quando si lascia l'asfalto si pedala per 2 km circa, raggiunto il secondo tornante (tornante SX) si imbocca un sentiero a destra che ci porta sul sentiero sopra citato evitandoci però il tratto più pendente dello stesso. (di solito io uso questo percorso)

Arrivati alla "Bassa di Marta" INIZIA LA DISCESA!!! ci troveremo di fronte ad un bivio, a sx saremo in Francia, a destra in Italia, io consiglio di continuare in piano a sx raggiungendo così in pochi minuti la bassa e le sue caserme(*da qui ci sarebbe una variazione sul tema della durata di un'ora e mezza molto suggestiva)
Attraversate le caserme ci sarebbe un altro bivio, io consiglio di tenere la strada principale perchè offre un panorama decisamente migliore ed é in migliori condizioni. In ogni caso anche se vi sbagliate e tirate dritto...ritroverete l'AV in prossimità dell'ex ospedale militare.

Colle Sanson: questo crocevia, da cui parte anche la strada per Briga, é importante in caso di problemi tecnici o eccessivo maltempo, infatti da questo punto parte anche la strada (a DX, tutta discesa) che porta a Realdo (alta valle argentina)

Passato Sanson continuando in leggera ma continua discesa raggiungeremo l'ex caserma della Finanza, puntando dritti le pareti rocciose del Monte Saccarello, passata anche la caserma (attualmente utilizzata da Nevio il pastore) raggiungiamo il prossimo punto, il Passo Collardente.

Collardente: principalmente conosciuto per la sua galleria Collardente si trova precisamente tra il Saccarello e l'abitato di Verdeggia, vista molto suggestiva.
La galleria é abbastanza lunga, buia e con svariati detriti della volta caduti a terra, se non avete mezzi di illuminazione vi consiglio di seguire il sentiero esterno che si imbocca facilmente appena prima della galleria e riprende la strada principale in prossimità dell'altra uscita. Proseguiamo sempre in discesa :D verso il Passo della Guardia passando sotto l'imponente parete rocciosa di "Rocca Barbone"..

Passo della Guardia: punto dolente, almeno per me, visto l'ultimo strappo in salita, niente di che per chi pedala normalmente con biciclette "pedalabili" ;)
Qui ci sarebbe un'altra variazione sul tema, ma anche se molto bella, ci costringerebbe dopo un gran bel sentiero a ritornarcene a casa su asfalto o quasi......:omertà:

Pronti via quindi, si riprendere la strada verso Triora, dopo 4 km circa le nostre gomme toccheranno l'asfalto però un brevissimo tratto, infatti dopo 400m circa di bitume inizia "il bike park diffuso" nel senso che inizia uno dei sentieri solitamente utilizzati dall'utenza gravity.

Da qui sinceramente potrei spiegarvi ogni metro ma al pc mi viene difficile, in linea di massima "sempre dritto" single track - strada bianca (qualche centinaio di metri) - single track con tornantini stretti e arriverete proprio sopra il cimitero di Triora.

Non potrete non vedere "i 2 guard-rail a imbuto" da dove parte appunto il Trail: Triora/Cimitero, anche qui spiegarvi le 14/15 alternative sarebbe impensabile, quindi mi limito a dirvi di andar piano all'interno del paese (in teoria sarebbe vietato passare con le mtb, ma sinceramente :smile:) Da qui ci sarebbe anche il modo di "sbagliare strada" ma non saprei proprio come spiegarvi tutto, mal che vada vi perdete il prossimo pezzo...ma sarebbe proprio un peccato...

Oltrepassata Triora ci aspetta l'ultima battaglia, uscendo dal paese sulla strada provinciale in prossimità di una curva a sinistra c'è un cartello "Molini" a destra, imboccate il sentiero e...riposatevi alla chiesetta prima di affrontare l'ultimo "direttissimo"...

Il direttissimo come lo chiamo io, che poi direttissimo non é :nunsacci:, é la vecchia mulattiera che collega i 2 comuni, é un finale "hard" tra scalini, tornanti, rocce e tanti tratti veloci, una volta imboccato non potete sbagliare strada...

Arriverete al cimitero, di nuovo :nunsacci:, di Molini di Triora dovrete solo prendere la strada in discesa, attraversare il centro storico (piano) e sbucare in Piazza Roma....(sull'ultima scalinata si può tirar fuori un salto da reparto psichiatrico :cucù: non per il salto in se...ma per il ridotto spazio di arresto dopo il landing...se arrivate lunghi finite direttamente in strada....)

Che dire...ho percorso questo itinerario l'ultima volta nemmeno un mese fa...ed é tantissima roba...

*: Variazione sul tema "Bassa di Marta", dalle caserme di Marta parte uno sterratone sali e scendi che in 30 minuti? (45 a piedi) costeggiando vecchi bunker, ci porta al Balcone di Marta, importante per 2 motivi, il primo sono gli accessi alla più grande opera militare sotterranea (Italiana) della zona, non visitabile con la bicicletta...secondo motivo, decisamente suggestivo, é la possibilità di raggiungere l'osservatorio dell'opera dall'esterno, che vi farà capire il significato del "Balcone" :medita::medita::medita:

é una variazione che inserirei più che volentieri, se c'è bel tempo, il panorama da lassù é davvero mozzafiato...

se serve qualcosa...chiedete ;) e se venite dalle mie parti, sarò ben contento di aggregarmi:celopiùg:
 
  • Like
Reactions: solitone

Andre27

Biker poeticus
Feedback: 16 / 0 / 1
26/5/11
3.950
1
Milano
Bike
Liteville 301, Giant Talon pimpata e Rose Granite Chief rubatami
Per quanto riguarda l'itinerario Colle Melosa - Molini di Triora...

I punti "caldi" dell'itinerario sono: Melosa - Rifugio Grai - Bassa di Marta - Colle Sanson - Galleria di Collardente - Passo Guardia - Triora - Molini di Triora

Il primo tratto Melosa - Bassa di Marta é il più impegnativo, é quasi totalmente esposto al sole e se ci si segue la strada principale é anche molto sconnesso.

Ci sono 2 possibili alternative in questo tratto:

1- appena lasciato l'asfalto sulla destra parte un sentiero, molto appeso, da portage o spinta che taglia in cresta e ci porta direttamente sotto il rifugio Grai sull'AV.

2- da quando si lascia l'asfalto si pedala per 2 km circa, raggiunto il secondo tornante (tornante SX) si imbocca un sentiero a destra che ci porta sul sentiero sopra citato evitandoci però il tratto più pendente dello stesso. (di solito io uso questo percorso)

Arrivati alla "Bassa di Marta" INIZIA LA DISCESA!!! ci troveremo di fronte ad un bivio, a sx saremo in Francia, a destra in Italia, io consiglio di continuare in piano a sx raggiungendo così in pochi minuti la bassa e le sue caserme(*da qui ci sarebbe una variazione sul tema della durata di un'ora e mezza molto suggestiva)
Attraversate le caserme ci sarebbe un altro bivio, io consiglio di tenere la strada principale perchè offre un panorama decisamente migliore ed é in migliori condizioni. In ogni caso anche se vi sbagliate e tirate dritto...ritroverete l'AV in prossimità dell'ex ospedale militare.

Colle Sanson: questo crocevia, da cui parte anche la strada per Briga, é importante in caso di problemi tecnici o eccessivo maltempo, infatti da questo punto parte anche la strada (a DX, tutta discesa) che porta a Realdo (alta valle argentina)

Passato Sanson continuando in leggera ma continua discesa raggiungeremo l'ex caserma della Finanza, puntando dritti le pareti rocciose del Monte Saccarello, passata anche la caserma (attualmente utilizzata da Nevio il pastore) raggiungiamo il prossimo punto, il Passo Collardente.

Collardente: principalmente conosciuto per la sua galleria Collardente si trova precisamente tra il Saccarello e l'abitato di Verdeggia, vista molto suggestiva.
La galleria é abbastanza lunga, buia e con svariati detriti della volta caduti a terra, se non avete mezzi di illuminazione vi consiglio di seguire il sentiero esterno che si imbocca facilmente appena prima della galleria e riprende la strada principale in prossimità dell'altra uscita. Proseguiamo sempre in discesa :D verso il Passo della Guardia passando sotto l'imponente parete rocciosa di "Rocca Barbone"..

Passo della Guardia: punto dolente, almeno per me, visto l'ultimo strappo in salita, niente di che per chi pedala normalmente con biciclette "pedalabili" ;)
Qui ci sarebbe un'altra variazione sul tema, ma anche se molto bella, ci costringerebbe dopo un gran bel sentiero a ritornarcene a casa su asfalto o quasi......:omertà:

Pronti via quindi, si riprendere la strada verso Triora, dopo 4 km circa le nostre gomme toccheranno l'asfalto però un brevissimo tratto, infatti dopo 400m circa di bitume inizia "il bike park diffuso" nel senso che inizia uno dei sentieri solitamente utilizzati dall'utenza gravity.

Da qui sinceramente potrei spiegarvi ogni metro ma al pc mi viene difficile, in linea di massima "sempre dritto" single track - strada bianca (qualche centinaio di metri) - single track con tornantini stretti e arriverete proprio sopra il cimitero di Triora.

Non potrete non vedere "i 2 guard-rail a imbuto" da dove parte appunto il Trail: Triora/Cimitero, anche qui spiegarvi le 14/15 alternative sarebbe impensabile, quindi mi limito a dirvi di andar piano all'interno del paese (in teoria sarebbe vietato passare con le mtb, ma sinceramente :smile:) Da qui ci sarebbe anche il modo di "sbagliare strada" ma non saprei proprio come spiegarvi tutto, mal che vada vi perdete il prossimo pezzo...ma sarebbe proprio un peccato...

Oltrepassata Triora ci aspetta l'ultima battaglia, uscendo dal paese sulla strada provinciale in prossimità di una curva a sinistra c'è un cartello "Molini" a destra, imboccate il sentiero e...riposatevi alla chiesetta prima di affrontare l'ultimo "direttissimo"...

Il direttissimo come lo chiamo io, che poi direttissimo non é :nunsacci:, é la vecchia mulattiera che collega i 2 comuni, é un finale "hard" tra scalini, tornanti, rocce e tanti tratti veloci, una volta imboccato non potete sbagliare strada...

Arriverete al cimitero, di nuovo :nunsacci:, di Molini di Triora dovrete solo prendere la strada in discesa, attraversare il centro storico (piano) e sbucare in Piazza Roma....(sull'ultima scalinata si può tirar fuori un salto da reparto psichiatrico :cucù: non per il salto in se...ma per il ridotto spazio di arresto dopo il landing...se arrivate lunghi finite direttamente in strada....)

Che dire...ho percorso questo itinerario l'ultima volta nemmeno un mese fa...ed é tantissima roba...

*: Variazione sul tema "Bassa di Marta", dalle caserme di Marta parte uno sterratone sali e scendi che in 30 minuti? (45 a piedi) costeggiando vecchi bunker, ci porta al Balcone di Marta, importante per 2 motivi, il primo sono gli accessi alla più grande opera militare sotterranea (Italiana) della zona, non visitabile con la bicicletta...secondo motivo, decisamente suggestivo, é la possibilità di raggiungere l'osservatorio dell'opera dall'esterno, che vi farà capire il significato del "Balcone" :medita::medita::medita:

é una variazione che inserirei più che volentieri, se c'è bel tempo, il panorama da lassù é davvero mozzafiato...

se serve qualcosa...chiedete ;) e se venite dalle mie parti, sarò ben contento di aggregarmi:celopiùg:
Sono senza parole... Meglio di un gps! Grazie per tutte le dritte!!!
Fino alle caserme il percorso lo conosco (l'estate scorsa sono arrivato sulla Cima di Marta), oltre seguirò diligentemente i tuoi consigli :il-saggi:; se poi si riesce potremmo organizzare per fare il giro insieme (in luglio o agosto)...!
 

solitone

Biker velocissimus
Feedback: 6 / 0 / 0
9/7/10
2.605
92
Moncalieri
Che difficoltà hanno i sentieri che scendono a Triora e a Molini? Sembrano abbastanza impegnativi, ma si possono fare con una bici da trail? O rischio di dovermeli fare per buona parte a piedi?

Il sentiero in salita 2, dopo la Melosa, è pedalabile?
 

Roby86GT

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
Sono tutti sentieri che si possono fare anche con una bici da XC, la conformazione del terreno purtroppo é molto "hard" non a causa di tratti veramente impegnativi o tecnici, ma per le sconnessioni, pietre, gradini, tornantini, etc contate che il "direttissimo" é un ex mulattiera, o quel che ne resta, quindi un mix tra vecchio pavè e tratti di sentiero.

l'opzione 2 dopo Melosa ci permette di pedalare per scaldarci un po' ma poi ci re immette nel sentieri opzione 1 che cmq a mio avviso non é pedalabile.

qui "quelli che van forte" usano bici da enduro, ma vedo sempre riders con bici di tutti i tipi...
 
  • Like
Reactions: solitone

solitone

Biker velocissimus
Feedback: 6 / 0 / 0
9/7/10
2.605
92
Moncalieri
Tra l'altro, salendo verso il Langan un paio d'estati fa, avevo visto un sentiero in discesa verso Molini che sembrava interessante.

Com'è?
 

resina65

Biker grossissimus
Feedback: 0 / 0 / 0
18/5/06
5.181
1
imperia
  • Like
Reactions: solitone

Discussioni simili

Risposte
1
Visite
2K
Diego Archimede
D
Risposte
71
Visite
5K
salukkio
S
Risposte
12
Visite
2K
marcz
M
Risposte
0
Visite
471
andrea panzer
A