Come è nata la Saltafoss

marco

Баба Яга
Diretur
29/10/02
35.687
6.025
48
Monte Bar
www.mtb-mag.com
Bike
Diverse

Saltafoss originale

Qualche giorno fa mi è arrivata una email con questo titolo: Saltafoss:

Ciao Marco,

per caso e ricordando i bei tempi ho inserito la domanda su Google ed è
apparso il vostro sito, così ho notato che esistono ancora appassionati
della stupenda bicicletta che aveve creato mio padre negli anni 70, se
posso essere utile non è un problema fornire informazioni sulla storia e
posso organizzarmi per recuperare un po' di materiale, a presto.

Paolo Ceriani


Avevo 8 anni quando mio padre mi regalò la Saltafoss. Passai intere estati in sella a quella bici sulle colline di Oleggio Castello, sopra il lago Maggiore. Ci feci di tutto: giri per i boschi, salti in cava (che terminavano con le inevitabili escoriazioni) e pomeriggi piovosi a smanettare su quell'oggetto a cui non avrei mai rinunciato. Il tutto in compagnia di 2 amici anche loro possessori di Saltafoss. Uno di loro, Alberto, riusciva a farsi in impennata tutta la strada da casa sua al panettiere, circa 700 metri, curve comprese. Sapeva inoltre saltare e soprattutto atterrare senza tornare a casa sanguinolento.

Non so che fine ha fatto quella bici, ogni tanto ci ripenso e mi viene il magone a pensare di averla data via a qualche bambino quando io ero troppo grande per andarci.

La email di Paolo Ceriani ha risvegliato in me tanti ricordi, alcuni belli alcuni drammatici come quando mio padre, quando era in giro con me con la sua bici - proprio lo stesso giorno in cui mi comprò la Saltafoss - cadde e si fratturò entrambe le braccia per tentare di proteggere mia sorella, che allora aveva 4 anni, dalla caduta dal seggiolino anteriore su cui lei sedeva. Fu il suo piedino infilato nei raggi a provocare quel volo mostruoso finito al pronto soccorso.

Chissà quanti di voi associano i loro ricordi d'infanzia al nome Saltafoss. Sarebbe bello se li vorreste condividere con noi in questa discussione. Ah già, la mia aveva il freno a disco anteriore che si vede nella penultima pubblicità qui sotto. Praticamente non serviva a niente, dato che non frenava, ma era molto cool.

Paolo ha scritto qualche riga sulla nascita della Saltafoss, mandandomi anche le vecchie pubblicità della bici sulla rivista Motociclismo (allora non esistevano riviste di MTB!). Godetevele! E grazie Paolo!













 

 

Riko

Biker superis
7/9/08
426
3
Camunia
"uau la saltafoss"!!!: ogni giorno ci facevamo duecento metri di dislivello spingendola e poi giù per una mulattiera in due su una bici, ad ogni salto sospensioni a pacco e freni a tamburo inesistenti....solo tamburo...ma che risate, bei tempi.
 

sibbi

Biker urlandum
17/4/07
595
4
Hinterland Milano
Bike
alcune
Esiste ancora un negozio di bici Saltafoss.. è vicino alla fiera di Rho/Pero, il nome della via però non lo ricordo, anche se c'è un piccolo cartello che lo indica
 

muttleyctm

Biker ciceronis
2/7/08
1.546
11
maser-torino
compratevi 2 retrovisori cosi a 180 all'ora guidate sicuri senza voltarvi??? :smile:

evviva gli anni 70 :il-saggi: e l'inventore della saltafoss :i-want-t:
 

Fullspeedahead

Biker tremendus
5/3/08
1.257
0
51
Firenze
Che tuffo nel passato!!!!
Io la Saltafoss me la sono solo sognata: i miei genitori, dopo che l'agognavo tantissimo, mi hanno regalato una bici da passeggio usata. Per me è stato un dramma infantile!! :-(
Tuttora glielo rinfaccio!!! :-)

Forse è per questo che adesso mi sfogo negli acquisti di bici simili alla mitica Saltafoss.
Grazie Marco, è stato bello rileggere certe pagine.
E un grazie speciale a Paolo ed a suo padre, davvero un grand'uomo!
 

a.ron.mtb

Biker superis
29/10/06
392
0
provincia Monza Brianza
.... alcuni belli alcuni drammatici come quando mio padre, quando era in giro con me con la sua bici - proprio lo stesso giorno in cui mi comprò la Saltafoss - cadde e si fratturò entrambe le braccia per tentare di proteggere mia sorella, che allora aveva 4 anni, dalla caduta dal seggiolino anteriore su cui lei sedeva. Fu il suo piedino infilato nei raggi a provocare quel volo mostruoso finito al pronto soccorso.
Questo ricordo, anche se per me non ha nulla a che fare con la satafoss, ce l'ho anchio, io con la mia graziella e mio fratello di 3 anni sulla "canna" della bici di mio padre...un attimo il piedino che entra nei raggi e mio padre a faccia in giù sull'asfalto, naso rotto per lui e un gran spavento per me (7 anni) e mio fratello...son passati 38 anni e mi sembra ieri...
 

hearse

Biker tremendus
15/3/04
1.194
8
45
Berghèm
Ah, quante giornate passate con la mia Saltafoss!!!
Purtroppo prestata ad un cugino piccolo e mai più tornata a casa.......
 

xtrncpb

Biker imperialis
23/9/04
10.512
5
54
Milano
Eh si, quanti bei ricordi...
In compagnia l'aveva un amico "ricco", un altro aveva la "Leopard" Carnielli (simile alla Saltafoss, ma priva di sospensione posteriore) e io una Silvestrini bi-sex che violentavo utilizzandola come una moto da cross (Ossa, Maico, Bultaco, Aspes, Fantic, Gilera e più tardi SWM erano le più agognate e idealizzate durante le nostre scorribande ciclistiche).
Quando ci si scambiava le bici, io sulla Saltafoss riuscivo a fare tutto il giro del quartiere in monoruota, ovviamente curve incluse, per oltre 1.500 metri.
Ero imbattibile nei funambolismi... :-?
Ora sono decaduto a livello di "super-pippa"... :il-saggi: :vecio:

Comunque il cartello Saltafoss a Pero l'ho visto pure io, se mi salta lo sghiribizzo ci faccio un salto (anzi... un "Saltafoss" :-) )
 

samuelgol

Redazione
17/7/07
15.885
324
Eppan an der Weinstrasse
Bike
Methanol
Già già, la Saltafoss. Me la regalò mio nonno. La tenevo alla casa al mare. Nera, scritte dorate, col sellino lungo come quello di SI Piaggio, che ci si stava in due una favola e si cadeva in due che era una meraviglia. 3 marce, con la leva sulla canna. Freni a tamburo e molle grosse come quelle di un auto come ammortizzatori. Niente parafanghi, ma le pozzanghere erano tutte le mie. Sui saltini e sui ripidini dei parchi giochi era il top.
Non so neanche più che fine ha fatto. Buttata? Rubata? Boh!!:nunsacci: Bei ricordi, bell'amarcord :medita:
 

Hallo Kitty

Biker cesareus
6/2/08
1.673
1
56
Buccy
Io sono stato uno dei fortunati possessori della Saltafoss...ricordo ancora quando mio padre la porto' a casa.....non vi dico le facce dei compagni di scorribande alla vista di quel mezzo fiammante......probabilmente in qualcuno di loro devo aver fatto scattare qualcosa di negativo,sta' di fatto che una bella mattina mi accorsi del misfatto guardando la porta divelta della mia cantina....era domenica...mi misi a piangere per due giorni.....fu uno schock infantile,ancora non mi è andato giu'.....in eta' matura ho sempre iperblindato le mie cantine,la bici non le lascio nel box...
 

no jump

Biker serius
1/10/08
182
0
casale monferrato
Aaaaaahh! MAGNIFICA....sono stato il possessore di una di loro, me la ricordo tutt'ora, era blu metallizzata.
Mi durò pochi mesi si ruppe a forza di saltare dai gradini e scalinate...quanti voli per terra.
Poi i miei me la sostituirono con una OXFORD PERIPOLI, rossa con forcella ammortizzata e due ammortizzatori dietro, aveva persino i freni a disco meccanici. Non so se ve la ricordate....A quell'epoca era già un'evoluzione...
 

88testa

Biker novus
1/8/07
6
0
val marchirolo
IO avevo una carnielli ammortizzata solo dietro un colore osceno bordeaux metallizzato 2 marce e pesava un botto
anni dopo preferivo fregare la bmx di mio fratello piu piccolo
più leggera e si "impennava" con un dito

E GLI AMERICANI CHE HANNO INVENTATO LA MTB???????
MA VAAAA:kiss-my-:
 

ACE65

Biker extra
14/10/05
758
104
Milano
La sogno ancora oggi, ho passato l'intera infanzia a volerne una, ma a casa non c'era un becco d'un quattrino, quando poi mia nonna decise di comprarla lei non potete capire. Arrivo' l'enorme scatola, l'aprii,..... non aveva mica sbagliato nome? Da quella volta per qualsiasi regalo volevo essere presente al momento dell'acquisto. :arrabbiat::smile:

CIAO:rock-it::rock-it::rock-it:
 

xtrncpb

Biker imperialis
23/9/04
10.512
5
54
Milano
La sogno ancora oggi, ho passato l'intera infanzia a volerne una, ma a casa non c'era un becco d'un quattrino, quando poi mia nonna decise di comprarla lei non potete capire. Arrivo' l'enorme scatola, l'aprii,..... non aveva mica sbagliato nome? Da quella volta per qualsiasi regalo volevo essere presente al momento dell'acquisto. :arrabbiat::smile:

CIAO:rock-it::rock-it::rock-it:
Nooo... :ueh: :cry:
E che bici ti arrivò in regalo ??? :nunsacci:
 
K

Keronea

Ospite
Mi hai fatto ritornare in mente la mia mitica saltafoss verde di tantissimi hanni fa...
 

fantamen

Biker novus
11/10/09
1
0
milano
Io avevo un modello che forse si chiamava "ciclocross" freni a tamburo e udite udite "cerchi in lega"! un giorno gli amici della via (milano zona precotto) iniziano a sfottermi dicendo che i cerchi in lega fanno scena ma sono fragili; io, per dimostrare il contrario detto fatto prendo un rincorsa di 100 m ed in velocità senza impennare affronto il più alto marciapiede del quartiere, quasi alto quanto la ruota:

1 io volo a catapulta per diversi metri

2 il cerchio anteriore ne esce illeso

3 gli steli della forcella tranciati entrambi di netto sotto la piastra

cavolo che ricordi! tutti i cantieri stradali erano nostri per farci circuiti, poi sono arrivate le bmx...
 

Mòlle

Biker imperialis
29/9/08
10.822
1
che te frega
L'ho avuta anch'io...a casa dei miei devo avere ancora una foto.. Me la regalò un mio compagno di scuola che non la usava più. Se trovo la foto la posto.
 

Ventanas

Biker poeticus
7/8/08
3.954
1
Prima variante interna
Non so se fosse davvero una saltafoss ma dalle foto del tempo credo di averne posseduta " in prestito " una anche io, dal 1990 per qualche anno mi divertivo ad usarla nel giardino della nonna paterna.
Quella bici apparteneva alla zio oggi 44 enne, quindi anche come età c'eravamo.
Io cominciai a 5 anni con una Bmx sempre ammortizzata :) quella si me la godetti in lungo e largo :)