Radon Jab, sono il primo? Primo giro e prime impressioni.

LucaLSD

Biker superioris
Feedback: 0 / 0 / 0
IMG_20200215_120737.jpg

Ho cercato informazioni ovunque sulla Jab e non è stato facile trovarne, soprattutto qui sul forum, dove a parte il test di Muldox, non ho trovato nessuno che ne parlasse dopo averla comprata o provata.
Quindi, dopo aver cercato pareri pure chiedendo a gente a caso sotto i post di Instagram dove si vedeva la Jab, e dopo averla acquistata praticamente sulla fiducia, senza essermi tolto ancora tutti i dubbi, vi dico le mie impressioni dopo il primo giro.
Ho acquistato la Jab 9.0, l'allestimento più economico fra le tre versioni.
Arrivavo da una Radon Slide del 2012 e volevo passare a qualcosa di un livello superiore ma non eccessivamente discesistico. I miei giri sono più che altro all-mountain/enduro con salite lunghe, spesso anche a spinta/spalla e discese tecniche, ma non mi dispiace anche qualche uscita in bike park. La Jab sulla carta era la soluzione migliore, non perché sia un affezionato di Radon anche se mi son trovato molto bene con la Slide, ma perché fra tutte le enduro con escursioni 160/170, la Jab era la meno estrema, la più leggera e la più economica con quelle caratteristiche.
In più lo sconto del 10% in occasione della Brexit a fine gennaio è stata un'occasione da non perdere.
Ho preso una taglia 18/M, io sono alto 1.75 con cavallo 81 ed è corretta, posizione in sella un po’ più distesa rispetto alla vecchia bici, complice anche il manubrio da 780 e le mie spalle non proprio larghe, ma comunque confortevole sia in salita che in discesa. Valuterò poi dopo un paio di giri se avanzare leggermente la sella o passare a un manubrio più stretto, oppure se è solo questione di abitudine, cosa che credo sia più probabile.
Questo sabato l'ho battezzata su un percorso fra i più duri dalle mie parti, per chi lo conosce è il giro del Calivazzo, fra Varenna e Lierna (Lecco). Salita lunga e impegnativa e discesa fra le più dure della zona, molto tecnica e fisica, una di quelle che mette a dura prova sia il rider che la bici.
Il mio più grande dubbio prima dell'acquisto, arrivando da una bici con 150/140 di escursione e geometrie “vecchia maniera”, era il comportamento della Jab in salita.
Ecco subito mi sono tolto tutti i dubbi, perché ho avuto l’impressione che salisse ancora meglio della mia vecchia bici, la posizione in sella è ottima e si riesce a pedalare benissimo anche sul ripido.
In discesa all’inizio è stato un po’ più difficile adattarsi, rispetto a prima dove i passaggi più duri li facevo in modalità "trial", la Jab invece si comporta meglio lasciandola andare di più. Probabilmente chi ha un enduro più o meno nuova non riscontrerà nessuna differenza, ma per chi come me arriva da un mezzo con qualche anno sulle spalle la differenza è tanta. Ma è solo questione di capire il comportamento e imparare ad adattare la guida, cosa che si fa nel giro di poco.
Inutile dire che la Liryk è un’ottima forcella e quindi davanti non ho avuto nessun tipo di problema. Dietro invece ho avuto qualche problema, ma non con la sospensione, bensì con le gomme. Di solito giro con pressioni basse, ma per evitare di spaccare subito i cerchioni ho comunque tenuto la pressione più alta del solito. Non è servito a molto, sarà anche la sfiga e il percorso pieno di rocce, ma ho pizzicato ben due volte. Il cerchio largo e la spalla dell’Hans Dampf non molto solida probabilmente non vanno d’accordo, quindi è obbligatoria latticizzazione o passaggio a pneumatico più solido.
Detto questo anche il carro e sospensione si sono comportati molto bene per quello che ho potuto sentire. Visto che poi alla seconda pizzicata ho gonfiato la gomma a tutta e ho perso un po’ di sensibilità. Ma comunque nonostante la gomma di pietra sono arrivato giù senza avere la schiena distrutta, segno che ha comunque lavorato bene. Non ho riscontrato il difetto di nervosismo citato nel test, ma non sono uno che cerca la velocità e non era neanche possibile farlo su quel percorso. Per impressioni più precise sulle sospensioni però dovrò aspettare qualche giro in più e un po’ di tentativi sul setting.
Come primo giro e prima impressione comunque grandissima soddisfazione, penso che questa bici sia esattamente quello che cercavo.

Anche i Pro cadono
 
Ultima modifica:

 

vitamin

Biker tremendus
Feedback: 0 / 0 / 0
22/10/07
1.058
281
Milano
Bike
YT Capra
Mi ricordo di te, io avevo una Radon Slide del 2011 (ora in vendita sul mercatino) che ho appena sostituito con una YT Capra, all'epoca eravamo i pionieri delle Radon...grandi bici
 

LucaLSD

Biker superioris
Feedback: 0 / 0 / 0
Mi ricordo di te, io avevo una Radon Slide del 2011 (ora in vendita sul mercatino) che ho appena sostituito con una YT Capra, all'epoca eravamo i pionieri delle Radon...grandi bici
È vero, mi ricordo anche io, la Capra era una delle possibilità anche per me, ma poi per le caratteristiche che dicevo sopra ho virato sulla Jab.
Mi sa che fra poco ci sarà anche la mia in vendita sul mercatino.
 

vitamin

Biker tremendus
Feedback: 0 / 0 / 0
22/10/07
1.058
281
Milano
Bike
YT Capra
È vero, mi ricordo anche io, la Capra era una delle possibilità anche per me, ma poi per le caratteristiche che dicevo sopra ho virato sulla Jab.
Mi sa che fra poco ci sarà anche la mia in vendita sul mercatino.
Bene, così abbiamo fatto la storia delle Radon sul forum e ora la faremo nel mercatino ;-) comunque gran bella bici la Jab, complimenti
 
  • Like
Reactions: LucaLSD

LucaLSD

Biker superioris
Feedback: 0 / 0 / 0
Un piccolo aggiornamento, ieri ho girato su un percorso classico che conosco a memoria, per cui sono riuscito a capire bene il comportamento della Jab (e i vantaggi che mi da rispetto alla vecchia bici). Nel frattempo ho latticizzato le gomme e trovato il setting ideale di forcella e ammortizzatore.
In salita ho pedalato dei tratti che con la vecchia Slide mi sarei sognato. Sembra incredibile che una bici da enduro con 170 salga meglio di una vecchia 150, ma se la prima volta poteva essere solo un'impressione, la seconda è una conferma senza dubbio.
Per la discesa se la prima volta ho avuto qualche difficoltà di adattamento, la seconda è stata amore vero. È un mezzo veramente valido, divertente e stabile, sia sul tecnico che sui tratti più veloci.
Faccio davvero fatica a capire come mai questa bici non abbia il successo che meriterebbe.
 
  • Like
Reactions: folgariamtb