Rifrattura scafoide

markone

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
29/3/08
48
0
Piacenza
Egr. dott Pegoli

Due anni fa mi sono rotto lo scafoide carpale a seguito di una caduta sullo snowboard. Frattura composta, a più rime (trasversale III distale + tubercolo) trattata conservativamente con gesso per 45 gg + tutore semirigido per altri 15 gg
Alla fine di tutto l'iter terapeutico, sia l'RX che la TC di controllo avevano confermato una buona saldatura dei monconi. Il problema sembrava risolto completamente e avevo ripreso a fare tutto, compresa MTB senza dolore. L'unico inconveniente rimasto era un po' di rigidità con dolore ai massimi gradi di flessoestensione (per intenderci, non sono più riuscito a mettere tutto il peso del corpo sulla mano per fare flessioni o certi esercizi di yoga).

Ora la doccia fredda: sempre a seguito di un trauma diretto sul polso, neanche tanto forte, si è riformata una piccola incrinatura trasversale esattamente nella zona già fratturata. Mi hanno applicato un tutore semirigido da rivalutare tra 20 gg.

Le vorrei chiedere se le sono già capitati casi analoghi in passato. E' il caso di valutare un intervento chirurgico per saldare più efficacemente lo scafoide e, se possibile, togliere quella rigidità rimasta dal precedente trauma?

La ringrazio in anticipo per la risposta e mi scuso per la lunghezza del post (me ne sono reso conto solo ora)

Markone
 

drpegoli

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
13/9/10
203
0
Milano
www.drpegoli.com
Egr. dott Pegoli

Due anni fa mi sono rotto lo scafoide carpale a seguito di una caduta sullo snowboard. Frattura composta, a più rime (trasversale III distale + tubercolo) trattata conservativamente con gesso per 45 gg + tutore semirigido per altri 15 gg
Alla fine di tutto l'iter terapeutico, sia l'RX che la TC di controllo avevano confermato una buona saldatura dei monconi. Il problema sembrava risolto completamente e avevo ripreso a fare tutto, compresa MTB senza dolore. L'unico inconveniente rimasto era un po' di rigidità con dolore ai massimi gradi di flessoestensione (per intenderci, non sono più riuscito a mettere tutto il peso del corpo sulla mano per fare flessioni o certi esercizi di yoga).

Ora la doccia fredda: sempre a seguito di un trauma diretto sul polso, neanche tanto forte, si è riformata una piccola incrinatura trasversale esattamente nella zona già fratturata. Mi hanno applicato un tutore semirigido da rivalutare tra 20 gg.

Le vorrei chiedere se le sono già capitati casi analoghi in passato. E' il caso di valutare un intervento chirurgico per saldare più efficacemente lo scafoide e, se possibile, togliere quella rigidità rimasta dal precedente trauma?

La ringrazio in anticipo per la risposta e mi scuso per la lunghezza del post (me ne sono reso conto solo ora)

Markone
Si può verificare una rottura dove questa vi è già stata, sopratutto in atleti che sollecitano molto il polso. Se la frattura è composta e non vi sono particolari necessità di recupero il trattamento non chirurgico potrebbe essere la scelta giusta, monitorando però la vascolarizzazione dei frammenti magari con una RM.
Saranno comunque le radiografie fatte vedere ad uno specialista che potranno dare la corretta indicazione
b serata
drpegoli
 

markone

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
29/3/08
48
0
Piacenza
OK grazie per la risposta
Ci risentiamo eventualmente più avanti a seguito di nuove indagini

Markone
 

Discussioni simili

Risposte
11
Visite
3K
drpegoli
D
Risposte
10
Visite
3K
drpegoli
D
Risposte
2
Visite
3K
miciolo
M
Risposte
1
Visite
2K
drpegoli
D
Risposte
2
Visite
4K
ZONZAR
Z