SELLARONDA HERO 2019

 

BlackBug

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
27/4/18
206
61
37
lombarida
Bike
Cube Reaction SL 29 GTC Carbon
Per me è molto semplice trovare una soluzione basta dividere in 4 fasce di partenza:
- PRIMA GRIGLIA PARTENZA ORE 7:00 solo i pro (200 biker )
- SECONDA GRIGLIA PARTENZA ORE 7:15 solo chi ha fatto già una Hero con tempo per il lungo inferiori alle 8:00 ore (800 biker circa)
- TERZA GRIGLIA ORE 7:30 solo chi ha fatto già una Hero con tempo per il lungo inferiori alle 9:30 ore (1000 biker circa)
oppure chi può dimostrare di aver chiuso un GF del 2019 (precendete alla hero) con un ottima qualificazione.
- QUARTA GRIGLIA O 8:00 tutti il resto (2500 bikers circa)
Quindi i Pro fanno una altra gara e nessuno andrà a prenderli;
Chi parte nel secondo gruppo e forte e davanti troverà poco traffico e gente che mena;
Chi parte nel terzo ho molla il colpo e si fa fagocitare dal gruppo dietro oppure rilancia e la fa a cannone per il poco traffico;
Chi parte nel quarto ha meno gente da superare e più chance di finire la gare sotto le 9:30 per cercare nell'anno successivo di finire nella terza o seconda griglia.
 
  • Like
Reactions: Billo

emilio78

Biker ciceronis
Feedback: 9 / 0 / 0
24/11/11
1.578
284
Rivergaro
Per me è molto semplice trovare una soluzione basta dividere in 4 fasce di partenza:
- PRIMA GRIGLIA PARTENZA ORE 7:00 solo i pro (200 biker )
- SECONDA GRIGLIA PARTENZA ORE 7:15 solo chi ha fatto già una Hero con tempo per il lungo inferiori alle 8:00 ore (800 biker circa)
- TERZA GRIGLIA ORE 7:30 solo chi ha fatto già una Hero con tempo per il lungo inferiori alle 9:30 ore (1000 biker circa)
oppure chi può dimostrare di aver chiuso un GF del 2019 (precendete alla hero) con un ottima qualificazione.
- QUARTA GRIGLIA O 8:00 tutti il resto (2500 bikers circa)
Quindi i Pro fanno una altra gara e nessuno andrà a prenderli;
Chi parte nel secondo gruppo e forte e davanti troverà poco traffico e gente che mena;
Chi parte nel terzo ho molla il colpo e si fa fagocitare dal gruppo dietro oppure rilancia e la fa a cannone per il poco traffico;
Chi parte nel quarto ha meno gente da superare e più chance di finire la gare sotto le 9:30 per cercare nell'anno successivo di finire nella terza o seconda griglia.

bella proposta ma c'è un punto difficile da gestire, l'assegnazione del merito x risultati non derivanti dalla Hero, l'eventuale controllo sarebbe una procedura il cui carico lavorativo verrebbe rimbalzato da qualsiasi comitato organizzativo.
altro punto fondamentale è che ci sono due tracciati, quando ho fatto il corto ho sempre trovato "code" (in alcuni casi veramente notevoli) già nella prima discesa, ciò nonostante prima griglia corta e buona partenza.
 

vranzi

Biker novus
Feedback: 0 / 0 / 0
11/7/15
30
2
Siniscola
bella proposta ma c'è un punto difficile da gestire, l'assegnazione del merito x risultati non derivanti dalla Hero, l'eventuale controllo sarebbe una procedura il cui carico lavorativo verrebbe rimbalzato da qualsiasi comitato organizzativo.
altro punto fondamentale è che ci sono due tracciati, quando ho fatto il corto ho sempre trovato "code" (in alcuni casi veramente notevoli) già nella prima discesa, ciò nonostante prima griglia corta e buona partenza.
In realtà non credo che sia così complicato...Premetto che non ho mai partecipato a gare ciclistiche. Da diversi anni partecipo però a gare podistiche e, in quelle con un alto numero di partecipanti, le griglie vengono definite basandosi sul p.b. dell'ultimo anno, per cui all'atto di iscrizione bisogna mettere il tempo e la gara di riferimento, per cui un eventuale controllo si riesce ad effettuare in pochi minuti. Tra l'altro ogni atleta FIDAL ha una scheda dove vengono costantemente aggiornati i propri risultati, per cui basta fare un controllo di questa per valutare la veridicità di quanto dichiarato all'atto di iscrizione (non so se la federazione ciclistica preveda una "schedatura" di questo tipo). E, come già detto da molti di voi, l'unico modo per poter ridurre al minimo gli ingorghi è proprio quello di dividere gli atleti in griglie con un livello medio dei partenti omogeneo. Che poi se non si vogliono controllare tutti i partecipanti probabilmente basterebbe la "minaccia" di ritirare il pettorale o di far partire nel fondo dell'ultima griglia nel caso in cui da controlli a campione si rilevassero delle incongruenze tra il tempo dichiarato e quello effettivo per scoraggiare i soliti furbetti!
 
  • Like
Reactions: BlackBug and ceszij

emilio78

Biker ciceronis
Feedback: 9 / 0 / 0
24/11/11
1.578
284
Rivergaro
In realtà non credo che sia così complicato...Premetto che non ho mai partecipato a gare ciclistiche. Da diversi anni partecipo però a gare podistiche e, in quelle con un alto numero di partecipanti, le griglie vengono definite basandosi sul p.b. dell'ultimo anno, per cui all'atto di iscrizione bisogna mettere il tempo e la gara di riferimento, per cui un eventuale controllo si riesce ad effettuare in pochi minuti. Tra l'altro ogni atleta FIDAL ha una scheda dove vengono costantemente aggiornati i propri risultati, per cui basta fare un controllo di questa per valutare la veridicità di quanto dichiarato all'atto di iscrizione (non so se la federazione ciclistica preveda una "schedatura" di questo tipo). E, come già detto da molti di voi, l'unico modo per poter ridurre al minimo gli ingorghi è proprio quello di dividere gli atleti in griglie con un livello medio dei partenti omogeneo. Che poi se non si vogliono controllare tutti i partecipanti probabilmente basterebbe la "minaccia" di ritirare il pettorale o di far partire nel fondo dell'ultima griglia nel caso in cui da controlli a campione si rilevassero delle incongruenze tra il tempo dichiarato e quello effettivo per scoraggiare i soliti furbetti!

x quello che so il problema è il numero di enti riconosciuti.
io ero ACSI ed ora FCI ma i miei amici sono ENDAS, e ce ne sono tanti altri.

non conosco l'ambito podistico ma mi sembra di capire che è più facile stabilire un ipotetico ranking.

purtroppo nessun comitato organizzativo si prenderebbe la briga di fare le pulci sul ranking e/o ritiri di pettorali a fronte dell'ipotetica ma realistica mancanza di incassi generata da tali procedure.

come già detto in tutti i post riferiti alla Hero, fino a che fanno il pienone non andranno a toccare i meccanismi attuali e continueranno nell'opera di aumentare ogni anno il costo di iscrizione (pensiero personale).
 

sembola

Moderatur cartesiano
Feedback: 77 / 0 / 0
27/2/03
47.669
4.210
53
Siena
www.sembola.it
Bike
una nera e l'altra pure
un sistema di griglie basate sul merito sportivo "complessivo" sarebbe possibile solo se il tesseramento stesso fosse in base alla "categoria di merito", oppure in base ad un sistema di punteggio (impossibile con la frammentazione di fefetazione/EPS)

resta da vedere se un ambaradan del genere convenga e a chi.
 

addabike

Biker superis
Feedback: 0 / 0 / 0
27/4/11
422
33
verderio
Son venuto qui attratto da un post su facebook con l'intento di scrivere quanto bella fosse stata la mia prima Hero. Ero sicuro di leggere altre esperienze spettacolari simili alla mia: l'Ornella, il Pordoi, il Duron, il single track finale...
E invece ho trovato una quantità enorme di post di gente (ma quanto disagio c'è in giro) che con atteggiamento da pummarola pro canzonano in modo arrogante chi è arrivato qualche minuto dopo di loro (perché di questo stiamo parlando) atteggiandosi a grandi guru del ciclismo.
Ma davvero siete andati alla Hero con la convinzione di fare prestazione? Guardate che mentre voi eravate al quinto km già le prime 200 posizione erano belle che definite.

Quelli che provano fastidio dei ciclisti che si fermano nei single track in discesa somigliano a quei frustrati in macchina che non riescono a perdere 5 secondi della loro vita quando incontrano un ciclista per strada.
Io personalmente sono comunque riuscito a farmeli quasi tutti, i single track, nonostante il traffico, magari prendendo traiettorie che difficilmente avrei scelto con strada libera. Mi è valso come allenamento. Se poi voglio farmi single track veramente tecnici a cannone per divertirmi senza incontrare traffico non scelgo la Hero, ma l'Etna Extreme.
Nella maggior parte dei casi mi è bastato un educatissimo "pistaaa" o un "sono a sinistra, occhio" e per risposta ho sempre ottenuto la strada che mi necessitava. Addirittura c'è stato qualcuno che ha rischiato di farsi male per darmi strada.

Questa si chiama educazione e rispetto reciproco. Chi non è riuscito a darmi strada in tempo facendomi fermare è perché era in palese difficoltà. Che il tratto fosse più o meno tecnico non ha importanza. Ma non era il caso di farne una tragedia. Anzi. Sicuramente quella persona stava faticando molto più di me, e per questo merita tutta la mia ammirazione. Io sono arrivato intorno alla millesima posizione, ma ammiro tantissimo chi è arrivato ultimo o chi purtroppo non ha avuto il piacere di avere il tempo finale in classifica. Di sicuro loro hanno sofferto molto più di me, e io non sono nessuno per giudicare la loro condizione fisica o quanto impegno hanno messo per la preparazione.

Mettetevelo in testa. La Hero, ma anche qualsiasi altra gara (da quella di quartiere alla nazionale) per il 95% dei partecipanti, è sfida con se stessi e divertimento.

Se volete fare i fenomeni limitatevi a partecipare alla garetta del campionatino che avete scelto a inizio stagione, dove potete arrivare fra i primi 10 su 150 partecipanti per vincere il barattolo di salsa e fare gli splendidi su facebook.
Se vi da fastidio vedere gente in difficoltà che lotta contro i propri limiti, cambiate aria.
Se non siete in grado di superare le persone più lente senza rischiare incidenti, cambiate aria.
Se vi da fastidio che gente che si allena una volta a settimana sia arrivata pochi minuti dopo voi che vi siete scannati la vita a furia di ripetute, cambiate sport che non siete cosa.

Ps.: se siete arrivati 500° o 1000° sappiate che non siete arrivati ultimi grazie proprio alle persone che non ritenete degne della Hero. Per quanto mi riguarda i veri perdenti siete voi, e non quello che ha concluso in 11H e 30m che è e rimane il vero Hero della giornata.

E fatevela una cazzo di vita invece di riversare le vostre frustrazioni competitive sulla bici, che rovinate lo sport più bello del mondo con il vostro atteggiamento spocchioso e arrogante
Complimenti

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
 

superalberto

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
3/2/17
66
41
47
Cave
Bike
Trek pro caliber 9.7, 9.8 e 9,9
Son venuto qui attratto da un post su facebook con l'intento di scrivere quanto bella fosse stata la mia prima Hero. Ero sicuro di leggere altre esperienze spettacolari simili alla mia: l'Ornella, il Pordoi, il Duron, il single track finale...
E invece ho trovato una quantità enorme di post di gente (ma quanto disagio c'è in giro) che con atteggiamento da pummarola pro canzonano in modo arrogante chi è arrivato qualche minuto dopo di loro (perché di questo stiamo parlando) atteggiandosi a grandi guru del ciclismo.
Ma davvero siete andati alla Hero con la convinzione di fare prestazione? Guardate che mentre voi eravate al quinto km già le prime 200 posizione erano belle che definite.

Quelli che provano fastidio dei ciclisti che si fermano nei single track in discesa somigliano a quei frustrati in macchina che non riescono a perdere 5 secondi della loro vita quando incontrano un ciclista per strada.
Io personalmente sono comunque riuscito a farmeli quasi tutti, i single track, nonostante il traffico, magari prendendo traiettorie che difficilmente avrei scelto con strada libera. Mi è valso come allenamento. Se poi voglio farmi single track veramente tecnici a cannone per divertirmi senza incontrare traffico non scelgo la Hero, ma l'Etna Extreme.
Nella maggior parte dei casi mi è bastato un educatissimo "pistaaa" o un "sono a sinistra, occhio" e per risposta ho sempre ottenuto la strada che mi necessitava. Addirittura c'è stato qualcuno che ha rischiato di farsi male per darmi strada.

Questa si chiama educazione e rispetto reciproco. Chi non è riuscito a darmi strada in tempo facendomi fermare è perché era in palese difficoltà. Che il tratto fosse più o meno tecnico non ha importanza. Ma non era il caso di farne una tragedia. Anzi. Sicuramente quella persona stava faticando molto più di me, e per questo merita tutta la mia ammirazione. Io sono arrivato intorno alla millesima posizione, ma ammiro tantissimo chi è arrivato ultimo o chi purtroppo non ha avuto il piacere di avere il tempo finale in classifica. Di sicuro loro hanno sofferto molto più di me, e io non sono nessuno per giudicare la loro condizione fisica o quanto impegno hanno messo per la preparazione.

Mettetevelo in testa. La Hero, ma anche qualsiasi altra gara (da quella di quartiere alla nazionale) per il 95% dei partecipanti, è sfida con se stessi e divertimento.

Se volete fare i fenomeni limitatevi a partecipare alla garetta del campionatino che avete scelto a inizio stagione, dove potete arrivare fra i primi 10 su 150 partecipanti per vincere il barattolo di salsa e fare gli splendidi su facebook.
Se vi da fastidio vedere gente in difficoltà che lotta contro i propri limiti, cambiate aria.
Se non siete in grado di superare le persone più lente senza rischiare incidenti, cambiate aria.
Se vi da fastidio che gente che si allena una volta a settimana sia arrivata pochi minuti dopo voi che vi siete scannati la vita a furia di ripetute, cambiate sport che non siete cosa.

Ps.: se siete arrivati 500° o 1000° sappiate che non siete arrivati ultimi grazie proprio alle persone che non ritenete degne della Hero. Per quanto mi riguarda i veri perdenti siete voi, e non quello che ha concluso in 11H e 30m che è e rimane il vero Hero della giornata.

E fatevela una cazzo di vita invece di riversare le vostre frustrazioni competitive sulla bici, che rovinate lo sport più bello del mondo con il vostro atteggiamento spocchioso e arrogante



sei un grande ! approvo su tutto ! parole verissime
 

Dibe79

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
22/12/17
82
57
41
Genova
Bike
Cannondale Scalpel SE 1
Scusate ma per il lungo quanto avete misurato di D+ ?

Ci ho fatto caso ora e il gps mi dice 1944, possibile che manchino quasi 600 dai 4500 dichiarati ? :nunsacci:
 

cocoku

Biker infernalis
Feedback: 0 / 0 / 0
1/5/06
1.841
215
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
Sono anni che ingannano col dislivello...se la prima può essere uno sbaglio le altre.....[emoji106]

-------------------------------
inviato da cellulare
 

Devid76

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
4/11/12
299
91
Reggio Emilia
Si, comunque la lunga poco meno di 4000 e la corta poco meno di 3000, ormai dopo 6 edizioni mi ha sempre dato le stesse altezze, metro più, metro meno


Inviato dal mio iPhone utilizzando MTB-MAG.com
 

cocoku

Biker infernalis
Feedback: 0 / 0 / 0
1/5/06
1.841
215
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
Si, comunque la lunga poco meno di 4000 e la corta poco meno di 3000, ormai dopo 6 edizioni mi ha sempre dato le stesse altezze, metro più, metro meno


Inviato dal mio iPhone utilizzando MTB-MAG.com
E non correggono mai la quota nonostante gli sia stato detto dell'errore...ahhhh il marketing

-------------------------------
inviato da cellulare
 

Sonic_ITA

Biker tremendus
Feedback: 0 / 0 / 0
1/4/13
1.317
485
Gradisca d'Isonzo
Bike
Marin Team CXR 29er custom 2x (racing bike) - Marin Team CXR 29er custom 3x (training bike)
E non correggono mai la quota nonostante gli sia stato detto dell'errore...ahhhh il marketing

-------------------------------
inviato da cellulare
3 o 4 anni fa dissero che i dislivelli erano stati certificati da Garmin (mi pare 3400 e 4500).
In realtà sono proprio intorno a 3000 e 4000, metro più, metro meno. I miei Garmin hanno sempre rilevato dati a cavallo di queste due misure (2 volte sul corto e 3 sul lungo).
 
  • Like
Reactions: cocoku

styx

Biker extra
Feedback: 0 / 0 / 0
14/10/09
747
35
Genova
A quelli che si lamentano delle code in discesa (e sabato qualche persona ha veramente esagerato nei commenti tanto che ho dovuto mordermi la lingua per tacere) vorrei dire che in salita ho visto veramente una infinità di scarsi. La loro unica fortuna è che si sale su strade larghe altrimenti quelli si che farebbero bene a stare a casa. Questo per dire che chi ha la lingua lunga su chi scende piano dovrebbe capovolgere la situazione e chiedersi se quel single track fosse in salita a che punto sarebbe sceso e fatto da parte per non ostacolare la gara degli altri.
 

 

Discussioni simili

Risposte
4K
Visite
333K
A71
A
Risposte
0
Visite
566
Booz78
B
Risposte
3K
Visite
346K
istria
I
Risposte
83
Visite
18K
alvit70
A