Sospensioni e curva di compressione: meglio progressive o lineari?

 

Bumbel

Biker novus
Feedback: 1 / 0 / 0
9/10/11
14
0
44
Crema
Ciao, per una tarare una sospensione ad aria dura o morbida, si deve modificare la pressione dell'aria, modificando di conseguenza anche il SAG? Oppure regolare la "compressione" dell'idraulica?

Ho un RP23 su specy enduro '11 che va a pacco molto facilmente (SAG circa 30%): devo pompare aria modificando il SAG? Oppure devo chiudere la "compressione" dell'idraulica (l'unico modo che mi viene in mente è azionare il propedal)?

Grazie!

SEMPRE ILLUMINANTE!
 

Mirco_83

Biker cesareus
Feedback: 0 / 0 / 0
Ciao, per una tarare una sospensione ad aria dura o morbida, si deve modificare la pressione dell'aria, modificando di conseguenza anche il SAG? Oppure regolare la "compressione" dell'idraulica?

Ho un RP23 su specy enduro '11 che va a pacco molto facilmente (SAG circa 30%): devo pompare aria modificando il SAG? Oppure devo chiudere la "compressione" dell'idraulica (l'unico modo che mi viene in mente è azionare il propedal)?

Grazie!

SEMPRE ILLUMINANTE!
Il vantaggio di sospensioni ad aria, sta proprio nel fatto che per tarare l'elemento elastico (aria) è sufficiente la pompa per sospensioni. Aumentare la pressione, significa necessariamente avere un sag più basso.
Non è detto però, che su sospensioni molto raffinate, con idraulica tipo rc2, si possa tenere anche una pressione più bassa (o più alta), ma si lavori sulle compressione alte e basse velocità.
Questo però ha poco senso, è meglio 'sempre' partire dai valori di sag consigliati e poi tararsi la sospensione a proprio piacimento, con l'idraulica...
Nel tuo caso specifico (rp23) devi sicuramente aumentare la pressione.
Detto questo, siamo completamente OT, nell'articolo non si parlava di tarature di sospensioni, piuttosto della curva di compressione.
Augh!!!
 

Danybiker88

Redazione
Feedback: 18 / 0 / 0
4/9/04
12.101
118
31
Torino
www.picasawebweb.com
Mi sono perso , ma in salita a bassa velocità è meglio lineare o progressiva ? e sempre in salita con dei gradoni ?
Dipende... Alle basse velocità sicuramente lineare è meglio perchè tende ad assorbire meglio gli ostacoli. Immagina di star affrontando una salita e di incontrare una radice. La sospensione progressiva tende a "scalciarti" ovvero a farti salire sull'ostacolo, con il rischio di perdere trazione. Una sospensione lineare tende invece a mangiare quasi completamente l'ostacolo. Il tuo baricentro di biker rimane alla stessa quota, non hai insomma sobbalzi che ti facciano perdere trazione.

Attenzione però che troppa linearità non è sempre un bene: una sospensione poco sostenuta a metà corsa rischia di insaccarsi eccessivamente sugli ostacoli.

Che confermi quel che diciamo.
Che con meno sag diventi piu' sensibile e' una questione fisica - piu' spinta negativa e maggior linearita' (per via dell'aumento del volume d'aria sopra al pistone).
Il fatto e' che in estensione (dopo l'urto) la forcella deve comunque avere la possibilita' di allungarsi senza trovare il finecorsa subito.
Che una sospensione più morbida assorba meglio gli ostacoli è fuori dubbio (basta fare la prova dell'affrontare un piccolo ostacolo con due setup differenti e si capisce subito), quello a cui però bisogna stare attenti è che una sospensione troppo morbida tende ad insaccarsi sull'ostacolo, invece di galleggiare. La sospensione deve avere un certo sostegno a metà corsa per non insaccarsi, sostegno che può essere dato dall'elemento elastico o da un freno in comrpessione.

Una sospensione più rigida tende a far saltare le ruote oltre l'ostacolo, evitando che questo ci rallenti, specialmente alle alte velocitò, però la capacità di assorbimento risulta comunque inferiore ed il contraccolpo trasmesso al pilota maggiore.

dove posso trovare i grafici dei cinematismi dei carri per un confronto ?( ad esempio quadrilatero horst,... )
Li puoi ricavare con il software Linkage.
 

SUPERTEO

Biker ciceronis
Feedback: 48 / 2 / 1
15/1/09
1.409
0
Verona
Io da quello che ho letto risulto essere un biker "lineare" ma comunque non so se sono l'unico che di tutto questo articolone ci ha capito poco.......
 

bis

Biker augustus
Feedback: 0 / 0 / 0
29/12/08
9.341
12
65
Besana in Brianza
Che una sospensione più morbida assorba meglio gli ostacoli è fuori dubbio (basta fare la prova dell'affrontare un piccolo ostacolo con due setup differenti e si capisce subito), quello a cui però bisogna stare attenti è che una sospensione troppo morbida tende ad insaccarsi sull'ostacolo, invece di galleggiare. La sospensione deve avere un certo sostegno a metà corsa per non insaccarsi, sostegno che può essere dato dall'elemento elastico o da un freno in comrpessione.

Una sospensione più rigida tende a far saltare le ruote oltre l'ostacolo, evitando che questo ci rallenti, specialmente alle alte velocitò, però la capacità di assorbimento risulta comunque inferiore ed il contraccolpo trasmesso al pilota maggiore.
Parlavo di meno sag, non piu' sag, quindi piu' gonfia ...
 

Puma1963

Biker novus
Feedback: 0 / 0 / 0
2/10/13
1
0
Salve ragazzi, vorrei chiedervi un consiglio: io ho una scott spark rc con ammortizzatore nude 2. È la terza volta che lo mando in centro assistenza perché perde la pressione. Sapete dirmi da cosa dipende? Qualcuno ha avuto lo stesso problema? Come lo avete risolto?
 

dilloprof

Biker serius
Feedback: 24 / 0 / 0
14/12/10
215
0
48
Cagliari
Io uso anteriormente aria lineare e posteriormente molla progressiva...ma sono aperto a repentini quanto eventuali cambiamenti
 

Comaz15

Biker dantescus
Feedback: 0 / 0 / 0
1/11/02
4.932
51
-COLLI EUGANEI- Padova
Bike
Focus Sam²
in parole povere insomma la progressività della sospensione permette di ridurre i fenomeni oscillatori di bob e squat, rendendo la sospensione più efficace in pedalata.
Io direi che è l'esatto contrario!
Le considerazioni che sono state fatte partono da un errore iniziale che si vede bene sul grafico posto ad esempio: le due tarature sono incomparabili tra loro! La lineare va a finecorsa a metà della forza di quella progressiva è come confrontare un ammortizzatore gonfiato a 10 con uno gonfiato a 5!
Se si aumenta l'inclinazione della retta fino a far raggiungere lo stesso punto di arrivo della curva progressiva, il discorso sul bobbing SI RIBALTA A FAVORE DELLA SOSPENSIONE LINEARE.

Una sospensione progressiva tende ad assorbire meno l’ostacolo. La bici risulta più “salterina”, tende più facilmente a spiccare il volo e sollevarsi in aria. Il biker dovrà quindi lavorare maggiormente di braccia e gambe, se vuole tenere la bici attaccata al terreno. Una bici lineare tende invece a spianare il terreno, assorbendo meglio gli ostacoli senza far schizzare per aria la bici.
Stesso discorso per questa affermazione: è IL CONTRARIO! più la sospensione è lineare e più sarà reattiva agli input del terreno e del biker specie nella prima parte della sospensione, proprio perchè, per evitare finecorsa sarà necessario tenere una taratura più rigida (linea più verticale).

D'altronde la progressività serve proprio ad avere una sospensione morbida nella prima parte di escursione per copiare bene le piccole asperità e l'ultima parte rigida per evitare il finecorsa.
L'aspetto negativo di una eccessiva progressività è che la sospensione risulta "vuota" al centro dell'escursione e quindi sui piccoli urti avrà un assorbimento ottimale, ma quando aumenta l'intensità andrà a lavorare sulla parte più ripida della curva, dove a variazioni di forza elevate, corrisponderanno variazioni di escursione limitate.
 

silverhair

Biker novus
Feedback: 2 / 0 / 0
14/3/10
32
0
liguria
CIAO a tutti,questo e' un altro argomento scottante.Il riferimento alle MX per quello che riguarda l' univocita' di schemi non e' del tutto corretto,poi vedremo perche'(secondo me) nella generalita' si usano 2 schemi monocross diretto o demoltiplicato PULL (Ancillotti???) Il cambio di rapporti avviene nel motore, e non in esterno con corone e pignoni come sulle bici, cosa significa? La linea catena nella moto e' UNA mentre nelle bici e' diversificata secondo il rapporto che uso questo riguardo alle full pedalabili XC,TRAIL ENDURO nelle DH discorso a parte.Questo cosa implica?Una diversa linea catena e' in grado di agire sul sistema ammortizzante,schema + ammo.Quando pedalo in salita usero' un diverso rapporto di quando pedalo in pianura o in discese non estreme.;esempio.:con una configurazione 42/11 la catena salira' verso l' anteriore, con configurazione 22/34 scendera' verso l' anteriore questo in presenza di 2 o 3 corone.Configurazioni estreme puramente numeriche usate per illustrare il concetto Configurate in questa maniera abbiamo visto, la catena ha 2 linee differenti ebbene;queste linee passeranno sopra o sotto il punto di infulcro della sospensione modificando lo stato dell' ammortizzatore.Come?Se la catena passa sotto l' infulcro aprira' l' ammo se passa sopra chiudera' l' ammo.esempio: poniamo orizzontalmente un asse infulcrato in un punto,e al suo opposto una catena se la tiro diagonalmente dall' alto*chiudera' * se la tiro diagonalmente dal basso *aprira'*Generalmente l' infulcro e' messo a livello della corona media la piu' usata appunto per cercare di lenire queste azioni Nel caso di corona unica con linea catena passante per il fulcro questo problema non sussiste.Quindi la varieta' di schemi e' dettata dai diversi usi e escursioni. Per il discorso della progressivita' bisogna vedere quando questa viene attuata se a meta' o a 3/4 della corsa vedi le moto da TRIAL che sono molto morbide ad inizio corsa ed hanno un pauroso fine corsa progressivo tale da fare atterraggi sul flat da altezze considerevoli . Poi non e ' detto che la lineare giunga facilmente a fine corsa dato che alcune DH lo; sono ma grazie alla enorme escursione difficilmente incappano in questo e come gia' detto, gli ammo piu' sofisticati possono porvi rimedio. Riguardo alla progressivita' di uno schema sospensivo esiste un sistema empirico per valutarlo.tracciando un asse passante per i due occhielli dell' ammo ed uno passante tra il fulcro di rotazione del braccetto e il suo attacco all' ammo formero un angolo.generalmente acuto <90* se a fine corsa quest' angolo e' di 90* o inferiore la sospensione e' progressiva se diventa ottuso > di 90* e' regressiva TUTTO CONTESTABILE ciao.
 

Danybiker88

Redazione
Feedback: 18 / 0 / 0
4/9/04
12.101
118
31
Torino
www.picasawebweb.com
Io direi che è l'esatto contrario!
Le considerazioni che sono state fatte partono da un errore iniziale che si vede bene sul grafico posto ad esempio: le due tarature sono incomparabili tra loro! La lineare va a finecorsa a metà della forza di quella progressiva è come confrontare un ammortizzatore gonfiato a 10 con uno gonfiato a 5!
Se si aumenta l'inclinazione della retta fino a far raggiungere lo stesso punto di arrivo della curva progressiva, il discorso sul bobbing SI RIBALTA A FAVORE DELLA SOSPENSIONE LINEARE.
Il mio ragionamento era basato sull'ipotesi di utilzzare lo stesso sag. Quello che dici tu è valido se parti dal presupposto che vari il sag, utilizzando un setting più morbido per l'ammo più progressivo.
Se vari il sag devi però considerare come varia l'inclinazione della curva di compressione.

Un esempio:
- sospensione lineare: sag 20%
- sospensione progressiva: sag 30%

Se la sospensione progressiva ha una curva di compressione che si impenna già dal 30-40% della corsa hai molte poche oscillazioni per i motivi visti nell'articolo. Se però la curva di compressione rimane poco pendente fino ad un valore di corsa del 50-60% è facile che tu possa avere più oscillazioni in pedalata di una sospensione lineare la cui curva di compressione ha pendenza maggiore.

Il modo per fare un confronto è di mettere le due curve sullo stesso grafico. Se la curva progressiva, nell'intorno del valore di sag, ha una pendenza inferiore della sospensione lineare allora hai più oscillazioni. Se la pendenza è superiore, ne hai meno. Per un confronto più accurato, puoi far riferimento alla derivata, che quasi tutti i software di simulazione sono in grado di fornire.

Stesso discorso per questa affermazione: è IL CONTRARIO! più la sospensione è lineare e più sarà reattiva agli input del terreno e del biker specie nella prima parte della sospensione, proprio perchè, per evitare finecorsa sarà necessario tenere una taratura più rigida (linea più verticale).
Dipende... Se parli di piccoli urti sono d'accordo, come specificato nell'articolo. Se parli di medi-grossi impatti, il discorso è diverso. Su questo tipo di ostacoli le sospensioni vanno a lavorare nella seconda parte dell'escursione. La sospensione progressiva, in questa zona, avrà una curva di compressione molto pendente, mentre la lineare avrà una pendenza inferiore. Il risultato è che quindi la capacità di assorbimento della sospensione lineare è maggiore su questo tipo di ostacoli per via della pendenza inferiore. Questo anche se la sospensione lineare è tarata più dura per prevenire fine corsa. Nella seconda parte infatti risulterà comunque più "morbida".