,

Agonismo e pH

Discussione in 'La Pecora sclera' iniziata da Ser pecora, 28/8/12.

  1. motobimbo

    motobimbo Biker nirvanensus

    Registrato:
    30/9/08
    Messaggi:
    26.964
    Bike:
    reputazioni ricevute: 11.988
    maledette pubblicità...
     
  2. ottomilainsu

    ottomilainsu Biker velocissimus

    Registrato:
    15/12/09
    Messaggi:
    2.446
    Pensavo la stessa cosa lo scorso mercoledì, mentre rientravo a casa dalle vacanze in bici, percorrevo il Fadalto.
    Caldo afoso alle 7 del mattino, tirava un maledetto vento contrario (ma benedetto perché fresco) e dovevo portar su la bici carica di bagagli, perché per la prima "coincidenza" utile da Conegliano avrei dovuto aspettare ben 2 ore... "Arrivo prima in bici", quindi via, su per la Regia Strada Napoleonica ovvero la SS51.
    Quanto alla bici, una volta a casa, sulla bilancia ha fatto segnare il non trascurabile peso di 48 kg (i "souvenirs" pesano, oltre a quello che ho preso su e non m'è servito, ma se non lo avessi preso sarebbe servito senz'altro, Murphy docet...)
    Ebbene, sono stato superato da numerosi amatori con la loro bdc e un paio di loro nel superarmi ha dato quei 2-3 colpetti di pedale che fanno frusciare la ruota come per dire "guarda come vado su io, eh!"
    Tra me e me avrei voluto urlare a quelli "facciamo cambio di bici per vedere?", poi ho provato a spingere un po' per vedere se riuscivo a tenere qualcosa più dei 12 km/h che stavo facendo sulla salita al 6%, sono arrivato a 15 e tutto sommato quelli saranno andati su a 16 - 17 massimo.
    "Lasciamo perdere, che è meglio, e torniamo ad andar su tranquilli, chi me lo fa fare?" In fondo, credo che quelli là con una bici da 48 kg manco sarebbero stati in grado di camminare in piano.
    E io dovevo farmi i 500 m di dislivello tra Conegliano e casa mia, con il vento contro e una misera colazione fatta con una triste baguette imbottita comprata alle 23 di lunedì alla stazione di Monaco, acqua della fonanella di via Savassa Bassa a Vittorio Veneto, e una notte mezza insonne in una carrozza ex DDR del "Pictor" Monaco - Venezia.
     
  3. Nikefox

    Nikefox Biker superis

    Registrato:
    21/9/08
    Messaggi:
    325
    Bike:
    A lot of Cannondale
    Gran bella dissertazione Ser!!! A meno che la tua vita (da intendersi: la vita di ciascuno di noi) non sia quella di un PRO Rider, l'importante, quando si va in bicicletta, è divertirsi!!
    C'è da dire che un sano spirito competitivo a volte non guasta. Ci fa superare di quel poco i nostri limiti, quel tanto che basta per migliorarci sempre di più.
    Fondamentale è che la competizione rimanga sana ed equilibrata: a volte si vince, a volte si perde! Che importa! :)
     
  4. RosTnT

    RosTnT Ospite

    Quanta verità in poche righe .... il bagno con il detersivo!!! Mitico
     
  5. inuit68

    inuit68 Biker novus

    Registrato:
    21/8/10
    Messaggi:
    7
    bellissimo. E' inutile negare però, che all'interno di chi condivide la passione per la mtb le due anime convivono. Quella per la competizione, che inevitabilmente si manifesta anche in qualsiasi altro ambito, fin anche nel fare la coda alle poste (vedi furbetti, o quelli che vanno dal medico 2 ore prima, per evitare la coda (?!), ma essere primi!. Poi ci sono quelli come me che usano la bici per viversi il territorio, e non usaano il territorio come "palestra" per le prestazioni. Negli anni mi sono accorto però che nel mezzo c'è una gamma di "razze" molto eterogenee, che sconfina in entrambe le scuole di pensiero (e questi forse si divertono più di tutti). Quindi non me la sento più di combattere per una o l'altra fazione. Ben vengano i riders più competitivi, che fanno così stimolare le case produttrici per concepire mezzi sempre più performanti e comodi, che poi qualche cinghiale come me comprerà andando sempre più "comodo" in posti dove non sognava nemmeno (fosse per quelli come me probabilmente si sarebbe arrivati al massimo alla graziella tassellata). imparando a gestire la cadenza è sempre uno spettacolo vedere in salita chi ti stacca al doppio della velocità, mentre seduto comodo comodo sulla mia 29 ho anche il tempo di pensare: ma chi te l'ho fa fare. Quindi credo che alla fine ci si possa divertire tutti, ognuno dal suo punto di vista.
    :) ....grande Ser
     
  6. dilloprof

    dilloprof Biker serius

    Registrato:
    14/12/10
    Messaggi:
    215
    Piacevole lettura...complimenti per la fugace riflessione.
     
  7. spiri

    spiri Biker paradisiacus

    Registrato:
    17/4/10
    Messaggi:
    6.272
    Bike:
    liberazione, ettore, la meravigliosa, celestina
    mitico ser! spero che tu non abbia usato questa spugna insieme al detersivo:
    [​IMG]
     
  8. Xadhoom

    Xadhoom Biker popularis

    Registrato:
    22/3/12
    Messaggi:
    84
    Forse è proprio il vincere prima la gara con se stessi (quel "Passo a sx!" che noi stessi dobbiamo dire alle nostre scuse che ci auto-infliggiamo o le false scusanti per non avere raggiunto la meta) che poi dovrebbe portarci a un confronto con gli altri... Magari con quel pizzico di umiltà in più perchè, alla fine, si sa di essere in grado di fare quella determinata salita, quel determinato tracciato, ma che si è uno dei tanti!

    Ser, sei un grande! Rispetto!!!
    Buona giornata a tutti!

    PS: ieri ho provato una salita dietro casa: ha vinto lei (non sono un gran pedalatore). Scuse su scuse (caldo, non ho mangiato giusto/abbastanza, forze...) CAVOLATE! Oggi ci riprovo!
     
  9. Comme

    Comme Biker serius

    Registrato:
    30/9/08
    Messaggi:
    135
    Anch'io non sono un agonista, anzi! Ma a mio parere ogni tanto confrontarsi con gli altri anche con qualche sana competizione, permette di capire meglio i propri limiti e perchè no imparare anche qualcosa e magari migliorarsi...
     
  10. jpp

    jpp Biker serius

    Registrato:
    9/11/05
    Messaggi:
    144
    Bel racconto!
    ps: però si scrive "pH" :)
     
Bozza salvata Bozza eliminata

Condividi questa Pagina