1. Abbonati gratuitamente al nostro canale Youtube, clicca qui.

    Chiudi
Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

Come gestire il surriscaldamento dell'impianto frenante

Discussione in 'Tecnica di guida e set-up' iniziata da Elandur, 3/8/18.

  1. dexter9

    dexter9 Biker serius

    Registrato:
    27/12/17
    Messaggi:
    264
    Bike:
    Stereo 160
    In formula 1 hanno dischi carboceramici e ventilati, tanto è vero che se scendono sotto una certa temperaturna manco frenano più...
     
  2. Pietro.68

    Pietro.68 Biker grossissimus

    Registrato:
    14/9/10
    Messaggi:
    5.580
    Bike:
    una...
    ok. ma questo cosa c'entra con la questione delle temperature raggiunte?
     
  3. dexter9

    dexter9 Biker serius

    Registrato:
    27/12/17
    Messaggi:
    264
    Bike:
    Stereo 160
    C'entra perchè sei stato tu ad introdurre un concetto che con le bici non c'azzecca niente perchè si basa sull'esatto contrario...
    Tu hai scritto: "E' come quelli delle F1 che nel durante delle frenata arrivano ad oltre 800° ma poi appena acceleri ritornano a temperature normali...."
    Provo ad interpretare il tuo pensiero dicendo che volevi dire che nelle bici, così come nelle F1, quando freni i dischi di scaldano parecchio ma appena questi prendono aria si raffreddano.
    E questo è un concetto semplice e di facile comprensione, oltre che ovvio.
    Ma paragonare i freni di una bici con quelli di una Formula 1 non è assolutamente possibile perchè si basano su due principi opposti.
    Mi spiego meglio: ovviamente il concetto di frenata è lo stesso in tutti gli impianti di qualsiasi mezzo, ovvero l'attrito generato dalle pasticche (o dai tacchetti nei vbrake) sui dischi ti fa rallentare e si genera calore...
    Quello che è sbagliato è il paragone con i freni delle bici che hanno dischi pieni in acciaio con quelli della Formula 1 che sono autoventilanti e perdipiù in carboceramica.
    Nelle bici (come nelle auto normali) per lavorare bene i dischi devono mantenersi entro certe temperature, nella Formula 1 è l'esatto opposto, i dischi devono lavorare a determinate temperature (estremamente alte se raffrontate agli impianti normali) pena l'inefficacia della frenata.
    Nelle Formula 1 non appena i dischi scendono sotto certe temperature gli ingenieri si attacano alle radio urlando ai piloti di frenare e far scaldare i dischi!
    Quindi, citando le Formula 1, hai completamente sbagliato il paragone...
     
  4. Pietro.68

    Pietro.68 Biker grossissimus

    Registrato:
    14/9/10
    Messaggi:
    5.580
    Bike:
    una...
    che i freni di una bici lavorino in un range di temperature diverso da quelle di una F1 lo sa anche mio figlio che ha 13 anni.
    Il mio esempio era per dire appunto che le temperature si alzano molto durante la frenata, ma scendono velocemente appena si mollano i freni. Ho parlato di F1 perchè tutti prima o poi in tv o su qualche foto hanno visto i freni delle f1 diventare incandescenti nelle staccate, Ma l'incandescente svanisce appena mollano i freni. Indice che la temperatura si abbassa istantaneamente. Tutto qua.

    Edit: i freni della F1 sono in carbonio (e basta). Quelli carboceramici vengono usati su alcune supercar (tipo porsche). E il motivo lo dovresti sapere.
     
    #24 Pietro.68, 4/8/18
    Ultima modifica: 4/8/18
    • Mi piace Mi piace x 2
  5. francescoMTB1

    francescoMTB1 Biker delirius tremens

    Registrato:
    6/1/08
    Messaggi:
    11.900
    Bike:
    Specialized
    Proprio per questo e' d'obbligo usare la tecnica di frenata: staccate e rilasci senza restare incollati ai freni e poi ricercare soluzioni fantasiose!;-)
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  6. Elandur

    Elandur Biker superioris

    Registrato:
    29/6/15
    Messaggi:
    977
    Ti assicuro che su quella mulattiera non puoi staccare e rilasciare (cosa che faccio abitualmente), altrimenti succede lo stesso ai tuoi denti... non parlo di una stradina in un bosco con fondo tipo sanpietrini sporgenti, ma di una pietraia con rocce grandi come meloni che misura 300m di lunghezza per -100 di dislivello...
     
  7. steu851

    steu851 Biker superioris

    Registrato:
    23/8/15
    Messaggi:
    836
    Bike:
    Haibike Sduro Allmtn RC
    Io sono molto pesante e incapace però con gli mt5, specialmente con i loro dischi avevo gravi problemi di surriscaldamento, stesso problema un mio amico che sa andare ma è anche lui sovrappeso, stesso problema mia moglie, che è leggera ma si attacca maggiormente ai freni, tutti e tre su Haibike Sduro AllMtn.
    Al mio amico è stato sufficiente cambiare i dischi, io son stato più drastico e son passato su entranbe le bici a shimano Zee,
    Senza cambiare più di tanto lo stile di guida i problemi sono scomparsi.



    Inviato dal mio ASUS_X018D utilizzando Tapatalk
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  8. Elandur

    Elandur Biker superioris

    Registrato:
    29/6/15
    Messaggi:
    977
    Per curiosità, che dischi ha montato?
    Tra l'altro vorrei capire se gli Shimano Icetech sarebbero compatibili con le pinze magura...
     
  9. dexter9

    dexter9 Biker serius

    Registrato:
    27/12/17
    Messaggi:
    264
    Bike:
    Stereo 160
    Continui però a paragonare due impianti dal funzionamento diverso in un modo del tutto errato (secondo il mio modestissimo parere)...
    Provo a spiegare il perchè: un disco autoventilato (in carbonio, carboceramico o di semplice ghisa) appena smetti di frenare si raffredda perchè essendo cavo al centro l'aria può entrare e raffreddare, in più le pasticche agendo sui due lati del disco che sono "separati" dall'aria anche quando scaldano non scaldano come in un disco pieno.
    Sulle bici i dischi vengono scaldati dall'attrito delle pasticche che oltre a non poter godere dello strato d'aria di un disco ventilato per raffreddarsi hanno l'ulteriore svantaggio di mantenere molto più calore per via delle pasticche che agendo sui due lati che non sono altro che due facciate dello stesso pezzo vanno a scaldare più rapidamente e più "efficacemente".
    Quindi, riassumendo, sulle bici i dischi non permettono una caduta di temperatura immediata ma anzi il calore viene mantenuto proprio per via della conformazione, ovviamente il calore una volta che viene a mancare l'azione frenante piano piano diminuisce ma non si ha certo la dissipazione di un disco autoventilato.
    Nel caso limite di un biker pesante con una bici pesante su pendenze importanti e con un impianto sottodimensionato il continuo frenare può causare anche problemi gravi ma va detto che prima di cedere del tutto di solito si capisce che i freni stanno per "andarsene" quindi basta fermarsi e lasciar raffreddare il tutto.
     
  10. andry-96

    andry-96 Biker superis

    Registrato:
    16/5/17
    Messaggi:
    369
    Bike:
    Trek superfly 100
    L’efficienza di raffreddamento non è paragonabile ai dischi in carbonio ma parliamo di uno spessore di 2mm forato, sicuramente si raffredda alla svelta dai picchi di temperatura( anche perché il calore dissipato dipende dal quadrato della differenza di temperatura disco-aria), più che altro un pezzo così leggero di metallo si scalda altrettanto facilmente, per questo è utile frenare a colpi, in questo modo la temperatura di disco e pasticche scende e non va a surriscaldare troppo l’olio
     
  11. steu851

    steu851 Biker superioris

    Registrato:
    23/8/15
    Messaggi:
    836
    Bike:
    Haibike Sduro Allmtn RC
    Lui ha montato dei vecchi (ma nuovi) dischi avid, con pastiglie metalliche, dietro però ha mt4. A mia moglie ho messo dischi zee con pastiglie organiche, io dischi bradco con raffreddatore in alluminio, anzi li avevo messi quando ancora avevo su gli mt5, e si erano ugualmente bruniti, ora le pastiglie metalliche con dissipatore hanno ripulito la pista che è tornata color acciaio.
    Comunque la pinza mt5 accetta tutto, anche i bradco che sono un pelo più spessi. Dischi ice tech credo valgano solo quelli raffreddati, però purtroppo li fanno solo center lock.

    Inviato dal mio ASUS_X018D utilizzando Tapatalk
     
  12. klasse

    klasse Biker serius

    Registrato:
    8/6/09
    Messaggi:
    163
    Ma dov'è il problema? Hanno retto i freni? Se è si non mi preoccuperei per nulla.
    Molte volte il problema prima di andare su freni e pastiglie è dei dischi. Sono nuovi o sono usati e quindi più sottili? Un disco sottile scafo. Otto di più. E si storie alla fine, in casi estremi, visto con i. Ieri occhi, si divide in due pezzi, la pista frenante si stacca dalle flange, ma qui è un caso da ignorante.
    Io montai sugli Hope, che di capacità di rallentamento ne hanno ben poca rispetto a Formula, a parità di potenza erogata, vedi test enduromag di qualche anno fa, dischi Formula e migliorati tantissimo la situazione, poi provai per sfizio i dichi Intend, ditta tedesca, spessi 2,25 al posto che 1,85. Superlativi,
    Pensare che i Cura che ho tutt'ora sono sceso sulla enduro da 29 a 160-160 rispetto ai 180-180 originale e 203-203 che avevo su quei maledetti e dannati Hope.
    Io faccio il test sui sentieri di rientro di Pila, polvere come borotalco, 5 km di discesa con 1300 mt D-, velocissima e con temperature altissime, sett scorsa 38C, ma quello che mi stupisco è ne il disco per sapere se hai scaldato oppure no, deve rimanere non violaceo dopo lavaggio con alcool. Se vedi che la pista è nera-violacea anche dopo lavaggio con pulitore dischi, allora hai scaldato troppo.
     
    • Sgrammaticato Sgrammaticato x 1
  13. kim7712

    kim7712 Biker popularis

    Registrato:
    14/12/13
    Messaggi:
    93

    Shimano Ice Tech garantisce di avere temperature inferiori ai 300°.
    Per cui gli altri possono superare tale cifra!
     
    • Mi piace Mi piace x 1
Sto caricando...

Condividi questa Pagina