Fattori per la valutazione di un sistema carro e ammo.

Discussione in 'Cross Country' iniziata da iuppareppa, 6/1/06.

  1. 30x26

    30x26 Biker velocissimus

    Registrato:
    23/1/03
    Messaggi:
    2.485
    io vengo dalla stessa esperienza : prima fsr 98 ed adesso monopivot da 140.
    la fsr col padellino apriva il carro, si sentiva abbastanza. non credo proprio si potesse considerare insensibile al rapporto inserito. da questo punto di vista non ho notato grandi differenze. l'unico leggero peggioramento che ho avvertito e' il pedal feedback col padellino (dipende dal maggior allungamento del carro).
     
  2. iuppareppa

    iuppareppa Biker paradisiacus

    Registrato:
    1/11/02
    Messaggi:
    6.390
    Semplificando molto possiamo dire che:
    L'infurcro è il perno di rotazione principale del carro ammortizzato: in un monocross (vale a dire quello dove il carro ammortizzato è costituito da una struttura trianglare ai cui vertici ci sono l'ammortizzatore, lo snodo sul telaio e la ruota) è quello a cui non è attaccato ammortizzatore.
    Il giunto horst è quello snodo che sulle specialized è vicino alla ruota posteriore: Molto semplicisticamente questo giunto fa si che quando la ruota è sotto l'azione del freno la sospensione continui a lavorare (ha poi anche una funzione sulla linearità della traiettoria ruota...).
     
  3. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    Direi che sono false entrambe le cose, dai un'occhiata a questa recente discussione: http://www.bike-board.net/community/forum/showthread.php?t=34101
     
  4. iuppareppa

    iuppareppa Biker paradisiacus

    Registrato:
    1/11/02
    Messaggi:
    6.390
    Voglio argomentazioni e opinioni non rimandi ad altri post. :-)
    Lo so anche io che il discorso del giunto Horst è una balla (oggi ma qualche anno fa aveva un senso) perche oggi con i freni a disco questo problema non esiste. lo snodo lo metti dove vuoi ma con i freni a V c'era differenza...
    Ma invece di dire che è falso avrei voluto che qualcuno dicesse perchè...
    Il discorso della linearità della traiettoria è vero con un parallelogramma perfetto come era quello della mitica RS 1 di Fisher-Lawhill. Comunque sia sono sempre approssimazioni a una traiettoria ideale... Considerazioni che a noi comuni mortali toccano poco :-(
     
  5. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    Bene, allora lo spiego con parole mie sperando di non urtare la sensibilità dei palati fini della meccanica.
    Per dimostrare che l'asse della ruota posteriore compie una corsa lungo una curva e ben lungi da una retta bisogna munirsi di righello e compasso e disegnare la traiettoria che compie durante l'escursione. Questo tedioso lavoro l'ha fatto per noi il forumendolo Ilmioalterego che detiene il "copyright" di questo bel disegno (spero non ne abbia a male per il "furto"):

    http://www.bike-board.net/community/forum/attachment.php?attachmentid=13278&d=1137404205

    A questo punto è abbastanza intuitivo "vedere" che la forza che agisce sul pneumatico nel punto di contatto col terreno durante la frenata, si "trasforma" in una coppia applicata sull'infulcro "virtuale" posto poco dietro al movimento centrale.
    Ciò che si oppone a questa coppia è, attraverso gli snodi e le bielle del quadrilatero, unicamente la forza dell'ammortizzatore. La frenata quindi, si "scarica" sull'ammortizzatore in questo schema. Questo non è necessariamente un difetto, è Specialized ad affermarlo, proponendo poi una soluzione che non lo risolve.


    ps: non ho capito quale dovrebbe essere la differenza tra un freno a disco e un v-brake riguardo a questo discorso, dal momento che sono solidali entrambi allo stesso componente (il fodero obliquo).
     
  6. ilmioalterego

    ilmioalterego Biker infernalis

    Registrato:
    26/12/02
    Messaggi:
    1.987
    ops, non ho citato la fonte...l'ho rubato da qualche capitolo qui http://www.mtbcomprador.com/content/category/3/67/105/
    però ho già scritto da qualche altra parte che non condivido appieno la teoria presentata lì (oltre all'esposizione della materia in modo tedioso al massimo).

    ah, per Iuppareppa: un parallelogramma perfetto non da una traiettoria rettilinea...ma perfettamente circolare.:espulso!:
    quasi :-) in realtà quell'infulcro virtuale lì è utile per analizzare il comportamento in pedalata...per quello in frenata occorre scomodare quello individuato dall'incrocio di due rette: quella che passa per i due infulcri superiori, e quella che passa per i due inferiori.
    esatto.
    quoto.
     
  7. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    L'unico punto che avevo dedotto da solo figuriamoci se era corretto :smile:
    ok torno a ragionarci un po' sopra... (per fortuna credevo fosse intuitivo)
    :pirletto: :pirletto: :pirletto:
     
  8. iuppareppa

    iuppareppa Biker paradisiacus

    Registrato:
    1/11/02
    Messaggi:
    6.390
    Nessuna differenza speravo che tirando fuori dei luoghi comuni qualcuno cominciasse a parlarne a a confitarli come sta succedendo. Se non si mette in moto l'argomento uno non può cantarsela o suonarsela (non mi interessa passare per erudito)...
    Questa storia dei Freni a V e del disco era usata da Specy per giustificare la superiorità del "vero giunto Horst" dalle realizzazioni dove lo snodo era sui foderi oblicui e non sui foderi bassi ;-)
    La dimostrazione che non cambia il mondo è la Trek che il giunto vicino alla ruota l'ha eliminato...
     
  9. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    Vado a memoria ma mi sembra che Specialized nelle pubblicità, almeno ultimamente, non insista affatto sulla genialità del giunto di Horst, ma che anzi non lo citi nemmeno. Tutte le doti deriverebbero dalla geometria FSR che non so nemmeno in cosa consista (applicata poi a bici così diverse).
    Tanto per aggiungere altra carne al fuoco.

    Magari qualcuno sa cosa dice questo brevetto... oltre all'acronimo depositato per motivi commerciali.

    Che poi se uno brevetta qualcosa solo per il proprio paese (giunto di Horst, a quanto è stato detto qui sul forum), o non ha i soldi per fare un'estensione mondiale, o non è convinto egli stesso di quel che ha inventato.

    Però ho l'impressione di essere lo studente a scuola e di scoprire l'acqua calda...:roll: possibile che su questi argomenti non sia già stato detto tutto? Facciamo prima a prendere e copiare qua!:-|
     
  10. Ser pecora

    Ser pecora Diretur Heiliger Geist
    Membro dello Staff

    Registrato:
    16/6/03
    Messaggi:
    11.485
    Di manuali che trattano dei principi delle sospensioni ce ne sono a frotte, il punto è che trattano principi o casi generali perlopiù e come si sa l'asino casca quando bisogna applicare i principi a casi particolari.
    Se cmq qualcuno fosse capace di "dire tutto" a riguardo (suonarsela e cantarsela) si guarderebbe bene dall'esporre sistematicamente tutto sul forum aggratis, ma perlomeno lo farebbe da dietro una cattedra, cosa che peraltro constrasta con il principio del forum
    A me cmq l'opera collettiva di "ricerca" piace (seppur paludosa):i-want-t:
     
  11. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    partiamo dalle basi? Visto che non ci sono professori in cattedra, con parole molto semplici...

    in un parallelogramma in cui la biella superiore e quella inferiore sono orizzontali, applicando una forza all'estremo inferiore della biella verticale di sinistra (che simula la resistenza del terreno durante la frenata) non si formano spinte verso l'alto o verso il basso.
     

    Files Allegati:

    • forze1.gif
      forze1.gif
      Dimensione del file:
      2,4 KB
      Visite:
      43
  12. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    non è così se le bielle superiore e inferiore sono parallele ma non orizzontali (si forma una componente verticale data dalla differenza delle due forze disegnate in verde spesso).
     

    Files Allegati:

    • forze2.gif
      forze2.gif
      Dimensione del file:
      2,7 KB
      Visite:
      32
  13. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    se l'intersezione delle rette passanti per gli infulcri superiori e inferiori giace a livello del terreno, la somma delle componenti verticali delle forze sarà nulla.
    Ilmioalterego aveva quindi ragione (ma vah?) quando sosteneva che é questo il punto virtuale da considerare per valutare l'effetto della frenata sull'ammortizzatore.
     

    Files Allegati:

    • forze3.gif
      forze3.gif
      Dimensione del file:
      2,5 KB
      Visite:
      28
  14. Fil

    Fil Biker velocissimus

    Registrato:
    31/10/03
    Messaggi:
    2.492
    un telaio il cui il costruttore afferma che la sospensione non è influenzata dalla frenata.

    Basta io mi fermo qua in attesa di correzioni, puntualizzazioni, smentite...

    Se ho detto una massa di castronerie scusate.
    Preferisco sbagliare cercando di usare la mia testa, che quella di un altro.
    Per questo mi fa piacere se qualcuno mi corregge.
     

    Files Allegati:

    • fsr2.jpg
      fsr2.jpg
      Dimensione del file:
      37,1 KB
      Visite:
      69

Condividi questa Pagina