Forcellino storto? Ecco come risolvere il problema

 

all3rz

Biker ciceronis
6/4/10
1.541
1
Tremosine (BS)
bell'articolo.. ma con un po' di calma (e se il forcellino non è troppo "elaborato") si riesce a raddrizzarlo decentemene anche in morsa e usando due martelli grossi ;-)

certo.. non sarà dritto al 100%, ma abbastanza per non far saltare il cambio..
 

ymarti

Biker celestialis
16/9/03
7.908
214
Milano
Bike
Specialized Demo 8 26 oldschool & Nukeproof Mega 29 newschool
grazie dell'articolo. Prezzi delle dime?
 

emAMS

Biker serius
15/4/10
289
0
Roma
Bike
Production Privèe 27.5"
Proprio la scorsa settimana l'ho storto!
Volevo comprare la dima ma ho visto che si trova a prezzi abbastanza alti, non sono riuscito a trovarla a meno di 70 ?...quindi ho ricomprato il forcellino.
 

Gligio

Biker extra
17/10/10
742
27
Bibbiena
www.mtbcasentino.it
Il forcellino ed il cambio sono due componenti particolarmente esposti. In caso di caduta o di impatto contro un ostacolo, anche solo un ramo che si infila nei raggi o una pietra troppo sporgente, è facile che si danneggino.

Uno dei problemi più com... Continua la lettura...
E se dopo aver sostituito il forcellino rotto il cambio è sempre leggermente storto?
Vuol dire che si è piegato il cambio?
 

salvo87

Biker tremendus
4/7/09
1.095
1
32
mirabella imbaccari(CT)
ma sbaglio o il comparatore dell'ultima foto è autocostruito!!!bell'idea ora...
 

Lazlotoz

Biker superis
12/7/10
347
1
Caserta, Isernia
Bell'articolo come sempre, ma stavolta un appunto devo farlo, la dima oggi IMHO è semplicemente un attrezzo per verificare la posizione del forcellino, poteva essere utilizzata per raddrizzarlo sui vecchi telaio in acciaio dove il forcellino era saldato ai foderi ma a mio avviso assolutamente no su un telaio in alluminio, peggio ancora su di uno in carbonio. Perchè? per due motivi:
- il forcellino nella maggior parte dei casi è ancorato al telaio con delle piccole viti o perni, andando a forzare con una leva così grande come la dima crei del gioco nella giuntura (hai fatto lo stesso discorso nel caso della gabbia del deragliatore, perchè utilizzare lo stesso sistema per il forcellino?)
- quando fai leva sul forcellino fletti inevitabilmente anche il telaio (provare per credere) e nel caso di telai da xc piuttosto leggeri non è una flessione da poco. Un conoscente ha rotto un telaio in carbonio per utlizzare la dima (rottura del fodero basso in 2 punti).
Per raddrizzare un forcellino io preferisco agire così: lo smonto dalla bici, lo metto in una morsa da banco in modo che sia parallelo al piano di lavoro e con la dima lo raddrizzo usando come riferimento al posto del cerchio il banco di lavoro. Semplice e poco rischioso.
 
  • Like
Reactions: sgamarco

jetlory

Biker serius
27/2/04
190
0
48
Riccione
www.facebook.com
Preferirei sostituire il forcellino con uno nuovo, perchè una volta piegato si snerva e quindi diventa più debole, e non rischi di fare ulteriori danni...
 

sgamarco

Biker poeticus
27/5/08
3.633
19
Roma EST
Bike
- IBIS Mojo HD - Stumpjumper 29EVO
ok che la DIMA si compra una volta sola ed i costo, circa 70 euro, si puo' ammortizzare nel tempo; ( a confronto il prezzo di un forcellino nuovo è di circa 15/20 euro ) ma quante volte si rende necessario la sostituzione del forcellino perchè spezzato o crepato?!
Credo la maggior parte delle volte... (Almeno a me, 2 volte che si è rotto il forcellino, su 2 bici diverse, non era possibile o sicuro, in entrambi i casi, drizzarlo proprio perchè presentava una crepa).
A questo punto vale la pena comprare la dima?
 

bikemann

Biker novus
30/10/06
29
0
Trieste
Da anni uso uno strumento autocostruito a costo zero usando:
- asse filettato di un mozzo anteriore con soli dadi, rondelle e coni (diametro e filettatura sono quelli del forcellino !); ad esempio, smontato da un mozzo economico Shimano per ruote con freni V-brake.
- assicella di legno con foro all'estremità entro la quale far passare l'asse filettato.
- asse filettato inserito nel buco dell'assicella e bloccato alla distanza giusta usando alle due estremità del buco i dadi e controdati (coni). Uso un foglio o rondella grande di plastica tra il metallo ed il legno per evitare attriti.
- all'estremità libera dell'assicella, fisso una linguetta di plastica da usare come origine/riscontro.
- uso un righello di metallo (tipo da meccanico), che appoggio sul cerchio e leggo la distanza in mm sul riscontro in plastica dell'assicella.

Il procedimento (nord-sud, est-ovest) è ben indicato in questo link:
http://www.parktool.com/documents/d9d7c9ee0f8a27910740fadba000e2def1df00b9.pdf

Per annullare tutti gli errori di costruzione, tolleranze, ruote non centrate, uso l'accortezza di fare tutte le misure sul cerchione dove c'è la valvola, ruotando ruota e comparatore sempre in senso orario (altrimenti puo succedere che i dadi e controdadi si svitino - lo strumento economico non è esente da pecche !), secondo la tecnica del PDF, con misure nord- sud e misure est-ovest.

Non ho ora foto....quando riesco, posto qualcosa...
 

Danybiker88

Redazione
4/9/04
12.101
116
31
Torino
www.picasawebweb.com
E se dopo aver sostituito il forcellino rotto il cambio è sempre leggermente storto?
Vuol dire che si è piegato il cambio?
Si, o il parallelogramma o la gabbia saranno sicuramente piegati.

ma sbaglio o il comparatore dell'ultima foto è autocostruito!!!bell'idea ora...
Si può autocostruire senza problemi. Basta solo trovare la vite con la filettatura del forcellino, poi si prende una barra quadrata in acciaio e ci si inventa qualcosa per il comparatore.

Bell'articolo come sempre, ma stavolta un appunto devo farlo, la dima oggi IMHO è semplicemente un attrezzo per verificare la posizione del forcellino, poteva essere utilizzata per raddrizzarlo sui vecchi telaio in acciaio dove il forcellino era saldato ai foderi ma a mio avviso assolutamente no su un telaio in alluminio, peggio ancora su di uno in carbonio. Perchè? per due motivi:
- il forcellino nella maggior parte dei casi è ancorato al telaio con delle piccole viti o perni, andando a forzare con una leva così grande come la dima crei del gioco nella giuntura (hai fatto lo stesso discorso nel caso della gabbia del deragliatore, perchè utilizzare lo stesso sistema per il forcellino?)
- quando fai leva sul forcellino fletti inevitabilmente anche il telaio (provare per credere) e nel caso di telai da xc piuttosto leggeri non è una flessione da poco. Un conoscente ha rotto un telaio in carbonio per utlizzare la dima (rottura del fodero basso in 2 punti).
Per raddrizzare un forcellino io preferisco agire così: lo smonto dalla bici, lo metto in una morsa da banco in modo che sia parallelo al piano di lavoro e con la dima lo raddrizzo usando come riferimento al posto del cerchio il banco di lavoro. Semplice e poco rischioso.
Su quasi tutti i telai il forcellino è fissato tramite bussole e molto spesso il forcellino è ancorato anche alla ruota. Ci sono però forcellini fissati male o con un attacco molto delicato, sta ovviamente al buon senso valutare se è possibile o meno intervenire senza far danni.

Ci sono forcellini che non si possono raddrizzare, ad esempio quello Syntace.

Generalmente comunque nella maggior parte dei casi non ci sono problemi, soprattutto per quei forcellini che hanno anche l'attacco ruota (in genere molto costosi).

ok che la DIMA si compra una volta sola ed i costo, circa 70 euro, si puo' ammortizzare nel tempo; ( a confronto il prezzo di un forcellino nuovo è di circa 15/20 euro ) ma quante volte si rende necessario la sostituzione del forcellino perchè spezzato o crepato?!
Credo la maggior parte delle volte... (Almeno a me, 2 volte che si è rotto il forcellino, su 2 bici diverse, non era possibile o sicuro, in entrambi i casi, drizzarlo proprio perchè presentava una crepa).
A questo punto vale la pena comprare la dima?
Alcuni forcellini possono arrivare a costare anche 40-50€ (quello della mia Intense ad esempio), quindi il gioco vale la candela.

70€ è il prezzo della Park Tool, un prodotto ben fatto e di qualità, ma ci sono anche dime più economiche che funzionano alla grande.

Senza contare che senza dima spesso è difficile vedere se il forcellino è storto, per cui anche se non si vuole raddrizzare, ma si preferisce la sostituzione, la dima è comunque necessaria per avere la conferma che il forcellino sia effettivamente storto ed il problema non sia del cambio.
 
  • Like
Reactions: sgamarco

gupardo10

Biker serius
14/5/07
154
0
Genova
Bike
Turbolevo
Piegato 2 volte il forcellino, l'ho inserito in una morsa e scaldandolo con la pistola a caldo da carrozziere, stringo piano piano le ganasce: funziona!



---------------
www.pardo.it
 

jehuty

Aziende
6/7/10
1.273
4
Genzano di Roma
ma perchè, tirare giù il forcellino e batterlo con un martello (ovviamente con piccoli colpi di precisione e non mazzate esagerate) contro un piano bello solido non può andare bene? così non si eviterebbe di oltrepassare il punto in cui il forcellino torna dritto? :nunsacci:
 

C'dale scalp

Biker superis
8/2/09
392
41
Bike
Mtb-Gravel-Bdc
Come si vede dalle foto rappresentative è un problema che succede quasi sempre con i cambi SRAM perché dove è fissato al forcellino è molto più esposto. Se cadi la tocchi sicuramente perché è più in fuori del telaio e se passi vicino ad una roccia la prima cosa che tocchi è il cambio e così si piega il forcellino.
A me personalmente è sempre capitato così perciò SHIMANO forever.
Comunque complimenti per l'articolo.