..
  1. Abbonati gratuitamente al nostro canale Youtube, clicca qui.

    Chiudi
Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

Frattura testa del femore

Discussione in 'Allenamento, alimentazione, infortuni, recupero' iniziata da McGrath, 17/9/14.

  1. McGrath

    McGrath Biker serius

    Registrato:
    12/9/11
    Messaggi:
    240
    Bike:
    Evil Undead
    Benissimo!
    Cioè, benissimo un par di palle, sarebbe stato meglio non cadere, non farsi male e non rompere la bici a noleggio! :smile:
    Ma da quello che dici una cosa è certa: nessun rischio di necrosi! Perchè in qualche modo le due parti sono ancora "attaccate" e quindi non c'è rischio che la testa si devitalizzi.
    Il grande timore mio e degli altri che hanno scritto qui era quello, tu ne sei fuori.
    Quindi abbi pazienza, divertiti con le stampelle, fai fisioterapia e tornerai come nuovo.
    Ah si, e ripaga il danno alla bici... :smile:
    Raccontaci come procede!
     
  2. Simogrey

    Simogrey Biker novus

    Registrato:
    20/5/18
    Messaggi:
    4
    Bike:
    Atla
    Buongiorno a tutti i fratturati!! MC grath volevo chiederti una cosa visto che ti sei rotto molto prima di me ... a parte quello che dicono i medici che comunque non hanno la testa del femore con viti o protesi...tu pensi che possa tornare tutto come prima?? Io non credo...mi hanno operato il 15 gennaio e comunque ancora a secondo dei movimenti mi fa male..tra pochi giorni farò il temutissimo controllo dove spero mi diranno ancora che non c'è necrosi ..resta comunque il fatto che il fastidio si sente io dubito che tutto possa tornare come una volta..
     
  3. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao Mc Grath e a tutti volevo chiedervi le vostre esperienze sulla riabilitazione fisioterapia. Nel senso è una cosa che avete fatto da casa o in strutture ricoverandovi? Su internet vedo tante info diverse in base anche all’età! Lortopedico mi hanno gia indicato di iniziare quella per il quadricipide a letto ovviamente.
    Vi ringrazio per le vostre esperienze a presto Alessandro
     
  4. McGrath

    McGrath Biker serius

    Registrato:
    12/9/11
    Messaggi:
    240
    Bike:
    Evil Undead
    Allora, voglio che sia chiaro che io non sono un medico, ho solo una discreta esperienza in fratture perchè sono andato per terra e ho picchiato duro!
    Detto questo...

    Innanzitutto bisogna far differenza tra protesi e viti.
    Se ti mettono una protesi significa che la frattura è andata in necrosi, oppure che è stato deciso direttamente di mettere una protesi principalmente per questioni di età o di uno stato fisico non proprio ottimale. In pratica, se hai una certa età non provano nemmeno a crecare di salvare la testa del femore perchè la possibilità di necrosi è molto alta. Però, da quello che ho avuto modo di capire, la protesi permette davvero di tornare "come nuovi", ma va sempre considerato che si sta parlando di persone di una certa età, quindi quel "come nuovi" non significa che il nonnetto con la protesi sta meglio di prima e si mette a fare downhill, ma semplicemente che riesce a tornare a fare la vita che faceva prima senza nessun fastidio.
    Per quanto riguarda le viti, io posso portare la mia esperienza e ti dico che, si, torna tutto come prima, assolutamente. Come per tutte le fratture, qualcosa cambia, ma sono cose veramente trascurabili, tipo mi sono fratturato la tibia qualche anno fa e sento un po' il cambio del tempo, in certi periodi sento un piccolo fastidio, ma è un fastidio talmente minimo che ormai nemmeno ci faccio caso. Nel caso della testa del femore, ho praticamente un unico fastidio, cioè che se mi siedo in una poltrona, o una sedia con un cuscino dove affondo un po', dopo un po' mi da fastidio. Tutto qui, nient'altro. E tra l'altro, dopo 4 anni dall'operazione, non ho nessuna intenzione di farmi togliere le viti, perchè nemmeno me ne ricordo. Credo che almeno uno dei ragazzi che avevano scritto qui avesse deciso di toglierle, ma è una tua scelta, se ti danno fastidio te le fai togliere e se no te le tieni, non c'è una regola.
    Se ti hanno operato in gennaio è normale che ti faccia ancora male, perchè non ti faccia più male devi tornare a muovere la gamba in modo normale, perchè è muovendola normalmente che tutto tornerà a lavorare come si deve, e il dolore passerà del tutto. Poi secondo me dovresti già adesso sentire un fastidio, più che un dolore, probabilmente all'inguine, e magari una specie di pizzicore nella zona interna alla ferita dell'operazione, ma è anche una questione psicologica legata alla paura della necrosi, ti sembra di sentire più male di quello che in realtà hai...
    Poi, ripeto, non sono un ortopedico, ma in linea di massima se sei giovane dopo sei mesi il pericolo è praticamente superato, per sicurezza ti faranno un altro controllo dopo un anno dall'operazione (o magari anche un altro in mezzo), dopo un anno il pericolo di nercosi non c'è più.
    Dopo un anno ti muovi esattamente come prima, in tutto e per tutto, resta magari qualche minimo fastidio, ma ad esempio, la prossima primavera tornerai in bici senza problemi.
    Nel mio caso, ma considera che io sono veramente vecchietto, posso dire di essere tornato "come nuovo" dopo due anni, ma già dopo un anno sono tornato a fare le prime discese.

    Allora, una cosa che voglio dirvi, state attenti a internet! Se ne leggono di tutti i colori, fidatevi di quello che vi dice l'ortopedico, bombardatelo di domande! E magari fidatevi di chi, come i ragazzi che hanno scritto qui, riportano onestamente le loro esperienze.
    Per quanto riguarda la riabilitazione, non serve necessariamente un fisioterapista, cioè, probabilmente hai già fatto una prima fisioterapia in ospedale nei giorni immediatamente successivi all'operazione, hai visto cosa ti facevano fare e ti avranno detto cosa fare a casa. Non serve assolutamente un ricovero.
    Non sei stato ingessato o immobilizzato, non hai articolazioni che sono state immobili per giorni o aderenze da sbloccare. La fisioterapia che bisogna fare dopo un operazione come questa è semplicemente mirata a rigenerare la muscolatura che muovendosi poco si è un po' atrofizzata e riacquistare l'ampiezza dei movimenti. Subito dopo l'operazione cominci a fare gli esercizi a letto, tipo, gamba stesa, far scorrere il tallone fino a piegare il ginocchio il più possibile, contraendo il muscolo. Poi in piedi sulle stampelle piegare il ginocchio, poi ancora, sempre in piedi sulle stampelle piegare il ginocchio e sollevare la gamba e poi anche portare la gamba all'esterno lateralmente. Insomma, devi far lavorare i muscoli e pian piano fare movimenti sempre più ampi.
    Poi, quando potrai cominciare a dar peso sul piede, dovrai semplicemente cercare di tornare a camminare, senza fretta e senza esagerare. Ma sarà una fase comunque importante perchè la pianta del piede è praticamente una pompa e a ogni passo pompa sangue su per la gamba e perchè non avvenga necrosi la testa del femore deve essere ben irrorata dal sangue.
    Insomma, non è come se la gamba fosse stata immobilizzata per 40 giorni con un gesso, è tutto molto più facile! Si tratta più di aver pazienza e costanza, fare cose come si deve, senza esagerare...
     
  5. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao volevo ringraziarti per quanto ci racconti sicuramente seguirò le indicazioni dell’ortopedido ma alcuni aspetti come sai sono sempre scontati per i dottori...così sapere esperienze di altre persone come te che ci sono passati di persona è oro colato...
    Comunque io non ho subito nessuna operazione intendo viti staffe eccc perché come ti dicevo a distanza di 20gg mi sono accorto solo con la risonanza di avere una frattura al collo del femore (ingranata).
    Domani a distanza di 30gg farò la prima lastra di controllo è dopodomani mi aspetta ortopedico...domanda: la rx di controllo se si sta formando callo osseo lo dice nel referto?
    Vi farò sapere cosa mindiranno almcontrollo è ancora grazie per tutto e anche per le info sulla fisioterapia!!! Ciao Alessandro
     
  6. AlessandroAlesi

    AlessandroAlesi Biker popularis

    Registrato:
    17/8/17
    Messaggi:
    59
    Bike:
    Cube Analog
    Ho 22 anni e porto una protesi all’anca Destra e 6 viti al collo femore sinistro dall’età di 14 anni . Domanica ho fatto 50 km e 1500 m di dislivello in sterrato senza alcun problema. Nella peggiore delle ipotesi starai come me e io sto una favola


    Inviato dal mio iPhone utilizzando MTB-MAG.com
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  7. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao Mc Grath e a tutti i fratturati, allora volevo aggiornarvi su quanto e’ emerso al primo controllo (dopo circa 1 mese) dall’incidente. Ho fatto rx e visita ortopedica mi hanno detto che si sta formando addensamento osseo in linea di frattura collo femorale (sarebbe il callo osseo mi ha confermato). Pensate che il dott mi ha detto che fratture di questo tipo un ortopedico le vede 5 volte al max nella sua carriera perché solitamente quando ti fratturi il collo del femore questo si deve operare subito con sintesi tramite viti ma nel mio caso si vede che la l’energia d’urto e’ arrivata quasi al limite. Detto cio’ la situazione sta guarendo anche se devo dirvi che se avessi due viti forse sarei mentalmente più tranquillo che non si stacchi nulla.
    Ora mi hanno indicato di proseguire con carico sfiorato per 20gg ( quindi fino a circa 2 mesi dall’incidente) e poi con fisioterapista aumentare carico progressivamente.
    Inizierò fisioterapia lunedì! Mi ha detto che farà anche sedute di elettrostimolatori.
    Il mio timore ora è proprio legato al fatto che possa collassare la frattura da composta a scomposta ho chiesto al dott lui mi ha risposto che il carico progressivo serve a questo e che nel mentre il callo osseo farà il suo lavori di ricostruzione.
    Mi ha detto che al 99,9 % non accadrà...
    Inoltre ieri mi ha fatto una visita diciamo forte poiché mi ha girato la gamba muovendola fino a raggiungere ampiezze d’angolo estreme ( volevo quasi dirgli così me lo spezza il femore..).
    Poi mi ha liquidato dicendomi ci vediamo fra 2 mesi (quindi a 3 mesi dall’incidente) con una rx... io gli ho detto 2 mesi???
    Lui mi ha risposto si mi sentirò nel mentre con il fisioterapista...
    Io credevo volesse fare un’altra rx fra 15 gg o prima di caricare più dello sfiorato attuale...
    Secondo voi è normale? Cioè le rx ogni quanto nel vostro caso sono state eseguite per verificare evoluzione?
    Infine le punturine sulla pancia dovrò farle fino alla ripresa del carico sulla gamba quindi almeno un altro mesetto...
    Ciao a tutti
    Alessandro
     
  8. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao Mc Grath, eccomi dopo qualche gg dall’inizio della mia fisioterapia.
    Come alcune delle vostre testimonianze in questa prima fase di fisioterapia dove ho un carico sfiorato gli esercizi sono per lo più da seduto o letto per rinforzare la zona del quadricipite e i muscoli vicino la zona dell’anca. Ogni giorno per circa 90 minuti. Inoltre l’unico esercizio in piedi è quello di far oscillare il bacino a dx e sx fino a raggiungere le stampelle scaricando però quasi tutto il carico sulle stesse.
    Sembrano banali appena il fisio li ha illustrati ma devo dire che dopo la sessione qualche dolorino di fondo si sente...
    Inoltre ieri sono andato ad una visita di controllo da altro ortopedico (ne avevo sentiti due per avere almeno un’altra diagnosi) che mi ha confermato praticamente lo stesso scenario.
    Per i tempi di recupero il fisioterapista è stato molto chiaro mi ha detto fra 20 gg obiettivo di togliere una stampella ( quindi a circa due mesi dall’incidente) poi almeno 15gg con una stampella...diciamo che nel mio caso ( frattura ingranata collo femore non operata ma curata con immobilizzazione perché come vi dicevo solo dopo 20gg e tramite risonanza è stato diagnosticato la frattura, nel mentre ho anche camminato con un po’ di dolore ma sopportabile) ci vorranno circa 2 mesi e mezzo... vedremo come va per ora continuò a fare esercizi a casa ma dopo mi farà andare da lui in studio per iniziare a caricare con qualche macchina o bici.
    Invece ortopedici entrambi mi hanno detto che vogliono rivedermi fra 2 mesi ( quindi a 3 mesi dall’incidente) con rx!
    Vi torna come iter?
    Avevate anche voi dolore in fisioterapia dopo esercizi? Grazie a tutti a presto
    Alessia
     
  9. McGrath

    McGrath Biker serius

    Registrato:
    12/9/11
    Messaggi:
    240
    Bike:
    Evil Undead
    Secondo me è tutto esattamente come è successo a me e agli altri, lo stesso decorso post-operatorio, solo che tu non sei stato operato...
    Stessi tempi (forse nel tuo caso un po' più brevi), stessi esercizi, stessi dolorini e fastidi. Addirittura sembra che tu stia facendo di più di quanto ho fatto io (io mai stato dal fisioterapista, tranne nei giorni immediatamente dopo l'operazione, in ospedale), ma se sei seguito bene, meglio!
    Magari chiedi all'ortopedico se davvero serve andare dal fisioterapista per fare macchine o cyclette, che quello magari cerca di sfilarti qualche soldo dalle tasche...

    P.s.: ma sei Alessandro o Alessia?
    Non so perché, ma dare dei consigli ad Alessia mi piacerebbe di più...:smile:
     
  10. fitzcarraldo358

    fitzcarraldo358 Biker immensus

    Registrato:
    13/11/08
    Messaggi:
    8.965
    Bike:
    Canfield, Antidote, Singular
    Io ho avuto tre anni fa una frattura al collo del femore (pertrocanterica), ridotta con chiodo endomidollare e viti (chiodo gamma)
    I tempi sono stati:
    -una settimana di ricovero prima con gamba in trazione poi operazione poi dimesso dopo un paio di giorni,
    -un mese senza appoggio, mi muovevo con le stampelle senza appoggiare la gamba, ma mi muovevo comunque (non solo in casa intendo), e facevo un po' di esercizi sempre ad arto scarico.
    -radiografia e visita, mi danno 15gg di carico parziale, che non vuol dire nulla, e poi deambulazione libera (senza bastoni): a quel punto ho iniziato a pedalare e ad andare in piscina per nuotare e fare esercizi in acqua, e a camminare con le due stampelle appoggiando parte del peso sulla gamba operata;
    -dopo 45 giorni dall'operazione ho messo via le stampelle e iniziato con fatica a camminare senza ma facendo attenzione a non prendere abitudini sbagliate.
    -qualche mese ancora per camminare normalmente senza dolori e riprendere tutte le attività anche sportive senza problemi.
    ...
    -un anno e mezzo dopo decido per la rimozione dei mezzi di sintesi. I pareri degli specialisti erano neutri (il più gettonato:evitare una nuova operazione e lasciare quindi i mds), ma nel caso dei miei chiodi e di una persona sportiva, a posteriori mi sento di consigliare la rimozione. l'operazione è impegnativa e pesante, ma il chiodo endomidollare è lungo 25cm e la sua presenza continuava a sentirsi negli sforzi.
    -dopo questa operazione la convalescenza è durata almeno un mese, durante il quale sono ripassato dalle stampelle al camminare a fatica e poi man mano alla normalità.


    in tutto ciò ho visto un fisioterapista solo in ospedale il giorno successivo alla (prima) operazione.
     
  11. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao si scusate Alessandro il correttore ha sbagliato...comunque grazie a tutti per le testimonianze! Ora il mio obiettivo e’ passare ad una stampella fra 15 gg poi anch’io vorrei provare piscina! Il fisioterapista in realtà mi segue 2 ore a week poi faccio in autonomia la scheda di esercizi che mi ha lasciato.
    Come vi dicevo devo superare il blocco psicologico che la frattura non si scomponga anche se ortopedico mi ha detto che si sta calcificando bene...
    Vi farò sapere come procede buona serata Alessandro
     
  12. AleToro78

    AleToro78 Biker novus

    Registrato:
    2/9/18
    Messaggi:
    8
    Bike:
    MTB specialized
    Ciao a tutti eccomi a circa 15gg dall’ultimo volta che vi avevo scritto. La fisioterapia continua bene con i soliti dolorini paure che tutti voi avete vissuto e raccontato...
    Oggi il fisioterapista ha deciso dopo 52gg dall’incidente di togliermi una stampella.
    Quindi riassumendo:
    30 gg di 0 carico
    15gg di sfiorato
    7gg di 30%carico

    Da oggi 50%carico che come descritto all’inizio da McGrath significa distribuzione del carico quando si sta i piedi invece sgravare il carico con stampella opposta alla gamba fratturata quando si cammina...

    Oggi mi è stato detto di camminare almeno ogni due ore fare 10/15 minuti di camminata per ripristinare circolazione e movimento di tutti quei muscoli che servono proprio ad aiutare l’anca nel muoversi senza sentire dolori...
    Questo è anche fondamentale perché da oggi dopo circa 50gg di punture nella pancia posso smettere!!!! Non amavo le punture...

    Ora next obiettivo 17 ottobre rx di controllo a circa due mesi dall’incidente poi ortopedico e poi se tutto va bene lo rivedrò dopo 3 mesi per controllo...

    Anche l’attività aerobica è aumentata oltre la scheda di esercizi corpo libero isometrico ma anche di riabilitazione dell’anca il
    Fisioterapia mi ha prescritto:
    Cyclette scarico o quasi
    Camminata con una stampella sotto casa per 15 minuti mattino e pomeriggio

    Ora mi piacerebbe avere le vostre testimonianze sulla deambulazione con una stampella perché io lo trovo scomodissimo, inoltre con una stampella sono tante le volte in cui il carico è difficile controllarlo, penso a tutte le situazioni di girarsi in piccoli spazi o semplicemente lavarsi...
    Quanto tempo avete usato una stampella prima di passare a buttare via anche quella??
    Inoltre i tempi che vi ho elencato prima sono per voi accettabili oppure troppo brevi?

    Io dolori forti come avevo quando mi sono rotto, intendo linguine nel mio caso, al momento non li ho ma accuso spesso dolori zona sopra linguine vicino bacino laterale e gluteo...inoltre a volte si mette pure il nervo sciatico

    Un’altra cosa ma quando potrò tornare a guidare? Devo aspettare la visita del 17/10 oppure ne parlo con fisioterapista? Alla fine forza sul piede ne ho per frenare...

    Ciao a tutti e grazie per le vostre preziose esperienze

    Alessandro
     
  13. fitzcarraldo358

    fitzcarraldo358 Biker immensus

    Registrato:
    13/11/08
    Messaggi:
    8.965
    Bike:
    Canfield, Antidote, Singular
    Io deambulazione con una sola stampella praticamente non ne ho fatta. ne usavo magari una in casa, ma per camminare sempre due (prima) o nessuna (dopo). con una mi sembrava di fare un movimento troppo asimmetrico che ho preferito evitare. non ricordo se qualcuno me lo abbia sconsigliato, ma sono sicuro che nessuno mi abbia consigliato nè tantomeno prescritto la deambulazione con una stampella sola.
    i miei tempi li avevo scritti sopra, 30gg senza carico, 15gg carico parziale (due stampelle), poi carico completo (senza stampelle).
    Però io avevo mezzi di sintesi, tu se non ho capito male non ne hai, potrebbe essere una situazione diversa, non ho idea.
    Tieni conto anche che io non mi sono rivolto ad un fisioterapista, i tempi me li ha dati l'ortopedico ed il resto ho fatto io... tu sei seguito da un fisioterapista quindi se hai dubbi credo siano da rivolgere a lui.
    I dolori che descrivi ricordo di averli avuti anche io anche dopo aver ripreso la deambulazione, per guidare... io mi ero fratturato a sinistra quindi ho ripreso quando sono stato in grado di spingere la frizione :-)
     
  14. mamie

    mamie Biker novus

    Registrato:
    9/10/18
    Messaggi:
    1
    Bike:
    city bike
    Salve baldi giovani. Ultrasessantenne sono stata operata il 3-10 per frattura sottocapitata ingranata e dimessa il 6-10 con "non carico a sx, deambulazione con stampelle con carico sfiorante a sx". Ora sto in attera della fisioterapia domiciliare ma nel frattempo mi pongo un sacco di domande forse banali, forse importanti :
    - sulla sedia a rotelle posso appoggiare il piede alla pedana?
    - gli esercizi vanno fatti solo da distesi?
    - capitava anche a voi di piegarvi accidentalmente in avanti non rispettando il limite dei 90° ?
    Grazie a chi mi farà partecipe della sua esperienza
    mauri
     
  15. McGrath

    McGrath Biker serius

    Registrato:
    12/9/11
    Messaggi:
    240
    Bike:
    Evil Undead
    @fitzcarraldo358 porc... "chiodo endomidollare" fa bruttissimo! 25 centimetri! E ti credo che ti dava fastidio e l'hai tolto! Io "solo" tre viti cannulate, sono lì ormai da quasi 4 anni, manco me le ricordo...

    @AleToro78 anch'io mai usato una stampella da sola, e onestamente non ne vedo il vantaggio. Si, mi capitava di appoggiarne una e muovermi con l'altra, ma solo per fare qualcosa con una mano, tipo prendere una cosa e appoggiarla da un'altra parte...

    @mamie ciao ragazza.
    - si, sulla sedia a rotelle puoi appoggiare il piede. "appoggiare" non "caricare"
    - a me avevano consigliato di fare anche degli esercizi in piedi sulle stampelle, tipo piegare il ginocchio il più possibile, sollevare la coscia in avanti piegando il ginocchio e aprire la gamba lateralmente. Però si erano raccomandati di farli solo se mi sentivo veramente sicuro sulle stampelle.
    - piegarvi accidentalmente in avanti non rispettando il limite dei 90°, questa non l'ho capita...
     
Sto caricando...

Condividi questa Pagina