Questo sito contribuisce alla audience de

Club Front da enduro - parte sesta

gianluca1989

Biker superis
19/11/15
364
94
30
bolzano
Bike
Stumpjumper fsr comp 17
l'unica pecca delle HT cazzute è che non hanno rivendibilità.
Costano meno, ma poi te le tieni.
Compratela se vuoi un muletto da tenerti anni.
Un HT cattiva è quella ragazza mediocre che ti scopi sempre al bisogno, e che quando sei triste ti ascolta.
Rimane li fedele, pronta a farsi ciullare e a regalarti un sorriso.
Non sarà mai quella strafiga stronza, ma lei è li e non "passa".
E credimi, con l'andare degli anni, alla fine conta quello.
Le full cazzute invecchiano anno per anno, la tua HT la massacri 10 anni.. e lei è ancora li.
Solo un Ht? no per me solo una full..
un HT cazzuta, è quella seconda bici, che alla fine prendi sempre.
Perchè? perché è l'essenza della MTB.
Niente mode, assurdi investimenti, senza rivendibilità.
Lei è li, e questo basta.
Grande belle perle le tue!

Sent from my ANE-LX1 using MTB-Forum mobile app
 
  • Like
Reactions: Akira81

Akira81

Biker ciceronis
30/10/18
1.415
1.023
Bergamo
Bike
Molte
POLE TAIVAL vs Paganella Bike park.. Arrivo la tarda mattina, conciato ancora un peletto dalla serata precedente. “Bene, prima volta che ti porto a girare stronzetta” penso. Mi vesto, lascio le stesse tarature forca, controllo pressione gomme (1.9 ant - 2.3 post) , oliata catena e son sulla funivia. Chiamo gli altri e stavano girando ad Andalo. Andalo è l’altro versante, pare che sia molto flow. “Bene”, mi dico. Di pedalare non ne ho mezza, ma un peletto mi tocca. Raggiungo il sentiero 787 e lo prendo direzione Andalo. Trail scassato, sassoso, lastroso.. ma tanto è asciutto. Mi dico “stocazzo, ottimo come riscaldamento.. “ e già le spalle le sentivo. Con un HT meglio buttarla sul tecnico, lento. Così faccio. Raggiungo gli altri. Erano due, uno scarso (ma simpatico) e l’altro se la cavava bene. Ovovia e si arriva a monte. “Questi sono come biliardi, vedrai” mi dicono. Sento i clip di quello davanti agganciare, spingo sui pedali e si parte. La Pole ora dovrà mostrarmi di che pasta è fatta. Curve veloci, molto veloci, ghiaino, non mi fido molto, “galleggio troppo” ma vedo che gli altri son messi come me. Do ancora troppo del “Lei” alla bici. Arrivano salti medi in successione. Mi dicono “occhio che sono fatti male, a volte si fletta”.. mi cago un attimo perché “flettare” su un HT, son vertebre che volano. Rimango “col braccino”, non apro tutto. Ma eravamo già veloci, prendo le rampe che mi sparano in aria, ma non li chiudo, arrivo corto a posta.. la bici come su un binario, pareva avessi 120mm di corsa al posteriore. Mi dico “fanculo” e ne chiudo uno, velocità 35-40kmh.. la Pole niente.. pare addormentata. La cosa che mi ha lasciato stupito, è il bilanciamento perfetto in aria. Sempre pari.. sempre. Non importa la velocità. Se pompi, decolli. Molto stabile e sicura, ti incita a mollare. In tutta la giornata, non ho mai sentito uno “sbang!” dietro, MAI!!. Tant’è che i jumpetti finali della Paganella (ce ne sono 3), il piccolo neanche lo senti. Ho sempre fatto quello in mezzo.. e a dire il vero, non sentivo niente neanche con quello!! Avrei potuto fare il grosso, giuro. Forse un giorno da imbriaco lo faccio. Ma su quello, anche se copi bene, il cerchio facilmente ovalizza su una HT.. sono vecchio per ste cazzate, e la bici è nuova, sai com’è.. Comunque , le impressioni sono: le linee le mangi, hai sempre l’interno. L’anteriore non prende sotto, il 29” è un aratro, ma in HT è agile, molto ma molto agile. Sembra una 27,5” full. Prende la corda subito, ingressi rapidi, cambi di direzione fulminei, 29” HT TUTTA LA VITA!! I Cura 4 appena tornati dall’assistenza mordevano come Rottweiler, soprattutto l’anteriore da 203.. molte volte in piena compressione in curva, quando arrivavo lungo (spesso col 29” prendi velocità subito, ma hai anche una gran frenata) peli i freni soprattutto il posteriore per aiutare a chiuderla, ma se sei lungo pizzichi anche l’anteriore, e li soffri. Brake bumps in rapida successione, in HT ti spezzano abbastanza, sia gambe che braccia-mani sono costrette a lavorare più che con una full.. e li o hai tanto fisico, o soffri. La “36” non risparmia le mani, ma ti ripaga come poche altre forcelle sanno fare. Un aratro. La Pole usciva dalle curve come una Vikinga ubriaca a caccia di bottino! Mi son mangiato tutti i lenti della compagnia, compreso i “mediocri”. Ai bravi se facevo da segugio, gli stavo a ruota.. non male per una HT.. l’unica oggi in park. Perdevo qualche volta i più bravi, nei pezzi finali, quando le brake bumps mi facevano quasi perdere la presa sul manubrio. “Inutile insistere” mi dicevo.. “pulisciti la bavetta da rimonta e accendi il cervello, sei su una rigida per Dio!”. Me lo dovevo rammentare, perché a starci sopra, non lo sai. Giuro. Finivo tra gli ultimi dei bravi.. mi lasciavo dietro sempre gruppi di fermoni, ma anche amatori bravini. Mai pensavo di poter tenere la ruota dei Nomad, Capra, Sender, Wilson di quelli bravi.. eppure, sta stronzetta viaggia. Ovvio, piste come Peter Pan e Easy Rider.. Se becchi un Nomad sull’ Arancia Meccanica ti sdruma.. L’ho portata anche nel primo pezzo dell’Apocalipse Now.. zero problemi. Vedi un buco davanti? Molli e lasci fare al carro dietro. Vedi che quando atterri, lo stai facendo su un sasso del cazzo? Ti irrigidisci, pensi che arrivi uno “sbang” che poi non arriva.. pazzesco. Giuro. Praticamente i salti fai quasi quelli che faresti con una DH o con un enduro, tranne i più stronzi. Ma i grossi, se il landing è decente voli come il Generale Lee in Hazard. Ripeto, l’unico limite vero sono le brake bumps in rapida successione, in piena compressione in curva o sponda.. li, vuoi per la forza G, vuoi perché sei bello spalmato al terreno le senti tutte. Per assurdo, dovresti mollare come un cane, ma ci vuole pelo, se dopo ti becchi un rock garden o un passaggio bello scassato, e tu ci entri 10-15kmh più forte in rigida sei morto. Perdi i pedali e ti accartocci su un abete, o ti fai due arcate su una roccia. Meglio evitare direi. Morale? Mi ha stupito, mi ha stupito perché per assurdo, se ti piace saltare, salti come una bestia. Mi ha stupito il “pif-paf” tra due ingressi in rapida successione.. più che un 29”,sei più uno scoiattolo pippato. Fulmine. Molto giocosa, libidinosa oserei dire. Ce l’hai attaccata alla corteccia cranica. Pensi e lei fa. Buon grip, poche vibrazioni questi telai in acciaio. Mangiano tutto, mangiano sassi. Contro? Mangiano anche le tue energie. Per certe manovre le fai con pensiero, altre ti richiedono più energia di un full, soprattutto se intendi essere efficace come la full del tuo socio. I pezzi dove lui riposa, tu stai sempre lavorando. Quindi le front in acciaio sono la svolta? Si, senz’altro, ma richiedono un fisico allenato e qualche malizia. Sei più impiccato, ma se hai energia non lo senti, anzi. Te ne accorgi a metà giornata, li o ne hai, o vai al bar a bere. Ma vi assicuro che dirai “cazzo che giornata!”. Se devo dire cosa mi ha lasciato stupito, una su tutte è l’aereo. Mai mi sarei aspettato tanta cattiveria.. io che faccio 96kg nudo.. chi pesa 70-80 kg ne ha ancora di più e soffrirà molto meno. Quindi.. Le buone doti di incasso, le avevo già intuite nelle 10 uscite all mountain precedenti (i miei trail di casa sono abbastanza scassati), ma in park puoi liberare la belva al 100%.. e ne aveva, cazzo se ne aveva. Le ho montato un Michelin rock2 2.35 gum X bello incazzato dietro. Scelta azzeccata, accoppiata ad un Wild Enduro 2.40 Magi x2 anteriore sono due scarpette che faranno volare le vostre HT in park. Manubrio carbon, quasi obbligato per una HT.. io ho abbinato anche pedivelle carbon, in modo di limitare il più possibile vibrazioni indesiderate. Telaio cromo, ruote 29” e via.. un incrociatore da battaglia da 14,5kg, pronto a distribuire manciate di ignoranza e stile.. il suo padrone solo ignoranza purtroppo. Comunque la gente ci rimane male e vedersi sto frontino kamikaze sempre alla ruota, i mozzi Hope poco ingrassati fanno il resto. Credo che uno Stuka in picchiata creava meno rumore ed ansia in chi lo vedeva e sentiva. Figata. Finisco di dire cazzate e passo alle considerazioni. PRO: Salti, salti a pacchi. Ingressi in curva, cambio repentino di traiettoria. Acciaio mangia sassi. Ruote da 29”, accelerano a merda, staccate alla Marquez, asfaltano tutto, una manna su una HT. L’ideale, non pagano dazio in agilità, grazie all’indole HT. Si ha il meglio per entrambi. Giocosa. Fa quello che vuoi, direttamente collegata alla tua corteccia cranica. Divertente sia ad andature spinte, che non.. ma per sopperire alla mancanza dell’ammo, per assurdo si soffre meno se la di spinge. Stai meno sui freni e lei mangia tutto e accelererà come un assatanata. “Dog fight” (duello aereo) in park assicurato, anche contro DH o enduro Full.. ovvio non sulla nera. Contro: l’HT si muove con meno energia che la full, ma per farla rendere al meglio, ottenendo velocità sul giro secco, richiede maggiore concentrazione e prestanza fisica. Serve maggiore fisico e una buona preparazione nonché malizia per essere una Full-Dh Killer per quelli che vi stanno davanti. Altra cosa brake bumps in rapida successione quando siete spalmati in velocità in sponda, li si soffre parecchio.. e si ritorna al capitolo “fisico-preparazione”. Altra cosa, per farsi male è l’ideale. Si perdono più facilmente i pedali, se si esce di traiettoria-sentiero son cazzi.. Quindi anche su questo, si ritorna al capitolo “preparazione”. “Quindi una HT, solo per chi gira forte ed è bello smaliziato?” SBAGLIATO. Un HT incazzata serve per imparare ad andare in bici. Un muletto fantastico. Unica bici? Sni.. Sicuramente una bici che prenderete per l’85% delle uscite... e la cosa assurda, anche quando volete godere in Park, perché no. Oggi, mi sono divertito tanto, ma tanto, giuro. Le facce attonite di quelli che hai lasciato dietro nei trail che le ribecchi nel parcheggio.. ti guardano strano, pensano “cazzo questo è uno bravo”. La realtà è che tu sei un pirla, ha fatto tutto la bici, ma nessuno lo direbbe. Pensano alle HT, come quel ferrovecchio front alu che li ha svezzati, tanti anni fa quando hanno mosso i primi passi in MTB. La realtà è che con questi telai in cromo, per geometrie, per il formato ruota ecc spiani, voli e impatti bene. Chiuso. Molto, molto lontano da quel chiodo pseudo XC de na volta dove tutti abbiamo iniziato . Provare per credere. Poi oggigiorno, anche bici alu ma HT cattive come certe Ragley & co. , spaccano i culi. Diciamo che queste HT cattive stupiscono, sono “economiche”, sono anche efficaci, ma soprattutto.. fanno divertire. Fanculo strava, fanculo a chi arriva primo. Tu stai lì nel gruppo dei degni, a spannare culi, saltare radici, spianare rock garden.. e volare sui flow e nei panettoni!! Tanti panettoni, salti, saltini ma anche signori drop.. “e scusate se è un HT, lei a volte non se lo ricorda”.. HT stile di vita.
 
Ultima modifica:

gianluca1989

Biker superis
19/11/15
364
94
30
bolzano
Bike
Stumpjumper fsr comp 17
si. Mandati in Formula, avevano guarnizioni andate. Sostituito tutto in garanzia, compreso i pistoncini.
Ora, hanno parecchia corsa alle leve, ma vanno da Dio.
Mai avuto freni migliori, per resistenza alla fatica, potenza, feeling.
Io con i Saint sulla ht mi trovo da dio e peso 86 kg, con gli zee sulla full anche hanno solo un feeling leggermente diverso.

Sent from my ANE-LX1 using MTB-Forum mobile app
 

Bonetz78

Biker novus
15/12/18
14
34
Verona
Bike
Pivot Mach6
Ciao a tutti ho appena finito di leggere la recensione di Akira e volevo confermare le sensazioni che ho provato oggi con la mia switch9er.
Dopo le prime due uscite dove sono tornato a casa triste e preoccupato pensando che avevo sbagliato tutto a comprare una ht oggi ho trovato il feeling giusto!
Chiusi tutti i passaggi (drop e salti non certo da bike park) del sentiero vicino a casa con sensazioni in volo e in atterraggio del tutto simili a quelle della mia full!
Agilità pari al 27,5 full nelle curve
Sicuramente più faticosa per il fisico e dolorosa x le mani nelle parti sconnesse.
Beh forse le mani le avevo indolenzite nelle due ore precedenti con piccone e badile per sistemare dai danno delle piogge alcuni tratti di sentiero..ma questa è un’ altra storia!!
God save hardtail!!!
 

mattege

Biker serius
20/5/18
180
129
44
Genova
Bike
Nessuna
Ho visto che la Pole Taival TR è venduta anche completa, non solo telaio, certo la EN è montata molto meglio, ma con 1550€ la TR si porta a casa...mi sto titillando!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
 

Akira81

Biker ciceronis
30/10/18
1.415
1.023
Bergamo
Bike
Molte
Ho visto che la Pole Taival TR è venduta anche completa, non solo telaio, certo la EN è montata molto meglio, ma con 1550€ la TR si porta a casa...mi sto titillando!


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
basta che non la compri nera come la mia.. mi raccomando.
Cmq non fissarti su Taival o non Taival.. prenditi una HT cattiva , se è in cromo e da 29" a mio gusto è meglio.
La pecca del Taival è il risicato spazio tra carro e gomma posteriore. Max 2.35 o tocchi.
Col cerchio da 30mm, con la Michelin 2.35 son giusto e fa 59 ti ETRO (larghezza effettiva).
Se montassi uno Schwalbe da 2.35 (60-61 ETRTO su cerchi da 30mm) starebbe troppo a filo.
L'acciao Taival è un "efficace, ma comune "4130", anche se "suona bene" da una sezione all'altra.
Ci sono case-modelli che hanno acciai più pregiati.
Riguardo alla versione base-base io non la prenderei.. non riesci a sfruttare bene tutto il potenziale della bici.
Su un HT, una buona forca è tutto..
Guardando le dirette concorrenti della Taival, uno su tutte la Piperdream Moxie.
Se noti quest'anno è uscito il nuovo modello, che guarda caso ha più spazio nel carro per gomme da 29" x 2.50, e un angolo forca più aperto, da DH.
Mi ci gioco le palle che la prossima stagione, la POLE farà lo stesso.
In un HT cattiva, avere volume d'aria nella ruota dietro è fondamentale.
Montare un 2.40 - 2.50 w.t. da 29" le conferirebbe maggior "galleggiabilità".. cosa non da poco su un HT violenta.
Certo, tra telai in cromo, ci sono differenze, ma non pensare che sia la mia Taival a farla.
Credo che qualsiasi telaio cromo, di media-alta fascia regali le stesse o quasi sensazioni della mia Taival in Park, magari anche meglio, chi lo sa.
Quello che consiglio è di scegliere oltre al gusto, il telaio che è fatto per le nostre misure.
Io essendo 1,88cm, son sempre stato tra L e XL come taglie.
Quindi o L grandi, che poi mi costringevano ad avere manubri con tanto raise, e un bello stem, o XL super corti, ma che poi il seat tube me lo ficcavo sempre tra le palle..
La Pole, essendo Vikinghi nordici hanno taglia giganti.
La loro L mi sta perfetta con stem da 3,1 cm.
Quindi attento in POLE, hanno misure tutte loro.
Se ti trovi bene con una M o L comune, non prendere la medesima taglia in POLE o sei su un autobus.
Stessa cosa se prendi una taglia minore, vanifichi l'effetto forward geometry enon serva ad una cippa.
Le POLE per dire L , sono tra le comuni taglie di bici L e l'XL. Una M, sarà tra la M e la L.


A mio gusto: Stanton Switch9er - Cotic Solarix Max -Moxie Piperdream - Pole Taival - Shand Shug ( Trillion Shug) - Orange P7 29" -

Su tutte, per fama qualità-prezzo, un arma che nessuno ancora ha nel forum è la Cotic Solarix Max.
Quella dev'essere una bella spannaculi montata in 29" x 130..
 
  • Like
Reactions: mattege

anthony

Biker forumensus
13/9/07
2.132
214
50
padova
Bike
specy Epic,Eccentric Cromo 29 "montata strana"
POLE TAIVAL vs Paganella Bike park.. Arrivo la tarda mattina, conciato ancora un peletto dalla serata precedente. “Bene, prima volta che ti porto a girare stronzetta” penso. Mi vesto, lascio le stesse tarature forca, controllo pressione gomme (1.9 ant - 2.3 post) , oliata catena e son sulla funivia. Chiamo gli altri e stavano girando ad Andalo. Andalo è l’altro versante, pare che sia molto flow. “Bene”, mi dico. Di pedalare non ne ho mezza, ma un peletto mi tocca. Raggiungo il sentiero 787 e lo prendo direzione Andalo. Trail scassato, sassoso, lastroso.. ma tanto è asciutto. Mi dico “stocazzo, ottimo come riscaldamento.. “ e già le spalle le sentivo. Con un HT meglio buttarla sul tecnico, lento. Così faccio. Raggiungo gli altri. Erano due, uno scarso (ma simpatico) e l’altro se la cavava bene. Ovovia e si arriva a monte. “Questi sono come biliardi, vedrai” mi dicono. Sento i clip di quello davanti agganciare, spingo sui pedali e si parte. La Pole ora dovrà mostrarmi di che pasta è fatta. Curve veloci, molto veloci, ghiaino, non mi fido molto, “galleggio troppo” ma vedo che gli altri son messi come me. Do ancora troppo del “Lei” alla bici. Arrivano salti medi in successione. Mi dicono “occhio che sono fatti male, a volte si fletta”.. mi cago un attimo perché “flettare” su un HT, son vertebre che volano. Rimango “col braccino”, non apro tutto. Ma eravamo già veloci, prendo le rampe che mi sparano in aria, ma non li chiudo, arrivo corto a posta.. la bici come su un binario, pareva avessi 120mm di corsa al posteriore. Mi dico “fanculo” e ne chiudo uno, velocità 35-40kmh.. la Pole niente.. pare addormentata. La cosa che mi ha lasciato stupito, è il bilanciamento perfetto in aria. Sempre pari.. sempre. Non importa la velocità. Se pompi, decolli. Molto stabile e sicura, ti incita a mollare. In tutta la giornata, non ho mai sentito uno “sbang!” dietro, MAI!!. Tant’è che i jumpetti finali della Paganella (ce ne sono 3), il piccolo neanche lo senti. Ho sempre fatto quello in mezzo.. e a dire il vero, non sentivo niente neanche con quello!! Avrei potuto fare il grosso, giuro. Forse un giorno da imbriaco lo faccio. Ma su quello, anche se copi bene, il cerchio facilmente ovalizza su una HT.. sono vecchio per ste cazzate, e la bici è nuova, sai com’è.. Comunque , le impressioni sono: le linee le mangi, hai sempre l’interno. L’anteriore non prende sotto, il 29” è un aratro, ma in HT è agile, molto ma molto agile. Sembra una 27,5” full. Prende la corda subito, ingressi rapidi, cambi di direzione fulminei, 29” HT TUTTA LA VITA!! I Cura 4 appena tornati dall’assistenza mordevano come Rottweiler, soprattutto l’anteriore da 203.. molte volte in piena compressione in curva, quando arrivavo lungo (spesso col 29” prendi velocità subito, ma hai anche una gran frenata) peli i freni soprattutto il posteriore per aiutare a chiuderla, ma se sei lungo pizzichi anche l’anteriore, e li soffri. Brake bumps in rapida successione, in HT ti spezzano abbastanza, sia gambe che braccia-mani sono costrette a lavorare più che con una full.. e li o hai tanto fisico, o soffri. La “36” non risparmia le mani, ma ti ripaga come poche altre forcelle sanno fare. Un aratro. La Pole usciva dalle curve come una Vikinga ubriaca a caccia di bottino! Mi son mangiato tutti i lenti della compagnia, compreso i “mediocri”. Ai bravi se facevo da segugio, gli stavo a ruota.. non male per una HT.. l’unica oggi in park. Perdevo qualche volta i più bravi, nei pezzi finali, quando le brake bumps mi facevano quasi perdere la presa sul manubrio. “Inutile insistere” mi dicevo.. “pulisciti la bavetta da rimonta e accendi il cervello, sei su una rigida per Dio!”. Me lo dovevo rammentare, perché a starci sopra, non lo sai. Giuro. Finivo tra gli ultimi dei bravi.. mi lasciavo dietro sempre gruppi di fermoni, ma anche amatori bravini. Mai pensavo di poter tenere la ruota dei Nomad, Capra, Sender, Wilson di quelli bravi.. eppure, sta stronzetta viaggia. Ovvio, piste come Peter Pan e Easy Rider.. Se becchi un Nomad sull’ Arancia Meccanica ti sdruma.. L’ho portata anche nel primo pezzo dell’Apocalipse Now.. zero problemi. Vedi un buco davanti? Molli e lasci fare al carro dietro. Vedi che quando atterri, lo stai facendo su un sasso del cazzo? Ti irrigidisci, pensi che arrivi uno “sbang” che poi non arriva.. pazzesco. Giuro. Praticamente i salti fai quasi quelli che faresti con una DH o con un enduro, tranne i più stronzi. Ma i grossi, se il landing è decente voli come il Generale Lee in Hazard. Ripeto, l’unico limite vero sono le brake bumps in rapida successione, in piena compressione in curva o sponda.. li, vuoi per la forza G, vuoi perché sei bello spalmato al terreno le senti tutte. Per assurdo, dovresti mollare come un cane, ma ci vuole pelo, se dopo ti becchi un rock garden o un passaggio bello scassato, e tu ci entri 10-15kmh più forte in rigida sei morto. Perdi i pedali e ti accartocci su un abete, o ti fai due arcate su una roccia. Meglio evitare direi. Morale? Mi ha stupito, mi ha stupito perché per assurdo, se ti piace saltare, salti come una bestia. Mi ha stupito il “pif-paf” tra due ingressi in rapida successione.. più che un 29”,sei più uno scoiattolo pippato. Fulmine. Molto giocosa, libidinosa oserei dire. Ce l’hai attaccata alla corteccia cranica. Pensi e lei fa. Buon grip, poche vibrazioni questi telai in acciaio. Mangiano tutto, mangiano sassi. Contro? Mangiano anche le tue energie. Per certe manovre le fai con pensiero, altre ti richiedono più energia di un full, soprattutto se intendi essere efficace come la full del tuo socio. I pezzi dove lui riposa, tu stai sempre lavorando. Quindi le front in acciaio sono la svolta? Si, senz’altro, ma richiedono un fisico allenato e qualche malizia. Sei più impiccato, ma se hai energia non lo senti, anzi. Te ne accorgi a metà giornata, li o ne hai, o vai al bar a bere. Ma vi assicuro che dirai “cazzo che giornata!”. Se devo dire cosa mi ha lasciato stupito, una su tutte è l’aereo. Mai mi sarei aspettato tanta cattiveria.. io che faccio 96kg nudo.. chi pesa 70-80 kg ne ha ancora di più e soffrirà molto meno. Quindi.. Le buone doti di incasso, le avevo già intuite nelle 10 uscite all mountain precedenti (i miei trail di casa sono abbastanza scassati), ma in park puoi liberare la belva al 100%.. e ne aveva, cazzo se ne aveva. Le ho montato un Michelin rock2 2.35 gum X bello incazzato dietro. Scelta azzeccata, accoppiata ad un Wild Enduro 2.40 Magi x2 anteriore sono due scarpette che faranno volare le vostre HT in park. Manubrio carbon, quasi obbligato per una HT.. io ho abbinato anche pedivelle carbon, in modo di limitare il più possibile vibrazioni indesiderate. Telaio cromo, ruote 29” e via.. un incrociatore da battaglia da 14,5kg, pronto a distribuire manciate di ignoranza e stile.. il suo padrone solo ignoranza purtroppo. Comunque la gente ci rimane male e vedersi sto frontino kamikaze sempre alla ruota, i mozzi Hope poco ingrassati fanno il resto. Credo che uno Stuka in picchiata creava meno rumore ed ansia in chi lo vedeva e sentiva. Figata. Finisco di dire cazzate e passo alle considerazioni. PRO: Salti, salti a pacchi. Ingressi in curva, cambio repentino di traiettoria. Acciaio mangia sassi. Ruote da 29”, accelerano a merda, staccate alla Marquez, asfaltano tutto, una manna su una HT. L’ideale, non pagano dazio in agilità, grazie all’indole HT. Si ha il meglio per entrambi. Giocosa. Fa quello che vuoi, direttamente collegata alla tua corteccia cranica. Divertente sia ad andature spinte, che non.. ma per sopperire alla mancanza dell’ammo, per assurdo si soffre meno se la di spinge. Stai meno sui freni e lei mangia tutto e accelererà come un assatanata. “Dog fight” (duello aereo) in park assicurato, anche contro DH o enduro Full.. ovvio non sulla nera. Contro: l’HT si muove con meno energia che la full, ma per farla rendere al meglio, ottenendo velocità sul giro secco, richiede maggiore concentrazione e prestanza fisica. Serve maggiore fisico e una buona preparazione nonché malizia per essere una Full-Dh Killer per quelli che vi stanno davanti. Altra cosa brake bumps in rapida successione quando siete spalmati in velocità in sponda, li si soffre parecchio.. e si ritorna al capitolo “fisico-preparazione”. Altra cosa, per farsi male è l’ideale. Si perdono più facilmente i pedali, se si esce di traiettoria-sentiero son cazzi.. Quindi anche su questo, si ritorna al capitolo “preparazione”. “Quindi una HT, solo per chi gira forte ed è bello smaliziato?” SBAGLIATO. Un HT incazzata serve per imparare ad andare in bici. Un muletto fantastico. Unica bici? Sni.. Sicuramente una bici che prenderete per l’85% delle uscite... e la cosa assurda, anche quando volete godere in Park, perché no. Oggi, mi sono divertito tanto, ma tanto, giuro. Le facce attonite di quelli che hai lasciato dietro nei trail che le ribecchi nel parcheggio.. ti guardano strano, pensano “cazzo questo è uno bravo”. La realtà è che tu sei un pirla, ha fatto tutto la bici, ma nessuno lo direbbe. Pensano alle HT, come quel ferrovecchio front alu che li ha svezzati, tanti anni fa quando hanno mosso i primi passi in MTB. La realtà è che con questi telai in cromo, per geometrie, per il formato ruota ecc spiani, voli e impatti bene. Chiuso. Molto, molto lontano da quel chiodo pseudo XC de na volta dove tutti abbiamo iniziato . Provare per credere. Poi oggigiorno, anche bici alu ma HT cattive come certe Ragley & co. , spaccano i culi. Diciamo che queste HT cattive stupiscono, sono “economiche”, sono anche efficaci, ma soprattutto.. fanno divertire. Fanculo strava, fanculo a chi arriva primo. Tu stai lì nel gruppo dei degni, a spannare culi, saltare radici, spianare rock garden.. e volare sui flow e nei panettoni!! Tanti panettoni, salti, saltini ma anche signori drop.. “e scusate se è un HT, lei a volte non se lo ricorda”.. HT stile di vita.
Concordo su tutto inoltre rispetto alle full nel tecnico lento trialistico quello che piace a me(come a tutti i lentoni) sono molto agili ed intuitive.
 
  • Like
Reactions: Akira81

jake blues

Biker superioris
25/4/04
980
73
59
end of north east...
Bike
Jeffsy 29
POLE TAIVAL vs Paganella Bike park.. Arrivo la tarda mattina, conciato ancora un peletto dalla serata precedente. “Bene, prima volta che ti porto a girare stronzetta” penso. Mi vesto, lascio le stesse tarature forca, controllo pressione gomme (1.9 ant - 2.3 post) , oliata catena e son sulla funivia. Chiamo gli altri e stavano girando ad Andalo. Andalo è l’altro versante, pare che sia molto flow. “Bene”, mi dico. Di pedalare non ne ho mezza, ma un peletto mi tocca. Raggiungo il sentiero 787 e lo prendo direzione Andalo. Trail scassato, sassoso, lastroso.. ma tanto è asciutto. Mi dico “stocazzo, ottimo come riscaldamento.. “ e già le spalle le sentivo. Con un HT meglio buttarla sul tecnico, lento. Così faccio. Raggiungo gli altri. Erano due, uno scarso (ma simpatico) e l’altro se la cavava bene. Ovovia e si arriva a monte. “Questi sono come biliardi, vedrai” mi dicono. Sento i clip di quello davanti agganciare, spingo sui pedali e si parte. La Pole ora dovrà mostrarmi di che pasta è fatta. Curve veloci, molto veloci, ghiaino, non mi fido molto, “galleggio troppo” ma vedo che gli altri son messi come me. Do ancora troppo del “Lei” alla bici. Arrivano salti medi in successione. Mi dicono “occhio che sono fatti male, a volte si fletta”.. mi cago un attimo perché “flettare” su un HT, son vertebre che volano. Rimango “col braccino”, non apro tutto. Ma eravamo già veloci, prendo le rampe che mi sparano in aria, ma non li chiudo, arrivo corto a posta.. la bici come su un binario, pareva avessi 120mm di corsa al posteriore. Mi dico “fanculo” e ne chiudo uno, velocità 35-40kmh.. la Pole niente.. pare addormentata. La cosa che mi ha lasciato stupito, è il bilanciamento perfetto in aria. Sempre pari.. sempre. Non importa la velocità. Se pompi, decolli. Molto stabile e sicura, ti incita a mollare. In tutta la giornata, non ho mai sentito uno “sbang!” dietro, MAI!!. Tant’è che i jumpetti finali della Paganella (ce ne sono 3), il piccolo neanche lo senti. Ho sempre fatto quello in mezzo.. e a dire il vero, non sentivo niente neanche con quello!! Avrei potuto fare il grosso, giuro. Forse un giorno da imbriaco lo faccio. Ma su quello, anche se copi bene, il cerchio facilmente ovalizza su una HT.. sono vecchio per ste cazzate, e la bici è nuova, sai com’è.. Comunque , le impressioni sono: le linee le mangi, hai sempre l’interno. L’anteriore non prende sotto, il 29” è un aratro, ma in HT è agile, molto ma molto agile. Sembra una 27,5” full. Prende la corda subito, ingressi rapidi, cambi di direzione fulminei, 29” HT TUTTA LA VITA!! I Cura 4 appena tornati dall’assistenza mordevano come Rottweiler, soprattutto l’anteriore da 203.. molte volte in piena compressione in curva, quando arrivavo lungo (spesso col 29” prendi velocità subito, ma hai anche una gran frenata) peli i freni soprattutto il posteriore per aiutare a chiuderla, ma se sei lungo pizzichi anche l’anteriore, e li soffri. Brake bumps in rapida successione, in HT ti spezzano abbastanza, sia gambe che braccia-mani sono costrette a lavorare più che con una full.. e li o hai tanto fisico, o soffri. La “36” non risparmia le mani, ma ti ripaga come poche altre forcelle sanno fare. Un aratro. La Pole usciva dalle curve come una Vikinga ubriaca a caccia di bottino! Mi son mangiato tutti i lenti della compagnia, compreso i “mediocri”. Ai bravi se facevo da segugio, gli stavo a ruota.. non male per una HT.. l’unica oggi in park. Perdevo qualche volta i più bravi, nei pezzi finali, quando le brake bumps mi facevano quasi perdere la presa sul manubrio. “Inutile insistere” mi dicevo.. “pulisciti la bavetta da rimonta e accendi il cervello, sei su una rigida per Dio!”. Me lo dovevo rammentare, perché a starci sopra, non lo sai. Giuro. Finivo tra gli ultimi dei bravi.. mi lasciavo dietro sempre gruppi di fermoni, ma anche amatori bravini. Mai pensavo di poter tenere la ruota dei Nomad, Capra, Sender, Wilson di quelli bravi.. eppure, sta stronzetta viaggia. Ovvio, piste come Peter Pan e Easy Rider.. Se becchi un Nomad sull’ Arancia Meccanica ti sdruma.. L’ho portata anche nel primo pezzo dell’Apocalipse Now.. zero problemi. Vedi un buco davanti? Molli e lasci fare al carro dietro. Vedi che quando atterri, lo stai facendo su un sasso del cazzo? Ti irrigidisci, pensi che arrivi uno “sbang” che poi non arriva.. pazzesco. Giuro. Praticamente i salti fai quasi quelli che faresti con una DH o con un enduro, tranne i più stronzi. Ma i grossi, se il landing è decente voli come il Generale Lee in Hazard. Ripeto, l’unico limite vero sono le brake bumps in rapida successione, in piena compressione in curva o sponda.. li, vuoi per la forza G, vuoi perché sei bello spalmato al terreno le senti tutte. Per assurdo, dovresti mollare come un cane, ma ci vuole pelo, se dopo ti becchi un rock garden o un passaggio bello scassato, e tu ci entri 10-15kmh più forte in rigida sei morto. Perdi i pedali e ti accartocci su un abete, o ti fai due arcate su una roccia. Meglio evitare direi. Morale? Mi ha stupito, mi ha stupito perché per assurdo, se ti piace saltare, salti come una bestia. Mi ha stupito il “pif-paf” tra due ingressi in rapida successione.. più che un 29”,sei più uno scoiattolo pippato. Fulmine. Molto giocosa, libidinosa oserei dire. Ce l’hai attaccata alla corteccia cranica. Pensi e lei fa. Buon grip, poche vibrazioni questi telai in acciaio. Mangiano tutto, mangiano sassi. Contro? Mangiano anche le tue energie. Per certe manovre le fai con pensiero, altre ti richiedono più energia di un full, soprattutto se intendi essere efficace come la full del tuo socio. I pezzi dove lui riposa, tu stai sempre lavorando. Quindi le front in acciaio sono la svolta? Si, senz’altro, ma richiedono un fisico allenato e qualche malizia. Sei più impiccato, ma se hai energia non lo senti, anzi. Te ne accorgi a metà giornata, li o ne hai, o vai al bar a bere. Ma vi assicuro che dirai “cazzo che giornata!”. Se devo dire cosa mi ha lasciato stupito, una su tutte è l’aereo. Mai mi sarei aspettato tanta cattiveria.. io che faccio 96kg nudo.. chi pesa 70-80 kg ne ha ancora di più e soffrirà molto meno. Quindi.. Le buone doti di incasso, le avevo già intuite nelle 10 uscite all mountain precedenti (i miei trail di casa sono abbastanza scassati), ma in park puoi liberare la belva al 100%.. e ne aveva, cazzo se ne aveva. Le ho montato un Michelin rock2 2.35 gum X bello incazzato dietro. Scelta azzeccata, accoppiata ad un Wild Enduro 2.40 Magi x2 anteriore sono due scarpette che faranno volare le vostre HT in park. Manubrio carbon, quasi obbligato per una HT.. io ho abbinato anche pedivelle carbon, in modo di limitare il più possibile vibrazioni indesiderate. Telaio cromo, ruote 29” e via.. un incrociatore da battaglia da 14,5kg, pronto a distribuire manciate di ignoranza e stile.. il suo padrone solo ignoranza purtroppo. Comunque la gente ci rimane male e vedersi sto frontino kamikaze sempre alla ruota, i mozzi Hope poco ingrassati fanno il resto. Credo che uno Stuka in picchiata creava meno rumore ed ansia in chi lo vedeva e sentiva. Figata. Finisco di dire cazzate e passo alle considerazioni. PRO: Salti, salti a pacchi. Ingressi in curva, cambio repentino di traiettoria. Acciaio mangia sassi. Ruote da 29”, accelerano a merda, staccate alla Marquez, asfaltano tutto, una manna su una HT. L’ideale, non pagano dazio in agilità, grazie all’indole HT. Si ha il meglio per entrambi. Giocosa. Fa quello che vuoi, direttamente collegata alla tua corteccia cranica. Divertente sia ad andature spinte, che non.. ma per sopperire alla mancanza dell’ammo, per assurdo si soffre meno se la di spinge. Stai meno sui freni e lei mangia tutto e accelererà come un assatanata. “Dog fight” (duello aereo) in park assicurato, anche contro DH o enduro Full.. ovvio non sulla nera. Contro: l’HT si muove con meno energia che la full, ma per farla rendere al meglio, ottenendo velocità sul giro secco, richiede maggiore concentrazione e prestanza fisica. Serve maggiore fisico e una buona preparazione nonché malizia per essere una Full-Dh Killer per quelli che vi stanno davanti. Altra cosa brake bumps in rapida successione quando siete spalmati in velocità in sponda, li si soffre parecchio.. e si ritorna al capitolo “fisico-preparazione”. Altra cosa, per farsi male è l’ideale. Si perdono più facilmente i pedali, se si esce di traiettoria-sentiero son cazzi.. Quindi anche su questo, si ritorna al capitolo “preparazione”. “Quindi una HT, solo per chi gira forte ed è bello smaliziato?” SBAGLIATO. Un HT incazzata serve per imparare ad andare in bici. Un muletto fantastico. Unica bici? Sni.. Sicuramente una bici che prenderete per l’85% delle uscite... e la cosa assurda, anche quando volete godere in Park, perché no. Oggi, mi sono divertito tanto, ma tanto, giuro. Le facce attonite di quelli che hai lasciato dietro nei trail che le ribecchi nel parcheggio.. ti guardano strano, pensano “cazzo questo è uno bravo”. La realtà è che tu sei un pirla, ha fatto tutto la bici, ma nessuno lo direbbe. Pensano alle HT, come quel ferrovecchio front alu che li ha svezzati, tanti anni fa quando hanno mosso i primi passi in MTB. La realtà è che con questi telai in cromo, per geometrie, per il formato ruota ecc spiani, voli e impatti bene. Chiuso. Molto, molto lontano da quel chiodo pseudo XC de na volta dove tutti abbiamo iniziato . Provare per credere. Poi oggigiorno, anche bici alu ma HT cattive come certe Ragley & co. , spaccano i culi. Diciamo che queste HT cattive stupiscono, sono “economiche”, sono anche efficaci, ma soprattutto.. fanno divertire. Fanculo strava, fanculo a chi arriva primo. Tu stai lì nel gruppo dei degni, a spannare culi, saltare radici, spianare rock garden.. e volare sui flow e nei panettoni!! Tanti panettoni, salti, saltini ma anche signori drop.. “e scusate se è un HT, lei a volte non se lo ricorda”.. HT stile di vita.
Akira, sembra quasi di vederti...a me è arrivata da un mesetto la Yt Jeffsy 29 e me la sto veramente godendo...in giù sembra di sentirla:" e molla sti freni, che ci penso Io!" in su, ieri ho chiuso al primo tentativo, una rampetta fetente che con la xc non mi era mai riuscita...stand up for le nuove geo! ma mi sta venendo voglia di una Ht cattivella...anche se ho un decimo delle tue capacità!
 
  • Like
Reactions: Akira81

luc74

Biker superioris
22/6/08
883
72
milano
POLE TAIVAL vs Paganella Bike park.. A volte non se lo ricorda”.. HT stile di vita.
Piccola polemica allegra: ma perché in park con la front? Capisco in un circuito pump... Ma in park mi sembra un po' da sborone! Il più grande vantaggio di una front è la facilità di portarla su in salita, ma se uso la seggiovia alla fine mi faccio un gran culo e braccia e polsi per cosa?
 

FeO

Biker superioris
12/7/06
989
156
VERONA
Piccola polemica allegra: ma perché in park con la front? Capisco in un circuito pump... Ma in park mi sembra un po' da sborone! Il più grande vantaggio di una front è la facilità di portarla su in salita, ma se uso la seggiovia alla fine mi faccio un gran culo e braccia e polsi per cosa?
Secondo me dipende da che percorsi fai in paganella...se fai solo park lavorato ha un senso perché quando vedo venir giù bici da dh sulla Peter Pan o sulla Willy Wonka mi viene un po' da ridere...con una front ha senso. Ieri ho girato con la full e ho fatto principalmente sentieri naturali...che dire alla sera ero morto.
 

luc74

Biker superioris
22/6/08
883
72
milano
Secondo me dipende da che percorsi fai in paganella...se fai solo park lavorato ha un senso perché quando vedo venir giù bici da dh sulla Peter Pan o sulla Willy Wonka mi viene un po' da ridere...con una front ha senso. Ieri ho girato con la full e ho fatto principalmente sentieri naturali...che dire alla sera ero morto.
Per willy wonka e peter pan Intendi sentieri molto lisci e curati? Nel mio immaginario pensavo che i park ci fossero salti, drop radici... insomma cose toste.
 

Akira81

Biker ciceronis
30/10/18
1.415
1.023
Bergamo
Bike
Molte
Piccola polemica allegra: ma perché in park con la front? Capisco in un circuito pump... Ma in park mi sembra un po' da sborone! Il più grande vantaggio di una front è la facilità di portarla su in salita, ma se uso la seggiovia alla fine mi faccio un gran culo e braccia e polsi per cosa?
Beh, uno perché non ho una full in questo momento. Due perché nei trail flow o medi, godi come un riccio. Tre una HT cattiva in salita non è nulla di che. Per quello ci sono le XC, o le trail. Un HT cattiva ha il suo perché, quando pompi, quando stacchi, quando salti.. goduria ce n'è.
Cronometro alla mano, a meno a che non la guidi un manico da paura (quale io di certo non sono) , la full sta quasi sempre davanti.
Se cerchi una logica non la trovi nel cervello, ma nel cuore e nel gusto di farlo così.
La domanda è "perché no?"
 

Discussioni simili

Risposte
5K
Visite
600K
tostarello
T
Risposte
5K
Visite
569K
sembola
S
Risposte
5K
Visite
345K
maramouse
M
Risposte
5K
Visite
511K
tostarello
T