1. Abbonati gratuitamente al nostro canale Youtube, clicca qui.

    Chiudi
Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

Il cambio del futuro (?)

Discussione in 'La Pecora sclera' iniziata da Ser pecora, 16/4/12.

  1. czarn

    czarn Biker superis

    Registrato:
    28/6/10
    Messaggi:
    327

    Non mi addentro nelle scelte di marketing e non credo ai complottismi, essenzialmente perchè trovo l'umano incapace di concertarne di seri. La mia era solo un'analisi pratica e di basso livello su quello che trovo essere una parte della bici che ha ancora degli evidenti margini di miglioramneto. Fra un 135/10 e un 150/12 belli funzionali non trovavo fondamentale inserire sul mercato un 142/12, mentre sulla rottura di scatole del giro catena lungo mi sembrava si possa tutti essere d'accordo che dell'innovazione farebbe bene. Se poi il tutto resta a costi astronomici la cosa muore da se no?

    Il concorde non esiste più, ma si viaggia comunque a 900 km/h per 6000 km senza che si debba far testamento e mutuo.......
     
  2. Noil

    Noil Biker novus

    Registrato:
    17/4/12
    Messaggi:
    27
  3. bis

    bis Biker augustus

    Registrato:
    29/12/08
    Messaggi:
    9.329
    Ma questa e' la discussione sul cambio del futuro, non del presente :-)
     
  4. xVALERIOx

    xVALERIOx Biker celestialis

    Registrato:
    5/6/10
    Messaggi:
    7.049
    Bike:
    Stumpjumper fsr 29
    e' come x tutte le cose...non ce' una vera e propria utilita', e' il progresso che ''deve'' essere sempre piu' avanti possibile rispetto al consumatore....
    purtroppo e' proprio come dici te, vengono spesi un sacco di soldi x prototipi... che siano di auto , moto o bici, e magari solo un 10% alla fine sara' il prodotto finito e a volte anche peggiore.....
     
  5. sembola

    sembola Moderatur cartesiano
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    27/2/03
    Messaggi:
    45.091
    Bike:
    una nera e l'altra pure
    Tutt'altra cosa che "avere pronti i prodotti dei prossimi 20 anni". Per i quali, lo ripeto, si sarebbero già spesi soldi per la ricerca e lo sviluppo senza recuperarlo. A me sembra un filino improbabile, considerando che stiamo parlando di un'industria in cui si è azzerata qualsiasi immobilizzazione nei magazzini...
     
  6. xVALERIOx

    xVALERIOx Biker celestialis

    Registrato:
    5/6/10
    Messaggi:
    7.049
    Bike:
    Stumpjumper fsr 29
    no vabbe', x 20anni facevo x dire...:smile:...
    si, effettivamente con i tempi che corrono non sarebbe una cosa da fare...
    ma credo che almeno nel campo dell'elettronica siano 4-5 anni avanti a quello che vediamo o compriamo ora...(sono supposizioni, magari non e' cosi'...)
     
  7. Ed il polso

    Ed il polso Biker infernalis

    Registrato:
    1/9/04
    Messaggi:
    1.968
    Si vede che hai preso la patente l'altro ieri :smile::smile::smile::smile:
     
  8. czarn

    czarn Biker superis

    Registrato:
    28/6/10
    Messaggi:
    327
    Oppure si è trattato sempre molto bene. Anche la mia prima automobile aveva 4 freni a disco.
     
  9. Ed il polso

    Ed il polso Biker infernalis

    Registrato:
    1/9/04
    Messaggi:
    1.968
    Cosa vi devo dire beati voi, anche se non sono così convinto che negli anni ottanta c'era tutta questa abbondanza di freni a disco mi ricordo un bel po di freni a tamburo ma essendo, appassionato di auto d'epoca posso anche sbagliare.
     
  10. czarn

    czarn Biker superis

    Registrato:
    28/6/10
    Messaggi:
    327
    Beh, la mia prima auto era una modestissima citroen GS Special del 1976. 1050 cc raffreddati ad aria. 55 timidi cavalli MA 4 freni a disco.

    Color arancio ANAS. Ma direi che stiamo andando cupamente OT.


     
  11. marco10

    marco10 Biker poeticus

    Registrato:
    20/8/05
    Messaggi:
    3.970
    vado a memoria e potrei sbagliare, ma anche la A112 primi anni '80 di mia mamma aveva i freni a disco
     
  12. sembola

    sembola Moderatur cartesiano
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    27/2/03
    Messaggi:
    45.091
    Bike:
    una nera e l'altra pure
    Anche dietro? :spetteguless:
     
  13. calvin

    calvin Biker popularis

    Registrato:
    20/1/10
    Messaggi:
    81
    :offtopic:Scusate, stavo leggendo questo simpatico thread e cosa vedo?? SGRUNF???? spero sia solo un errore di battitura perchè altrimenti, fifurnio, devi cambiare immagine...:soffriba:

    ovviamente si scherza,:smile: ma GRUNF è un mito della mia gioventù (ormai lontana...)
     
  14. unconventionalbiker

    unconventionalbiker Biker popularis

    Registrato:
    5/2/11
    Messaggi:
    71

    e ce li aveva pure la cara vecchia e troppo sputtanata Prinz presentata nel 1962.... :il-saggi:
     
  15. czarn

    czarn Biker superis

    Registrato:
    28/6/10
    Messaggi:
    327
    mmmm... come optional gli anteriori sulla maggior parte dei modelli.

    Solo quella col wankel aveva quattro dischi. Ormai non siamo più OT, siamo OF.
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  16. RANDYGRAMOLA

    RANDYGRAMOLA Biker ultra

    Registrato:
    14/5/08
    Messaggi:
    633
    mi sembra di ricordare di no,

    diet i tamburi e ganasce!
     
  17. giorgibe

    giorgibe Biker infernalis

    Registrato:
    22/8/05
    Messaggi:
    1.887
    OF, grande...............
     
  18. unconventionalbiker

    unconventionalbiker Biker popularis

    Registrato:
    5/2/11
    Messaggi:
    71
    Dai dai, che OF o no un pò di cultura d'epoca non guasta a nessuno :smile:

    Sulla 4 erano optional ma li hanno scelti praticamente tutti.
    Sulle 1000-1200 erano di serie (solo davanti).
    La Ro80 aveva 4 dischi e quelli davanti autoventilati ed entrobordo (nel 1967...)
     
  19. marco10

    marco10 Biker poeticus

    Registrato:
    20/8/05
    Messaggi:
    3.970
    cavoli, faccio fatica a ricordarmi davanti figurati dietro. quella di mia mamma era una A112elegant (chissà poi perchè...) e probabilmente non li aveva. forse l'abarth li aveva tutti e 4.
    mi ricordo degli improbabili cerchi in lega dall'aspetto molto pesante, probabilmente fusi in conchiglia.
    diciamo che l'esempio andava speso meglio, perchè i freni a dischi li mettevano sulle auto da corsa già nel periodo prebellico, ma sulle auto comuni, in europa, ci sono arrivati a partire dagli anni '60.
    ma non per un complotto, ma semplicemente perchè solo allora si è cominciata una vera produzione di massa ed i freni a disco, come molti altri componenti, sono diventati convenienti
     
  20. Mario87

    Mario87 Biker tremendus

    Registrato:
    8/1/10
    Messaggi:
    1.074
    azzo!!! guarda te! penso che sia passata nel dimenticatoio perchè forse era un'idea troppo buona!!
    ps: Ser ma di che secolo sei???
     
Sto caricando...

Condividi questa Pagina