Il riscaldamento globale è una balla

Discussione in 'La tana del lupo' iniziata da marco, 27/12/16.

  1. cesare RBO

    cesare RBO Biker tremendus

    Registrato:
    8/7/08
    Messaggi:
    1.216

    come fosse antani... hai dimenticato come fosse antani... a destra!
    :smile:manos arriba, hombre... manos arriba :via!:
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  2. drmale

    drmale Biker ultra

    Registrato:
    17/7/09
    Messaggi:
    614
    prematurato che manco la supercazzola conosci, a destra è lo sminchiamento. Ciao e svegla eh!
     
  3. cesare RBO

    cesare RBO Biker tremendus

    Registrato:
    8/7/08
    Messaggi:
    1.216
    mah, rimarchevole (nella sua infinita tristezza) esempio di Bias... (e anche di qualcos'altro a dire il vero)

    per fortuna che ciò che è scritto resta scritto (scripta manent) ed ognuno potrà farsi un opinione ed esprimere un giudizio.

    PS: e salutami la Cifarelli nel cui campo ti collochi (con grave sprezzo del ridicolo) senza evidentemente sapere o capire che “quelle posizioni” scientificamente parlando sono un non sense (ben spiegato qui http://cattaneo-lescienze.blogautor...amano-fuori-dallappello-sul-clima/?refresh_ce e qui http://www.scienzainrete.it/contenu...ta-di-parigi-siamo-tutti-climatologi/novembre ) e le cui ragioni vanno ricercate altrove (vedi alla voce “politiche” ed autopromozionali come fin troppo spesso accade nel mondo accademico di questo paese che dipende dalla politica per i magrissimi fondi ad essa destinati e sempre con la politica deve fare i conti per l’accesso ad incarichi di un certo peso) come diversi (Fisici e Geofisici) hanno prontamente fatto notare e gli articoli succitati ben inquadrano.

    PPS: ma non era scappellamento???
    :smile:
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  4. cesare RBO

    cesare RBO Biker tremendus

    Registrato:
    8/7/08
    Messaggi:
    1.216
    drmale: "te lo dico con tutto l'affetto possibile, ma non hai capito un tubo. Non hai capito un tubo di quello che ho scritto"
    direi che l'ho capito fin troppo bene... le evidenze ci dicono semmai l'esatto contrario, fossi in te proverei a consultare un idraulico...

    "Non massacrare Kuhn, oppure massacralo ma fa fallo con gusto e non da sapientino clementoni."
    L'ho solo citato e rimanendo perfettamente in tema (dov'è il presunto massacro?) quindi piantala di sparare a casaccio sperando di “beccare” qualcosa (chiamasi “fuoco di saturazione”)... il vuoto concettuale e fattuale per tua somma sfortuna non si riempie solo digitando letterine a casaccio sul pc... inoltre il gusto è (per fortuna) soggettivo ed il battutone sul “sapientino clementoni” lo lascio lì dove l'hai messo che mi pare molto più utile a qualificare chi lo fa che a descrivere il sottoscritto.

    "Mi smarroni per la sensazione di errore che provo di fronte alle affermazioni di una parte della comunità scientifica, e poi infili in un ragionamento piripiri citando il complotto demo-giudo-pluto-pippo e topolino sul prezzo del petrolio, e sciorini in 20 righe la fenomenologia della contemporaneità mondiale fondando tutto su: "A me risulta invece che si stia raschiando il barile (cfr. te)"!?"
    Non “smarrono” alcunché, sei tu che incurante delle evidenze continui a gettarti “de capoccia” in una piscina palesemente vuota... non vorrai mica prendertela con me per lo scontato risultato ed il mal di testa conseguente? Unscramentable... si direbbe da ste' parti (terra di neologismi fusion...)
    “Una parte della comunità scientifica”... adorabile l'uso degli eufemismi... si, una parte... tipo 97% a 3% (a voler prendere il dato più generoso riguardante il top 100).

    Complotto??? qui rasentiamo il delirio... si chiama geopolitica, “palleggiarsela” aiuta a conoscere e comprendere il mondo che ci circonda ed i fenomeni che vi si svolgono e personalmente ritengo la sua conoscenza (almeno basica) imprescindibile per poter anche solo aspirare ad essere “persona seria”, consapevole ed attiva (culturalmente, socialmente, politicamente).
    C'è chi invece preferisce vivere “a sensazione” o “credendo” (adesione fideistica) a questo a a quello a seconda della convenienza o utilità del momento... lo capisco (eziologicamente parlando) ma non lo condivido nemmeno di striscio e/o per sbaglio.
    A meno che tu non voglia dirmi che l'Opec (che controlla poco meno dell'80% delle riserve mondiali) è una associazione segreta, fantasmatica ed inafferrabile (Spectre?) che il solo citarla mi colloca automaticamente nel novero dei complottisti...
    Ho l'impressione (gentile eufemismo) che tu ti stia affannando (mi pare senza particolare successo) per ricondurmi (e quindi “catalogarmi”) entro categorie schematiche, semplicistiche e banalizzanti (i complottisti, i catastrofisti, i nerd che non trombano né pedalano ecc ecc) con le quali evidentemente ti trovi maggiormente a tuo agio... fossi in te eviterei tali sforzi, non solo li ritengo inutili ma persino controproducenti (dicono molto di chi li usa e non aggiungono nulla alla discussione).
    E dulcis in fundo: sono tali acclarate ovvietà (non da ora) che il citare le fonti appare a dir poco superfluo (e pure pretenzioso)...
    ma se può servire a meglio contestualizzare o a farsi un'idea generale di certe dinamiche...

    http://www.limesonline.com/rubrica/le-ragioni-geopolitiche-del-crollo-dei-prezzi-del-petrolio

    http://www.limesonline.com/cartaceo/ankara-e-la-nuova-speranza-del-golfo?prv=true

    https://cesi-italia.org/articoli/24...-ripercussioni-macroeconomiche-e-geopolitiche

    http://www.martinbuber.eu/energia/documenti/Petrolio.pdf

    http://www.petrolioinborsa.com/grafico-storico-del-petrolio/

    https://www.forexinfo.it/Prezzo-del-petrolio-storico-WTI

    http://1.bp.blogspot.com/-aF36bFZcJ...1600/2014.02.08+ZH+Oil+Petrolio+1789-2013.png

    https://it.wikipedia.org/wiki/Picco_di_Hubbert

    http://www.internazionale.it/notizie/2016/01/18/prezzo-barile-petrolio

    “Fine di mondo”??? (cit. Kubrikiana) ma di che parli? (Drmale nipotino del Dr Stranamore?) Continui a gettare carne al fuoco e non hai ancora impiattato manco un wurstelino striminzito?
    Contento tu...

    "molla giù i libri e pedala bene"
    Come ti ho già detto pedalo abbastanza (per i miei standard)... solo per andare e tornare dal lavoro, escludendo quindi ogni altro uso ( ludico, sportivo, esplorativo o zoologico), mi sparo qualcosa come 5000-5200 km all'anno...

    Saluti
     
    #134 cesare RBO, 16/2/17
    Ultima modifica: 17/2/17
    • Mi piace Mi piace x 1
    • Bel post Bel post x 1
  5. cesare RBO

    cesare RBO Biker tremendus

    Registrato:
    8/7/08
    Messaggi:
    1.216
    I link che ho messo danno bene l'idea di come si formi il prezzo degli idrocarburi (in base alla loro tipologia, procedimento estrattivo, paese di produzione, interessi del momento o di lungo periodo, attività speculative ecc) e delle motivazioni di ordine geopolitico che stanno dietro (come è ovvio che sia visti gli interessi in gioco) tali scelte.
    I grafici aiutano a contestualizzare gli andamenti dei prezzi rendendo evidenti le interdipendenze con fattori, eventi e scelte di ordine geopolitico e le analisi susseguenti spiegano come queste scelte avranno (ed hanno avuto) un impatto (vasto e profondo) nelle nostre vite quotidiane così come nell'azione dei governi.
    La questione energetica è assolutamente centrale per le società moderne, le scelte operate in questo ambito determinano e condizionano poi tutta un'altra serie di scelte (che divengono obbligate o quasi) che a cascata ci portano al (non proprio felice e per molti drammatico) presente.

    Ma non vorrei concentrare la discussione solo sul fattore Petrolio... per quantto esso sia (e sia stato) storicamente un fattore chiave e centrale nella tipologia di sviluppo delle nostre società contemporanee ed abbia pesantemente influenzato e distorto lo sviluppo anche e soprattutto tecnologico oltreché “culturale” imponendo di fatto dei paradigmi ed un certo tipo di visione.
    Dopo l'età della pietra, del bronzo e poi del ferro questa verrà ricordata come l'età dei fossili (detta gergalmente “di quei fessi lì”...).

    L'avvento delle rinnovabili invece rischia di spazzare via, come un colpo di spugna, quegli assetti e quei paradigmi assiomatici che hanno garantito l'imporsi ed il perpetuarsi (in barba ad ogni logica e senso etico) di un dato modello sociale e di sviluppo di tipo rapace e predatorio che basa e garantisce la fortuna di pochissimi sullo sfruttamento (ed il mantenimento in stato di necessità) dei moltissimi...
    Così come rischia di minare le basi (azzerare e/o ridefinire in altra chiave), facendone venir meno l'utilità o almeno l'indispensabilità, di quel rapporto strettissimo ed apparentemente indissolubile (reciproca utilità ed omogeneità dei fini) che intercorre tra le elites economiche e le classi politiche.
    Il rischio (per dette elites) è che un utilizzo razionale ed evoluto delle rinnovabili (ampio ricorso all'auto e microgenerazione diffusa multimodale) frantumi quel legame di dipendenza dai monopolisti dell'energia (spesso statali o parastatali) e possa favorire la nascita di nuove forme di produzione, cooperazione e condivisione energetica che ridisegnino anche le relazioni e la socialità partendo dal basso e non come forma rigida imposta e calata dall'alto ad uso e consumo delle suddette elites in cui il ruolo degli utenti-cittadini sia (per forza di cose) quello di “vacche da mungere” (due volte, con le tasse prima e con le bollette poi...).
    L'affermarsi ed il diffondersi delle rinnovabili va a minare interessi fortissimi e consolidati da oltre un secolo e questo fa paura, molta paura... anche ammesso che “il sistema” trovi (e farà di tutto per cercarli ed imporli) uno o più metodi (e l'intervento statale risulterebbe fondamentale) per controllare e guidare questo cambiamento ben difficilmente potrà ristabilire quel ferreo ed assoluto controllo che abbiamo visto all'opera nel corso dell'ultimo secolo... le rinnovabili sono praticamente ovunque, sono diversificate e a basso costo (rispetto agli standard a cui i fossili ci hanno abituati), inquinano molto meno (in fase di produzione e successivo smaltimento, durante la vita operativa praticamente nulla) checché ne dica qualche simpatico flamer.
    Come facciano imfatti le rinnovabili ad “inquinare” quanto o più dei fossili non è dato sapere, evidentemente chi lo afferma o è molto ingenuo (eufemismo per ignorante) o è palesemente in malafede... delle due l'una, fate vobis.

    I fossili vanno cercati, trovati, estratti, lavorati e raffinati, trasportati in giro per il mondo, stoccati, distribuiti, venduti ed infine utilizzati... ognuno di questi passaggi presuppone un dispendio di uomini, mezzi e tecnologie altamene inquinanti e nocivi per l'ambiente e l'uomo (oltreché costoso). I mezzi, i luoghi e le tecnologie impiegate infine andranno in qualche modo bonificati e smaltiti a fine vita operativa, cosa non proprio agevole (vedere i casi e gli studi per le aree di lavorazione e stoccaggio in Italia in proposito... a me me ne vengono in mente giusto un paio qui nei dintorni...) nel migliore dei casi.
    Vi sono poi le “fisiologiche” (si fa per dire) perdite (perdite, infiltrazioni, rotture, incidenti, incendi, esplosioni, lavaggio delle vasche e serbatoi, sulla terraferma come in mare, in posti sperduti come nei pressi di grandi insediamenti umani) di materiali altamente inquinanti che regolarmente (sottolineo regolarmente, non occasionalmente...) accadono (quasi sempre per cattiva/scarsa manutenzione dovuta al contenimento dei costi) durante l'intera filera operativa.
    Il tutto per arrivare infine alla fase di utilizzo vero e proprio del fossile che a sua volta risulta essere fonte di grave inquinamento a tutti i livelli. I costi economici, sociali, sanitari ed ambientali durante questo lungo ciclo sono immensi e neanche lontanissimamente paragonabili (a meno, come dicevo, di “ingenuità” o malafede) a quelli delle rinnovabili.
    Inoltre le tecnologie legate alle rinnovabili sono giovani ed il loro sviluppo non potrà non comportare miglioramenti anche sul versante dei materiali, con riflessi positivi sia nella produzione che nel successivo smaltimento (o perché no riciclo), oltreché (ovviamente) sotto il versante più puramente prestazionale. La vita media operativa di dette tecnologie è medio-lunga (allo stato attuale) e non vedo perché non debba migliorare ulteriormente con il progredire delle conoscenze tecnologiche di settore. Tutto l'opposto del fossile, quindi... che definire come tecnologicamente “matura” è un dolce eufemismo per non chiamarla (più correttamente) vetusta o obsoleta.

    Vi sarebbero poi delle non proprio secondarie (da un punto di vista geopolitico) ricadute a far da corollario al diffondersi e l'affermarsi di queste tecnologie che ridefiniranno (come minimo) gli assetti ed i legami con i paesi del (cosiddetto) terzo mondo che (vorrei ricordarlo) sono anche quelli da un lato strapieni delle materie prime da cui noi dipendiamo e su cui noi abbiamo storicamente fondato il nostro sviluppo ed il nostro vantaggio competitivo e dall'altro perennemente tenuti al guinzaglio (sarebbe meglio dire cappio) con il leverage del debito internazionale.
    Queste scelte quindi non potranno non avere un impatto anche sulle modalità e possibilità di sviluppo di questi paesi e questo a sua volta non potrà non avere riflessi anche in ambito sociale.
    L'eventuale ridefinizione degli standard economici a livello planetario comporterebbe anche una rivisitazione dei parametri (e previsioni) demografici... uno sviluppo e una redistribuzione e ripartizione delle risorse di questo tipo permetterebbe (proprio come è avvenuto nelle società occidentali) standard di vita che poco si conciliano col fare 15 figli... il processo è piuttosto veloce e persino spontaneo... basta vedere i cambiamenti nelle nostre socità dove nel giro di sole due o tre generazioni si è passati da 10-15 figli a 2-3 e poi a 1-2 (o addirittura a 0).
    Questo processo avrebbe un impatto significativo ed estremamente positivo sulla gestione delle risorse planetarie. Questi paesi, questi popoli, queste culture avrebbero un accesso all'istruzione molto più libero ed ampio rispetto al passato/presente (dove i figli dei “figli di puttana” studiavano nelle migliori scuole occidentali, i figli delle classi agiate e medio alte nelle università locali ed il resto “a spasso”...) riuscendo cosi a portare un inestimabile contributo globale al sapere collettivo, un apporto ed un contributo di cui fino ad ora siamo stati sostanzialmente privati...
    Questo è un dettagliuccio al quale raramente si pensa quando si prospettano scenari e valutano scelte geopolitiche di medio-lungo periodo.

    Ed in ultimo... è interessante notare come al crescere della richiesta delle popolazioni di maggior democrazia (reale e non formale) e partecipazione alle scelte e all'individuazione di obiettivi e strategie (trasparenza, democrazia partecipativa, maggiore attenzione alle politiche sociali ed ambientali) le elites politico-economiche al potere abbiano risposto (e stiano rispondendo in occidente come altrove) con un ulteriore svuotamento democratico delle istituzioni (nazionali, comunitarie ed internazionali) e con una contrazione degli spazi di agibilità democratica salvo poi lamentare una crescita esponenziale di quella che impropriamente (e pelosamente) definiscono “antipolitica” o “antagonismo”.
    In altri paesi, democraticamente assai gracilini (a voler essere gentili), abbiamo assistito ad un uso sconsiderato (e criminale) della forza (sia delle forze armate che degli apparati di sicurezza) con annessa repressione, incarcerazioni di massa e torture (vedi Turchia, Egitto, Iran tanto per citare i più noti). In Siria è addirittura scoppiata una guerra civile (in cui le milizie Jihadiste pur non entrandoci nulla in origine si sono velocemente inserite) per mantenere a galla Assad ed evitare una transizione in chiave democratica che potesse anche solo potenzialmente minare gli assetti (vedi “amicizie ed interdipendenze) costituiti e noti.
     
    • Bel post Bel post x 2
  6. Hot

    Hot Biker delirius tremens

    Registrato:
    30/9/12
    Messaggi:
    11.107
    Bike:
    2 tedesche - 1 polacca
    Cesare RBO for president!!
     
  7. mcpelo68

    mcpelo68 Biker paradisiacus

    Registrato:
    6/1/05
    Messaggi:
    6.386
    Bike:
    na Fury inferis , na Aspis damnatio , HellBoy
    quali scie,....le mie?:8-):
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  8. cesare RBO

    cesare RBO Biker tremendus

    Registrato:
    8/7/08
    Messaggi:
    1.216
    in riferimento (ed in risposta) a quanto detto in precedenza (non dal sottoscritto) in merito alle "conraddizioni" della scienza... o meglio sarebbe dire "del mondo che ruota attorno alla scienza", la differenza non è di poco conto.

    http://www.sanita24.ilsole24ore.com...l-orrore-115947.php?uuid=AEcE6N3&refresh_ce=1

    una presa di posizione a distanza di tanti anni suona ancora più forte ed è ancor più meritoria, secondo me.
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  9. Ilbartu

    Ilbartu Biker novus

    Registrato:
    11/5/17
    Messaggi:
    3
    Bike:
    Mtb scarsa
    Nel 1985,la co2 in atmosfera era circa di 340 ppm,oggi abbiamo di molto superato quota 400,in continuo aumento anno su anno. La co2 è riconosciuta come il gas serra a maggior effetto,e se consideriamo che siamo di più,ne immettiamo di più e,con enorme furbizia deforestiamo in modo velocissimo,facendo sparire alberi e foreste,nostre uniche alleate nell'assorbire la co2,il gioco è fatto.
    Poi dati a parte,negli anni 80 anche da mè,sul mare,gli inverni erano freddi e a volte nevischiava,oggi posso stare benissimo senza usare il riscaldamento,se volessi......
     
  10. Mtbclod

    Mtbclod Biker urlandum

    Registrato:
    28/8/14
    Messaggi:
    563
    Bike:
    Trance
    http://www.meteogiornale.it/notizia/47387-1-antartide-maxi-iceberg-larsen-c-in-procinto-di-staccarsi
     

Condividi questa Pagina