Impostazioni base per affrontare le curve

Discussione in 'Raida come mangi' iniziata da Jack Bisi, 14/6/12.

  1. spiri

    spiri Biker paradisiacus

    Registrato:
    17/4/10
    Messaggi:
    6.101
    Bike:
    liberazione, ettore, la meravigliosa, celestina
    una domanda: terreno abbastanza scivoloso tipo brecciolino o polveroso (tipo argilla secco). pianura. ecco mi capita che nelle curve perdo l'anteriore e non riesco a capire in cosa sbaglio. la curva e' abbastanza a gomito stretta. sbaglio nel senso che praticamente perdo tutta la velocita a meta' curva e devo ripartire da 0. diciamo che non ho capito come dovrei farla. provero' seguendo i tuoi consigli.
     
  2. borgatti denis

    borgatti denis Biker novus

    Registrato:
    24/4/10
    Messaggi:
    27
    Mitico jack, nn ho mai letto così tanto...alla prossima puntata!!
     
  3. Hueitotollin

    Hueitotollin Biker novus

    Registrato:
    23/8/10
    Messaggi:
    23
    Mai altro articolo fu tanto interessante e divertente al contempo
     
  4. paolopendoli

    paolopendoli Biker popularis

    Registrato:
    14/5/09
    Messaggi:
    73
    E' la peggior rubrica del Forum e ti voglio molto male! sapevo di non essere un gran che in bici ma quando leggo i tuoi articoli mi rendo conto che diventa imperativo dedicarmi ad altro, coltivare fragole di bosco o ammaestrare farfalle per esempio.
    Grazie mille, ogni volta si impara qualcosa che alla fine è sempre fondamentale. come tornare a scuola, e stavolta con la voglia di andarci. Complimenti
     
  5. andy_g

    andy_g Biker ciceronis

    Registrato:
    27/4/06
    Messaggi:
    1.565
    Bike:
    Giant Trance 1.5 Ltd 2017
    Grande Jack! Moh mi tocca iniziare a studiare veramente!
     
  6. tylerdurden71

    tylerdurden71 Biker urlandum

    Registrato:
    16/9/11
    Messaggi:
    529
    Super interessante ed utile... ora via a provare :-)
     
  7. Flasos94

    Flasos94 Biker popularis

    Registrato:
    6/1/12
    Messaggi:
    87
    Come sempre guida impeccabile Jack!! :celopiùg: :celopiùg: :celopiùg:
     
  8. lkey

    lkey Biker urlandum

    Registrato:
    12/8/10
    Messaggi:
    588
    pazzesco..
    grazie per la guida Jack
     
  9. Skif

    Skif Biker novus

    Registrato:
    2/1/12
    Messaggi:
    15
    ciao, scusa ma "avere il braccio interno teso" significa spostare il baricentro verso l'asse creato dai 2 punti in cui le ruote toccano terra.
    Quindi secondo me la stabilità dovrebbe aumentare in quanto si riduce il momento ribaltante dovuto all'inclinazione del corpo.
    grazie
    ciao ;)
     
  10. California Jack

    California Jack Biker novus

    Registrato:
    30/5/12
    Messaggi:
    19
    interessantissima.. aspetto la guida sulle impe in uscita dalle curve in appoggio
     
  11. Jack Bisi

    Jack Bisi Redazione

    Registrato:
    17/2/03
    Messaggi:
    5.000

    è vero che il braccio teso sposta il baricentro verso l'asse delle ruote, è anche vero che noi andiamo a "piegare", ad inclinarci in curva, e a generare quindi questo che tu chiami "momento ribaltante", proprio per bilanciare la forza centrifuga che tenderebbe a inclinarci verso esterno curva. (pensa quando fai una curva in macchina, vieni spinto verso esterno curva-> forza centrifuga).

    quindi aumentare la distanza della proiezione del nostro baricentro a terra rispetto all'asse che collega i punti di contatto delle ruote col terreno, significa generare in momento maggiore, e quindi significa poter vincere una forza centrifuga maggiore, cioè a parità di raggio di curvatura, una velocità maggiore.
    L'unico limite è il grip delle gomme, ed è per questo che in moto gp (o nelle paraboliche dove non c'è quel problema) si hanno pieghe estreme.:celopiùg:
     
  12. Jack Bisi

    Jack Bisi Redazione

    Registrato:
    17/2/03
    Messaggi:
    5.000
    ahahahahah minkia le pinneeeeee:rosik::rosik::rosik::rosik:

    in realtà non è proprio una tecnica, è che quando spingi tanto nelle curve tende ad alzarsi l'anteriore... diciamo che è più un effetto collaterale (che può diventare moooolto scenografico se si tiene il manual:celopiùg::celopiùg:... come siamo tamarrriiiiiii:cucù:)
     
  13. micel

    micel Biker serius

    Registrato:
    10/3/10
    Messaggi:
    285
    Aspetta io non ho MAI detto di non piegare la bici.

    In una curva senza appoggio ( nella tua foto c'era, quella curva la conosco e se non erro, nella stessa serie di yari, c'è anche uno scatto di Perotti in cui piega ancora di più.. ) tipo una curva su un prato in piano, se tu pieghi tenendo le braccia simmetriche rispetto al manubrio ( tue parole ) è ovvio che ti strai, non è moto gp...
    Sui lati delle gomme ci sono dei tasselli che sono spesso più alti di quelli centrali, più forza si imprime su questi tasselli e più hanno grip.

    Ora prova a dirmi...

    Sempre considerando una curva senza appoggio in piano.

    Secondo te si riesce a imprimere più forza sui tasselli interni della gomma piegando con corpo + bici o piegando maggiormente la bici e rimanendo col corpo leggermente meno inclinato rispetto al terreno?

    Se la risposta è la seconda, ed è ovvio che sia così, è palese che le braccia non siano simmetriche ma quella esterna sia piegata ( per caricare appunto l'interno gomma anteriore spingendo maggiormente sul manubrio nella sua parte esterna ) e quella interna distesa

    E' un po' come il discorso che hai fatto tu per la parte bassa del corpo -> pedali ben messi, ginocchio esterno non largo ma che va verso il tubo centrale della bici e, così facendo, il sedere va in automatico fuori dalla bici, spostandosi lateralmente.

    Perchè caricare così la ruota dietro e non quella davanti?! Ai posteri l'ardua sentenza :D


    ( tutto ciò scritto da un fermone )
     

Condividi questa Pagina