Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

L'importanza della preparazione mentale per il recupero dagli infortuni

Discussione in 'Allenamento, alimentazione e riabilitazione' iniziata da Davide Mamo, 7/2/13.

  1. Davide Mamo

    Davide Mamo Biker novus

    Registrato:
    12/11/12
    Messaggi:
    12
    • Mi piace Mi piace x 1
  2. Gemy

    Gemy Biker extra

    Registrato:
    12/4/11
    Messaggi:
    720
    A volte un incidente -più o meno grave- è il grosso alibi per non mettersi più alla prova, a confronto con gli altri. Certamente per chi ha costante l'idea del confronto con gli altri, che sono quelli che accampano mille scuse... "Ieri ho fatto tardi" "Che sbornia, non mi riprendo" " non mi va la bici, devo cambiare il mozzo"... Quando arriva una "bottarina" c'è l'alibi oggettivo, un FATTO che è un'ottima scusa per gli altri.
    Questo c'è nello sporta amatoriale, come nella vita
    "E ti troverai già vecchio e cadente, a raccontare a tutta la gente del tuo falso incidente" E. Bennato.

    Ma questa è un'altra storia...
     
  3. ser720

    ser720 Biker serius

    Registrato:
    19/7/11
    Messaggi:
    265
    ... ottimo articolo, che capita a "fagiolo" data la mia situazione: a settembre 2012 rottura scomposta di piatto tibiale, perone e rottura legamento collaterale.... :medita:
    i primi due mesi post infortuneo sono stati abbastanza da incubo, poi grazie anche al mio fisioterapista e al mio negoziante, ormai un amico, incomincio a vedere una luce infondo al tunnel.

    e come dici nel tuo articolo, il mio obiettivo è: tornare a fare dell' all mountain con qualche bella discesa.... non so se quest' anno, ma sono sicuro che almeno devo tentare!!
     
  4. boic

    boic Biker forumensus

    Registrato:
    31/10/02
    Messaggi:
    2.233
    Sono io quello della foto in prima pagina, la foto è vecchissima, invece ultimamente sono in recupero da un brutto infortunio al braccio DX.
    Io ho già visualizzato i miei obiettivi, ma il problema è che il fisico ha dei tempi di recupero lunghi che non coincidono con la mia voglia di tornare in sella.
    Per quel che riguarda visualizzare il proprio fisico prima e dopo, il mio braccio non sarà più come prima, ho una protesi che mi limita i movimenti, ma questo non mi permetterà di tornare a fare quello che facevo prima, è chiaro che dovrò stare attento a non farmi più male, non tanto per il fisico, ma per chi vive intorno a me.
    Cmq io la vivo come una sfida, tornare a fare quello che facevo prima sarà come conquistare una vetta.
    Tanti mesi senza bici è dura, tornerò a pedalare a Marzo se la rieducazione va bene, anche se le gambe vanno bene, nel nostro sport servono anche braccia buone per guidare, sentirsi sicuri ed avere padronanza del prorpio mezzo.
    Un "in bocca al lupo" a tutti quelli che come me devono recuperare da infortuni.
     
  5. Ziojoe

    Ziojoe Biker serius

    Registrato:
    16/4/08
    Messaggi:
    149
  6. sambofoto

    sambofoto Biker infernalis

    Registrato:
    18/3/03
    Messaggi:
    1.916
    Condivido in pieno...da ragazzino correvo in bmx race e causa caduta a metà campionato in una gara importante in cui nella prima manche avevo fatto un 2° posto, durante la 2° manche caddi mentre ero in prima posizione: rottura della clavicola...campionato finito e non ebbi la forza/aiuto psicologico adeguato ed abbandonai sia la bmx che la bicicletta x 13anni...
    Mi era scesa talmente tanto la catena che la mia mente era andata out...
    La forma mentis aiuta molto: vedere Gracia dopo la botta in Val di Sole che si è rimesso in piedi ed in bici nella metà del tempo previsto o-o
     
  7. Pierun

    Pierun Biker serius

    Registrato:
    7/7/12
    Messaggi:
    278
    Bike:
    steel e Canadese
    Ciao a tutti, mi unisco dicendo che 10giorni fa sono stato operato per rottura scomposta dei 2 malleoli caviglia DX, ora ho stecca e a casa a riposo.
    Mi sono dato un obbiettivo di risalire in bike per giugno, anche solo facendo giri pedalati con lievi single tracks.
    Tanta voglia gia di tornare in sella l'unico mio dubbio sarà la psiche, come reagirò a riaffrontare situazioni che mi hanno portato alla caduta.
    Non era la prima volta che cadevo, spingendo e saltanto capitava ma mi sono sempre rialzato ed ho continuato ad andare forte senza blocchi di testa!!!!
    Ora ho questo dubbio che mi assilla, tornerò come prima? anche perchè l 'età avanza 36anni e in ditta non l'hanno presa molto bene.
    Se qualcuno si è trovato nellamia stessa situazione mi faccia sapere???
     
  8. teobg81

    teobg81 Biker tremendus

    Registrato:
    19/12/09
    Messaggi:
    1.083
    condivido in pieno.. quando l'ostacolo sembra insormontabile è l'allenamento mentale quello che fa la differenza
     
  9. lkey

    lkey Biker ultra

    Registrato:
    12/8/10
    Messaggi:
    684
    Bike:
    Capra 29
    non nominare mai più il calcio..MAAAAAAI!! :-)
     
  10. CBbike

    CBbike Biker novus

    Registrato:
    1/2/13
    Messaggi:
    7
    7 ottobre - 7 febbraio. Esattamente 4 mesi fa un'elicottero mi ha prelevato dal Monte Baldo (zona malga Ime-VR). Dopo vent'anni di esperienza e diversi voli, solo questo lascerà un piccolo segno. Per grazia ricevuta ho 'solo' segnato due vertebre dorsali. Ho tolto il busto la settimana scorsa ma non nascondo di aver fatto prima un breve giro su asfalto. Questo per dire che, nonostante la botta e l'incomprensione di come quel volo sia potuto accadere, auguro ad ogni infortunato di "accettare" ragionevolmente l'accaduto e di ripartire gradualmente; magari anticipando i limiti ma di rimettersi gradualmente in sella :-)
    Con grande passione..Claudio
     
  11. CBbike

    CBbike Biker novus

    Registrato:
    1/2/13
    Messaggi:
    7
    Ehi giovanotto, 36anni...io ne ho 40. I tempi di recupero saranno un pò più lunghi ma son certo che se c'è passione e voglia di fare, gradualmente si può tornare a 100. Magari accontentandosi di 80 ma l'importante è non mollare :il-saggi:
     
  12. mymmo

    mymmo Biker tremendus

    Registrato:
    5/5/08
    Messaggi:
    1.355
    Grazie dell'articolo Davide, ci voleva proprio, gli ho dato una scorsa veloce poi con calma me lo leggo e lo rileggo ancora
     
  13. HUGEen

    HUGEen Biker paradisiacus

    Registrato:
    7/11/03
    Messaggi:
    6.469
    Porto la mia esperienza: mi presento sono Francesco e ho 40 anni e il 26 Dicembre 2011 in seguito ad un incidente ho riportato la frattura scomposta di tibia e perone... psicoriabilitazione iniziata 2 minuti dopo il fattaccio :-)

    [​IMG]

    Poi anche un pò di imagery-surgery-creativity :-) (scusate il piede non proprio da ballerina) :-)
    Piastra in titanio + 8 viti sulla tibia e chiodo epidurale nel perone.

    [​IMG]

    Vero quanto detto nell'articolo... la prima riabilitazione è quella che avviene in testa!

    Ho dovuto commutare e iniziare nuovamente dal 1990, commutando appunto la mia prima mtb :-) Appena ho potuto ho abbandonato l'asfalto, noioso e pericoloso anche passivamente ( :-) non sono abituato a farmi sfiorare dalle vetture). Guardavo la montagna dalla strada e a volte inghiottivo amaro... perchè la gamba doleva e avrebbe mal sopportato le asperità dei trails.

    [​IMG]


    Dopo 8 mesi di sali e scendi per 3 piani e 6 rampe di scale seduto su un cuscino che fungeva da ammortizzatore, sono riuscito a salire di nuovo in sella ad una MTB ...

    [​IMG]






    da allora ho incominciato a guardare il nastro d'asfalto dalla montagna. E' vero, è basilare prefiggersi degli obiettivi e raggiungerli, lottando, desiderando e infine arrivando. Poi sposti più in là il tuo prossimo obiettivo e vai avanti. Da alcuni mesi ho preso ad uscire nella pausa pranzo lavorativa, cosa a cui non avevo pensato prima dell'incidente... la qualità della mia vita è migliorata. Non mi sono fermato al recupero di quello che ero/facevo prima, ma sono andato avanti. :-)

    [​IMG] [​IMG]

    Scusate l'invasione di foto, ma mi esprimo meglio con le immagini che a parole! :-) Sperando che quanto detto sia da stimolo a chi, dopo un infortunio, si trova ad affrontare una riabilitazione dura e che non sembra mai avere termine! Stringete i denti, testa bassa e andate avanti... sempre!
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  14. Badorx

    Badorx Biker ultra

    Registrato:
    7/4/12
    Messaggi:
    686
    Cavoli, anche io sono in infortunio da una settimana e mezzo e per fortuna oggi ho avuto la conferma che non è niente di grave, ho del liquido nell'articolazione della spalla dx ma il tendine non è lesionato e non c'è lussazione. Con un pò di pazienza dovrei riprendere mobilità e forza al cento per cento.
    Mi dispiace molto vedere che altri hanno avuto incidenti gravi e mi fa capire sempre di più che l'imprevisto è sempre dietro l'angolo.
    Grazie per il bell'articolo e buona guarigione a tutti.
     
  15. Leons

    Leons Biker novus

    Registrato:
    20/11/11
    Messaggi:
    4
    Il 10.10.2010 mi sono rotto due costole. La parte difficile non è stata il repupero fisico o il fiato calato in due mesi di inattività. E' l'incapacità di fare qualcosa che prima era totalmente naturale, avere la sicurezza di un lavoro tecnico che ti è costato duro allenamento. Ho impiegato più di un anno per sbloccarmi dalle paura di una discesa ripida. Ma ora mi diverto più di prima. Chi la dura...
     
  16. BLACK JACK

    BLACK JACK Biker tremendus

    Registrato:
    4/2/08
    Messaggi:
    1.337
    Ciao a tutti.
    Sono fermo causa problemi alla schiena dai primi giorni di dicembre :-(
    e la voglia di pedalare in queste circostanze sembra stranamente crescere esponenzialmente.Probabilmente (quasi certamente) sarò operato, e la paura che mi sconsiglino di ritornare in bici è fottutamente mostruosa (scusate il francesismo!)
    Starò attento nel recupero post-intervento, scrupoloso, meticoloso, ma non voglio nenche pensarci a mollare la bici.
    Incrocio le dita insieme a quanti altri sono infortunati come me. Coraggio,del resto ragazzi... andiamo in bici, chi meglio di noi può sapere cosa vuol dire cadere e rialzarsi!?!?! :-)
    "NEVER STOP RIDING"!!!
     
  17. Haran

    Haran Biker superis

    Registrato:
    30/8/07
    Messaggi:
    314
    Mi aggiungo al gruppo!
    Caduta con iperestensione del pollice dx, nessun problema allo scafoide ma... lesione (credo permanente) della fibrocartilagine triangolare. Riassorbiti gli edemi, penso che un po' di dolore me lo darà sempre, mi sono rassegnato al fatto che localmente soffrirò precocemente di artrosi. Nulla di grave, però: solo qualche piccola difficoltà ad aprire i tappi dei barattoli più tosti ;-) e ora, a distanza di un anno, prevedo le giornate di pioggia con largo anticipo.
     
  18. outdom

    outdom Biker serius

    Registrato:
    18/10/11
    Messaggi:
    280
    sono fresco fresco di infortunio :scassat: domenica scorsa dopo un giro di 3 ore ultimo tratto sterrato curva in ombra con lastra di ghiaccio assassina non vista in tempo e brutto volo con rottura del polso dx e di una costola perdita di conoscenza per il dolore (credo) per fortuna poco dopo mi sono ripreso, in ospedale mi hanno tirato cercando di sistemare il polso ma purtroppo la frattura è scomposta e sono in attesa di operazione, io punterò al recupero fisico con tanta determinazione come già accaduto in passato ma il mio dubbio è che l'età avanza e i tempi potrebbero essere più lunghi, l'altro :nunsacci: dubbio è il fattore psicologico riuscirò a superare le mie paure che sicuramente ci saranno? La certezza che ho è che mi mancheranno tanto le uscite in bici, però anche i fattori esterni possono influire sulla psiche la famiglia, il lavoro la paura di farsi male di nuovo e credo che avere dei timori non sia il massimo per il recupero, io spero di riuscire a superare questi freni anche perché mi piace troppo andare in bici.:i-want-t:
     
  19. FabioBt

    FabioBt Biker marathonensis

    Registrato:
    7/9/06
    Messaggi:
    4.061
    Ciao!Sono risalito in sella il primo di Gennaio dopo che a fine Agosto sono stato operato di trimalleolare per una caduta in bici,ora ho una bella piastra in titanio e 8 viti.Visto anche l'inverno ancora non faccio tutto quello che facevo prima ma la voglia c'e' insieme ad un po' di paura ma ho visto che in sella non ho tanti problemi e sono fiducioso,ho qualche dolorino ancora quando cammino ed e' ancora un po' gonfia la caviglia ma in bici non mi da problemi anche alzandomi sui pedali e spero in primavera di tornare a fare di tutto.Sono stati 4 mesi duri e la prima cosa che viene in mente e' la paura di ricascarci ma penso che rinunciare sia la cosa piu' sbagliata anche perche' vado in mtb da 25 anni e ormai non potrei farne a meno,da premettere che non sono uno spericolato e vado sempre cauto,la caduta e' stata pura sfortuna per cui vale sempre la pena di riprovarci.
     
  20. chiccabiker

    chiccabiker Biker serius

    Registrato:
    21/1/08
    Messaggi:
    140
    la domanda che mi faccio sovente è: ma la forza della mente supera la forza del fisico??????

    .......compirò 40 anni a settembre, sono sempre stata sportiva fin da bambina, mai avuto infortuni di alcun tipo, se non le solite botte qua e la......pero' nel 2010 il cardiologo mi dice che ho un lieve prolasso mitralico, nulla di particolare ma da tenere sotto controllo.....vado avanti nella mia vita normale......stesso anno mi trovano una bella ernia al disco l5s1, vengo operata a novembre.....operata è un parolone visto che 5 mesi dopo scopro che hanno solo fatto finta...mi hanno fatto una bella spinale, anzi due perchè la prima non prendeva bene, mi hanno tagliata, hanno fatto non so cosa, ma l'ernia l'hanno lasciata.....nei 5 mesi in cui pensavo di essere "in regola" con la schiena mi impegno a fare tutte le ginnastiche del mondo, mi impegno a fare addominali e lombari per rafforzare la schiena, risalgo in bici.....e appunto dopo 5 mesi scopro che l'ernia è sempre li'......inizio di nuovo a inciampare quando cammino, dolori a schiena e gamba.........e vengo di nuovo operata dopo 11 mesi, anestesia totale 4 ore di intervento perchè non c'era solo l'ernia, ma anche un bel callo osseo che mi hanno scalpellato e tolto e inserito 2 belle viti in titanio (percudyn)........questo era ottobre 2012.....arria natale e dico al mio uomo che nella mia pazzia voglio correre la maratona di NY.......il neurochirurgo mi dice che per almeno 9 mesi niente corsa.....io a gennaio (3 mesi dopo) ero come rocky balboa, mi allenavo a -15 e nella neve.....ho iniziato a fare 10 minuti poi 15 poi venti e dopo 9 mesi facevo allenamenti per 4/5 volte a settimana di almeno 1 ora!!!!! a gennaio 2013 prendo l'influenza e il mio cuore fa le bizze dicono che ho un altro problema.......smetto di correre perchè mi hanno messo l'holter 24 ore la scorsa settimana e lunedi' 18/2 andrò a vedere i risultati e farò la visita cardiologica......sono 2 mesi che non corro e mentalmente sono da schifo perchè ho paura di uscire a correre visto che lo faccio sempre sola e corro nei campi e lungo dora in campagna.....ho paura che mi prende male e nessuno mi trova!!! lunedì aspetto l'esito e poi se non c'è nulla di nuovo al mio cuore ......corro, corro ,corro!!!!!

    ecco, vi ho raccontato la mia storia anche se non sono infortuni, ma vorrei trasmettervi che la mente va oltre il fisico e quando vogliamo qualcosa ci arriviamo con la mente dove non arriva il fisico......come invece la mente ci blocca anche se c'è il fisico!!!!

    siate positivi e avrete sicuramente + carica nei recuperi!!!!!

    ...........io spero di tornare a correre e rivedere + vicino il sogno della maratona!!!

    ah, sottolineo che anche con la mia schiena non ho mai smesso di fare free-ride.......in bici!!!!:i-want-t:

    buon recupero a tutti

    alessia
     
    • Mi piace Mi piace x 1
Sto caricando...

Condividi questa Pagina