Passo dei Bovi

Discussione in 'Viaggi e uscite in MTB' iniziata da nonnocarb, 2/9/10.

  1. nonnocarb

    nonnocarb Redazione

    Registrato:
    11/11/03
    Messaggi:
    14.160
    E’ notte. Piove. E vento forte, che fa sbattere le tapparelle. Neanche quattro ore di sonno. Mi sveglio di soprassalto. Per un attimo non connetto. Dove sono, che ore sono, ma specialmente, io chi sono? Qualche secondo di panico, poi mi ricollego. L’orologio digitale ha suonato puntuale alle 4. Mi alzo, mi sciacquo la faccia e comincio a vestirmi. Per fortuna ho preso la buona abitudine di preparare tutto alla sera, cosi in un attimo sono pronto e salgo in auto. Nessuno in giro. Imbocco la superstrada mentre sgranocchio un po’ di biscotti. La colazione in auto fa risparmiare altro tempo prezioso. Arrivo in autostrada, come da previsioni la pioggia cessa e verso est cominciano le prime luci dell’aurora. Bene, si prepara un’ottima giornata.
    Dopo un’ora e mezza arrivo a Campo Tures, 870 m, parcheggio e tiro fuori la fida Torque. Accendo il gps e imposto il giro che ho scelto per oggi: il passo dei Bovi (Ochsenlenke). Si tratta di un passo a quasi 2600 m. di quota, situato fra le valli di Riva e Aurina, e dalle indicazioni che ho raccolto su vecchie guide dovrebbe essere quasi completamente ciclabile. Vedremo.
    Comincio a salire verso il bel castello di Tures e da qui prendo la forestale 33 che sale ripidissima (che goduria per le mie gambe ancora fredde!) fino al maso soprastante. Da qui si segue la strada verso Acereto, dove, passato il centro del paese, si raggiunge il sentiero 10, che in realtà è una forestale che sale, sale e sale ancora, ho già fatto 1000 m di dislivello, ma quando è che si comincia a scendere verso Riva di Tures? Si esce dal bosco, siamo quasi a 2000 m, il panorama è magnifico ed ecco che la strada comincia a scendere. Dopo un po’ si imbocca un divertente sentiero che porta fino in centro al paese di Riva (1600 m) , dove trovo anche una rinfrescante fontana.
    Continuo a sx verso la Knuttental (valle dei dossi), dove con una comoda forestale si arriva alla malga Knutten, (1870 m) punto di arrivo di famigliole in scarpe da tennis. E’ l’ultima malga prima del passo, per chi arriva nel giusto orario un pranzo tipico è caldamente consigliato. Ma io ho poco tempo, e poi è passata da poco l’ora della colazione. Mi mangio uno dei due panini che mi sono portato e riparto. Subito dopo trovo un bivio, a destra si sale al passo di Gola (2294 m) , molto usato dai bikers che passano in Austria nel parco nazionale degli Alti Tauri e poi ritornano in Italia attraverso il passo Stalle e la valle di Anterselva. Ma io ho altri programmi, giro a sinistra e vado alla scoperta di questo sentiero che sale fino al passo dei Bovi.
    Pedalo facilmente il primo tratto, poi una rampa micidiale mi costringe a mettere il piede a terra un paio di volte, anche per il fondo sconnesso. Alla fine di questo tratto, per fortuna, la stradina comincia a salire con le classiche serpentine di stampo militare e la pendenza si addolcisce un po’.

    [​IMG]

    Il paesaggio comincia a diventare selvaggio, siamo ormai oltre i 2200 m e la valle è sempre più lontana.

    [​IMG]

    Dopo avere passato una piccola baita, la mulattiera diventa più sconnessa, l’erosione dovuta a pioggia e neve riduce la stradina ad uno stretto sentiero, ma la pedalabilità, tranne che in certi tratti, resta sempre buona, anche se al limite. Sono a 2400 m, guardo in alto e non riesco ad individuare dove si nasconde il passo,

    [​IMG]

    finche ad un certo punto il sentiero, passata una valletta, piega a sinistra e comincia a salire fra le rocce.

    [​IMG]


    Qualche breve tratto a spinta per superare dei tornanti e finalmente ecco li in fondo il passo, attorniato da prati e picchi di superba bellezza, a sinistra la Croda Bianca e a destra la Punta della Neve a quasi 3000 m di altezza.

    [​IMG]

    In breve raggiungo il passo situato a 2585 m, grossi nevai in scioglimento formano un bel laghetto d’alta quota,

    [​IMG]

    e con un ultimo intenso sforzo raggiungo il valico

    [​IMG]

    e dall’alto vedo il sentiero che scende con infinite serpentine lungo la valle della Lepre verso la valle Aurina.

    [​IMG]

    Mi cambio con calma e mi concedo il secondo panino mentre mi godo l’incantevole panorama. Mi attende una discesa da 1800m di dislivello e già me la pregusto.
    Dopo i primi tornanti in serie, un lungo rettilineo mi porta dall’altro lato della valle, incontro un nevaio e non resisto alla tentazione di cercare di passarlo alla massima velocità senza toccare i freni,

    [​IMG]

    naturalmente a metà la scivolata è assicurata.

    [​IMG]

    Mi diverto come un bambino, tant’è che torno indietro e ripeto il giochino, tanto fa caldo anche qui in alto e una rinfrescata fa solo piacere. Continuo a scendere, ogni tanto mi fermo e mi giro indietro per ammirare il panorama che continua a mutare,

    [​IMG]

    il passo è sempre più lontano.

    [​IMG]

    Il sentiero si trasforma ben presto in mulattiera, sempre con comodi tornanti e poi in strada forestale. Incrocio alcuni bikers tedeschi che salgono lentamente, un saluto e via, tanto la strada è obbligata, non ci si può sbagliare. Io invece sto attento, perché non mi va di scendere fino in valle sulla forestale e ho perciò individuato sulla carta un sentiero, il numero 1, che dopo la metà della discesa taglia a sinistra passando il rio della Lepre e scende verso la valle Aurina.
    Eccolo, faccio riposare un attimo i freni e mi butto nel bosco, il sentiero scende piuttosto ripido ma senza tratti tecnici e in breve arrivo in valle Aurina. Continuo sul n° 13 verso sinistra, poi sulla pista ciclabile e poi sul sentiero di valle lungo il torrente Aurino. Ormai sono quasi arrivato, la stradina è tutta in leggera discesa anche se Campo Tures è ancora lontano Qualche tratto in leggera salita mi fa faticare più del previsto, del resto dopo oltre 50 km e più di duemila m. di dislivello comincio ad essere un po’ stanco. Oltrepasso l’ultimo ponticello sulla ciclabile ed eccomi di ritorno a Campo Tures dopo sei ore dall’inizio del giro. E’ mezzogiorno, mi concedo un rinfrescante gelato nel bar vicino al parcheggio e riparto verso Dobbiaco, dove la famiglia mi sta aspettando per il (spero abbondante) pranzo

    Itinerario: http://itinerari.mtb-forum.it/tours/view/2785
     
    • Mi piace Mi piace x 3
  2. tostarello

    tostarello Moderatur ologrammaticus
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    15/11/05
    Messaggi:
    35.213
    eehh lo aspettavo questo report...

    bello, e che posti fantastici o-o
     
  3. mister1994

    mister1994 Biker urlandum

    Registrato:
    3/12/09
    Messaggi:
    535
    grande carb scegli sempre bei posti... ma piu che altro nn so cm fai ad andare quasi sempre solo! io ho una paura assurda da solo di cani o eventuali imprevisti!
     
  4. nonnocarb

    nonnocarb Redazione

    Registrato:
    11/11/03
    Messaggi:
    14.160
    butta giù un paio di kili che il prossimo anno lo fai anche tu ;-)
     
  5. maurizio62

    maurizio62 Biker tremendus

    Registrato:
    18/5/08
    Messaggi:
    1.252
    La fortuna arride agli audaci....... :mrgreen:

    Come sempre quando leggo i tuoi report qualcosa rosica dentro di me, ma non è invidia, è solo la voglia di percorrere sempre nuovi sentieri ....

    Grazie nonno....:prost:
     
  6. maurizio62

    maurizio62 Biker tremendus

    Registrato:
    18/5/08
    Messaggi:
    1.252
    Io penso che, soprattutto quando si fanno giri nuovi, in solitaria ci sia un gusto particolare, comunque se non ti senti sicuro vai sempre in compagnia che certamente ti divertirai di più...:prost:
     
  7. Tesa

    Tesa Biker velocissimus

    Registrato:
    15/2/10
    Messaggi:
    2.353
    Bellissimo Carb!
     
  8. piccoledolomiti

    piccoledolomiti Biker novus

    Registrato:
    24/4/10
    Messaggi:
    11
    Anche se non posso lamentarmi dei "miei posti" non nascondo un pò di invidia e pur dovendomi sorbire 3 ore di macchina, vale la pena per me, raggiungere ogni tanto quei posti, GRAZIE nonnocarb per condividere le tue esperienze!

    (già scaricata la traccia gps) :prost:
     
  9. maurizio62

    maurizio62 Biker tremendus

    Registrato:
    18/5/08
    Messaggi:
    1.252
    Ma hai fatto anche questa con l'autoscatto????

    Mitico, ottima scelta di tempo!!!:cucù::cucù::cucù:
     
  10. 10feetoverme

    10feetoverme Biker popularis

    Registrato:
    10/10/09
    Messaggi:
    89
    Stupendo, non ho parole! :)
     
  11. cjack

    cjack Biker tremendus

    Registrato:
    1/1/05
    Messaggi:
    1.200
    Caspita Carb, ma che posti splendidi!!!!! Complimenti davvero per i tuoi report. Letti prima di andare al lavoro sono davvero salutari!!!
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  12. nonnocarb

    nonnocarb Redazione

    Registrato:
    11/11/03
    Messaggi:
    14.160
    grazie e benvenuto nel forum o-o
     
  13. nonnocarb

    nonnocarb Redazione

    Registrato:
    11/11/03
    Messaggi:
    14.160
    grazie! preparati che in autunno si fanno un paio di uscite insieme o-o
     
  14. sembola

    sembola Moderatur cartesiano
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    27/2/03
    Messaggi:
    42.808
    Gran bel giro... io l'ho fatto al contrario, sfruttando però un passaggio fino a Casere da parte della moglie :mrgreen:
     
  15. orma

    orma Biker velocissimus

    Registrato:
    14/9/06
    Messaggi:
    2.433
    io come Sembola 1 ora prima/dopo di lui:smile:
     

Condividi questa Pagina