Pranzare in mezzo al giro

andry-96

Biker infernalis
16/5/17
1.853
693
23
Brescia
Bike
Giant anthem advanced pro
In un giro di 200-300 km le scorte di grasso le lascio usare a te. Io quando sono vicino al mio limite cerco di usare quasi solo carboidrati (incluso il glicogeno). Ci manca solo che essendo al limite delle mie possibilità uso il carburante di serie B.
E lo scegli dal manubrio che carburante usare?
Non sto dicendo che sbagli a integrare così ma finché non pedali in soglia i grassi li consumi eccome
 
  • Like
Reactions: kikhit

 

emmellevu

FAT-Biker meravigliosus
17/12/13
18.895
2.497
Monza e Brianza
Bike
Salsa Bucksaw, Specialized Diverge
E lo scegli dal manubrio che carburante usare?
Non sto dicendo che sbagli a integrare così ma finché non pedali in soglia i grassi li consumi eccome
Sì, ma raggiungi la crisi prima. E se sei vicino al limite ...

Poi, io ho dato un consiglio perchè faccio così. Tu sei di opinione diversa? Liberissimo di dare il consiglio contrario.
Io rimango dell'idea che su un giro vicino al limite è meglio dare al corpo abbastanza carbo per non necessitare di uso dei grassi.
 
  • Like
Reactions: andry-96

quorthon

Biker extra
1/9/08
758
87
roma
Bike
scott spark 60/720, bianchi
- portati €€€, bancomat e preparati per un eventuale piano B.
Questo lo faccio sempre, contanti in realtà di solito, l'unica cosa che mi porto in più forse sarà il bank del cellulare, ne ho uno molto piccolo che di solito porto quando faccio giri strani, sopratutto d'inverno
25 km/h di media in DBC non sono impossibili su un percorso facile di quella lunghezza, ma per un amatore probabilmente è già un ottimo risultato.
Ragionevolmente con una MTB (gomme da MTB) devi prevedere una media inferiore ai 20km/h, da te ipotizzata, probabilmente ti attesterai intorno ai 18km/h quindi sarai impegnato per 10 ore ed essendo un giro andata e ritorno saranno 5+5.
Non sarà una passeggiata ma è fattibile partendo presto alla mattina e mantenendo un ritmo non troppo elevato, se stai sempre in "zona aerobica" puoi pedalare anche per giorni, il corpo umano è fatto per questo.
Più degli aspetti nutritivi mi preoccuperei degli aspetti psicologici avrai sicuramente crisi del tipo "chi me la fatto fare" e la voglia di mollare potrà prendere il sopravvento ma se sei determinato dovresti riuscirla a fare.
Più delle gambe conta la mente.
Si, su quelle distanze 20kmh infatti è quanto di massimo, come detto sopra, in cui sperare. Ripeto che anche se non di questo genere, non sono nuovo a giri lunghi, con la mtb a prescindere dal copertone, non si cammina più di tanto, c'è poco da inventarsi, e in questi gironi quello di rimanere sotto soglia massima è quello che normalmente cerco di fare, che non è per nulla facile. Certo specie all'avvicinarsi della meta cominciano bei strappi, per fortuna lo sono in andata, li mi aspetto altro che fuori soglia....
Per gli aspetti psicologici hai ragione, ma mi aiutano molte le bestemmie devo dire..... ne ho un gran campionario.
 

elgrinta

Biker ultra
23/2/11
697
65
Sesto Fiorentino
Bike
X-caliber 9 - 2019
E lo scegli dal manubrio che carburante usare?
Non sto dicendo che sbagli a integrare così ma finché non pedali in soglia i grassi li consumi eccome
Sì, ma raggiungi la crisi prima. E se sei vicino al limite ...

Poi, io ho dato un consiglio perchè faccio così. Tu sei di opinione diversa? Liberissimo di dare il consiglio contrario.
Io rimango dell'idea che su un giro vicino al limite è meglio dare al corpo abbastanza carbo per non necessitare di uso dei grassi.
Corretto il discorso di entrambi, in realtà.
Ma non bisogna dimenticare che se ci sono disponibili zuccheri, vengono bruciati in ogni caso quelli in maggiore percentuale dei grassi. Per fare un esempio, in uno sforzo aerobico, tipo un lungo lento di corsa(faccio anche running), andando a passo molto rilassato, in genere il Polar mi segna in media il 24% di grassi bruciati; in bici sui lenti arrivo anche al 40% ... nella corsa fatico di più a tenere basso il cuore; il resto sono comunque zuccheri. Nelle sessioni veloci e con molti tratti di sforzo massimale invece non vado oltre il 17/18% di grassi bruciati; ovviamente sono dati calcolati in base a software e algoritmi che si basano sui miei valori cardiaci e sui dati personali(peso, età, etc...) ma grossomodo danno l'idea delle differenze. Ovviamente è vero che finchè non vai in soglia consumi più grassi, ma questo non significa che per consumare zuccheri tocca andare sempre in massimale, altrimenti un lungo non riuscirebbe mai a farlo nessuno perchè più alzi i ritmi e meno si dura, inevitabilmente. Altrimenti le maratone si correrebbero ai ritmi delle 100 metri... per intenderci (e non è assolutamente così...) :-D perciò credo che sia più che ovvio che un pedalatore tipo noialtri, che non siamo campioni, oltretutto di 50 anni, dovrà tenere un rtmo piuttosto basso se vorrà pedalare per 7/8/9 ore ....
 

andry-96

Biker infernalis
16/5/17
1.853
693
23
Brescia
Bike
Giant anthem advanced pro
Corretto il discorso di entrambi, in realtà.
Ma non bisogna dimenticare che se ci sono disponibili zuccheri, vengono bruciati in ogni caso quelli in maggiore percentuale dei grassi. Per fare un esempio, in uno sforzo aerobico, tipo un lungo lento di corsa(faccio anche running), andando a passo molto rilassato, in genere il Polar mi segna in media il 24% di grassi bruciati; in bici sui lenti arrivo anche al 40% ... nella corsa fatico di più a tenere basso il cuore; il resto sono comunque zuccheri. Nelle sessioni veloci e con molti tratti di sforzo massimale invece non vado oltre il 17/18% di grassi bruciati; ovviamente sono dati calcolati in base a software e algoritmi che si basano sui miei valori cardiaci e sui dati personali(peso, età, etc...) ma grossomodo danno l'idea delle differenze. Ovviamente è vero che finchè non vai in soglia consumi più grassi, ma questo non significa che per consumare zuccheri tocca andare sempre in massimale, altrimenti un lungo non riuscirebbe mai a farlo nessuno perchè più alzi i ritmi e meno si dura, inevitabilmente. Altrimenti le maratone si correrebbero ai ritmi delle 100 metri... per intenderci (e non è assolutamente così...) :-D perciò credo che sia più che ovvio che un pedalatore tipo noialtri, che non siamo campioni, oltretutto di 50 anni, dovrà tenere un rtmo piuttosto basso se vorrà pedalare per 7/8/9 ore ....
Chiaro, la percentuale di grasso consumata poi credo sia un fattore ben difficile da misurare in maniera precisa( immagino siano stime) mi sembrava corretto però dire che c’é sempre una quantità di grassi consumata che complica ancora di più i calcoli riguardo alle calorie consumate e a quanto reintegrare
 
  • Like
Reactions: elgrinta

Unicums

Biker lentus
31/5/16
251
150
Bike
Scott
Chiaro, la percentuale di grasso consumata poi credo sia un fattore ben difficile da misurare in maniera precisa( immagino siano stime) mi sembrava corretto però dire che c’é sempre una quantità di grassi consumata che complica ancora di più i calcoli riguardo alle calorie consumate e a quanto reintegrare
Non si può misurare, è soggettiva ed è impossibile da calcolare con precisione. L'ossidazione dei grassi come combustibile viene usata a basse frequenze cardiache, più il cuore accelera più il corpo preferirà il glicogeno e le proteine.

Ma per l'avventura dell'autore tenere frequenze cardiache basse è un dato assoluto. Tenere 20 km/h di media su 180 km di percorrenza è difficilissimo con una mtb.
 
  • Like
Reactions: andry-96

quorthon

Biker extra
1/9/08
758
87
roma
Bike
scott spark 60/720, bianchi
Allora, sabato ho effettuato questo giro. Di fatto benché tramite sia google maps e un'altro planner mi avessero dato intorno gli 82-85 km per tratta (che poi erano pure un poco più corti, in quanto non ho potuto considerare su quei due programmi quei pochi sterrati, non li riconoscevano come strada), il risultato del mio ciclo computer ha segnato meno ovvero 154 circa km totali, 76.24 in andata e quasi 78 al ritorno (effettivamente ho fatto delle deviazioni). Tralasciando se sia o no il mio cat-eye starato (d'altronde non l'ho mai tarato di preciso, lo settai con le impostazioni di default per una ruota da 27.5 e basta), prendiamo comunque in considerazione questo dato. 154km totali per un totale a fine uscita di 21,4 km h di media. Aggiungo che questi dati sono ulteriormente falsati perché sia in andata che al ritorno ho fatto una pausa, non più di 5 minuti, per mangiarmi una barretta.

Il senso è che all'andata è stata regalata, una passeggiata, complice anche la splendida giornata. Come sono arrivato però mi sono cominciati a piovere addosso affettati locali, ceste di fichi e altre cose locali. La fame c’era e oggettivamente non ho resistito, e arrivati a pranzo in barba a tutte le considerazioni e buoni propositi, mi sono mangiato i miei quasi 2 etti di pasta, oggettivamente condimento poco pesante, e un bel secondo di bistecca e verdure, frutta e un paio di biscotti e ovviamente caffè. Dopo un’oretta di codesta libagione sono ripartito. Nel dettaglio però va detto che da quando sono arrivato e sono ripartito l’intervallo è stato di meno di 3 ore diciamo 2 ore e tre quarti, una bella pausa.
Come sopra, quindi, sono quindi ripartito, ma molto meno appesantito di quanto avessi potuto immaginare, tant'è che sono ritornato a Roma senza nessun patimento, anzi, me la sono proprio goduta. La sera a casa ovviamente ho mangiato come un porco lurido, in più una bella bottiglia di nero d’avola e poi vuoto totale fino al mattino seguente, ma ce sta tutta…

Ho per la cronaca fatto questo giro con una Scott Spark 720 (27.5), copertoni RR evo 2.25 e mitica doppia 38-24 (non so come farò quando sarò obbligato al mono, ma questa è un’altra storia, esiste sempre il 12). Sottolineo 38, rapportone che con 27.5 me lo regala un bello sviluppo metrico.
Quindi, se anche meno km del previsto, se l'ho fatto io con questa tranquillità, penso che un poco tutti lo possano fare e fare anche di più con magari accorgimenti più appropriati, senza troppe radici quadrate o alchemici infusi.
Solo voglia di pedalare perchè e troppo divertente:yeah!::yeah!::yeah!:
 
  • Like
Reactions: Boro and andry-96

VinciTrail

Biker serius
29/5/18
202
60
34
Tesero
Bike
Torpado Nearco S Carbon
Allora, sabato ho effettuato questo giro. Di fatto benché tramite sia google maps e un'altro planner mi avessero dato intorno gli 82-85 km per tratta (che poi erano pure un poco più corti, in quanto non ho potuto considerare su quei due programmi quei pochi sterrati, non li riconoscevano come strada), il risultato del mio ciclo computer ha segnato meno ovvero 154 circa km totali, 76.24 in andata e quasi 78 al ritorno (effettivamente ho fatto delle deviazioni). Tralasciando se sia o no il mio cat-eye starato (d'altronde non l'ho mai tarato di preciso, lo settai con le impostazioni di default per una ruota da 27.5 e basta), prendiamo comunque in considerazione questo dato. 154km totali per un totale a fine uscita di 21,4 km h di media. Aggiungo che questi dati sono ulteriormente falsati perché sia in andata che al ritorno ho fatto una pausa, non più di 5 minuti, per mangiarmi una barretta.

Il senso è che all'andata è stata regalata, una passeggiata, complice anche la splendida giornata. Come sono arrivato però mi sono cominciati a piovere addosso affettati locali, ceste di fichi e altre cose locali. La fame c’era e oggettivamente non ho resistito, e arrivati a pranzo in barba a tutte le considerazioni e buoni propositi, mi sono mangiato i miei quasi 2 etti di pasta, oggettivamente condimento poco pesante, e un bel secondo di bistecca e verdure, frutta e un paio di biscotti e ovviamente caffè. Dopo un’oretta di codesta libagione sono ripartito. Nel dettaglio però va detto che da quando sono arrivato e sono ripartito l’intervallo è stato di meno di 3 ore diciamo 2 ore e tre quarti, una bella pausa.
Come sopra, quindi, sono quindi ripartito, ma molto meno appesantito di quanto avessi potuto immaginare, tant'è che sono ritornato a Roma senza nessun patimento, anzi, me la sono proprio goduta. La sera a casa ovviamente ho mangiato come un porco lurido, in più una bella bottiglia di nero d’avola e poi vuoto totale fino al mattino seguente, ma ce sta tutta…

Ho per la cronaca fatto questo giro con una Scott Spark 720 (27.5), copertoni RR evo 2.25 e mitica doppia 38-24 (non so come farò quando sarò obbligato al mono, ma questa è un’altra storia, esiste sempre il 12). Sottolineo 38, rapportone che con 27.5 me lo regala un bello sviluppo metrico.
Quindi, se anche meno km del previsto, se l'ho fatto io con questa tranquillità, penso che un poco tutti lo possano fare e fare anche di più con magari accorgimenti più appropriati, senza troppe radici quadrate o alchemici infusi.
Solo voglia di pedalare perchè e troppo divertente:yeah!::yeah!::yeah!:
bè intanto complimenti per aver portato a termine il tuo progetto.

Detto ciò bisogna anche vedere quanta salita hai fatto e comunque in ogni caso la tua ultima frase (che ho segnato in grassetto) direi che in parte sono d'accordo ma in ogni caso non generalizziamo o peggio rendiamo tutto più "semplice" di quello che è.. lo dico sopratutto per i neofiti che leggendo il tuo topic si fanno l'idea di poter mangiare come ludri e spararsi uscite mtb da 100km come ridere..
diciamo che la realtà è ben diversa..

poi ognuno è fatto a modo suo per carità.. personalmente non conosco nessuno (ed ho molti contatti tra varie squadre amatoriali di alto livello) che si fà 70km - pranza come un re - e si fà altri 70km.. poi ripeto, ognuno è fatto a modo suo
 
  • Like
Reactions: andry-96

quorthon

Biker extra
1/9/08
758
87
roma
Bike
scott spark 60/720, bianchi
bè intanto complimenti per aver portato a termine il tuo progetto.

Detto ciò bisogna anche vedere quanta salita hai fatto e comunque in ogni caso la tua ultima frase (che ho segnato in grassetto) direi che in parte sono d'accordo ma in ogni caso non generalizziamo o peggio rendiamo tutto più "semplice" di quello che è.. lo dico sopratutto per i neofiti che leggendo il tuo topic si fanno l'idea di poter mangiare come ludri e spararsi uscite mtb da 100km come ridere..
diciamo che la realtà è ben diversa..

poi ognuno è fatto a modo suo per carità.. personalmente non conosco nessuno (ed ho molti contatti tra varie squadre amatoriali di alto livello) che si fà 70km - pranza come un re - e si fà altri 70km.. poi ripeto, ognuno è fatto a modo suo
Il giro era molto tranquillo, lo specificai, la quota finale era sui 500 più tutti i sali scendi, tre quattro strapponi, tipici di un percorso totalmente collinare a parte il tratto della salaria piattissimo, nella piana del Tevere, una 25ina di km andà e altrettanti a tornà, vero unico serio problema di tutto il giro, credo che farsi una nuotata in mezzo ad un fiume con i caimani e piranas sarebbe meno pericoloso.... Quindi non saprei dire il dislivello complessivo, ma non cifre assurde, anzi.
Per quanto riguarda quello del messaggio fuorviante, credo proprio che tu abbia ragione e me ne scuso. Primo io sono abituato almeno una volta a settimana a giri di 70 km misti con dislivelli discreti (20-30% minimo di asfalto di trasferimento, quello purtroppo sempre, e il resto mtb) più in mezzo la settimana circuiti o similari, inoltre, sicuramente cosa più importante, metabolismo esageratamente alto e in linea di massima, mai avuto problemi di digestione, effettivamente molto è dovuto anche da questo.
Per quanto riguarda la "particolarità" del giro, si lo è, ma è una passeggiatona come definito più volte, quindi con lo spirito unico di rilassarsi e senza correre. Un amatore non credo, benchè ovviamente in grado di fare mooolto di più, si metta a fare un giro del genere, per un amatore le finalità, sono altre, non me lo immagino che la mattina si alza per fare il giro delle fraschette fossero anche 200km, tanto per pedalare. Con i RR evo...
Comunqe mi sono stancato, intendiamoci, solo che non sono arrivato con la lingua di fuori. Magari una decina di km in più mi avrebbero ucciso, che ne sai? So solo che non ho patito affatto quello che temessi, tutto qui.
 
  • Like
Reactions: VinciTrail