Report Prezzo fisso o sconto?

Discussione in 'Report e interviste' iniziata da Ser pecora, 31/1/18.

Tags:
  1. sembola

    sembola Moderatur cartesiano
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    27/2/03
    Messaggi:
    44.500
    Bike:
    una nera e l'altra pure
    Quanto costa la produzione del "bene" bici credo di averlo già ipotizzato. E' solo un'ipotesi ma che non credo sia
    lontanissima dalla realtà.

    Permettimi di insistere sul fatto che quali e quanti siano i passaggi successivi non lo si possa tralasciare. Altrimenti la curiosità facilmente diventa una demonizzazione generalizzata per cui l'operaio taiwanese è un ladro, il marchio è ladro, l'importatore è ladro e il negoziante pure. Dopo di che, finita l'indignazione si getta la spugna con gran dignità (cit.) e si torna a sbavare sull'ultima novità "irrinunciabile".
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  2. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    va bene.
    un container dall'asia viene per 4-5000 dollari?, stoccaggio, rappresentanti e distribuzione (che e' quella che ci guadagna meno).
    il punto e' che fra la produzione che costa all'azienda 50 compresi trasporti e il primo passaggio successivo a 700, il problema, gli altri prendono solo le "briciole".
    ma va bene cosi'
     
  3. sembola

    sembola Moderatur cartesiano
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    27/2/03
    Messaggi:
    44.500
    Bike:
    una nera e l'altra pure
    Al di là dei numeri precisi la mia personale opinione è che il grosso della torta non tocchi agli attori della distribuzione.
     
  4. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    infatti, gli altri che ho detto sono proprio quelli.
    pero' in altri casi e' non e' proprio uguale, ma sono altri settori
     
  5. ant

    ant Biker novus

    Registrato:
    4/6/04
    Messaggi:
    19
    Al di là dei numeri precisi che sono molto complessi da mettere insieme, soprattutto ora con la globalizzazione, anche io francamente non vedo il senso di conoscere il costo di produzione di un bene, come consumatore finale.
    Discorso diverso se sono un addetto ai lavori, chessò un analista di costo della Specialized...

    In occidente siamo nella società della conoscenza ed il valore di mercato è costruito con una tale complessità di operazioni di R&D, marketing, distribuzione, assistenza, logistica e chissà cos'altro ancora mi sto dimenticando.... che materie prime e produzione spesso sono il costo minore.
    Per parlare di cose comuni, il valore delle aziende della Silicon Valley non ha quasi niente a che fare con le materie prime che usano, o vogliamo dire che Intel è il costo del silicio?

    Quando compro un manubrio RaceFace non sto comprando un tubo di alluminio, sto comprando tutto quel lungo elenco di cose che ho scritto sopra, ed il signor RaceFace ci ha messo faccia, soldi e rischio, quindi se non mi sta bene posso sempre andare in ferramenta, comprare un tubo di alluminio del giusto diametro e piegarmelo con una calandra in garage, ammesso che ce l'abbia.

    Altrimenti compro "il manubrio RaceFace" che è qualcosa di molto molto molto distante da un tubo di alluminio.
     
  6. Lonewolf

    Lonewolf Biker superioris

    Registrato:
    17/3/08
    Messaggi:
    890
    Occhio che non è così facile determinare il costo di un prodotto, anche se non eccessivamente complesso come una MTB comunque non stiamo parlando di una maglietta: non c'è solo la catena di distribuzione a valle di cui si è parlato, ma anche tutto quello che sta a monte. Considerando il solo telaio ci sono i costi di progettazione e industrializzazione, allestimento della fabbrica, pensa solo agli stampi di idroformatura dei telai in AL che vanno anch'essi progettati e costruiti per le varie taglie. Tutti questi costi sono invarianti rispetto ai volumi produttivi e vanno quindi "spalmati", ergo il costo del singolo esemplare cambia parecchio se costruisci 1000 o 100.000 telai
     
    • Mi piace Mi piace x 3
  7. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    quello e' scontato, ma sono costi che le aziende portano in ammortamento e soprattutto non credo che facciano ogni anno.
    poi se produci 1000 o 100000 dipende anche da quanto ci vuoi guadagnare
     
  8. pk71

    pk71 Biker serius

    Registrato:
    15/12/08
    Messaggi:
    296
    Bike:
    Nicolai G16
    Conoscere le componenti di costo di un oggetto, prodotto o prestazione (bene inteso che parliamo di cifre importanti non solo qualche centinaio di euro) non è importante per conoscere il vero valore di quell’oggetto, che, come giustamente hai detto più volte, è determinato dal mercato ma non è fisso ed invariabile, oscilla entro dei valori.
    Cercare di capire la composizione di quel prezzo, non solo cercando costi di materiali o manodopera, ma valutando qualità, servizio e durabilità, ma anche moda e innovazioni tecniche, vuol dire capire chi ti sta prendendo per i fondelli e chi no. Perché io posso anche acquistare un prodotto simile ma ad un prezzo decisamente più basso, ma è solo analizzando quel prezzo che riesco a capire cosa “veramente” compro, perché, per assurdo quello che costa meno potrebbe avere una componente di utile enorme rispetto a quello che costa di più. Questo mi interessa non tanto per lo sconto, ma sopratutto perché normalmente per beni “normali” e non di lusso, ad una componente alta di utile è associata una scarsa qualità del prodotto, e vale sempre anche la regola “pagare poco, godere poco”. Poi, torno ad essere il bastardo che sono, se questa conoscenza mi permette di trattare con il venditore (scelto per qualità, assistenza, ecc. ) lasciando a lui la scelta di valutare la congruità della mia offerta, che c’è di sbagliato? siamo o no in un libero mercato? Altrimenti si stava meglio in Russia o in Cina quando tutti avevano la stessa macchina (quando gli toccava).
     
  9. Lonewolf

    Lonewolf Biker superioris

    Registrato:
    17/3/08
    Messaggi:
    890
    L'ammortamento in qualche modo va ricaricato sul costo del prodotto, i volumi dipendono dalle previsioni di vendita, gli stampi dipendono dal modello di bike che debbono produrre. I costi dell'impianto dipendono anche da quanti modelli diversi vengono prodotti. Questo per dire che il vero costo del prodotto dipende da talmente tante variabili che difficilmente una azienda te lo verrà a dire perché è intrinseco della sua competitività e capacità di stare sul mercato

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk
     
  10. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    certo, ma e' anche un costo in detrazione.
    sui volumi, se decidi che costera' piu' del modello omologo di un altro marchio a parita' di tutto, probabilmente saranno minori, derivati dalle minori vendite.
     
  11. pk71

    pk71 Biker serius

    Registrato:
    15/12/08
    Messaggi:
    296
    Bike:
    Nicolai G16
    P.S. Non è che quando compro qualcosa di “importante” per la bici mi mettto a fare i conti, è solo che mi domando se il negozio sotto casa non mi può vendere i soliti prodotti che ho visto su HiBike al solito prezzo, visto che HiBike nel suo costo ci considera componenti che di solito il negozio non ha, e parlo si costi di spedizione a zero su determinati importi, costi a zero per i resi ecc. Ecco come mi pongo con il negoziante, questo è il prezzo totale, ci arrivi anche te? È come chiedere la patonza ad una ragazza, se dice si è andata, se dice no si passa ad un’altra, senza tanti scandali :)
     
  12. Spisidda

    Spisidda Biker novus

    Registrato:
    26/11/15
    Messaggi:
    24
    Le spese gratis di spedizione/reso che non applica il sito non possono MAI competere con la parte che il "socio" stato italiano si mangia con il negozio fisico.
     
  13. pk71

    pk71 Biker serius

    Registrato:
    15/12/08
    Messaggi:
    296
    Bike:
    Nicolai G16
    Non ho ben chiaro il tuo discorso, comunque, ripeto, il mio obiettivo è quello di comprare nel negozio sotto casa(oltretutto negozi sono anche HiBike, CRC, bike-components, ecc. ) ma, se a lui va bene ad un prezzo ragionevolmente vicino a quello dei negozi online, se a lui va bene, altrimenti speriamo nella prossima volta. Però, a differenza di quelli che parlano di prezzo fisso e di negozianti “ladri” e comprano praticamente solo in online lasciando le macerie ai negozianti, io cerco di dare a loro l’ultima parola con la consapevolezza che non sarà mai, o quasi mai, lo stesso prezzo è che quel “+” valga il valore aggiunto del rapporto con una persona fisica vicina. Ovviamente se il gioco vale la candela, perché a volte, vuoi per i piccoli importi, ma sopratutto per l’impossibilità del negozio di reperire quello che cerco, mi rivolgo direttamente all’online.
    Rilancio lo slogan che mi piacerebbe vedere in un negozio “ compra dove vuoi ma prima chiedilo anche a noi”
     
  14. Spisidda

    Spisidda Biker novus

    Registrato:
    26/11/15
    Messaggi:
    24
    Dal tuo ms precedente mi era sembrato di capire che il negozio non sorbendosi costi di spedizioni/reso può in funzione di questo diminuire il costo di un qualcosa.
    Concordo con il chiedere al negozio prima dell'online,se può e non vuole farci il massimo guadagno,il negoziante farà il prezzo simile all'online pur di vendere e far girare la grana.
     
  15. pk71

    pk71 Biker serius

    Registrato:
    15/12/08
    Messaggi:
    296
    Bike:
    Nicolai G16
    Ti era sembrato giusto, questo però nei limiti di manovra del negozio. E poi preferisco vedere prima l’online e dopo il negozio.
    Il tutto sempre per importi considerevoli e nei limiti di coerenza e correttezza.
     
  16. D-Lock

    D-Lock Biker extra

    Registrato:
    13/1/07
    Messaggi:
    799
    Bike:
    In sofferente attesa della HighTower Mango...
    Tu presupponi che un risparmio interno debba per forza essere ribaltato sul costo finale, ma non è assolutamente certa la cosa. Ti porto due esempi concreti visti in prima persona:
    - un mio amico lavora per una banca di investimenti, e viaggia regolarmente a New York. Gestisce molti milioni di Euro, e la banca "pretende" che lui voli in business, perchè "deve" riposarsi e essere fresco perchè alle riunioni che fa una decisione sbagliata frutto della stanchezza del viaggio può costare 1000 volte più del volo. Ha senso "risparmiare" sul biglietto?
    - quando facevo il consulente ho viaggiato per l'Europa a spese mie, e il costo era annegato nel costo giornaliero al cliente. Ora, se ci siamo accordati per ipotesi per 1000€ a giornata e facciamo 4 giorni, a te cliente cosa ti importa se volo con Easyjet perchè voglio tenermi il più possibile di quei soldi, oppure una volta me la godo e vengo in business? Tu cliente hai concordato di darmi 4000€ in ogni caso...

    Non devi tralasciare poi che i benefit aziendali appagano i dipendenti, c'è chi guarda solo la busta paga, chi la business class (sempre meno, ma ci sono aziende note e cercate "anche" perchè fanno volare in business), chi la palestra in ufficio, o mille altre cose. Se vai al risparmio continuo, il rischio è per dirla all'americana "pay peanuts, get monkeys", ovvero se paghi poco hai un lavoro scarso. Assumi gente pagata male, trattala male, e poi dimmi della qualità del lavoro finale.

    Provocazione: io non so che lavoro fai, ma saresti disposto a vivere a pane e cipolle e quindi poter far pagare il tuo lavoro un terzo di quello che costa oggi?
     
    • Mi piace Mi piace x 2
  17. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    il lavoro è pagato un terzo di quello che costa nella stragrande maggioranza, molto più di quello che pensi.
    perché al tuo amico non basta arrivare alla meta, riposarsi due giorni prima di andare ai meeting invece di farsi portare champagne e avere massaggi in aereo (estremizzando)?
     
  18. D-Lock

    D-Lock Biker extra

    Registrato:
    13/1/07
    Messaggi:
    799
    Bike:
    In sofferente attesa della HighTower Mango...
    Perchè probabilmente alla Banca interessa che lui stia via meno giorni possibili e "produca" immediatamente sia quando è la che quando torna. Io ci ho volato alcune volte in business "overnight", e ti dico un bel chissenefrega dello champagne, e internet lo puoi avere anche in economy pagando. Ma poter stendere il sedile a farlo diventare un letto e dormire come dio comanda non ha paragoni.
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  19. Minitrek

    Minitrek Biker immensus

    Registrato:
    27/9/15
    Messaggi:
    8.070
    e' vero.
    però per uno che sta bene, si licenziano mille perché "c'è da risparmiare..."
    ah, intendevo che dopo la spa in aereo, si rilassa anche due giorni prima di lavorare...
     
  20. D-Lock

    D-Lock Biker extra

    Registrato:
    13/1/07
    Messaggi:
    799
    Bike:
    In sofferente attesa della HighTower Mango...
    L'avevo capito, ma appunto col volo in business sei molto più riposato e non ti serve (entro certi limiti) il giorno di recupero...
     
Sto caricando...

Condividi questa Pagina