1. Abbonati al nostro canale Youtube, clicca qui.

    Chiudi
Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

RandomTour 2019

Discussione in 'Dove pedalare, vacanze in MTB' iniziata da -Baloo-, 13/6/19.

  1. -Baloo-

    -Baloo- Biker extra

    Registrato:
    5/2/11
    Messaggi:
    791
    Decidiamo dove ci vedremo la prossima volta (e quando).

    Ho ricevuto questo consiglio via forum da @NATIGIGI

    Ciao,

    ho pianificato con GPSIES un giro che potresti fare in 3/4 giorni nei luoghi che secondo noi sono i più belli delle nostre zone.
    Fanno riferimento ad alcuni giri fatti da noi e ad una parte di giro fatto dal gruppo dei MIB.
    Questa è la mia idea:
    Partenza da Pontebba (provincia di Udine), si sale su asfalto fino al passo Pramollo, si sconfina in Austria e si può arrivare fino alla malga Tropolacher (dove noi abbiamo solo mangiato e mai pernottato) oppure fino alla malga Rattendorf, posto molto spartano ma accogliente dove noi abbiamo pernottato per due volte.
    Si riparte verso la parte più selvaggia del monte Cordin sfruttando l'Alta via Carnica scavallando tra Italia ed Austria più volte (vedi giro dei MIB). Possibile e consigliata sosta alla Straniger alm, per poi dirigersi verso Weidegger alm, effettuare circa 100m di dislivello di portage e trovarsi al Zollner see (per vedere il lago bisogna fare una deviazione che potete fare, anche se in estate il lago sarà asciutto) e al rifugio Zollner hutte. Volendo evitare di scendere alla Achornhac alm, giunti al passo, si può percorrere il sentiero 403 Alta Via Carnica come da mio percorso 175. Alla Zollner hutte si può pernottare o proseguire dapprima in discesa su ST e poi effettuando una parte di risalita su asfalto poco pendente per dormire in Italia al Cason di Lanza.
    Dal Cason di Lanza risalire fino alla Creta di Aip (traccia MIB), per poi ridiscendere fino al Passo Pramollo. Questa parte non l'abbiamo mai fatta ma ti posto il link del gruppo dei MIB che lo descrive.
    Perchè farti tornare a Pramollo? Perchè da li trovi il sentiero che in 200m di risalita a portage ti fa trovare la famosa e spettacolare discesa del Malvuerich, che termina sulla strada per Pontebba dove con una deviazione sul fiume eviterai l'asfalto.

    Le tracce:

    http://mib-trieste.it/2014/07/2-giorni-2014-da-passo-pramollo-a-malga-cason-di-lanza-e-ritorno/

    Il giro che ti propongo è più ampio di quello dei MIB, che ricalca solo la parte centrale del giro pianificato su GPSIES. Ovviamente credo che valuterai tu stesso i dislivelli ed il tempo di percorrenza.

    Miei percorsi N° 224 (con o senza variante da valutare sul mio percorso 175) e parte del percorso n° 256.

    Se poi hai ancora giorni a disposizione dai una occhiata al mio percorso 258 che ti fa pernottare una notte al bellissimo rifugio Marinelli al cospetto del re delle Giulie il monte Coglians.

    Eccoti la traccia mia pianificata su GPSIES
    Pso Pramollo-Rif.Tropolacher-Zollersee-C.Lanza-Creta di Aip- Malvuerich:
    http://www.gpsies.com/map.do?fileId...66DE65DBD55BED4E6FF735E59F69DD9C9905F047E7A51

    Se non leggi qualche link, mandami un tuo indirizzo mail che te li mando.
    Fammi sapere che ne pensi!! Ciao!!!
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  2. anatas

    anatas Biker perfektus

    Registrato:
    22/5/04
    Messaggi:
    2.800
    Sembra bello... io riuscirei o a metà di luglio o a settembre

    Sent from my SM-A510F using MTB-Forum mobile app
     
  3. Stex_mtb

    Stex_mtb Moderatur pelosissimus
    Membro dello Staff Moderatur

    Registrato:
    25/9/06
    Messaggi:
    3.085
    Bike:
    Santa Cruz Bronson

    Files Allegati:

  4. Maurett82

    Maurett82 Biker urlandum

    Registrato:
    27/5/16
    Messaggi:
    569
    Bike:
    Trek Fuel Ex 8
    Io il Malvuerich l'ho fatto a fine ottobre scorso, in giornata, partendo proprio da Pontebba.. Che dire, giro molto suggestivo ma sotto certi punti di vista un po' deludente, purtroppo la bici è stata più portata a mano che pedalata: per salire alla forcella ce la siamo caricata in spalla, ma fin qui era previsto, da lì doveva iniziare il divertimento, ovvero la discesa in costa , ma il trail era troppo dissestato causa frane, rocce, ecc, e praticamente siamo stati costretti più a camminare che pedalare.. Anche la parte successiva, nel bosco, era ripidissima, troppo.. Comunque se si è amanti di location spettacolari e un po' estreme lo consiglio senz'altro
     
    • Mi piace Mi piace x 1
Sto caricando...

Condividi questa Pagina