1. Traccia, mappa e info nella descrizione del video. Abbonati gratuitamente al nostro canale Trailguide, clicca qui.

    Chiudi

Utilizzo del reggisella telescopico

Discussione in 'Raida come mangi' iniziata da Jack Bisi, 18/4/13.

  1. panzer division

    panzer division Biker meravigliosus

    Registrato:
    28/7/03
    Messaggi:
    18.661

    io al momento sono senza bici da xc (venduta pochi giorni fa), ma se dovessi ricomprarmene una, non ci penserei su due volte a montare un telescopico.
    la comodità che si ha ripaga di quei pochi etti aggiunti.
    veramente non c'è paragone tra lo svantaggio del peso, e tutti i vantaggi di guida che conseguono al suo uso.
    ovviamente parlo per bikers "umani" ;-)

    i pro fanno discorso a se stante.
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  2. 86_Canaglia_MTB

    86_Canaglia_MTB Biker velocissimus

    Registrato:
    2/5/12
    Messaggi:
    2.541
    parliamo di GF con discese tecniche e su mulattiera, in single track anche tecnici, non so sono ancora perplesso vedremo

    Vorrei capire anche se il biomeccanico avrà poi problemi a metterti in sella nel caso
     
  3. panzer division

    panzer division Biker meravigliosus

    Registrato:
    28/7/03
    Messaggi:
    18.661
    il biomeccanico non avrà nessun problema. si seguono le stesse regole di altezza e arratramento di un reggisella fisso.
    la posizione bassa ovviamente non segue nessuna regola biomeccanica, serve solo per scendere + veloci e sicuri.

    cmq come scritto poco sopra, per me telescopico per sempre pure su una xc race , in caso di gare toste
     
    • Mi piace Mi piace x 2
  4. Hotwheel

    Hotwheel Biker tremendus

    Registrato:
    30/1/13
    Messaggi:
    1.311
    Davvero indispensabile nel fuoristrada di un certo tipo... sto già risparmiando per prenderlo.

    Grande invenzione.
     
  5. bikerciuc

    bikerciuc Biker infernalis

    Registrato:
    24/10/08
    Messaggi:
    1.917
    la posizione di mezzo, serve, sui tratti tecnici pedalati in cui si sta comunque seduti (massimizzando tra le altre cose il grip sul posteriore), o in trails di montagna esposti che richiedono di spingere sui pedali ma impongono anche una grande attenzione nella guida... in questi casi scendere di qualche centimetro con la sella può dare un grande vantaggio. Sia in termini di efficacia della pedalata sia in termini di sicurezza. Ho in mente tratti di salita come alcuni pezzi dei ciappi a finale per esempio... o alcuni mezzacosta che mi sono ritrovato a fare sopra Briancon verso in Bois de l'Ours... ho trovato grandi vantaggi nella posizione intermedia...già che la virtù sta sovente lì.
    Ritengo poi ottimali i modelli con regolazione continua della corsa piuttoto che quelli su/giù/mezzo...però segnalo che, in tal ottica, il Doss di Fox ha le posizioni: tutto su, giù di un paio di cm, tutto giù.
    Opinioni, come sempre... molto dipende da come e dove si utilizza la bicicletta, è poi probabile che dopo millemila metri di dislivello difficilmente si avrà la freschezza di spingere in piedi su certi gradoni..
     
  6. mikku

    mikku Biker urlandum

    Registrato:
    28/8/08
    Messaggi:
    557
    Personalmente, il vero limite del telescopico attualmente sta essenzialmente NEL PREZZO. I vantaggi sono evidenti: sull mia bike da AM-enduro i 400gr non fanno la differenza, mentre la possibilità di variare costantemente assetto di guida FA LA DIFFERENZA! Il mio specialized su tre posizioni, funziona agregiamente e mi ritrovo sempre nella posizione perfetta testata e ritestata in precedenza, a differenza dei telescopici "tradizionali". Ora comincio a sentirne la mancanza su quella in carbonio da xc, e pure su quella da Dh. Difficile, difficile, difficile tornare indietro.
     
  7. soulbiker

    soulbiker Biker tremendus

    Registrato:
    21/2/12
    Messaggi:
    1.092
    gran bella invenzione! poterselo permettere è un bell'accessorio.secondo me però è indispensabile esclusivamente nelle gare di enduro nelle escursioni si può anche spendere alcuni secondi x abbassare la sella a mano.generalmente si sale ,sale ,sale x poi scendere a tutta ed eventualmente anche un piccolo tratto con la sella bassa nn credo provochi serie conseguenze al fisico.ma come al solito tutto è relativo e soggettivo.
     
  8. panzer division

    panzer division Biker meravigliosus

    Registrato:
    28/7/03
    Messaggi:
    18.661
    beh dipende.
    a me capita spessissimo di percorrere sentieri con molti saliscendi, rilanci continui, rampe in salita seguite da brevi discese anche toste.
    li il telescopico è una manna dal cielo.

    non tutti pedalano su giri con una salita unica....
    da me ad esempio non esistono proprio giri simili, e un continuo andare su e giù.

    cmq la cosa + bella del telescopico è avere la sicurezza che anche se incontri due metri due di pendenza in mezzo al nulla, sai che puoi sempre abbassare la sella.

    io fin che non lo avevo, ne capivo l'utilizzo, ma mai avrei immaginato nel mio giro standard quante volte si potesse utilizzare.
     
  9. solitone

    solitone Biker velocissimus

    Registrato:
    9/7/10
    Messaggi:
    2.419
    Per me i problemi del telescopico sono:

    - l'affidabilità: scarsa, in relazione al costo;
    - poca scelta per il mio piantone da 27,5 mm.
     
  10. Fbf

    Fbf Biker marathonensis

    Registrato:
    23/9/06
    Messaggi:
    4.367
    Bike:
    Diverse!
    Concordo nella totale utilità del telescopico! Il vero grande "svantaggio" è il costo...
    Non credo vedremo mai dei pro con tale "oggetto"... se mai accadrà sarà la dimostrazione della potenza del marketing!!!! (Immaginate un Fontana o un Schurten dire : "è estremamente utile, non so come ho fatto senza prima" !!!!!!!!!)
     
Bozza salvata Bozza eliminata

Condividi questa Pagina