Quale gomma per quale larghezza di cerchio?

Quale gomma per quale larghezza di cerchio?

Daniel Naftali, 25/11/2019
Whatsapp
Daniel Naftali, 25/11/2019

La tendenza dei cerchi larghi ha ormai preso piede in tutte le discipline della mountain bike. Tralasciando il mondo plus e fat, che fanno caso a sé, anche sulle ruote “tradizionali” la tendenza più diffusa è di andare su cerchi sempre più larghi. La dimostrazione è che sono sempre di più i produttori ad offrire già di primo montaggio cerchi con canale da 27 a 30mm.

Largo è meglio?

Il trend dei cerchi larghi non è solo una moda, i vantaggi effettivamente ci sono.

Un cerchio largo tende infatti a “squadrare” la gomma, ovvero a renderla meno tonda. I benefici sono tendenzialmente:

  • La spalla lavora più “dritta”, quindi è più rigida e si tende meno a pizzicare
  • La gomma prende una forma più squadrata, i tasselli laterali sono più dritti e ne guadagna il grip in curva
  • La gomma tende meno a stallonare perchè lavora meno in torsione
  • Aumenta la larghezza dell’impronta a terra e quindi il grip e la capacità di galleggiamento sui terreni cedevoli
  • Si può scendere di pressione con conseguente maggior grip e trazione

Insomma, i vantaggi ci sono, anche se a scapito di un peso maggiore e di una maggior delicatezza del cerchione, specialmente se molto leggero. Detto questo però, sorge spontanea una domanda: per sfruttare al meglio i benefici di un cerchio largo, che gomma è meglio montare? Quali sono le caratteristiche (larghezza, disegno) del copertone ideale da montare su di un cerchio largo?

Cerchio largo e forma della gomma

Come abbiamo accennato la forma degli pneumatici cambia se si utilizza un cerchio più largo. La gomma risulta più squadrata sicuramente, ma una gomma troppo stretta mal si sposa con questo tipo di cerchi. In una gomma troppo stretta i talloni possono risultare troppo “aperti” ed il battistrada praticamente piatto.

Se da un lato un battistrada più squadrato aiuta sulla tenuta in curva, soprattutto grazie alle spalle più dritte che riducono la deformazione della gomma, un battistrada senza la giusta curvatura rende la bici molto difficile da guidare. Sappiamo bene che in curva la bici va inclinata, anche molto di più rispetto al corpo. Il battistrada deve avere insomma una certa curvatura, proprio per seguire questo movimento e far si che i tasselli non vadano a mordere troppo inclinati, con il rischio di perdere grip.

Per questo motivo una gomma troppo stretta in relazione alla larghezza del cerchio può essere una scelta controproducente. Non solo si ha una gomma “dura” da inserire in curva, troppo rigida sugli ostacoli, ma anche si avrà un grip molto “on/off”, ovvero una gomma che tiene per poi perdere aderenza all’improvviso. Ecco che perché una gomma troppo stretta non va bene.

Cerchi rigidi (carbonio) e dimensione della gomma

Un altro aspetto da valutare è che un cerchio largo, specialmente se in carbonio, è molto più rigido rispetto ad uno più stretto o in alluminio. Chiunque sia salito su di una bici con cerchi wide in carbonio si è subito reso conto di come cambia la guida della bici, non sempre in meglio.

Specialmente sullo smosso, sul bagnato o sui tratti ciottolosi, una ruota troppo rigida non aiuta. La bici schizza via facilmente, improvvisamente ed è difficile avere il giusto feeling con il terreno. Sono in tanti i riders che dopo aver montato ruote in carbonio, spesso anche molto costose, poi non hanno sentito miglioramenti, anzi si sono trovati in difficoltà.

Proprio per evitare questi inconvenienti, utilizzare un copertone più grosso è la soluzione al problema. Il maggior volume della gomma e la minor pressione che si riesce ad usare permette di “ammorbidire” la risposta di ruote molto rigide, rendendo la guida più facile ed intuitiva.

Immaginiamo di incontrare una radice a 45° lungo il sentiero: la gomma più grossa e gonfiata ad una pressione più bassa si deforma ed assorbe l’ostacolo evitando che la ruota rimbalzi via. Il risultato, anche alle alte velocità, è che la bici risulta più stabile e sicura.

Larghezza del cerchio e disegno della gomma

Ultima ma non meno importante accortezza nella scelta della gomma ideale per un cerchio largo è il disegno. Sulle gomme a “canali” (come il celebre Minion DHF) può capitare che con un cerchio largo i due bordini del cerchio vadano a coincidere con la porzione di battistrada a metà tra i tasselli laterali e quelli centrali. Il risultato è che, non essendoci tasselli in questa porzione di battistrada, è molto più facile tagliare il copertone se andiamo a pizzicare la gomma su qualche roccia.

Prendiamo come esempio la foto qui sopra: notiamo come i talloni di un cerchio più stretto combaciano con la tassellatura centrale, mentre i talloni di un cerchio più largo combaciano con il canale che si trova tra tassellatura centrale e quella laterale.

In caso di pizzicatura quindi nel primo caso il cerchio va a pinzare la gomma sui tasselli e sarà molto difficile tagliare il copertone, proprio perché rinforzato dallo spessore del tassello. Nel caso di cerchio largo il copertone viene pinzato dove non ci sono tasselli, dove il copertone è insomma più sottile ed è più facile che si tagli. Nel caso del Minion in questione, con i cerchi larghi sarà preferibile montare la versione da 2,5″ invece del classico 2.3″.

Non sempre è meglio andare su di una gomma più larga, ma in genere se la versione più stretta di una certa gomma non dà problemi sui cerchi tradizionali (quindi ha una larghezza dei canali laterali che non coincide con la larghezza del cerchio) va di conseguenza che la versione più grossa meglio si sposerà con i cerchi più larghi, avendo la tassellatura centrale più estesa. E’ tutto in proporzione: cerchio più largo, gomma più grossa.

Cerchio largo, gomma più grossa?

Quindi a conti fatti, conviene montare una gomma più grossa? La risposta è si. La gomma più grossa (2,4 dietro e 2,5 davanti ad esempio) è sicuramente la scelta ottimale per dei cerchi larghi, con canale sopra i 27mm di larghezza.

Chiaramente la dimensione e soprattutto la scolpitura della gomma andrà commisurata alla destinazione d’uso, così come la carcassa. Il mio consiglio è di cercare gomme con carcasse di medio spessore, ma con un volume generoso. Il peso tra un Minion DHF EXO 3C 2,3 e la stessa versione 2.5* cambia di 50g. Una differenza assolutamente impercettibile, così come non cambia più di tanto la resistenza al rotolamento. Quello che però cambia è l’assorbimento della gomma, il comportamento in curva e la guidabilità della bici.

Andando a montare gomme un pochettino più voluminose non si andrà a sacrificare particolarmente la resa in pedalata ma si potranno sfruttare appieno i benefici dati dai nuovi cerchi larghi, migliorando la performance generale della nostra bici. Provare per credere!

 

Commenti

  1. La regola è chiara, la vera capacità è gestire le eccezioni: io monto i vecchi ma sempre validissimi mavic crossmax enduro wts, e li la scelta va in direzione opposta e con sezioni differenziate (strette) tra anteriore e posteriore, io mi ci trovo da dio e quando ho provato i wide ho deciso di tenermi care care le mie (vecchie?) ruote!
  2. p84:

    Personalmente qualche anno fa passai dai cerchi 19 mm ai 23 mm e quei soli 4 mm facevano un mondo di differenza, sopratutto in piega e in appoggio. Quindi al posto tuo non sottovaluterei i 3 mm di differenza di cui parli
    Non vedo come possa essere applicabile la tua esperienza con la sua.
    Col 19mm eri nella parte piu bassa della larghezza dei cerchi da mtb, ormai buoni solo per le 2.0 o 2.1 (io ho la stessa larghezza sulla bdc, vedi te) e passando al 23 mm sei entrato nella media per utilizzo xc/trail.
    Lui è gia abbondantemente dentro la larghezza ottimale per il suo utilizzo, che è da 25 a 30mm.
    Dopo i 30 mm a mio avviso si iniziano ad avvisare i primi difetti del cerchio largo, su gomme normali non plus.

    Detto questo, probabilmente sarai passato a delle ruote piu performanti, al di la del solo cerchio piu largo. Se io ho delle ruote che vanno benissimo cambiare da 28 a 30 solo per la larghezza per me è come buttare i soldi nel cesso.
    Se poi mi dice che passa anche a ruote migliori allora possiamo parlarne
  3. federico.g:

    Non è una novità che i cerchi larghi hanno maggiore beneficio , basti pensare che le prime MTB lo avevano già largo, successivamente li hanno fatti stretti con profilo più alto e adesso sono ritornati larghi... Quindi non siamo ritornati alle origini....!!
    Sì infatti, ricordo benissimo i cerchi larghi in alluminio lucidato da 40mm e passa. Il concetto era di avere una ruota come la BMX ma portata a 26". Bellissimi. Poi nei '90 inizia la corsa al peso e tutto andava bene: hanno preso i cerchi delle bici da strada e li hanno fatti da 26".
    Pensa che nel '94 avevo i cerchi Fir Ciocco '91 in alluminio lucido, canale da 17 e SENZA bussole quando era la norma fare le doppie bussole: in pratica ogni nipplo era in appoggio su una rondella in inox. E per risparmiare 30 grammi si doveva ricentrare periodicamente la ruota.
    Ben venga il ritorno dei cerchi e delle gomme larghe, anche nella World Cup di XC c'era diversa gente con le gomme da 2.4