Giri in MTB Sulla cima del Gran Paradiso (4061m) in MTB

03 Feb - 11:02
raza
 

Commenti

  1. VinciTrail:

    ma certamente! Ed infatti me l'hanno detto.. è normale..
    il bello della montagna è anche quello che ognuno si assume le proprie responsabilità in base alla percentuale di rischio che si vuole prendere..
    Ma ripeto.. tra una solitaria alpinistica o sci-alpinistica (fatta si presume da chi è in grado di farlo e non si improvvisa cuGGino di Messner) è una bravata come quella di scendere dal GranPa a settembre/ottobre con la MTB non mi sembra la stessa cosa..

    Tanto per fare un paragone e come se dicessi: "ah si, vado a provare a fare un volo col parapendio o con la tuta alare" e mi lancio direttamente dalla montagna più alta.. Sarei liberissimo di farlo ma probabilmente non è la cosa più intelligente!
    ho sentito ogni tipo di storia sui ponti dei crepacci che tengono di più se sei due assi di legno rispetto ad una (diatriba sci/snowboard), ora manca quella che se sei a piedi tengono di più di quando sei in bici. Senza parlare delle valanghe che sarebbero più probabili se tagli il pendio con 1 lamina rispetto a due perché distribuisci il peso (....).

    Insomma, a me pare che loro siano andati e tornati senza incidenti, quindi inutile scomodare il soccorso alpino né tantomeno dire che una discesa ripida in solitaria sia più sicura di una discesa in bici dal più basso e facile dei 4000.
  2. Discorso sicurezza a parte, è un'interpretazione dell'AM che non capisco. 2000 metri di portage e discesa su ghiacciaio mi pare una faticaccia in ambo le direzioni
  3. Paragonare questa impresa alla Rampage o alle libere in free solo per me centra poco: alla Rampage gareggi in una competizione (quindi come in F1, MotoGP o le bocce), in free solo metti a repentaglio solo te stesso e se cadi spash.
    Non volete tirare in ballo il discorso soccorritori? OK, e gli alpinisti che in cordata si vedono sfrecciare in discesa questi (dopo circa 30 secondi di video..), non credo che ci fosse un grip ideale, se uno scivola fa strike!
    Il confine tra impresa (con i giusti rischi e gli applausi del caso) e la ca****a è labile, per me in questo caso siamo ben oltre il confine.
    Inviterei tutti a farsi un bel giro su un ghiacciaio un po' crepacciato, poi ne riparliamo...