SELLARONDA HERO 2019

 

Valtrompia1970

Biker tremendus
Feedback: 5 / 0 / 0
8/1/15
1.343
399
Brescia
Son venuto qui attratto da un post su facebook con l'intento di scrivere quanto bella fosse stata la mia prima Hero. Ero sicuro di leggere altre esperienze spettacolari simili alla mia: l'Ornella, il Pordoi, il Duron, il single track finale...
E invece ho trovato una quantità enorme di post di gente (ma quanto disagio c'è in giro) che con atteggiamento da pummarola pro canzonano in modo arrogante chi è arrivato qualche minuto dopo di loro (perché di questo stiamo parlando) atteggiandosi a grandi guru del ciclismo.
Ma davvero siete andati alla Hero con la convinzione di fare prestazione? Guardate che mentre voi eravate al quinto km già le prime 200 posizione erano belle che definite.

Quelli che provano fastidio dei ciclisti che si fermano nei single track in discesa somigliano a quei frustrati in macchina che non riescono a perdere 5 secondi della loro vita quando incontrano un ciclista per strada.
Io personalmente sono comunque riuscito a farmeli quasi tutti, i single track, nonostante il traffico, magari prendendo traiettorie che difficilmente avrei scelto con strada libera. Mi è valso come allenamento. Se poi voglio farmi single track veramente tecnici a cannone per divertirmi senza incontrare traffico non scelgo la Hero, ma l'Etna Extreme.
Nella maggior parte dei casi mi è bastato un educatissimo "pistaaa" o un "sono a sinistra, occhio" e per risposta ho sempre ottenuto la strada che mi necessitava. Addirittura c'è stato qualcuno che ha rischiato di farsi male per darmi strada.

Questa si chiama educazione e rispetto reciproco. Chi non è riuscito a darmi strada in tempo facendomi fermare è perché era in palese difficoltà. Che il tratto fosse più o meno tecnico non ha importanza. Ma non era il caso di farne una tragedia. Anzi. Sicuramente quella persona stava faticando molto più di me, e per questo merita tutta la mia ammirazione. Io sono arrivato intorno alla millesima posizione, ma ammiro tantissimo chi è arrivato ultimo o chi purtroppo non ha avuto il piacere di avere il tempo finale in classifica. Di sicuro loro hanno sofferto molto più di me, e io non sono nessuno per giudicare la loro condizione fisica o quanto impegno hanno messo per la preparazione.

Mettetevelo in testa. La Hero, ma anche qualsiasi altra gara (da quella di quartiere alla nazionale) per il 95% dei partecipanti, è sfida con se stessi e divertimento.

Se volete fare i fenomeni limitatevi a partecipare alla garetta del campionatino che avete scelto a inizio stagione, dove potete arrivare fra i primi 10 su 150 partecipanti per vincere il barattolo di salsa e fare gli splendidi su facebook.
Se vi da fastidio vedere gente in difficoltà che lotta contro i propri limiti, cambiate aria.
Se non siete in grado di superare le persone più lente senza rischiare incidenti, cambiate aria.
Se vi da fastidio che gente che si allena una volta a settimana sia arrivata pochi minuti dopo voi che vi siete scannati la vita a furia di ripetute, cambiate sport che non siete cosa.

Ps.: se siete arrivati 500° o 1000° sappiate che non siete arrivati ultimi grazie proprio alle persone che non ritenete degne della Hero. Per quanto mi riguarda i veri perdenti siete voi, e non quello che ha concluso in 11H e 30m che è e rimane il vero Hero della giornata.

E fatevela una cazzo di vita invece di riversare le vostre frustrazioni competitive sulla bici, che rovinate lo sport più bello del mondo con il vostro atteggiamento spocchioso e arrogante
Eccolo....mamma mia. Meno male che lui non è arrogante
 

cocoku

Biker infernalis
Feedback: 0 / 0 / 0
1/5/06
1.841
215
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
Andrea, lo so, ma il problema è che si generalizza troppo e nel calderone ci finiscono tutti, sia quelli che al Danter non ci sono arrivati nemmeno a piedi (e probabilmente non sapevano veramente quello che stavano facendo), sia quelli che passano il tempo a chiedersi se ce la faranno a superare i cancelli (e sai di che parlo... ;-) ) ma, anche se magari non rinunciano alla carbonara con un bel calice di lagrein, visto che siamo pur sempre in Alto Adige, mettono tutte le proprie energie disponibili , prima e durante la gara, per portarsi a casa sta maledetta medaglia di finisher in 11 ore.
Per questo, se non ha senso la partecipazione di quest'ultimi, allora, visto che è una gara e non si guarda il paesaggio, non ha senso neanche la partecipazione del 200° che la chiude in 6 ore scarse, dato che porta a casa solo la stessa maledetta medaglia di finisher...
Ma certamente...e so di che parli...tu mi conosci e sai quanta fatica faccio ad arrivare penultimo....io sono intervenuto perché un utente ha risposto in modo troppo polemico (per il mio giudizio naturalmente) ad un altro che faceva alcuni suoi legittimi appunti..come ben sai,io questa gara non la faccio per diversi motivi, il primo perché il lungo non credo di portarlo a termine..da qui la mia meraviglia per chi parte e si ferma al Dantercepies...

-------------------------------
inviato da cellulare
 

ceszij

Biker superis
Feedback: 0 / 0 / 0
26/3/11
426
208
cesano maderno
Ragazzi, ci piace andare in mtb? Si! Pensiamo a cosa ci accomuna piuttosto che a cosa ci divide!

E allora divertiamoci in sella e speriamo in griglie più sensate, che credo sia l'unica cosa (oltre all'amore per la bici) sulla quale siamo d'accordo sia le pippe, sia gli amatori veri...
Mi nauseano i toni eccessivi che si assumono quando parliamo di una passione comune, mica di politica o religione!

Per cui io vi dico:

ma quanto è bello il Danter e divertente la discesa super flow fino a Colfosco?

Ma quanto sembra di stare in capo al mondo quando si pedala tra Tabià e Pralongià?

Ma quanto è spettacolare il single da Sourasass alla strada per il Pordoi?

E il tratto dalla città dei sassi al Comici non è uno dei posti più belli del pianeta per stare sopra ad una bici?

E la risalita della Val Duron non vi fa sentire lontano da tutto, come se foste in Alaska?

E quanto è superlativo il single track finale flow flow flow di fianco a Selva (io lo chiamo tutti gli anni gli "Champs Elysees della MTB"!), quando ormai senti già gli altoparlanti del traguardo che festeggiano ogni singolo ciclista che arriva?

E l'ambiente all'arrivo con la musica, la calca, gli applausi e sorrisi sinceri di tutti i presenti, non è uno di quelli più coinvolgenti sul circuito?!?

E quanto ogni anno l'organizzazione cerca di migliorare il tracciato in generale e le zone in cui si creano tappi in particolare?

Visto che dopo le 5 Hero di fila ho tirato i remi in barca nelle ultime 3 edizioni, nell'ottica di rifarla in futuro ho alcune domande da porvi:
  1. dal Danter si scende proprio all'inizio dal flow trail del nuovo bike park (quello soprastante la SS del Gardena, prima di attraversare la strada) o ancora su mulattiera?
  2. il tratto del lungo tra Arabba e Ornella è ancora nel bosco su ST divertente tra radici e c'è ancora la prima parte di risalita verso l'attacco dell'Ornella su strada asfaltata, oppure è stato modificato?
  3. il fondo della mitica e odiata Ornella è più pedalabile di altri anni? Nelle 2 edizioni che feci del lungo un anno non riuscii a pedalarne praticamente nulla, dato che oltre alle pendenze immani il fondo era molto accidentato. L'anno del mondiale era invece una favola, molto più spianato e compatto e ne ho percorso diversi tratti in sella (abituato all'All Mountain mi piace troppo provare il limite del grip, ma resisto solo pochi metri vista la mia scarsa gamba!)...quest'anno com'era?
  4. la discesa del Pordoi ogni edizione che l'ho percorsa l'ho trovata modificata; sinceramente mi piaceva di più quella originale e tecnica ma capisco l'esigenza degli organizzatori di risolvere il principale tappo della manifestazione. Ricordo in particolare nelle ultime edizioni che avevano messo brecciolino bianco a smussare ed allargare alcuni tratti. Ora com'è, è stata ulteriormente modificata, allargata o spianata?
  5. uno dei miei punti preferiti era il ST tra Città dei Sassi e Comici ma, ahimè l'ultima volta che la feci, la costruzione di una funivia o seggiovia nuova ne aveva alterato il percorso, che era diventato più sterratone che ST (mi riferisco al "balcone" con vista su val Gardena e Odle, proprio di fianco all'impianto). Ora com'è, si va in ST fino al Comici o appunto anche questo è stato ampliato? (ditemi di no, per favore!)

Evviva la Hero, estikaqski!
 

Valtrompia1970

Biker tremendus
Feedback: 5 / 0 / 0
8/1/15
1.343
399
Brescia
Cosa vuoi. Mi piace tirar fuori le contraddizioni di gente come voi che giocano a "chi ce l'ha più duro" con i più piccoli, e un po' di arroganza mi serve per stanarvi :-D
Ti faccio un piccolo riassunto di cosa si stà discutendo.
1) la hero è una gara e come tale dovrebbe essere presa, quindi una preparazione adeguata a tale gara
2) modalità delle griglie in modo che chi la prende come una scampagnata non intralci quello che invece la prende come una gara
Qui non è a chi ce l'ha più duro o la bike più bella. Dici che è una sfida contro se stessi...bene..però se ogni metro di salita trovi quello che scende perchè non è preparato a tale gara un po' ti girano.
 
  • Like
Reactions: doghy

amadvance

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
7/2/16
139
76
48
www.mtbbergamo.it
Bike
ROOT MILLER / TRANCE E+2
la hero è una gara e come tale dovrebbe essere presa
Mi permetto di dire la mia su questo. Se l'organizzazione gestisce le griglie di partenza in questo modo, credo voglia dire che per LORO la gara la fanno solo quelli nella prima griglia.
Gli altri sono amatori che vogliono partecipare allo stesso evento dei professionisti con tutte le conseguenze del caso.

Piaccia o non piaccia, la HERO è questo per volontà degli organizzatori.
 

ceszij

Biker superis
Feedback: 0 / 0 / 0
26/3/11
426
208
cesano maderno
Ti faccio un piccolo riassunto di cosa si stà discutendo.
1) la hero è una gara e come tale dovrebbe essere presa, quindi una preparazione adeguata a tale gara
2) modalità delle griglie in modo che chi la prende come una scampagnata non intralci quello che invece la prende come una gara
Qui non è a chi ce l'ha più duro o la bike più bella. Dici che è una sfida contro se stessi...bene..però se ogni metro di salita trovi quello che scende perchè non è preparato a tale gara un po' ti girano.
Vero, ma leggi cosa ha IMHO saggiamente scritto sonic qualche post più in sù (e considera che lui non è pippa come me!); se uno ci impiega 9 o 10 h non è comunque una scampagnata!
Stiamo comunque parlando, in termini assoluti, di fare 3 o 4 mila metri di dislivello in bici. In nessun caso questo può essere ritenuto una passeggiata e si configura quale prestazione sportiva di per sè, IMHO. Anche a piedi sarebbe una cosa al di là del "normale"...

Tornando al discorso code, io che sono sicuramente ben più scarso di te (perlomeno a salire) trovo come te gente più impedita di me lungo il percorso, soprattutto all'inizio, e mi trovo a fare lo slalom esattamente come te sia in salita (meno) ma soprattutto in discesa (dove vado decisamente meglio). In termini assoluti anche io preferirei avere via libera...ma capisco che l'evento è anche questo e che devo mettere in conto certi "disagi". Ma perchè io devo sopportare questa cosa e te no? Perchè ci metti 7h30 ed io 10:30? booh...
A me non interessa il tempo finale, ovviamente, e a te si. A me però piacerebbe sciropparmi le discese in continuità, e non lo posso fare. Ma io lo accetto con un sorriso e mi godo tutto quello che la Hero sa offrire; non sarebbe più facile per tutti così?

Razionalmente credo comunque come te che sarebbe più giusto ed intelligente che cerchino di fare griglie più affini ai vari livelli. Poco sopra hanno comunque risposto ad un altro forumendolo, indicando i criteri di assegnazione delle griglie. Se vogliamo che li cambino, inviamo mail per richiederne la modifica: raramente ho trovato CO solerti come alla Hero nel rispondere alle mail...
 

Robywrc

Biker serius
Feedback: 0 / 0 / 0
31/10/14
244
71
BRESCIA
Mi permetto di dire la mia su questo. Se l'organizzazione gestisce le griglie di partenza in questo modo, credo voglia dire che per LORO la gara la fanno solo quelli nella prima griglia.
Gli altri sono amatori che vogliono partecipare allo stesso evento dei professionisti con tutte le conseguenze del caso.

Piaccia o non piaccia, la HERO è questo per volontà degli organizzatori.
Guarda che ci sono tante altre classifiche una per ogni categoria e suddivise anche per età... Ma questo già lo sai, comunque chi non vuole farla come competizione si iscrive come hobby e problemi finiti.Mia considerazione più di 4000 persone sono troppe per il tipo di gara, L'Alta Valtellina marathon mette il tetto a 2500 perché per loro è il tetto max di persone che permette un traffico scorrevole o perlomeno con pochissimi intoppi e li non trovi discussioni
 
  • Like
Reactions: cocoku and Billy78

Valtrompia1970

Biker tremendus
Feedback: 5 / 0 / 0
8/1/15
1.343
399
Brescia
Vero, ma leggi cosa ha IMHO saggiamente scritto sonic qualche post più in sù (e considera che lui non è pippa come me!); se uno ci impiega 9 o 10 h non è comunque una scampagnata!
Stiamo comunque parlando, in termini assoluti, di fare 3 o 4 mila metri di dislivello in bici. In nessun caso questo può essere ritenuto una passeggiata e si configura quale prestazione sportiva di per sè, IMHO. Anche a piedi sarebbe una cosa al di là del "normale"...

Tornando al discorso code, io che sono sicuramente ben più scarso di te (perlomeno a salire) trovo come te gente più impedita di me lungo il percorso, soprattutto all'inizio, e mi trovo a fare lo slalom esattamente come te sia in salita (meno) ma soprattutto in discesa (dove vado decisamente meglio). In termini assoluti anche io preferirei avere via libera...ma capisco che l'evento è anche questo e che devo mettere in conto certi "disagi". Ma perchè io devo sopportare questa cosa e te no? Perchè ci metti 7h30 ed io 10:30? booh...
A me non interessa il tempo finale, ovviamente, e a te si. A me però piacerebbe sciropparmi le discese in continuità, e non lo posso fare. Ma io lo accetto con un sorriso e mi godo tutto quello che la Hero sa offrire; non sarebbe più facile per tutti così?

Razionalmente credo comunque come te che sarebbe più giusto ed intelligente che cerchino di fare griglie più affini ai vari livelli. Poco sopra hanno comunque risposto ad un altro forumendolo, indicando i criteri di assegnazione delle griglie. Se vogliamo che li cambino, inviamo mail per richiederne la modifica: raramente ho trovato CO solerti come alla Hero nel rispondere alle mail...
Io in discesa non azzardo sorpassi se trovo uno più lento di me. Aspetto il momento migliore e poi gli dico dove lo passo. Però in salita alla prima rampa non puoi scendere dalla bici. Li è questione di allenamento. Ho visto gente scendere alla prima rampa sterrata della prima salita, dove parte la cabinovia. Ma cavolo...Se devo dire la mia sui tempi forse 10 ore per fare il corto sono tantine. Io non sono un fenomeno in salita, meglio in discesa, però nel 2016 con una bike da enduro in 7 ore abbiamo chiuso il corto (dal Pordoi in poi con la pioggia)
 
Ultima modifica:

superalberto

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
3/2/17
66
41
47
Cave
Bike
Trek pro caliber 9.7, 9.8 e 9,9
Ciao a tutti, al di la dei tempi, delle griglie, delle pippe e dei campioni (per quelli che ci si sentono ), vorrei dedicare un bel VAFFANCULO a tutti quelli che hanno gettato le carte per terra.
Due giorni dopo la gara ho ripercorso quasi tutto il tracciato del lungo (in elettrico ) ed è una vergogna per quante cartacce di gel, barrette, etc etc ho trovato lungo il percorso.
A voi tutti, maiali e finti amanti della mtb e della natura dedico il mio più profondo VAFFANCULO.
Il tutto per risparmiare forse 5 secondi per riporlo nella vostra tasca. Tempo perso ?
Delle vs 6 ore o meno per terminare il lungo non interessa a nessuno perchè il vs tempo a confronto di uno forte fa solo ridere ! Neanche i Pro ormai lo fanno più.
Siete scaduti, fuori moda. Fate pena !
Restate a casa se dovete sporcare queste zone per favore.
Scusate lo sfogo ma davvero non è giustificabile uno schifo del genere.
 

sembola

Moderatur cartesiano
Feedback: 77 / 0 / 0
27/2/03
47.669
4.210
53
Siena
www.sembola.it
Bike
una nera e l'altra pure
Tutti gli anni la solita storia e le solite baruffe tra "agonisti veri" e "chi fa le foto".

Capisco che sia gli uni che gli altri abbiano i loro motivi di disappunto, ma che sia così è cosa arcinota. Non c'è un minimo di qualificazione per iscriversi, per cui si sa fin dal primo momento che possono partecipare tutti,anche quelli alle prime armi, poco allenati, poco vogliosi di guardare solo il cardio o l'SRM (e quasi tutti i "vip" invitati).

Il problema delle griglie è che non sono quasi mai compilate in maniera meritocratica solo in modo da premiare i clienti più fedeli o più disposti ad aprire il portafogli. Anche questo si sa, se ci si iscrive occorre prenderne atto. Del resto le stesse categorie di tesseramento non sono basate sul merito ma solo sull' età,col risultato che un ex pro o un amatore "di mestiere" di 45 anni corre non contro i suoi pari ma contro biker della domenica.

Credo di averlo già scritto, ma per me l'errore di fondo è quello di credere che manifestazioni come la Hero siano solo e semplicemente delle "gare". Superata una certa dimensione inevitabilmente diventano degli eventi sportivi, finalizzati al marketing del territorio ed all'allungamento della stagione turistica.
 

sembola

Moderatur cartesiano
Feedback: 77 / 0 / 0
27/2/03
47.669
4.210
53
Siena
www.sembola.it
Bike
una nera e l'altra pure
Chissà perche tutto questo lo leggo solo sul forum della Hero e molto meno nelle altre marathon
Un po' perchè nelle altre marathon ci sono molte meno presenze, sia perchè i luoghi sono effettivamente meno "attrattivi" sia perchè non tutti possono permettersi la potenza di fuoco del marketing del SudTirol. Un po' perchè i percorsi delle altre marathon soffrono molto meno della disomogeneità dei partecipanti.
 

emilio78

Biker ciceronis
Feedback: 9 / 0 / 0
24/11/11
1.578
284
Rivergaro
Tutti gli anni la solita storia e le solite baruffe tra "agonisti veri" e "chi fa le foto".

Capisco che sia gli uni che gli altri abbiano i loro motivi di disappunto, ma che sia così è cosa arcinota. Non c'è un minimo di qualificazione per iscriversi, per cui si sa fin dal primo momento che possono partecipare tutti,anche quelli alle prime armi, poco allenati, poco vogliosi di guardare solo il cardio o l'SRM (e quasi tutti i "vip" invitati).

Il problema delle griglie è che non sono quasi mai compilate in maniera meritocratica solo in modo da premiare i clienti più fedeli o più disposti ad aprire il portafogli. Anche questo si sa, se ci si iscrive occorre prenderne atto. Del resto le stesse categorie di tesseramento non sono basate sul merito ma solo sull' età,col risultato che un ex pro o un amatore "di mestiere" di 45 anni corre non contro i suoi pari ma contro biker della domenica.

Credo di averlo già scritto, ma per me l'errore di fondo è quello di credere che manifestazioni come la Hero siano solo e semplicemente delle "gare". Superata una certa dimensione inevitabilmente diventano degli eventi sportivi, finalizzati al marketing del territorio ed all'allungamento della stagione turistica.

l'unica differenza rispetto agli altri anni è che di solito qs discorsi emergevano già prepotentemente prima della gara vera e propria...
qs anno calma quasi piatta prima della Hero e poi... fuoco alle polveri!
 
  • Like
Reactions: ceszij

ceszij

Biker superis
Feedback: 0 / 0 / 0
26/3/11
426
208
cesano maderno
Io in discesa non azzardo sorpassi se trovo uno più lento di me. Aspetto il momento migliore e poi gli dico dove lo passo. Però in salita alla prima rampa non puoi scendere dalla bici. Li è questione di allenamento. Ho visto gente scendere alla prima rampa sterrata della prima salita, dove parte la cabinovia. Ma cavolo...Se devo dire la mia sui tempi forse 10 ore per fare il corto sono tantine. Io non sono un fenomeno in salita, meglio in discesa, però nel 2016 con una bike da enduro in 7 ore abbiamo chiuso il corto (dal Pordoi in poi con la pioggia)
Concordo con te che scendere sulle prime rampe del Danter è un po' eccessivo, ancora freschi come si è. Che qualcuno sottostimi la durezza del tracciato è indubbio. L'importante è che chi scende dalla bici cammini perlomeno a bordo mulattiera o sul prato e lasci che gli altri passino, ma non sempre è così.
Anche a me è capitato di vedere queste cose ma sono fortunatamente riuscito a schivare quasi in surplace i vari tappi. Sul Danter ho avuto la fortuna di non dovere mettere il piede a terra se non una sola volta per un colpo di pedale a vuoto del ciclista davanti a me, e un'altra per il fondo estremamente sdrucciolevole (diluviava) sulla mega rampa appena prima dell'attacco della cresta finale, mentre per il resto è sempre andata bene...

Quando parlavo di 10h e più mi riferivo al lungo ;-)
Il corto per quanto mi riguarda sono ca.2h in meno...e il meteo raramente è stato clemente per tutta la giornata!
 
Ultima modifica:
  • Like
Reactions: Valtrompia1970

Railspike

Biker Blasphemius
Feedback: 6 / 0 / 0
22/9/15
1.491
500
Bike
Trek Fuel Ex 8
Si però tu di fesserie ne dici tante
Le cose sono due o leggi e non capisci o non leggi. In entrambi i casi il problema è tuo. E dovrei chiuderla qui...
...ma sono curioso: quali sono le fesserie? Così provo a spiegarle punto per punto, anche se non mi sembra di aver espresso concetti difficili.
 

bobo77

Biker popularis
Feedback: 0 / 0 / 0
8/8/13
58
17
Le cose sono due o leggi e non capisci o non leggi. In entrambi i casi il problema è tuo. E dovrei chiuderla qui...
...ma sono curioso: quali sono le fesserie? Così provo a spiegarle punto per punto, anche se non mi sembra di aver espresso concetti difficili.
Semplicemente non mi trovi d'accordo su nemmeno uno dei tuoi interventi, non sto a elencarli tutti, prendine uno a caso. Mi dispiace non voglio essere maleducato, tu hai diritto di esprimere il tuo punto di vista ci mancherebbe
 

Speed46

Biker ultra
Feedback: 0 / 0 / 0
23/4/07
607
40
Padova
Tutti gli anni la solita storia e le solite baruffe tra "agonisti veri" e "chi fa le foto".

Capisco che sia gli uni che gli altri abbiano i loro motivi di disappunto, ma che sia così è cosa arcinota. Non c'è un minimo di qualificazione per iscriversi, per cui si sa fin dal primo momento che possono partecipare tutti,anche quelli alle prime armi, poco allenati, poco vogliosi di guardare solo il cardio o l'SRM (e quasi tutti i "vip" invitati).

Il problema delle griglie è che non sono quasi mai compilate in maniera meritocratica solo in modo da premiare i clienti più fedeli o più disposti ad aprire il portafogli. Anche questo si sa, se ci si iscrive occorre prenderne atto. Del resto le stesse categorie di tesseramento non sono basate sul merito ma solo sull' età,col risultato che un ex pro o un amatore "di mestiere" di 45 anni corre non contro i suoi pari ma contro biker della domenica.

Credo di averlo già scritto, ma per me l'errore di fondo è quello di credere che manifestazioni come la Hero siano solo e semplicemente delle "gare". Superata una certa dimensione inevitabilmente diventano degli eventi sportivi, finalizzati al marketing del territorio ed all'allungamento della stagione turistica.
Concordo, la responsabilità di tutto questo polverone e astio che si crea è dell'organizzazione che non scagliona adeguatamente i partecipanti a seconda delle proprie prestazioni, ad esempio la GF TRE VALLI lo fa e ha risolto molti dei problemi di tappi ed ingorghi.
Poi se uno partecipa ad un evento del genere deve essere cosapevole che ci saranno più di 4000 partecipanti, di tutti i livelli, comprese bici elettriche, biker allenati e biker che ci metterebbero meno tempo a piedi che non in bici, queste sono le regole del gioco, questa è la hero, un evento costruito per massimizzare i profitti anche facendo leva sull'ego dei biker.

Io credo, che potrebbero portare il costo dell'iscrizione anche a 200 euro e ancora farebbero il pieno, ma se sulla maglia celebrativa mettessero il tempo gara del finisher, beh, avrebbero un bel pò di iscrizioni in meno
 

 

Discussioni simili

Risposte
4K
Visite
333K
A71
A
Risposte
0
Visite
566
Booz78
B
Risposte
3K
Visite
346K
istria
I
Risposte
83
Visite
18K
alvit70
A