full o front per la prostata?

 

pcortesi

Moderatur Azotatis
Membro dello Staff
Moderatur
8/1/04
6.728
33
45
Schilpario (Bg)
Bike
Specy Enduro Comp 2013 Custom - Canyon Exceed CF SL 6.9 PR
Sella bucata su qualsiasi bici, non sono solo le vibrazioni a creare problemi, ma lo schiacciamento della zona prostatica quando si è in sella, quindi sia che sia full, sia che sia front, sella bucata, e quantomeno farsi fare una buona regolazione della posizione in sella in un centro attrezzato..
 

monorotula

Moderatur
Moderatur
13/11/03
25.210
279
53
Collegno (TO)
www.mtbcucuzzoli.it
Purtroppo l'urologo raramente ne capisce di bici, parrebbe anche nel tuo caso. Quello che conta nella sella è che sulla zona perineale non gravi una pressione dello scafo, e quindi: la parte centrale deve presentare un avvallamento, mentre quella posteriore deve essere più pronunciata e rigida in modo da far sostenere il peso alla zona delle ossa ischiatiche (il kulo, per intenderci). Il fatto che ci sia il buco non significa nulla, ho personalmente provato selle col buco così malfatte da essere più deleterie di quelle senza.
E' importante anche anche la regolazione, in cui si preferisce tenere la punta della sella più bassa, e anche la posizione di seduta. Facendo l'abitudine a far perno col sedere sul posteriore della sella, aiutandosi con una leggera tensione della braccia sul manubrio, con determinate selle si riesce addirittura a tenere la zona perineale sollevata. Questo durante la pedalata, soprattuto in salita. Lo scotto da pagare è la tendenza all'indolenzimento delle zone d'appoggio, soprattutto durante le lunghe percorrenze, magari di più giorni consecutivi, ma è una roba da nulla, paragonata ai problemi di una prostata infiammata.
Riguardo la bici, la mia opinione è che la full sia quella più rischiosa, per il semplice fatto che, durante le discese o i tratti veloci mediamente sconnessi, si ha la tendenza (corretta peraltro) a stare seduti, scaricando parte o tutto il peso sulla sella. Una full da escursionismo però, non è in grado di filtrare totalmente le asperità, il risultato è che alla sella arrivano una moltitudine di microurti, più qualcuno meno micro, magari inaspettato, che risultano sicuramente deleteri, soprattutto in una situazione già a rischio. Sulla front questo non succede, in quanto, non appena la strada inizia a scendere, ci si alza decisamente dalla sella.
 

pcortesi

Moderatur Azotatis
Membro dello Staff
Moderatur
8/1/04
6.728
33
45
Schilpario (Bg)
Bike
Specy Enduro Comp 2013 Custom - Canyon Exceed CF SL 6.9 PR
diabolikus66 ha scritto:
e senza sella?!

:smile:
In quel caso niente problemi alla prostata, ma escono le emorroidi.. :smile:
 

Saku

Biker tremendus
20/3/04
1.027
0
diabolikus66 ha scritto:
e senza sella?!

:smile:
senza cè il rischio che il tubo reggisella sbatta direttamente contro la prostata.......... :smile: :smile: :smile: quindi di norma bisogna eliminare pure il reggisella :-P
 

giannimtb

Biker urlandum
12/12/04
592
0
65
Torino
www.giannimtb.it
possibile che non riuscite a fare due post di seguito seri....
:smile: :smile: :smile: :smile: :smile: :smile: :smile:

effettivamente se uno ha problemi alla prostata
è meglio che cambi sport... :smile:

non è il mio caso,
comunque ci sono state precisazioni importanti
sull'argomento:
la posizione della sella e in sella,
la pressione sulla zona interessata
e la durata dell'esercizio

sono i fattori più importanti,
al di là del tipo di bici, anzi.
Forse proprio la front,
anche se a prima vista non sembra,
garantisce meno rischi proprio per la
leggerezza e il mino tempo e pressione....

grazie a tutti
 

kikhit

Biker incredibilis
9/12/03
12.149
101
Torino
www.thegroupmtb.it
monorotula ha scritto:
Purtroppo l'urologo raramente ne capisce di bici, parrebbe anche nel tuo caso. Quello che conta nella sella è che sulla zona perineale non gravi una pressione dello scafo, e quindi: la parte centrale deve presentare un avvallamento, mentre quella posteriore deve essere più pronunciata e rigida in modo da far sostenere il peso alla zona delle ossa ischiatiche (il kulo, per intenderci). Il fatto che ci sia il buco non significa nulla, ho personalmente provato selle col buco così malfatte da essere più deleterie di quelle senza.
E' importante anche anche la regolazione, in cui si preferisce tenere la punta della sella più bassa, e anche la posizione di seduta. Facendo l'abitudine a far perno col sedere sul posteriore della sella, aiutandosi con una leggera tensione della braccia sul manubrio, con determinate selle si riesce addirittura a tenere la zona perineale sollevata. Questo durante la pedalata, soprattuto in salita. Lo scotto da pagare è la tendenza all'indolenzimento delle zone d'appoggio, soprattutto durante le lunghe percorrenze, magari di più giorni consecutivi, ma è una roba da nulla, paragonata ai problemi di una prostata infiammata.
Riguardo la bici, la mia opinione è che la full sia quella più rischiosa, per il semplice fatto che, durante le discese o i tratti veloci mediamente sconnessi, si ha la tendenza (corretta peraltro) a stare seduti, scaricando parte o tutto il peso sulla sella. Una full da escursionismo però, non è in grado di filtrare totalmente le asperità, il risultato è che alla sella arrivano una moltitudine di microurti, più qualcuno meno micro, magari inaspettato, che risultano sicuramente deleteri, soprattutto in una situazione già a rischio. Sulla front questo non succede, in quanto, non appena la strada inizia a scendere, ci si alza decisamente dalla sella.
ultimamente hai lavorato nel reparto di urologia????
 

BRETT

Biker poeticus
9/9/03
3.704
0
MILANO
monorotula ha scritto:
BRETT ha scritto:
diabolikus66 ha scritto:
e senza sella?!

:smile:
:smile:

Battute a parte, segui il consiglio sulla sella. Io ho risolto.
Hai risolto con la unsaddle? Ma è mica quella che gira?
No, con la S. Marco aspide gel.
Prima, alla fine di ogni uscita avevo dolori lancinanti. Poi ho cominciato a chiedere sul Forum a chi stava ore in sella e così ho risolto.
 

monorotula

Moderatur
Moderatur
13/11/03
25.210
279
53
Collegno (TO)
www.mtbcucuzzoli.it
kikhit ha scritto:
monorotula ha scritto:
Purtroppo l'urologo raramente ne capisce di bici, parrebbe anche nel tuo caso. Quello che conta nella sella è che sulla zona perineale non gravi una pressione dello scafo, e quindi: la parte centrale deve presentare un avvallamento, mentre quella posteriore deve essere più pronunciata e rigida in modo da far sostenere il peso alla zona delle ossa ischiatiche (il kulo, per intenderci). Il fatto che ci sia il buco non significa nulla, ho personalmente provato selle col buco così malfatte da essere più deleterie di quelle senza.
E' importante anche anche la regolazione, in cui si preferisce tenere la punta della sella più bassa, e anche la posizione di seduta. Facendo l'abitudine a far perno col sedere sul posteriore della sella, aiutandosi con una leggera tensione della braccia sul manubrio, con determinate selle si riesce addirittura a tenere la zona perineale sollevata. Questo durante la pedalata, soprattuto in salita. Lo scotto da pagare è la tendenza all'indolenzimento delle zone d'appoggio, soprattutto durante le lunghe percorrenze, magari di più giorni consecutivi, ma è una roba da nulla, paragonata ai problemi di una prostata infiammata.
Riguardo la bici, la mia opinione è che la full sia quella più rischiosa, per il semplice fatto che, durante le discese o i tratti veloci mediamente sconnessi, si ha la tendenza (corretta peraltro) a stare seduti, scaricando parte o tutto il peso sulla sella. Una full da escursionismo però, non è in grado di filtrare totalmente le asperità, il risultato è che alla sella arrivano una moltitudine di microurti, più qualcuno meno micro, magari inaspettato, che risultano sicuramente deleteri, soprattutto in una situazione già a rischio. Sulla front questo non succede, in quanto, non appena la strada inizia a scendere, ci si alza decisamente dalla sella.
ultimamente hai lavorato nel reparto di urologia????
Ho avuto un'infiammazione.
 

kikhit

Biker incredibilis
9/12/03
12.149
101
Torino
www.thegroupmtb.it
monorotula ha scritto:
kikhit ha scritto:
monorotula ha scritto:
Purtroppo l'urologo raramente ne capisce di bici, parrebbe anche nel tuo caso. Quello che conta nella sella è che sulla zona perineale non gravi una pressione dello scafo, e quindi: la parte centrale deve presentare un avvallamento, mentre quella posteriore deve essere più pronunciata e rigida in modo da far sostenere il peso alla zona delle ossa ischiatiche (il kulo, per intenderci). Il fatto che ci sia il buco non significa nulla, ho personalmente provato selle col buco così malfatte da essere più deleterie di quelle senza.
E' importante anche anche la regolazione, in cui si preferisce tenere la punta della sella più bassa, e anche la posizione di seduta. Facendo l'abitudine a far perno col sedere sul posteriore della sella, aiutandosi con una leggera tensione della braccia sul manubrio, con determinate selle si riesce addirittura a tenere la zona perineale sollevata. Questo durante la pedalata, soprattuto in salita. Lo scotto da pagare è la tendenza all'indolenzimento delle zone d'appoggio, soprattutto durante le lunghe percorrenze, magari di più giorni consecutivi, ma è una roba da nulla, paragonata ai problemi di una prostata infiammata.
Riguardo la bici, la mia opinione è che la full sia quella più rischiosa, per il semplice fatto che, durante le discese o i tratti veloci mediamente sconnessi, si ha la tendenza (corretta peraltro) a stare seduti, scaricando parte o tutto il peso sulla sella. Una full da escursionismo però, non è in grado di filtrare totalmente le asperità, il risultato è che alla sella arrivano una moltitudine di microurti, più qualcuno meno micro, magari inaspettato, che risultano sicuramente deleteri, soprattutto in una situazione già a rischio. Sulla front questo non succede, in quanto, non appena la strada inizia a scendere, ci si alza decisamente dalla sella.
ultimamente hai lavorato nel reparto di urologia????
Ho avuto un'infiammazione.
aih!
 

giannimtb

Biker urlandum
12/12/04
592
0
65
Torino
www.giannimtb.it
scusa monorotula,
vista la tua personale esperienza,
e per completezza di informazione,
mi potresti elencare qualche sella che
a tuo avviso è più indicata?

grazie :-?
 

monorotula

Moderatur
Moderatur
13/11/03
25.210
279
53
Collegno (TO)
www.mtbcucuzzoli.it
giannimtb ha scritto:
scusa monorotula,
vista la tua personale esperienza,
e per completezza di informazione,
mi potresti elencare qualche sella che
a tuo avviso è più indicata?

grazie :-?
Ne conosco poche, di selle; ora ho una san marco arami, con cui mi trovo a meraviglia. Se pedalo a lungo per più giorni inizio ad avere problemi sul didietro, ma al sovrassella tutto ok. Per le gite di un giorno invece nessun problema. Altrimenti c'è la san marco aspide arrowhead, come segnalava brett, che per le parti delicate va ancora meglio, essendo un pochino più rigida. Io ne ho una che uso come "riserva". Naturalmente la sella si deve adattare al personale, non ce n'è una che vada bene per tutti.
 

andreamasi

Biker novus
23/12/04
43
0
50
Roma
Ciao io al ritorno dalle uscite, il giorno dopo ho un indolenzimento in quella zona, ho controllato la sella ed è perfettamente in orizzontale, ho una Fizik Nesene.
Secondo voi è meglio che acquisti la San Marco gel? o quella che ho è equivalente?

Ciao e grazie
 

monorotula

Moderatur
Moderatur
13/11/03
25.210
279
53
Collegno (TO)
www.mtbcucuzzoli.it
andreamasi ha scritto:
Ciao io al ritorno dalle uscite, il giorno dopo ho un indolenzimento in quella zona, ho controllato la sella ed è perfettamente in orizzontale, ho una Fizik Nesene.
Secondo voi è meglio che acquisti la San Marco gel? o quella che ho è equivalente?

Ciao e grazie
Un tentativo lo farei di abbassare un poco la punta della sella.
San Marco gel quale?
 

axcxa

Biker assatanatus
5/4/04
3.382
1
52
Roma
Bike
giant anthem 1 29er 2018
da neo infiammato anch'io ho raccolto informazioni ed esperienze ed ho cosi..
1) ho acquistato una SMP spike, che provero questo WE, brutta brutta ma cosi nelle prove in 'casa' mi e' sembrato molto funzionale,
2) per la posizione sella ho letto su alcuni siti specializzati che la sella dovrebbe essere inclinata in avanti di circa 2 gradi, questo riduce notevolemte la pressione e quindi di conseguenza...
3) la full.. tu posizioni la sella perbenino, ma quando sali sulla bike entra in gioco il SAG, la bike si abbassa di un 10% e di conseguenza l'angolo sella cambia, almeno sulla mia ho notato questo, anche perche l'infiammazione l'ho avuta quando ho cambiato bike e sella (nisene)

ciao..
 

Discussioni simili

Risposte
83
Visite
5K
M
Risposte
14
Visite
912
Risposte
22
Visite
1K
Risposte
15
Visite
3K
terence88z
T
Risposte
7
Visite
576