Chiudi
Questo sito utilizza cookies. Chiudendo questa finestra acconsenti all'utilizzo dei cookies e approvi la nostra informativa sulla privacy.

manubrio leonardi

Discussione in 'L'angolo della verità' iniziata da Simof1977, 4/4/19.

  1. mirko.pagliai

    mirko.pagliai Biker superis

    Registrato:
    4/10/17
    Messaggi:
    445
    Bike:
    Trek Fuel EX7 / KTM Chicago 29"
    @Tc70 discorso sbagliato.

    O meglio: quello che dici è corretto. Ma, se relativizzato, perde di senso o meglio perde di opportunità.

    Provo a spiegarmi: è ovvio che, prima di porsi di problema della corretta coppia di serraggio, nessuno si ponesse il problema di rotture dovute a una incorretta coppia di serraggio.

    (parlo per ipotesi astratta, praticando io mtb da poco)

    In altri termini e volendo semplificare tramite un esempio: prima della recente scoperta del tal virus, cioè prima che l'uomo non venisse a conoscenza della sua esistenza, non è che non morivi a causa di quel virus, semplicemente assumevi quella morte come naturale.

    Non so se mi sono spiegato, spero di sì.

    Per inciso, e volendo abbondare di sincerità, essendo io un pippone è proprio con questo thread che ho scoperto il valore corretto per le leve. Per le leve, e solo per quelle, anche io sono sempre andato a sentimento, pur consapevole fosse ovviamente improprio e giusto perché è una delle poche parti (chissà perché?) dove i produttori si astengono dallo stampare il corretto valore sul componente.
    Però, nonostante io sia un pippone, fino ad oggi ho sempre evitato il carbonio non solo per ovvi limiti economici (non solo costa considerevolmente più di altri materiali, ma so che il costo di partenza non fa riferimento a una qualità sufficiente del materiale, per la quale si rende necessario investire ulteriori e ancora più pesanti risorse economiche), ma anche perché consapevole che il carbonio richiede attenzioni particolari, non propriamente alla mia portata (di capacità, ma anche di voglia e di tempo...).
     
  2. Andrea321

    Andrea321 Biker assatanatus

    Registrato:
    1/10/07
    Messaggi:
    3.278
    la rottura non è strana, il carbonio si rompe di netto quando si rompe, non si sfibra (è questo uno degli argomenti preferiti dei sostenitori dell'alluminio che prima di arrivare alla rottura si deforma in maniera plastica e in un certo senso "ti avvisa" mentre il carbonio ti abbandona di netto). Lungi da me l'idea di far ripartire l'eterna questione carbonio vs alluminio, era solo per chiarire.
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  3. Big Steak One

    Big Steak One Trattamento Sanitario Obbligatorio

    Registrato:
    10/7/18
    Messaggi:
    9.309
    Bike:
    Giant Dirt-E 2+ - Merida One Sixty 2
    Ahahahah Mirko ma Salukkio era ironico

    Sent from my SM-N950F using MTB-Forum mobile app
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  4. Boro

    Boro Biker celestialis

    Registrato:
    25/8/04
    Messaggi:
    7.335
    L'alluminio ti avvisa se ti accorgi della cricca, altrimenti non è detto che prima si deformi e poi si spacchi. Se si rompe per fatica ci molla e punto, se ci cadi sopra magari invece si deforma e noti il problema. Gente rimasta con mezzo manubrio mentre scendeva ce n'è con tutti i materiali.
    Che i componenti in carbonio e in genere uso mtb siano fatti per il 99% a Taiwan (se va bene) o in Cina (e qui gli standard sono i piu' disparati) come gran parte della manifattura in genere, che piaccia o meno, è un dato di fatto.
    Il punto e' che chi progetta (forse) e fa realizzare un prodotto che vende caro con un marchio, dovrebbe garantire che chi lo produce segua standard adeguati. Il prezzo che si paga in piu' e' per quello, se no, si prende un manubrio a caso su aliexpress a 25 dollari e tanto vale giocare la roulette...
     
    #44 Boro, 18/4/19
    Ultima modifica: 18/4/19
    • Mi piace Mi piace x 2
  5. salukkio

    salukkio Biker augustus

    Registrato:
    26/2/08
    Messaggi:
    9.335
    Bike:
    Transition Patrol - Dartmoor Hornet
    Comunque, per non saper ne leggere ne scriverei, ho una piega Renthal, acquistata in offerta.
    Preferisco spendere e avere un prodotto che ha un ingegneria alle spalle.
    Un mio socio con un manubrio made in china, alla seconda uscita lo ha rotto in salita, dando una leggere a botta ad un muretto a secco a lato di un sentiero.
     
    • Mi piace Mi piace x 2
  6. lupeaq

    lupeaq Biker superioris

    Registrato:
    19/6/15
    Messaggi:
    944
    L avevo capito io il senso ironico..ah ah addio!!

    Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app
     
    • Mi piace Mi piace x 1
  7. Boro

    Boro Biker celestialis

    Registrato:
    25/8/04
    Messaggi:
    7.335
    Anch'io ho il Renthal, mi fido del marchio e pago per la fiducia perchè non ho mai avuto delusioni. Cosi' deve funzionare altrimenti il marchio non ha alcun senso se non di status.
     
  8. lupeaq

    lupeaq Biker superioris

    Registrato:
    19/6/15
    Messaggi:
    944
    Il 90% delle marche in commercio, producono telai e componenti in carbonio in Asia. Si sa. Taiwan è un eccellenza in questo. Ma...un conto è comprare dalle marche note, che hanno controlli di qualità, processi di fabbricazione di un certo livello, ed un conto è comprare si Wish..Aliexpress ecc ecc. Nn si sa che fabbriche siano, nn si sa se sono affidabili ecc ecc...poi x carità, capita che compri da questi e tutto va bene. Ma è un terno al lotto secondo me.. e può capitare anche a marche note ed artigianali lo stesso problema si. Di certo ci sono 2 cose nel mondo. Ma cina in incognito ed un Leonardi, Rdr o renthal ecc ecc..io compro questi ultimi. Soprattutto x manubri ed attacco manubrio.

    Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app
     
  9. black33

    black33 Biker superis

    Registrato:
    9/5/17
    Messaggi:
    486
    Bike:
    OIZ 2019
    Cmq alla fine ho preso il Leonardi "Drake" e c'è chiaramente scritto con un adesivo in zona manopole la coppia di serraggio della zona "pipa" (5 Nm) e delle manette freni-cambio (3 Nm)... ;-)

    Speremo ben! :-|
     
  10. andry-96

    andry-96 Biker ciceronis

    Registrato:
    16/5/17
    Messaggi:
    1.570
    Bike:
    Giant anthem advanced pro
    Quello che intendevo e che non si vede quasi nessuna fibra sporgere, questo mi sembrava strano, poi di rotture sul carbonio non me ne intendo molto...
    Comunque se davvero la coppia di serraggio indicata è 3nm potrebbe essere quello il problema
     
  11. Andrea321

    Andrea321 Biker assatanatus

    Registrato:
    1/10/07
    Messaggi:
    3.278
    giustissimi i discorsi legati alla provenienza di un prodotto con più o meno controlli di qualità...ma anche risparmiare 40-50gr su un manubrio in carbonio, secondo me, non è la scelta migliore per quanto riguarda la sicurezza. Meno che meno acquistare un manubrio su cui il produttore, per tutelarsi, indica un limite di peso massimo del biker.
     
  12. salukkio

    salukkio Biker augustus

    Registrato:
    26/2/08
    Messaggi:
    9.335
    Bike:
    Transition Patrol - Dartmoor Hornet
    Io non l'ho preso per il risparmio del peso ma per lo smorzamento delle vibrazioni. Venivo da un Raceface turbine e la differenza è tangibile.

    Sent from my SM-G950F using MTB-Forum mobile app
     
    • Mi piace Mi piace x 2
  13. Andrea321

    Andrea321 Biker assatanatus

    Registrato:
    1/10/07
    Messaggi:
    3.278
    il risparmio di peso lo intendo tra un manubrio in carbonio extralight da 120-140gr e un manubrio in carbonio da 180gr o più (che dovrebbe ugualmente smorzare le vibrazioni senza avere i limiti di peso e di utilizzo di un manubrio extralight).
     
  14. emig72

    emig72 Biker superis

    Registrato:
    20/8/10
    Messaggi:
    394
    Bike:
    Niner Air9
    Ora i manubri più leggeri sono sui 90g.
     
Sto caricando...

Condividi questa Pagina