Questo sito contribuisce alla audience de

SELLARONDA HERO 2019

cocoku

Biker infernalis
1/5/06
1.804
203
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
Hai dedicato del tempo alla tua preparazione alla Hero per affrontarla come una gara (nota, è scritto gara, non manifestazione cicloturistica), finendo il lungo in 5:36 nel 2015, se non capito male. Immagino che essendo una gara tu abbia partecipato per vincere, appunto, perchè alla GARA, si va per vincere, non per arrivare decimo o undicesimo o peggio.
Questa è la classifica del 2014, quindi sapevi già più o meno i tempi dei partecipanti.
Vedi l'allegato 278034
Col tuo tempo, l'anno ti saresti posizionato 30esimo. Domanda: perchè hai partecipato alla gara (nota, è scritto gara, non manifestazione cicloturistica)? Pensavi di avere qualche possibilità? O ti sei preparato e hai partecipato comunque, conscio del fatto che non avresti avuto la possibilità di stare nemmeno fra i primi dieci?
"questa è la mia opinione: se uno arriva impreparato ad una gara di questo calibro (anche se riesce a completarla) di Hero non ha proprio nulla!": ripeto: cosa ci sei andato a fare? Perchè nel 2015, con 5 ore e 36 minuti la posizione sarebbe stata 111esimo, con la tua super-preparazione alla Hero. Ti senti un PRO o in diritto di dire chi possa partecipare e chi no dall'alto del 111esimo posto? Vuoi andare a spiegare a Lakata o Paez come preparsi? Suvvia, un po' di decenza e umiltà quando si parla.
Ah, dimenticavo: la bici da 12 kg in alluminio, sarà stata quella la discriminante a tuo sfavore.
Te lo potevi risparmiare questo commento....se fosse cosi come la pensi tu nemmeno Longo Casagrande e altri Élite non avrebbero dovuto partecipare perché non avevano certo la possibilità di vincere....ma dai....i commenti devono essere propositivi e non provocatori...

-------------------------------
inviato da cellulare
 
  • Like
Reactions: alemar67 and doghy

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8
Te lo potevi risparmiare questo commento....se fosse cosi come la pensi tu nemmeno Longo Casagrande e altri Élite non avrebbero dovuto partecipare perché non avevano certo la possibilità di vincere....ma dai....i commenti devono essere propositivi e non provocatori...

-------------------------------
inviato da cellulare
Ho usato il suo metodo di valutazione, non vedo nulla di provocatorio. Però hai detto bene, gli Èlite, i PRO, partecipano per vincere, lo fanno di mestiere, non lo fanno per hobby.
E concludo perchè, si evince dal tuo commento, che tu non abbia afferrato nemmeno lontanamente quanto da me scritto, di riprovare a leggere i post.
 
  • Like
Reactions: ceres67

Billo

Biker spectacularis
18/1/05
20.117
94
42
Nella Fucina di eroi.
Bike
1 Front race-1 Front enduro-1 BDC
Ho usato il suo metodo di valutazione, non vedo nulla di provocatorio. Però hai detto bene, gli Èlite, i PRO, partecipano per vincere, lo fanno di mestiere, non lo fanno per hobby.
E concludo perchè, si evince dal tuo commento, che tu non abbia afferrato nemmeno lontanamente quanto da me scritto, di riprovare a leggere i post.
Ma hai partecipato come tesserato, e quindi agonista, o come hobby?
 

Valtrompia1970

Biker tremendus
8/1/15
1.223
267
Brescia
In una gara esistono anche le categorie e non solo la classifica assoluta. 5 ore e 36 per fare il lungo è un bel viaggiare quindi tanto di cappello
 
  • Like
Reactions: istria

yuza delle nuvole

Biker novus
14/11/10
4
5
Merano
Ho fatto il lungo della Hero 4 anni fa, impiegandoci 5 ore 36 min. Non sono certo Paez, ma data la "difficoltà" della gara ho dedicato il tempo necessario alla preparazione, compatibilmente con i miei impegni. Per i 3 mesi precedenti alla gara ho dedicato mediamente 12h alla settimana, seguendo tabelle e smazzandomi per bene. Posso ritenermi soddisfatto della mia prestazione, poiché all'epoca utilizzai la mia bella bici in alluminio da 12kg!

Quest'anno un mio amico ha deciso di partecipare al lungo. Già da febbraio rompeva le palle che si doveva allenare, che doveva mettersi a dieta, .... E' stato bravino, perché con le condizioni meteo avverse di aprile/maggio ha comunque avuto voglia di fare mediamente 10h alla settimana in bici. Ma, arrivato il giorno della gara, il suo giro in allenamento con maggior dislivello aveva 1900m (e questa è l'eccezione, perché mediamente i suoi giri sono sui 1000m di dislivello). Non certo perché manchino le montagne nella mia zona. Non certo perché al mio amico gli sia mancato il tempo. Tuttavia, immancabile la notturna settimanale con i suoi amici, a seguire feston a tavola, così tanto per mettersi in dieta. Risultato, hero conclusa in poco meno di 9 ore.

Questi sono i due metri di paragone che utilizzo IO per affermare che metà delle persone che fanno il lungo arrivano completamente impreparate alla gara. Queste persone si iscrivono a questa gara (nota, è scritto gara, non manifestazione cicloturistica): 1. non per spirito competitivo, in tal caso gareggierebbero anche altri eventi in preparazione, che farebbe emerge il livello di preparazione dell'"atleta". 2. non per sfida contro se stessi, non per migliorarsi. Se questo fosse il caso, molte più persone arriverebbero "preparate". Tutte queste persone partecipano semplicemente perché nel nome della gara è scritto Hero, e nel pacco gara c'è una maglietta con stampato Hero! Se la gara si chiamasse con qualunque altro nome, non si iscriverebbero. Queste sono le stesse persone che se gli chiedi di venir a fare il giretto da 1000m di dislivello si inventano un mare infinito di fesserie pur di non levare il proprio culo dal letto.

Ora, ognuno è libero di pensarla come vuole e, cosa più importante, di buttare via i propri soldi nel modo che ritiene più opportuno. Tuttavia, questa è la mia opinione: se uno arriva impreparato ad una gara di questo calibro (anche se riesce a completarla) di Hero non ha proprio nulla! Hero è colui che decide di partecipare alla gara e si impegna al massimo per migliorarsi. Hero è colui che si smazza i mesi precedenti, che spinge i propri limiti. Hero rappresenta la dedizione, la voglia di crescere. Hero è anche colui che intuisce i propri limiti e sa che sarebbe d'intralcio ad altre persone che effettivamente vorrebbero gareggiare, quindi sta a casa. Hero è colui che si fa il giro un giorno diverso dalla gara, godendosi il panorama. Il resto? E' qualcos'altro.
-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Concordo (parzialmente) con te solo su una cosa: Tutte queste persone partecipano semplicemente perché nel nome della gara è scritto Hero, e nel pacco gara c'è una maglietta con stampato Hero!


A differenza tua, però, sono molto indulgente con questi amici biker e sai perchè? Anch’io faccio parte di questa brigata.

Eppure mi impegno per arrivare all’appuntamento preparato, mi sacrifico, mi smazzo nei mesi precedenti e, credimi, riesco a comprendere i miei limiti MA, partecipo lo stesso perché gli organizzatori pongono dei limiti di tempo (cancelli) che credo di poter affrontare e quindi non mi sento del tutto inadatto.

Rispetto a te e ad altri mille arrivati prima di me sono sicuramente inadeguato (è sempre il termine di paragone a far vacillare le certezze, non pensi? Anche tu, forse, saresti di intralcio a Paez), ciononostante perchè non dovrei partecipare? Se il padrone di casa non mi volesse metterebbe un limite di 7 ore e a quel punto avrebbe un iscritto in meno; invece no, lui mi vuole e a me parrebbe scortese non accettare il suo invito.

Se la gara si chiamasse Sellaronda Tour molto probabilmente parteciperei lo stesso ma con meno phatos. Questo sì. Gli organizzatori l’hanno capito e hanno sfruttato in modo geniale la cosa facendoci credere nel nostro intimo - per qualche istante - che siamo hero.

All’interno dei 130 eur di iscrizione è compreso anche questo ritorno alla fanciullezza.
 

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8
In una gara esistono anche le categorie e non solo la classifica assoluta. 5 ore e 36 per fare il lungo è un bel viaggiare quindi tanto di cappello
E ci mancherebbe. Pagherei già per finire la corta in sei ore. Il mio discorso non riguardava il tempo impiegato dall'utente, nè da chiunque altro, ma dal sentirsi in dovere di poter decidere e chi non sulla base del completo nulla (perchè se non sai chi è l'utente "X", quanti anni ha, stato di salute, allenamenti fatti, tempo che si può dedicare agli allenamenti, ecc...).
Senza contare l'indotto che produce una manifestazione come la Hero, con l'attuale apertura a tutti i partecipanti.
 

Valtrompia1970

Biker tremendus
8/1/15
1.223
267
Brescia
E ci mancherebbe. Pagherei già per finire la corta in sei ore. Il mio discorso non riguardava il tempo impiegato dall'utente, nè da chiunque altro, ma dal sentirsi in dovere di poter decidere e chi non sulla base del completo nulla (perchè se non sai chi è l'utente "X", quanti anni ha, stato di salute, allenamenti fatti, tempo che si può dedicare agli allenamenti, ecc...).
Senza contare l'indotto che produce una manifestazione come la Hero, con l'attuale apertura a tutti i partecipanti.
Ribadisco che per me sbagliano a fare le griglie. Davanti quelli che viaggiano e poi quelli che la prendono come una scampagnata. Così si evitano polemiche. Alla Rocky Mountain nell'iscrizione ho dovuto inserire a che velocità media l'avrei fatta.
 

Sonic_ITA

Biker tremendus
1/4/13
1.283
464
Gradisca d'Isonzo
Bike
Marin Team CXR 29er custom 2x (racing bike) - Marin Team CXR 29er custom 3x (training bike)
Ma hai partecipato come tesserato, e quindi agonista, o come hobby?
Occhio che i Master sono definiti Amatori. Agonisti sono solo gli Open (Elite e Under 23), se non vado errato.
E questo dovrebbe dare una luce diversa su molte delle amenità che ho letto...
 

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8
Ribadisco che per me sbagliano a fare le griglie. Davanti quelli che viaggiano e poi quelli che la prendono come una scampagnata. Così si evitano polemiche. Alla Rocky Mountain nell'iscrizione ho dovuto inserire a che velocità media l'avrei fatta.
E questo è un'altro discorso, e sono d'accordo.
E l'unica è usare i tempo di riferimento delle partecipazione ad anni precedenti o ad altre gare per creare delle griglie che abbiano un senso, perchè se si chiede all'iscritto, stando all'italiota maniera, si è tutti più bravi degli altri.
 
  • Like
Reactions: cocoku

cocoku

Biker infernalis
1/5/06
1.804
203
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
Ho usato il suo metodo di valutazione, non vedo nulla di provocatorio. Però hai detto bene, gli Èlite, i PRO, partecipano per vincere, lo fanno di mestiere, non lo fanno per hobby.
E concludo perchè, si evince dal tuo commento, che tu non abbia afferrato nemmeno lontanamente quanto da me scritto, di riprovare a leggere i post.
Eh no....i due sono metodi di valutazione diversi...tu gli hai chiesto del perché ha partecipato pur sapendo,in base alle classifiche precedenti,che sarebbe arrivato 30esimo....il suo ragionamento chiedeva del perché molta gente impreparata a finirla la gara...sono molto diversi i ragionamenti...da quì una riflessione...non sono arrivati oltre 320 atleti,ma una buona parte come unico riferimento ha il Dantercepies,che è un quarto di gara, da qui si evince la scarsa preparazione per un evento del genere....io per esempio vorrei fare la Salzkammergut,ma non mi sogno nemmeno di fare l'extreme,perché forse la finirei,ma in 24h,per cui,conscio dei miei limiti,non mi iscrivo...mi sembra una scelta sensata che abbia a cura della mia salute,perché, non dimentichiamolo,strafare a volte porta conseguenze disastrose..

-------------------------------
inviato da cellulare
 

lupeaq

Biker tremendus
19/6/15
1.084
277
L'Aquila
Bike
Rdr Ares
Ho fatto il lungo della Hero 4 anni fa, impiegandoci 5 ore 36 min. Non sono certo Paez, ma data la "difficoltà" della gara ho dedicato il tempo necessario alla preparazione, compatibilmente con i miei impegni. Per i 3 mesi precedenti alla gara ho dedicato mediamente 12h alla settimana, seguendo tabelle e smazzandomi per bene. Posso ritenermi soddisfatto della mia prestazione, poiché all'epoca utilizzai la mia bella bici in alluminio da 12kg!

Quest'anno un mio amico ha deciso di partecipare al lungo. Già da febbraio rompeva le palle che si doveva allenare, che doveva mettersi a dieta, .... E' stato bravino, perché con le condizioni meteo avverse di aprile/maggio ha comunque avuto voglia di fare mediamente 10h alla settimana in bici. Ma, arrivato il giorno della gara, il suo giro in allenamento con maggior dislivello aveva 1900m (e questa è l'eccezione, perché mediamente i suoi giri sono sui 1000m di dislivello). Non certo perché manchino le montagne nella mia zona. Non certo perché al mio amico gli sia mancato il tempo. Tuttavia, immancabile la notturna settimanale con i suoi amici, a seguire feston a tavola, così tanto per mettersi in dieta. Risultato, hero conclusa in poco meno di 9 ore.

Questi sono i due metri di paragone che utilizzo IO per affermare che metà delle persone che fanno il lungo arrivano completamente impreparate alla gara. Queste persone si iscrivono a questa gara (nota, è scritto gara, non manifestazione cicloturistica): 1. non per spirito competitivo, in tal caso gareggierebbero anche altri eventi in preparazione, che farebbe emerge il livello di preparazione dell'"atleta". 2. non per sfida contro se stessi, non per migliorarsi. Se questo fosse il caso, molte più persone arriverebbero "preparate". Tutte queste persone partecipano semplicemente perché nel nome della gara è scritto Hero, e nel pacco gara c'è una maglietta con stampato Hero! Se la gara si chiamasse con qualunque altro nome, non si iscriverebbero. Queste sono le stesse persone che se gli chiedi di venir a fare il giretto da 1000m di dislivello si inventano un mare infinito di fesserie pur di non levare il proprio culo dal letto.

Ora, ognuno è libero di pensarla come vuole e, cosa più importante, di buttare via i propri soldi nel modo che ritiene più opportuno. Tuttavia, questa è la mia opinione: se uno arriva impreparato ad una gara di questo calibro (anche se riesce a completarla) di Hero non ha proprio nulla! Hero è colui che decide di partecipare alla gara e si impegna al massimo per migliorarsi. Hero è colui che si smazza i mesi precedenti, che spinge i propri limiti. Hero rappresenta la dedizione, la voglia di crescere. Hero è anche colui che intuisce i propri limiti e sa che sarebbe d'intralcio ad altre persone che effettivamente vorrebbero gareggiare, quindi sta a casa. Hero è colui che si fa il giro un giorno diverso dalla gara, godendosi il panorama. Il resto? E' qualcos'altro.
5 e 36 il lungo è un tempone. Sei proprio forte!! Secondo me, tu ti piazzi sempre a podio nelle altre gare..o vinci la categoria. Vai davvero forte. Complimenti.

Sent from my EVA-L09 using MTB-Forum mobile app
 

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8
Eh no....i due sono metodi di valutazione diversi...tu gli hai chiesto del perché ha partecipato pur sapendo,in base alle classifiche precedenti,che sarebbe arrivato 30esimo....il suo ragionamento chiedeva del perché molta gente impreparata a finirla la gara...sono molto diversi i ragionamenti...da quì una riflessione...non sono arrivati oltre 320 atleti,ma una buona parte come unico riferimento ha il Dantercepies,che è un quarto di gara, da qui si evince la scarsa preparazione per un evento del genere....io per esempio vorrei fare la Salzkammergut,ma non mi sogno nemmeno di fare l'extreme,perché forse la finirei,ma in 24h,per cui,conscio dei miei limiti,non mi iscrivo...mi sembra una scelta sensata che abbia a cura della mia salute,perché, non dimentichiamolo,strafare a volte porta conseguenze disastrose..

-------------------------------
inviato da cellulare
No, mi spiace. Lui ha detto che "la Hero è una gara, non una manifestazione cicloturistica". Ora da che mondo è mondo se partecipi ad una gara lo fai per vincere, o sbaglio? Quindi sei conscio della tua preparazione e dei tuoi limiti, quindi la domanda nasce spontanea (diceva qualcuno): perchè ci si fissa su chi possa o non possa partecipare ad una manifestazione quando tu stesso (non tu, parlo in generale) dici di parteciparvi senza avere alcuna chance di arrivare nemmeno fra i primi 10 (che dovrebbero essere i premiati)? Con quale logica io non posso partecipare, tra l'altro iscritto come amatore/cicloturista, quindi conscio di non avere alcuna possibilità di vincere ,nè tantomeno di aver un piazzamento nemmeno a metà classifica fra tutti i partecipanti, e tu sì? Sarai più allenato di me, sicuramente, ma entrambi andremo a casa a mani vuote. E sicuramente farei da tappo come tu avresti fatto da tappo a qualcuno più veloce di te (e da qui torniamo al discorso griglie).
Ripeto: io, e parlo per me, sono partito ultimo, sono arrivato ultimo, con poca preparazione, jo finito la gara stanco tendente al moribondo, ho pensato più di qualche volta di mollare e tornare indietro, ma quando sono tornato a Selva sono sceso dalla bici col sorriso.
 
  • Like
Reactions: ceres67

istria

Biker tremendus
18/11/09
1.109
52
croatia
No, mi spiace. Lui ha detto che "la Hero è una gara, non una manifestazione cicloturistica". Ora da che mondo è mondo se partecipi ad una gara lo fai per vincere, o sbaglio? Quindi sei conscio della tua preparazione e dei tuoi limiti, quindi la domanda nasce spontanea (diceva qualcuno): perchè ci si fissa su chi possa o non possa partecipare ad una manifestazione quando tu stesso (non tu, parlo in generale) dici di parteciparvi senza avere alcuna chance di arrivare nemmeno fra i primi 10 (che dovrebbero essere i premiati)? Con quale logica io non posso partecipare, tra l'altro iscritto come amatore/cicloturista, quindi conscio di non avere alcuna possibilità di vincere ,nè tantomeno di aver un piazzamento nemmeno a metà classifica fra tutti i partecipanti, e tu sì? Sarai più allenato di me, sicuramente, ma entrambi andremo a casa a mani vuote. E sicuramente farei da tappo come tu avresti fatto da tappo a qualcuno più veloce di te (e da qui torniamo al discorso griglie).
Ripeto: io, e parlo per me, sono partito ultimo, sono arrivato ultimo, con poca preparazione, jo finito la gara stanco tendente al moribondo, ho pensato più di qualche volta di mollare e tornare indietro, ma quando sono tornato a Selva sono sceso dalla bici col sorriso.
Hai ragione, la slovenia va ai campionati mondiali di calcio per vincere.
 
  • Like
Reactions: bobo77

ceszij

Biker superis
26/3/11
412
193
cesano maderno
Io continuo a pensare che si stia sollevando un polverone assurdo per baggianate: e chi fa il bullo, e chi è forte davvero, e chi è pippa media, e chi è super pippa…

Sono pienamente convinto che tutti abbiamo lo stesso diritto di partecipare alle condizioni richieste dagli organizzatori; detto questo e pur appartenendo al gruppo pippe, mi andrebbe benissimo che i sedicenti “agonisti” o “amatori di alto livello” partano nelle griglie davanti, e mi sembrerebbe anche più logico onde evitare ingorghi evitabilissimi che ognuno si diverta come vuole con i suoi “pari”.

Non mi sta bene che si impongano invece paletti arbitrari o si diano giudizi sommari su chi va più piano perchè meno allenato (ma magari sa anche guidare meglio la bici di tanti "mulinatori accaniti", che vanno come saette a salire ma poi scendono dalla biga su un sassolino) e da un evento come la Hero cerca anche altro, oltre all’affanno agonistico. Nelle diverse gare provate non ho mai avuto problemi né a chiedere di passare né a spostarmi se qualcuno arriva più veloce; ci vuole solo buonsenso ed educazione, pippa o fenomeno che si sia.

Fai partire Paez oppure Lakata dall'ultima griglia e vedrai che bestemmioni che ti tirano dietro ;)
Hehehe ma loro non partono dietro, perché sono forti…allenati un po’ di più e non sarai inghiottito dagli inetti! ;-)
A parte gli scherzi, giusto sarebbe davvero fare griglie realistiche.

Una gara non è fatta per vedere e godersi il panorama.... Quindi se il vostro obiettivo è ammirare i posti non gareggiate
Va bene tutto, ma certe cose anche no: farsi la montagnetta di San Siro a Milano 80 volte e ti sei fatto il dislivello della Hero, ma è uguale? Il contesto FA PARTE della gara, e non a caso le gare sulle Dolomiti sono tra le più partecipate….l’ubicazione FA la differenza eccome, che stai a dire! Ti gasa uguale arrampicare sul Danter circondato da vette maestose che fare la Marathon della Brianza? Mi intristisce molto pensarti sulla biga in mezzo a montagne del genere senza che ti degni di guardarle….ma contento te!

possiamo tranquillamente affermare che se uno va alla hero per impiegarci 9-10-11-12 ore a completare il giro, le opzioni sono solamente due:

1. il concorrente si è fatto il giro cazzeggiando e godendosi il panorama. Rispetto questa scelta, io avrei fatto il giro non durante il giorno della gara, così da godere dei panorami e della convivialità locale, spendendo quei 130€ (o di più?!?!?) su altre cose. Ma questa è una scelta personale.

2. il concorrente è arrivato alla hero completamente impreparato.
E chi dice che metterci 9 h sia “cazzeggiare”? Chiedi ad un altro e cazzeggiare per lui sarà magari 7,5 h, mentre per un altro ancora 6,5, e così via; non capisco chi pensa di avere sempre la verità in mano!

La convivialità più genuina la si respira chiacchierando intanto che si beve e mangia ai ristori con gli strepitosi volontari e i compagni di avventura, sparsi in giro per le montagne…in più il giorno della gara si è accuditi dal punto di vista della sicurezza e meccanicamente, oltre ad avere per una volta i sentieri liberi da pedoni. Ti paiono pochi motivi per voler fare la gara al posto di una “normale scampagnata”?

Ho fatto il lungo della Hero 4 anni fa, impiegandoci 5 ore 36 min. Non sono certo Paez, ma data la "difficoltà" della gara ho dedicato il tempo necessario alla preparazione, compatibilmente con i miei impegni. Per i 3 mesi precedenti alla gara ho dedicato mediamente 12h alla settimana, seguendo tabelle e smazzandomi per bene..……

Quest'anno un mio amico ha deciso di partecipare al lungo. ….. Tuttavia, immancabile la notturna settimanale con i suoi amici, a seguire feston a tavola, così tanto per mettersi in dieta. Risultato, hero conclusa in poco meno di 9 ore.
Hai fatto un tempone assurdo praticamente da PRO, complimenti davvero!

Dopodiché penso anche che per arrivare “solo” 3,5 h prima del tuo amico, peraltro in un luogo magico come le Dolomiti dal quale nessuno vorrebbe andarsene ;-), ti sei “rovinato” la vita per mesi mentre lui se la spassava….ne vale la candela? De gustibus…

Questi sono i due metri di paragone che utilizzo IO per affermare che metà delle persone che fanno il lungo arrivano completamente impreparate alla gara. Queste persone si iscrivono a questa gara (nota, è scritto gara, non manifestazione cicloturistica): 1. non per spirito competitivo, in tal caso gareggierebbero anche altri eventi in preparazione, che farebbe emerge il livello di preparazione dell'"atleta".
Dal momento che il limite di tempo per la gara è definito per fortuna dagli organizzatori e non da noi (che lo accorceremmo ed estenderemmo a nostro piacimento!;-) ), metterci 10h per il lungo è totalmente in linea con lo spirito dell’evento.

Io faccio tutti gli anni qualche gara, ma solo dove l’ambiente o il tracciato mi stimolano, altrimenti in effetti non ci provo gusto a correre come un dannato. Mi viene da pensare che le gare XC siano quelle forse più adatte a chi vuole solo correre a testa bassa…le marathon sono anche un “viaggio” nel cuore delle Alpi, in questo caso.

A leggere chi pedala a testa bassa pare non interessi l’ambiente circostante (ma perché sciropparsi allora tanti costi e km per andare fino a là?), e forse questo comportamento dissociato dal contesto mi consente di spiegarmi la quantità di gel e barrette che trovo sui sentieri di alta montagna. Io e tanti come me che corriamo per godere dell’evento a 360° non ci interessiamo certo dei 30” che ci mettiamo a depositare i rifiuti presso i ristori. Per inciso, in tante manifestazioni i volontari (senza i quali neanche gli agonisti potrebbero correre in condizioni adeguate) hanno più e più volte rimarcato che è la massa dei partecipanti meno esagitati a dargli la forza di stare lì aggratisse a servire i ciclisti per ore, scambiando 2 chiacchiere in allegria, e non godono certo con quelli che arrivano incaxxati per i tappi, che gettano le robe per terra e non ringraziano neppure…l’applauso dei volontari al rif. Auronzo l’anno scorso per me è valso più di qualunque trofeo durante la compianta 3 Cime!

2. non per sfida contro se stessi, non per migliorarsi. Se questo fosse il caso, molte più persone arriverebbero "preparate". Tutte queste persone partecipano semplicemente perché nel nome della gara è scritto Hero, e nel pacco gara c'è una maglietta con stampato Hero! Se la gara si chiamasse con qualunque altro nome, non si iscriverebbero. Queste sono le stesse persone che se gli chiedi di venir a fare il giretto da 1000m di dislivello si inventano un mare infinito di fesserie pur di non levare il proprio culo dal letto.
Assolutamente questa è IMHO la più grande mistificazione della Hero. Che il nome abbia appeal, nessun dubbio. Che farebbe il pienone lo stesso con qualunque altro nome, ne sono pienamente convinto. Un contesto simile è duro da trovare altrove in così poco spazio: 4 valli (e che montagne!) in una pedalata sola, TOP-TOP-TOP!

Durante l’anno facendo All-Mountain mi capita di fare giri tra 1500 e 2300 m di dislivello; durante le gare ne ho fatti diverse volte oltre 3 e 4 mila. Lo stimolo della gara, che sia per un amatore forte o per un pippone, c’è eccome! I tanti volontari e la gente che ti incita, le aspettative dei mesi precedenti, gli scenari lontani da casa che ti sei sognato tante notti…la motivazione vale per tutti, che ci crediate o meno!

Ora, ognuno è libero di pensarla come vuole e, cosa più importante, di buttare via i propri soldi nel modo che ritiene più opportuno. Tuttavia, questa è la mia opinione: se uno arriva impreparato ad una gara di questo calibro (anche se riesce a completarla) di Hero non ha proprio nulla! Hero è colui che decide di partecipare alla gara e si impegna al massimo per migliorarsi. Hero è colui che si smazza i mesi precedenti, che spinge i propri limiti. Hero rappresenta la dedizione, la voglia di crescere. Hero è anche colui che intuisce i propri limiti e sa che sarebbe d'intralcio ad altre persone che effettivamente vorrebbero gareggiare, quindi sta a casa. Hero è colui che si fa il giro un giorno diverso dalla gara, godendosi il panorama. Il resto? E' qualcos'altro.
A questa stregua non ci sto: nessuno dei partecipanti è un HERO…men che meno mi pare HERO chi si dimentica gli affetti familiari, gli amici e le 1001 cose che la vita offre per guadagnare 1h sul risultato finale….

Essere HERO vuol dire fare qualcosa gratuitamente per gli altri, sacrificando sé stessi.

Gli unici HERO sono quelli che salvano vite umane o si immolano per gli altri, difendendo alti ideali!

Per quanto riguarda la gara è più HERO un partecipante che sta dietro ai genitori anziani, ai figli e si ritaglia poche misere orette settimanali per allenarsi, sacrificando il proprio risultato per i suoi cari (non il mio caso sia chiaro!), o quello che se ne frega di tutti e arriva al traguardo dopo 6h?

-------

Eppure mi impegno per arrivare all’appuntamento preparato, mi sacrifico, mi smazzo nei mesi precedenti e, credimi, riesco a comprendere i miei limiti MA, partecipo lo stesso perché gli organizzatori pongono dei limiti di tempo (cancelli) che credo di poter affrontare e quindi non mi sento del tutto inadatto.

-----

Rispetto a te e ad altri mille arrivati prima di me sono sicuramente inadeguato (è sempre il termine di paragone a far vacillare le certezze, non pensi? Anche tu, forse, saresti di intralcio a Paez), ciononostante perchè non dovrei partecipare? Se il padrone di casa non mi volesse metterebbe un limite di 7 ore e a quel punto avrebbe un iscritto in meno; invece no, lui mi vuole e a me parrebbe scortese non accettare il suo ----.

Straquoto….tutto il resto sono chiacchiere da bar!

Evviva la biga e chi la castiga! ;-)
 

cocoku

Biker infernalis
1/5/06
1.804
203
Auronzo di Cadore (BL)
Bike
Scott Spark 910
No, mi spiace. Lui ha detto che "la Hero è una gara, non una manifestazione cicloturistica". Ora da che mondo è mondo se partecipi ad una gara lo fai per vincere, o sbaglio? Quindi sei conscio della tua preparazione e dei tuoi limiti, quindi la domanda nasce spontanea (diceva qualcuno): perchè ci si fissa su chi possa o non possa partecipare ad una manifestazione quando tu stesso (non tu, parlo in generale) dici di parteciparvi senza avere alcuna chance di arrivare nemmeno fra i primi 10 (che dovrebbero essere i premiati)? Con quale logica io non posso partecipare, tra l'altro iscritto come amatore/cicloturista, quindi conscio di non avere alcuna possibilità di vincere ,nè tantomeno di aver un piazzamento nemmeno a metà classifica fra tutti i partecipanti, e tu sì? Sarai più allenato di me, sicuramente, ma entrambi andremo a casa a mani vuote. E sicuramente farei da tappo come tu avresti fatto da tappo a qualcuno più veloce di te (e da qui torniamo al discorso griglie).
Ripeto: io, e parlo per me, sono partito ultimo, sono arrivato ultimo, con poca preparazione, jo finito la gara stanco tendente al moribondo, ho pensato più di qualche volta di mollare e tornare indietro, ma quando sono tornato a Selva sono sceso dalla bici col sorriso.
Guarda che io sono come te,arrivo sempre in fondo,quindi capisco benissimo ciò che mi stai dicendo....ma...si sta parlando di chi affronta una cosa troppo più grande di lui,e ti ho fatto il mio esempio riguardo ad un'altra gara che vorrei fare...rimanendo però in tema...anni fa affrontai la DSB lunga avendo come preparazione mooolto meno di 2000mt,e ne ho fatti 3350....ci ho impiegato 10h58mn,e sono arrivato penultimo classificato,poi altri 300 almeno fuori classifica....mi sono detto che mai e mai più affronterò una sfida cosi più grande di me,ho patito tanto in gara,tant'è che mi ha lasciato il segno nel fisico per 4gg....questo è il.mio pensiero....e chiedo come è possibile che tanti atleti abbiano passato regolarmente solamente un quarto di gara...tutto quà...

-------------------------------
inviato da cellulare
 

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8

Railspike

Biker Blasphemius
22/9/15
1.380
463
Bike
Trek Fuel Ex 8
Guarda che io sono come te,arrivo sempre in fondo,quindi capisco benissimo ciò che mi stai dicendo....ma...si sta parlando di chi affronta una cosa troppo più grande di lui,e ti ho fatto il mio esempio riguardo ad un'altra gara che vorrei fare...rimanendo però in tema...anni fa affrontai la DSB lunga avendo come preparazione mooolto meno di 2000mt,e ne ho fatti 3350....ci ho impiegato 10h58mn,e sono arrivato penultimo classificato,poi altri 300 almeno fuori classifica....mi sono detto che mai e mai più affronterò una sfida cosi più grande di me,ho patito tanto in gara,tant'è che mi ha lasciato il segno nel fisico per 4gg....questo è il.mio pensiero....e chiedo come è possibile che tanti atleti abbiano passato regolarmente solamente un quarto di gara...tutto quà...

-------------------------------
inviato da cellulare
E io ti dico: troppo grande per lui, in base a cosa? Se la discriminante è il tempo bisogna avere un riferimento. Se il riferimento è tempo del vincitore è un discorso, se è la media fra primo ed ultimo ed altro. Ma qua, il problema, è che cibsono persone che si arrogano il diritto di dire tu puoi o non puoi partecipare col tuo tempo, guarda me che sono preparato e la faccio in molto meno tempo di te. E col mio tempo ci può stare, per carità, ma se guardi il tempo del vincitore, per lo stesso motivo, non dovresti partecipare.
E comunque mi sembra tutto un polverone inutile; 1) ho la possibilità di partecipare? Sì.
2) pago io la partecipazione e le spese connesse? Sì.
3) sono di intralcio agli altri partecipanti? No.
E allora se mi voglio iscrivere lo faccio, e non accetto che il signor Pinco Pallino, chiunque esso esso sia, mi dica che non posso partecipare perchè vado a ledere chissà quale principio morale o spirito di gara perchè non partecipo con lo spirito giusto (o quantomeno non ho il suo approccio, discutibile tanto quanto il mio, per le ragioni di cui sopra).
Anzi, se la gara sembra aperta a tutti, senza discriminazione, e si pensa di poter essere ostacolati, meglio evitare.