[Test] Sella Dirty Native Team

[Test] Sella Dirty Native Team

11/11/2013
Whatsapp
11/11/2013

Dirty ha presentato una linee di selle dedicate all’enduro. Dopo diversi mesi di utilizzo ecco la nostra recensione.

Dirty è la linea dedicata alle discipline più gravity di Selle SanMarco. Vi avevamo presentato qualche mese fa la Zero Team, ora tocca alla novità più interessante, vale a dire la Native, pensata appositamente per l’enduro.

toniolo-dirty-native_001

Ultimamente quando un’azienda propone un prodotto con uno scopo specifico la tendenza è quella di dire che sia solo marketing, anche se le caratteristiche del prodotto raccontano un’altra storia. Cos’è allora una sella pensata per l’enduro? Vediamo di capire dove abbia lavorato Dirty prima di passare al test vero e proprio.

Innanzitutto va capito perché Selle SanMarco ha deciso di dare un nome diverso alle selle gravity/enduro. La storica azienda veneta si occupa da sempre di selle per bici da strada, che spesso e volentieri vanno bene per il cross country: selle molto leggere, minimaliste, non necessariamente comode per chi non ha un bel callo dopo migliaia di chilometri sui pedali. Dirty si stacca da questo mondo e strizza l’occhio alla parte più ludica del pubblico che va in bici. Prima con la DH (Gracia è un rider sponsorizzato da loro), e ora con l’enduro (Manuel Ducci corre per Dirty).

Al di là del nome, si cambiano i materiali e la forma delle selle. Ed è proprio qui che il discorso si fa interessante per gli enduristi.

toniolo-dirty-native_003

 

Caratteristiche

La Native Team è il modello di media gamma della linea pensata per l’enduro. La differenza sostanziale con il modello di punta, il Pro, sta nel carrello. Quello della Team è in Xsilite, un misto fra silicio, titanio e carbonio, mentre quello della Pro è interamente in carbonio. Il resto dei materiali e la forma sono identici.

L’imbottitura é in BioFoam, un materiale idrorepellente a matrice poliuretanica a tre strati diverso dal solito gel, più leggero. Il rivestimento è in MicroFeel, un materiale traspirante e resistente all’abrasione e all’acqua. Si aggiungono gli inserti blu che vedete in foto, chiamati Ultradrive, pensati per dare dell’aderenza in più in alcune parti della sella come il naso e le ali, e le alette in materiale antiabrasivo (kevlar) per proteggere quelle parti che vengono più spesso a contatto con il terreno o altre superfici di appoggio.

toniolo-dirty-native_005

 

In prova

Per prima cosa va detto che la Native è una sella “sportiva”. Non aspettatevi qualcosa di comodo dal primo giorno. Se siete allenati, e passate tante ore in bici, vi troverete a vostro agio da subito, altrimenti avrete bisogno di qualche uscita prima di adattarvi alle sue forme e alla sua consistenza, piuttosto “dura”.

D’altro canto, chi va in giro spesso apprezzerà le sue caratteristiche, sia in salita che in discesa. In salita, la parte concava fra le ossa ischiali riduce la pressione sulla parti più delicate. Non abbiamo avuto problemi ad usarla anche in giri all mountain molto lunghi. Bisogna fare un po’ di attenzione quando la si monta, dato che altrimenti il naso tende a puntare leggermente verso l’alto  e quindi a dare fastidio in fase di pedalata.

Abbiamo apprezzato il materiale di rivestimento che offre un ottimo grip anche nelle situazioni delicate come rampe ripide in cui ci si mette in punta di sella, o sul bagnato/fangoso.

toniolo-dirty-native_004

In discesa la cosa che ci ha colpito di più è la libertà di movimento, dovuta in gran parte alla sua forma allungata. Si ha proprio la sensazione di avere una sella meno ingombrante del solito anche se, andando a misurarla, non è il caso.

toniolo-dirty-native_010

La cosa che ci é piaciuta di meno é il bordo posteriore, troppo poco smussato per una sella da enduro. È vero che, al contrario del XC, la sella nell’enduro viene abbassata e quindi difficilmente ci si va contro in caso di caduta, però ci sarebbe piaciuto vederlo un poco più arrotondato. Proprio il bordo posteriore é la parte di sella dove si possono notare dei segni di abrasione sull’Ultradrive, mentre ineccepibile è la resistenza del kevlar sulle ali, intonse dopo qualche mese di utilizzo.

Conclusioni

Se la definizione “sella da enduro” vi fa storcere il naso, i dettagli della Dirty Native Team vi convinceranno che vi sbagliate. La libertà di movimento in discesa e la scelta dei materiali sono il punto forte della Native, e confermano che la specializzazione dei prodotti a seconda della disciplina non è solo marketing.

toniolo-dirty-native_002

Informazioni

Peso: 200 grammi
Dimensioni: 277 mm x 131 mm
Materiale carrello: Xsilite, un misto fra silicio, titanio e carbonio.
Prezzo: 89.90 Euro per la Team in test. La Pro con carrello in carbonio costa 139.90 Euro, la One con carrello in manganese 69.90 Euro.

www.dirtysm.com

1176215_10151656806867832_699583697_n

 

 

POTRESTI ESSERTI PERSO