Un giro epico con il RE del tennico

63

Uno dei miei miti assoluti in ambito mountain bike è l’austriaco Stefan Eberharter. Un vero funambolo del passaggio tennico alpino, dove solo gli stambecchi osano. L’abbiamo portato in alto in Valle Aurina, caratterizzata dai sentieri che transitano sui dei blocchi di roccia che sono costati due mesi di stop al nostro Mike.

Dalla croce di vetta non c’è spazio per scaldarsi o prendere il ritmo: si parte subito con passaggi supertennici e dove ogni caduta sarebbe dolorosa. Guardate cosa ha fatto.



.

Cosa uso

– Casco aperto
– Casco integrale
– Occhiali BLIZ Fusion Nordic Light
– Jersey manica lunga
– Jersey manica corta
– Giacca waterproof
– Guanti
– Pantaloni
– Ginocchiere Pro
– Ginocchiere Air
– Ginocchiere Lite
– Maglia con protezioni
– Maglia smanicata con protezioni
– Zaino CAMELBAK Chase Protector Vest
– Abbigliamento Dainese

I miei componenti sulla MTB

– Pedali Crank Brothers Mallet E
– Scarpe CB Stamp Speed Lace
– Scarpe CB Match SPD Speed Lace
– Reggisella telescopico Yep Components Uptimizer 3.0
– Inserti Effetto Mariposa Tyre Invader
– Pneumatici Pirelli

La mia attrezzatura

– Multitools Crank Brothers Multi-19
– GOPRO Hero9 Black
– Drone DJI Mavic Mini 2
– Borsettina porta attrezzi Camelbak
– Pompa Crank Brothers KLIC HV
– Tappabuco
– Pinza multiuso piccola
– Effetto Mariposa Mangiacatena
– Effetto Mariposa Lubrificante Flower Power
– Effetto Mariposa Detergente Allpine Extra
– Effetto Mariposa Shelter
– Zaino Camelbak
– Garmin Fenix

Altri video Epic Trail.

Commenti

  1. VinciTrail:

    non che mi importi o mi faccia un cruccio..
    ma su alcune tematiche, se dici qualcosa di diverso dalla massa, le critiche arrivano a pioggia..
    vero, ma mi auguro che "almeno quì" non avvenga :prost:
  2. comunque pensavo che sarebbe bello se qualcuno facesse, almeno una volta, uno di quei sentieri del genere che ci sono quaggiù alle mie latitudini.
    Riders con il vostro livello tecnico potrebbero riuscire a farsi un giro che da 2300 metri arriva bel bello a 0 metri, sulla spiaggia. :mrgreen:
  3. Boro:

    Questo può accadere solo se fanno un'impianto di risalita che porta su chiunque. Già solo arrivare alla vetta della croce, screma il 99% dell'utenza di un bike park e in generale della mtb.
    Io infatti quando dico che mi piace questo approccio è più per dire "mi piacerebbe". Pochissimi possono permetterselo.
    esattamente, il problema potrà esistere solo nel momento in cui si vorrà rendere la montagna accessibile a tutti i biker, come sta succedendo per i pedoni e come ahimè sta succedendo con le ebike, ma a quel punto che ci sia o meno l'emulazione, per incoscienza vedrai che quelle vette, un tempo inarrivabili, saranno colme di sprovveduti in sella alle loro MTB da 100K€
    lorenzom89:

    si volevo dire più che altro che bisogna essere super consci dei rischi.. (lo ha detto bene iron mike nel video recente in cui si è rotto la clavicola).

    per fare un esempio negli ultimi 10 anni c'è stata una ultra diffusione dei rider che frequentano bike park.. e ho un amico che quest'anno ha fatto il meccanico tutta la stagione alla paganella.. e mi diceva che certi giorni il via vai di ambulanze e soccorsi purtroppo era quasi continuo.. MA la cosa in bike park è sempre "più o meno gestibile".. anche se ci sono afflussi enormi e gli incidenti sono in percentuale pochi.. e quasi sempre ben gestibili..

    ecco SE la stessa cosa tra 10 anni si verifica in posti impervi come quelli del video diciamo che la cosa diventerà un attimino più problematica..
    sni, hai presente il gioco del telefono senza fili? ecco, lo facevamo alle elementari la lezione dovremmo averla imparata, pensa se un "biker medio" legge il tuo post cosa potrà dire al nipote in merito al suo voler andare a provare la MTB in un bike park!

    La situazione è più simile a quella che descrivi tu nella seconda parte del tuo messaggio, nessun via vai continuo, infortuni ce ne sono e all'aumentare del numero di rider presenti sui trail aumenta anche il numero dei soccorsi, interventi che spesso si verificano attorno alle prime ore del mattino o alle ultime del pomeriggio.
    Per altro quest'anno, rispetto all'anno scorso si è verificato un considerevole calo degli interventi sui tracciati, complici sicuramente la maggior consapevolezza dei rider (sta passando il messaggio che per uno sport estremo e specifico come il nostro, iscriversi ad un corso è molto importante) e gli interventi dei trailbuilder per andare a mettere in sicurezza le situazioni che creavano maggior possibilità di incidenti (ahimè a volte a discapito del divertimento di alcuni passaggi, ma si sa, quando qualcosa diventa una moda porta con se sia i pro che i contro).
    lollo72:

    Questo trail lo definirei "Epic-Ninja" , la prossima volta invitate anche @iron.mike83 .
    Comunque complimenti a tutti , Stephen tecnica inarrivabile vero KING :hail:
    P.S. @steve-U ad inizio video dici che ci sono 3° poi vi presentate a torso nudo ( qualcheduno praticamente in mutande!) , ma che razza di vaccino avete fatto per non beccarvi nulla ? io sarei tornato minimo con una pleurite !
    Chi lo sa :spetteguless: forse il miglior vaccino è dare contro al freddo facendogli vedere che siamo più forti noi :)))::pirletto::pirletto::pirletto:
Storia precedente

[Video] Terra: Gianluca Vernassa sull’Etna

Storia successiva

Offerte Black Friday su Ridewill

Gli ultimi articoli in Epic Trail Series

New bike day!

Non è stato facile andare a prendere questa bici, perché il corriere non è stato precisissimo…