[Video] Davide Sottocornola firma la prima SuperMountain della storia a Limone Piemonte

[Video] Davide Sottocornola firma la prima SuperMountain della storia a Limone Piemonte

03/07/2012
Whatsapp
03/07/2012

Formula di gara simile al motocross, con due manche, e percorso d’alta montagna hanno riscosso larghi consensi tra i partecipanti a questa prima prova del circuito enduro SuperMountain

[Comunicato Stampa]

Limone Piemonte (CN) – 1 Luglio 2012

“Vengo da Pordenone, ero alla prima Superenduro a San Romolo nel 2008 e non volevo mancare alla prima Supermountain, oggi mi sono davvero divertito” dice Marco Quaia, esprimendo il pensiero dei rider che hanno scelto Limone Piemonte questo weekend.

L’ottima organizzazione dello staff della La via del Sale ASD, in collaborazione con lo staff Superenduro, ha preparato un percorso di alto livello in cui gli atleti hanno ritrovato tutte le caratteristiche della Supermountain, tratti pedalati alternati a segmenti tecnici dove la scelta della linea fa la differenza, linee da pennellare sulle creste spazzate dal vento e toboga naturali nel bosco finale. Una competizione in cui la componente della lotta corpo a corpo ha aumentato i battiti degli atleti e del pubblico, alla partenza e lungo il percorso, nelle aree dove erano possibili i sorpassi.
Una competizione in cui il grande dislivello negativo e la bellezza del percorso e dei luoghi ha fatto felici tutti.

GARA 1
La prima manche ha visto il via dalla Cabanaira in perfetto orario, con il direttore di gara Franco Monchiero a dare lo start al primo gruppo di atleti delle qualifiche del sabato. Come nel motocross il migliore tempo delle qualifiche sceglie la posizione dietro al cancelletto di partenza. Davide Sottocornola sceglie la posizione a lui più congeniale ed al via è proprio lui a fare l’holeshot ed affrontare la discesa in testa, inseguito da Manuel Ducci ed Andrea Bruno.

La temuta pietraia, ribattezzata “Il Trivio” per le tre diverse linee percorribili, lascia invariate le posizioni all’attacco del tratto pedalato verso il laghetto. Sulla sinuosa discesa tutta da guidare Andrea Bruno è vittima di una foratura e perde il contatto con i primi. La prima manche perde un protagonista ma Davide e Manuel si danno battaglia sino all’ultimo con continui sorpassi, ma sulla linea del traguardo è il Campione Italiano del team Cicobikes Endura a prevalere sul sanremese di Life Cycle.
Terza posizione per Pietro Caire del team Argentina Bike davanti ad Alessandro Seddaiu che precede il compagno di team Joseph Murachelli. Gli alfieri di Life Cycle sembra abbiano ben interpretato questo nuovo format.
Un bel ritorno sulla scena gravity italiana per Gianluca Bonanomi che fa valere la grande esperienza e porta la maglia del team PRO-M in sesta posizione davanti a Francesco Formichi (Scuola MTB Lago Maggiore) a Carletto Germanetto (Northwest Cycling), Andrea Leo (Bike Cafè) ed Andrea Toniati (Cico Bikes Endura).

“Io e Davide ci siamo superati diverse volte durante la prima manche e ci siamo davvero divertiti un sacco” le parole di Manuel Ducci che sintetizzano al meglio questo primo weekend della storia di Supermountain.

Il sorpasso decisivo quando Manuel scivola alla seconda curva del bosco e Davide si invola verso la vittoria.
Tra le ragazze Limone segna il rientro di Elisa Canepa (Riviera Outdoor) che a suo agio sul format di gara più discesistico del Superenduro segna la prima vittoria davanti a Chiara Pastore (Cicobikes Endura) e Valentina Macheda (Life Cycle).

GARA 2
Alla partenza della seconda manche è Gianluca Bonanomi a fare l’holeshot, ma dopo pochi metri è Ducci a riprendere il comando della gara inseguito da Sottocornola che supera Bonanomi nella prima pietraia. Andrea Bruno insegue e si porta in terza posizione ma viene rallentato da una fettuccia che si arrotola nella ruota posteriore frenando ancora una volta la sua gara. Da qui alla fine è un nuovo testa a testa tra Ducci e Sottocornola che mantengono le posizioni sino al traguardo.

La classifica finale vede quindi la vittoria di Davide Sottocornola del Cicobikes Endura che a bordo della propria Ibis stacca di 2.2 secondi il capitano del team Life Cycle Manuel Ducci che può gioire di una ottima prestazione corale dei sui ragazzi, che conquistano anche il terzo gradino del podio assoluto con Alessandro Seddaiu ed il quarto con Joseph Murachelli. 5° è Pietro Caire (Argentina Bike), che precede Francesco Formichi (Scuola MTB Lago Maggiore). Carletto Germanetto è settimo per il North West Cycling, Andrea Toniati ottavo per Cicobikes Endura, l’alfiere Scott Andrea Leo chiude nono e Gerardo Bottinelli decimo.

La classifica della seconda manche femminile è la fotocopia della prima, così come la classifica finale donne con Elisa Canepa con 33′53.8 che vince davanti a Chiara Pastore staccata di 59.3 secondi e Valentina Macheda a 2′12.6

Il circuito Supermountain ha mosso il suo primo importante passo, l’aria che si è respirata nel paddock era quella dei giorni che cambiano la storia, una storia fatta dai vincitori ma soprattutto dai rider che occupano le posizioni di classifica a ridosso dei primi. Grazie a loro Superenduro ha dato il via a questa nuova avventura e vinto la scommessa.
I prossimi appuntamenti sono la Superenduro PRO di Madesimo il 14-15 Luglio in uno scenario alpino di incredibile bellezza, mentre la seconda Supermountain il 15-16 settembre a Pila sul tracciato della Desarpa Bike.

Qui i risultati completi e per categoria

www.superenduromtb.com