[Eurobike Tech] Pinion e Rohloff, trasmissioni interne a confronto

[Eurobike Tech] Pinion e Rohloff, trasmissioni interne a confronto


Pinion e Rohloff nel 2013 saranno sicuramente i sistemi di trasmissione interna di riferimento, visto che l’Hammershmidt verrà soppiantato dall’XX1.

Girando per gli stand di Eurobike mi sono imbattuto negli espositori di Pinion e Rohloff. Quale occasione migliore quindi per non approfondire l’argomento delle trasmissioni interne? Cosa cambia tra i due sistemi? Quale sarà il migliore?

Trasmissione interna: perché?

La trasmissione con catena e deragliatori anteriore e posteriore viene utilizzata sin dagli albori della bicicletta. Se dagli anni ’30 il deragliatore a parallelogramma è stato il sistema di trasmissione universale, utilizzato su ogni tipo di bicicletta, significa che bene o male funziona… Perché quindi cercare nuove soluzioni?

C’è da dire che 15 o 20 anni fa la mtb non era ai livelli attuali. Non c’erano biciclette in grado di scendere alle velocità dei mezzi moderni. Velocità maggiori, sollecitazioni maggiori e quindi maggior rischio di rompere componenti, specialmente se questi sono molto esposti come il deragliatore.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210727&s=576&uid=3504[/img]

I limiti della trasmissione “tradizionale” sono comunque evidenti. Primo tra tutti è il problema delle cambiate sotto sforzo: non si può cambiare quando la tensione della catena è eccessiva, così come non si può cambiare se non si sta pedalando.

I sistemi di trasmissione interna nascono proprio con l’intento di superare quelli che sono gli attuali limiti della trasmissione tradizionale, con l’intento di semplificare la vita al biker ed incrementare la durata dei componenti, riducendo il rischio di rotture.

Il Pinion

New entry in questo settore è il Pinion. Sviluppato proprio per sopperire ai limiti delle trasmissioni tradizionali, il pinion supera i limiti delle precedenti trasmissioni interne posizionando gli ingranaggi in zona movimento centrale.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210728&s=576&uid=3504[/img]

Gli ingranaggi sono infatti la parte più pesante di ogni sistema di trasmissione interna ed il loro posizionamento influenza in maniera piuttosto importante il comportamento di una mountain bike. Il movimento centrale è il posto migliore dove concentrare il peso: si tratta della zona più bassa della bici e posizionando in tale zona il meccanismo di moltiplica, otteniamo una bici con il baricentro più basso possibile.

Baricentro basso significa numerosi vantaggi per il rider:la bici non tende a ribaltarsi in discesa, risulta più maneggevole in curva e nei cambi di direzione, risulta più stabile sullo scassato.

Il peso posizionato sul movimento cenrale poi non va ad influenzare la sospensione posteriore. Se noi infatti appesantiamo il mozzo o la ruota, aumenta l’inerzia del sistema quando impatta su un ostacolo: la sospensione quindi si impigrisce e la ruota non riesce a seguire correttamente tutte le asperità del terreno. Con il peso in zona  movimento centrale, questo problema non si pone.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210729&s=576&uid=3504[/img]

Internamente il Pinion è costituito da una serie di ingranaggi in grado di ottenere 18 rapporti. Possono sembrare pochi, ma in realtà il Pinion è il sistema che ad oggi offre la maggior gamma di rapporti disponibili, addirittura più di un sistema con deragliatore tradizionale.

Si tratta infatti di 18 rapporti con un incremento continuo dell’11,5%: niente doppioni, come sui sistemi con doppia corona o tripla.

Il sistema è costituito da 6 coppie di ingranaggi a cui si aggiunge un variatore, dotato di 3 posizioni. A seconda della posizione di questo variatore, i 6 rapporti vengono moltiplicati in maniera opportuna, ottenendo i 18 rapporti efettivamente disponibili.

Gli ingranaggi lavorano in modo che siano ingaggiati sempre due coppie di ruote dentate: questo consente la cambiata in ogni condizione, anche sotto sforzo.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210730&s=576&uid=3504[/img]

Il meccanismo è attuato da un cavo, che fa ruotare  una ghiera. Questa ghiera, collegata ad un apposito meccasnimo, gestisce gli agganci dei vari ingranaggi che gestiscono i rapporti. In pratica ruotando la ghiera, un meccanismo innesta un determinato ingranaggio e posiziona il moltiplicatore in maniera opportuna.

Il funzionamento è molto complicato, per cui non scenderò troppo nei dettagli… Ci basti sapere che sono una serie di ingranaggi in acciaio a moltiplicare il movimento rotatorio della pedivella. Di fatto insomma corona e pedivella si trovano a ruotare a velocità differenti.

Il Rohloff

Concettualmente simile, ma diverso come funzionamento, il Rohloff è anch’esso un sistema di trasmissione interna, questa volta con il dispositivo di moltiplica posizionato nel mozzo.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210731&s=576&uid=3504[/img]

Il posizionamento nel mozzo pone però pone un grosso svantaggio: se da un lato non è richiesto un telaio specifico per poterlo montare il sistema (come accade per il Pinion) posizionare un così elevato peso su una massa non sospesa aumenta enormemente l’inerzia della ruota, rendendo meno efficace il lavoro della sospensione. Di fatto insomma diventa problematico montare il Rohloff su una bicicletta full, specialmente quando le escursioni cominciano a crescere.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210732&s=576&uid=3504[/img]

Come il Pinion, anche il Rohloff si presenta a prima vista come una serie di ingranaggi, tuttavia in questo caso il sistema è ancora più complicato. Anche qui non andremo troppo nei dettagli, però diciamo che il sistema  è composto da 3 serie di ingranaggi a planetario. Le prime due serie sono in grado di sviluppare 7 rapporti, la terza è una moltiplica che, moltiplicando per due i rapporti disponibili, consente di ottenere 14 rapporti indipendenti.

Non avrete capito nulla immagino, ma sappiate che il funzionamento di fatto è analogo a quello del Pinion. Quello che cambia è però il numero di ingranaggi a contatto, inferiore per il Rohloff.

Pinion e Rohloff a confronto

Bene quindi, ma se funzionano entrambi allo stesso modo, qual è il migliore?

Cominciamo con alcuni dati riguardo alla gamma di rapporti disponibili: il Pinion ha una gamma del 636%, il che significa che il rapporto più duro è 6,36 volte quello più agile. Il Rohloff si ferma “solo” al 526%. Per fare un confronto con qualcosa che tutti conosciamo, il Rohloff è l’equivalente di una trasmissione 3×9 con corone 24/32/44 e pignoni 12-34.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210734&s=576&uid=3504[/img]

Il mozzo Rohloff si monta su qualsiasi telaio, però crea problemi sui telai full per il suo elevato peso concentrato nel mozzo posteriore. Il Pinion è perfettamente compatibile con i telai full suspendend di qualsiasi tipologia, peccato però che serva un telaio predisposto, con apposita scatola di alloggiamento.

Tutti e due i sistemi hanno comunque bisogno di un tendicatena se non si utilizzano forcellini scorrevoli o si monta su telaio biammortizzato.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210733&s=576&uid=3504[/img]

Parlando invece di peso, il vero punto debole di questo tipo di sistemi, il Rohloff è decisamente più leggero, con un peso di 1820, all’incirca 300g in più rispetto ad una trasmissione di medio alta gamma tradizionale. Il Pinion pesa invece 3216g, decisamente di più rispetto ad un sistema tradizionale o al Rohloff.

Un altro grosso limite di queste trasmissioni è l’attrito: c’è poco da fare, gli ingranaggi seppur immersi nell’olio, generano un certo attrito durante la pedalata, tutta energia sottratta dalle nostre gambe. Secondo i dati dei produttori, l’efficienza del Pinion è pari al 90%, il che significa che il 10% dell’energia che forniamo alla pedivella viene dissipata. L’efficienza del Rohloff dovrebbe essere del 95% in condizioni ordinarie, 98% quando è nuovo.

Insomma, abbiamo capito che non c’è un vincitore o un perdente, nessuno dei due sistemi è nettamente superiore all’atro. Sicuramente però è molto interessante che nuove soluzioni vengano provate e sperimentate, chissà che prima o poi venga fuori la trasmissione perfetta!

Altre foto di Pinion e Rolhoff:

[url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=210735][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210735&s=150&uid=3504[/img][/url] [url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=210736][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210736&s=150&uid=3504[/img][/url] [url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=210737][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210737&s=150&uid=3504[/img][/url] [url=http://fotoalbum.mtb-forum.it/viewphoto.php?id=210738][img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=210738&s=150&uid=3504[/img][/url]

Leave a Reply

Notificami di
wpDiscuz