Gomma squarciata? Ecco come ripararla!

Gomma squarciata? Ecco come ripararla!

Daniel Naftali, 21/03/2012

Uno pneumatico tagliato è un inconveniente quasi all’ordine del giorno per i bikers… Basta una pietra, una lama di roccia presa male e, specialmente se la pressione è un po’ troppo bassa il gioco è fatto.

Visto che gli pneumatici non sono proprio regalati, specialmente se tubeless, molte volte dispiace dover buttare una gomma ancora in buone condizioni per un semplice taglio.

Nell’articolo di oggi vedremo come riparare uno pneumatico tubeless tagliato o forato in tutti quei casi in cui il liquido antiforaturatura non riesce da solo a riparare il danno.

Forature e tagli

Come ben sappiamo, la carcassa di un copertone è composta da una trama di nylon annegata all’interno della gomma.


Struttura interna di una gomma Maxxis

Una gomma tubeless, non avendo la camera, si può forare essenzialmente per due motivi:

Il primo è l’ingresso di un corpo estraneo, come ad esempio una spina o un chiodo. In questo caso il corpo penetra attraverso la trama della carcassa, facendosi largo tra i fili, senza però danneggiarla. Si parla in questo caso di foratura, un danno che di solito il liquido anti foratura è in grado di riparare.
Il secondo è il taglio. Una gomma si taglia o perché pizzicata dal cerchio contro un ostacolo tagliente (spesso a causa della pressione troppo bassa) oppure perché lacerata da una pietra aguzza. In entrambi i casi la carcassa della gomma subisce una lacerazione locale nella sua trama, con conseguente indebolimento e rischio che lo “strappo” si allarghi.

Se un foro non produce danni alla copertura, a parte la perdita della sua ermeticità, quando un copertone si taglia la sua struttura si danneggia, indebolendosi. Insomma, prima di poterlo riutilizzare bisogna quindi rinforzato in qualche modo.


Pietre taglienti possono causare lacerazioni della carcassa, specialmente sui fianchi.

A seconda delle dimensioni del taglio, si possono utilizzare delle tecniche di riparazione differenti.

Le toppe

La soluzione più semplice e rapida prevede l’utilizzo di apposite toppe pensate per riparare gli pneumatici tubeless.


Kit di riparazione per pneumatici UST.

Non si tratta delle normali pezze che si applicano sulle camere d’aria, le toppe per Tubeless sono infatti più spesse e robuste in modo da costituire una struttura rigida che faccia da sostegno per la zona lacerata. La toppa, su cui si incolla la gomma, crea quindi un rinforzo evitando non solo la fuoriuscita d’aria, ma anche che il taglio si allarghi o che si creino pericolose deformazioni.

Con le toppe si possono riparare tagli fino a 0,5-1cm.

L’applicazione delle toppe è molto semplice.

1) Preparazione: smontiamo il copertone dal cerchio, avendo cura di rimuovere tutti i residui di lattice o liquido anti fortatura dalla zona del taglio.

2) Pulizia: con la cartavetro o l’apposito raschietto puliamo per bene la zona su cui applicheremo la toppa, rimuovendo anche i residui di lattice secco.

3) Applicazione colla: applichiamo uno strato sottile ed uniforme di colla sia sulla toppa che sul copertone. Lasciamo asciugare ca 1 minuto: in questo modo il processo di vulcanizzazione è più rapido e la toppa aderirà quasi immediatamente.

4) Applichiamo la toppa: avendo cura che sia correttamente centrata sul taglio ed assicurandoci con movimento rotatorio delle dita che sia correttamente attaccata, applichiamo la toppa.

5) Completamento e rimontaggio: aspettiamo una quindicina di minuti in modo che la colla faccia presa correttamente. Rimontiamo quindi lo pneumatico controllando la tenuta della toppa e rimettiamo il liquido anti foratura.

La colla

Una soluzione di pari efficacia delle toppe prevede l’uso di colla per riparare il taglio. Le colle ideali per riparare i copertoni sono le colle ciano acriliche, come la Super Attack o meglio la Super Attack Flex Gel.

Super Attack Flex Gel: uno dei migliori prodotti per riparare le gomme

Questo tipo di colle hanno infatti un potere legante molto forte, in grado quindi di riparare il taglio in maniera molto efficace ed estremamente rapida. Se la Super Attack tradizionale ha la caratteristica di irrigidirsi una volta solidificata, la Flex Gel ha il vantaggio di rimanere flessibile, adattandosi quindi alle deformazioni della gomma.

Se si utilizza solo la colla si possono riparare danni di piccola entità (0,5-1cm) anche solo dall’esterno senza bisogno di smontare la gomma, ma se si utilizza un rinforzo diventa possibile riparare tagli anche piuttosto grossi senza particolari problemi.

Se il danno è piccolo, sarà sufficiente sgonfiare la gomma e pulire la superficie tagliata da eventuali residui di polvere e liquido anti foratura. Si applica quindi la colla dall’esterno, avendo cura di aprire il taglio con le dita per farla penetrare anche all’interno. Una volta asciutta la colla farà il suo lavoro e sarà possibile rigonfiare la gomma. L’unica cosa che dobbiamo fare è un piccolo rabbocco di liquido anti foratura, liquido che sicuramente è stato disperso nel tentativo di riparare il taglio.


Allargando il foro con le dita, applichiamo la colla dall’esterno chiudendo il taglio.

Se invece il taglio è più grosso, occorre rinforzare internamente la gomma. A tale scopo si può utilizzare un ritaglio di un vecchio copertone. Si procede come segue:

1) Preparazione: smontiamo il copertone dal cerchio, avendo cura di rimuovere tutti i residui di lattice o liquido anti fortatura dalla zona del taglio. Puliamo per bene la zona dove applicheremo il rinforzo con della carta vetro a grana media.

2) Preparazione pezza: con un cutter affilato ritagliamo dal vecchio copertone un rettangolo di alcuni centimetri (le dimensioni possono anche aumentare le caso di tagli più grossi) in modo che sia decisamente più grosso del taglio. Consiglio di ritagliare sulla spalla della gomma, zona in cui lo spessore è costante ed entrambe le superifici sono lisce.


Ritagliamo dalla spalla di un vecchio copertone un rettangolo da utilizzare come rinforzo. Consiglio di utilizzare copertoni vecchi da XC o comunque delle gomme sottili.

3) Incollaggio: applichiamo un sottile strato di colla sulla pezza di rinforzo e sul copertone, lasciamo asciugare qualche secondo seguendo le istruzioni riportate sulla colla. Applichiamo quindi la toppa, assicurandoci che si attacchi correttamente.


Toppa applicata. In questo caso, poiché non avevamo a disposizione altre coperutre, abbiamo utilizzato un copertone 2 ply con rinforzo in butile per realizzare la toppa. In pratica è però molto meglio utilizzare copertoni da XC a tale scopo, più sottili e più flessibili.

ATTENZIONE: per incollare la pezza di rinforzo bisogna utilizzare una colla flessibile come la Super Attack Flex Gel. L’utilizzo di colle ciano acriliche non flessibili causerebbe un irrigidimento locale del copertone ed il potenziale distacco della pezza.
Non dimentichiamoci poi di prestare le dovute precauzioni nell’utilizzo della colla.

4) Applicazione colla dall’esterno: dopo aver applicato la pezza ed averla schiacciata con le dita, un po’ di colla dovrebbe essere fuoriuscita all’esterno del copertone attraverso il taglio. Se ciò non fosse avvenuto, con un paio di pinze o di stuzzicadenti apriamo il taglio ed andiamo a mettere un po’ di colla dall’esterno. Con un pezzo di carta spargiamo poi il residuo accumulatosi all’esterno in modo che non formi irregolarità sulla superficie della gomma.


Spalmiamo, con un pezzo di carta o plastica, la colla sulla spalla della gomma in modo che non ci siano irregolarità. Una volta asciutta formerà una pellicola invisibile.

5) Completamento e rimontaggio: aspettiamo una quindicina di minuti in modo che la colla faccia presa correttamente. Rimontiamo quindi lo pneumatico controllando la tenuta della toppa e rimettiamo il liquido anti foratura.

Ago e filo

Quando i tagli sono particolarmente grossi, un’altra tecnica molto efficace prevede di ricucire il copertone, proprio come si fa con una maglietta strappata.

In questo modo, utilizzando un filo di nylon, si rinforza la carcassa danneggiata del copertone mantenendo uniti i due lembi del taglio ed evitando che questo si allarghi. Il filo poi svolge anche la funzione di creare un rinforzo ed una struttura che irrobustisce la colla che andremo poi ad applicare. Si ottiene una sorta di materiale composito, molto resistente.


Cuciamo la gomma seguendo la curva del taglio.

La procedura è piuttosto semplice.

Innanzitutto si smonta la gomma e si rimuove, aiutandosi con un po di carta vetro, ogni residuo di sporco e liquido anti foratura, sia dall’interno che dall’esterno.

Con un filo di nylon ed un ago piuttosto robusto (un ago da materassi ad esempio) si cuce la gomma, andando a forare ad un paio di mm di distanza dal taglio, ovvero in una zona sana della carcassa. Il risultato è questo:

A questo punto si applica uno strato di colla flessibile, come la Super Attack Flex Gel, sia internamente che esternamente. Spargiamo la colla con un pezzetto di carta, in modo da creare uno strato uniforme. Lasciamo asciugare ed il lavoro è finito.

Se il taglio è grosso possiamo anche applicare un ulteriore rinforzo interno, ad esempio incollando un pezzo di camera d’aria.

Questa tecnica consente di riparare anche grossi tagli sulla gomma perché di fatto va a ricostruire la carcassa dello pneumatico. L’utilizzo della colla ha una duplice funzione. Da un lato sigilla completamente la gomma evitando la fuoriuscita di aria se utilizzata tubeless, dall’altro consente di creare un ulteriore irrobustimento oltre al filo che evita alla gomma di riaprirsi o al filo di tagliarsi durante l’uso.

Note sulla sicurezza

Sebbene queste tecniche di riparazione assicurino ottimi risultati, non bisogna dimenticarsi che un copertone tagliato, seppur riparato, rimane comunque più debole di uno nuovo.

Specialmente se il taglio è grosso occorre quindi prestare particolare attenzione, soprattutto alle prime uscite, assicurandoci che la riparazione tenga. Potendo scegliere inoltre, è preferibile montare i copertoni riparati al posteriore.

Per fugare ogni dubbio e preoccupazione consiglio comunque di fare una semplice prova. La sera prima dell’uscita gonfiamo il copertone ad una pressione più alta di quella normale di utilizzo (indicativamente 3 bar) lasciamo la gomma in pressione per tutta la notte. Se al mattino la riparazione ha tenuto, possiamo stare tranquilli.

Nel caso di dubbio sulla tenuta di una gomma tubeless riparata, o nel caso che questa non tenga più l’aria, è ancora possibile riciclarla ed usarla con camera. La camera infatti è in grado di resistere anche in presenza di tagli di modesta entità.

Con queste ultime precisazioni è tutto: buon lavoro di riparazione!