Gran Sassiere: la linea dei sogni

36

Questo è l’ultimo giorno nelle Alpi ed è l’ultima possibilità che ho per fare la discesa dalla cima della Gran Sassiere. Il meteo in questi giorni non ha aiutato, già da metà giornata si formavano nuvoloni, piogge e temporali, il tutto condito da un incessante forte vento.

Portare la Slash oltre i 3700 metri col rischio di trovare anche la neve non è una delle migliori idee ma comunque ci voglio provare!



.

Altri episodi Trail Ninja.

Cosa indosso in Gran Sassiere: la linea dei sogni

Jersey manica lunga
Jersey manica corta
Guanti
Pantaloni
Fondello
Calze
Ginocchiere Bluegrass
Antivento
Casco MET Roam
Buff
Scarpe
Giacca Goretex
Piumino

MTB

Trek Slash 9.9 X01

I miei componenti sulla MTB

Pedali dhsign
Attacco manubrio dhsign
Manubrio
Ruote Damil Components (come alternativa alle Bontrager carbon)
Borse bikepacking Miss Grape

La mia attrezzatura

Tools Granite Design
Pompetta oneUp Components
GOPRO Hero9 Black
GOPRO Max
Drone DJI Mavic Mini 2
Sony zv-e10
Zaino Evoc Explorer 30L
Zaino Evoc Trace 18L
Hookabike
Faretti Magicshine
Tenda Vaude Power Lizard 1/2P
Materassino Thermarest NeoAir
Sacco a pelo invernale
Sacco a pelo estivo
Tubolito

 

Commenti

  1. E dire che so youtube ne seguo di roba figa.. ma i video di mike hanno quella marcia in più.

    SPE TTA CO LO!!!

    (a 9:50 un bel jolly di sterzo chiuso salvato ottimamente e da quello si capisce che non c è solo coraggio e pazzia ma una gran padronanza del mezzo)
  2. sergio n.:

    Ah mi sembrava di aver visto un furgone familiare ad Arvieux... grande
    Fbf:

    Madonna che brividi! Quella ripresa dal drone dai 5 minuti sulla parete mi ha ricordato certi video dove scendono con gli sci da pendii impossibili!
    Credo sia una delle discese più impegnative che hai fatto...mi piace che usi sempre la testa e non ti fai problemi a scendere a piedi!
    A proposito, cosa è successo al drone? Batterie scariche?
    Complimenti alla Mary che ti supporta in queste "pazzie"(ha fatto bene a restare sul furgone!!!)
    Grazie mille...il drone si e' schiantato per fortuna senza danni perche' era in modalita' follow ma in quel pendio molto ripido nel momento che e' arretrato per tenermi nell'inquadratura ha trovato la roccia dietro di se...i sensori avrebbero dovuto comunque impedire la collisione ma evidentemente non ha fatto a tempo a rallentare..boh
    bughy1978:

    Vabbè, che dire...oramai non ci sono più parole...:}}}:

    PS ma qualcuno che si lamenta che hai mosso 7 sassi distruggendo la montagna? :-)
    ahaha lo sto aspettando..sicuramente dopo questo video la gran sassiere non esiste piu' ..franato tutto
    alexLith:

    Chapeaux!
    che sia UNA delle linee dei sogni non c'é discussione: Lo é. Sai cosa mi piace del tuo modo di andare in mtb? Che sei uno che va in montagna.... con la bici. Ci sono due aspetti (nel video ed in generale in tutte le tue avventure) che spostano l'asticella a livello elevato:
    1) la tua preparazione continua che poi genera esperienza (e che ti serve per le prossime avventure): gli itinerari e le scelte mai mi sembrano improvvisate o azzardate e mantengono il massimo dell'avventura.
    2) la scelta d andare in solitudine affrontando una salita (ed una discesa) in ambienti severi, selvaggi (3700 non sono banali ad es). Ritengo necessario un equilibrio psico-fisico non comune anche per mantenersi lucidi nelle scelte. Ed anche per divertirsi neh!

    Stimo molto il tuo approccio perché é il modello di mtbiking a cui aspiro (al netto del differente livello fisico e tecnico).

    Chapeaux ancora!
    Avevo fatto un video sul Garda dove spiegavo proprio questo aspetto e mi fa piacere che venga recepito..hai proprio centrato il punto, ho visto gente bravissima (tecnicamente) andare in bici che in queste situazioni andava in crisi e gente meno brava che piu' o meno se la cavava..per fare queste cose serve, piu' che la tecnica, l'esperienza in montagna che si crea ma mano che si fanno questo genere di esperienze, poi la tecnica viene di conseguenza l'importante e' andare per gradi e non affrettarsi a fare cose che vanno troppo oltre i propri limiti. come dici tu non bisogna improvvisare ma andare per gradi
    Lo stesso vale nelle uscite in solitaria, io purtroppo per vari motivi mi trovo spesso a girare da solo in bici, anche per dei "semplici" allenamenti in settimana, all'inizio ci si sente a disagio ma poi si prende confidenza, si impara a capire cosa si puo' fare e cosa no e pian piano si prende confidenza e sicurezza...anche questo aspetto non va improvvisato nel senso che se si e' abituati ad uscire sempre in compagnia non si puo' pensare di fare una gran sassiere in solitaria perche' quel giorno ci gira cosi'

    Grazie ancora a tutti per i bellissimi commenti
Storia precedente

EWS Whistler: Melamed vince davanti al pubblico di casa

Storia successiva

Coira: l’Alpenbikepark che non ti aspetti

Gli ultimi articoli in Trail Ninja