bikepacking

Guida al Bikepacking con materiale testato in Islanda

15

Come ho affrontato il mio viaggio in Islanda? In questo lunghissimo video cerco di analizzare ogni singolo aspetto che mi ha portato a scegliere determinate soluzioni al posto di altre. Spero possa essere utile a qualcuno che è in procinto di partire per un viaggio simile.

Intro
Perché l’Islanda? Che giro ho fatto?
Quali difficoltà ho trovato lungo il percorso?
Qual’è la bici migliore?
Assetto e contenuto delle borse da BikePacking
Zaino e contenuto
Jetboil e Cibo
Abbigliamento lana merino
Come affrontare le notti Islandesi
Pneumatici
Info varie
Saluti



.

Traccia GPS
Ostello
Bus di linea
Mappa trasporti pubblici
Rifugi del Lagavegur
Meteo Islanda

Altri episodi Trail Ninja.

Cosa indosso

– Jersey manica lunga Mons Royale
– Jersey manica corta Mons Royale
– Guanti
– Pantaloni Mons Royale
– Fondello
– Calze Mons Royale
– Ginocchiere Leatt
– Casco Uvex Renegade
– Occhiali Uvex Sportstyle
– Buff
– Scarpe
– Giacca Leatt MTB HydraDri 4.0
– Giacca Leatt MTB HydraDri 2.0
– Piumino

MTB

– Trek Fuel EX

I miei componenti sulla MTB

– Pedali dhsign
– Attacco manubrio dhsign
– Manubrio
– Ruote Damil Components (come alternativa alle Bontrager carbon)
– Borse bikepacking Miss Grape

La mia attrezzatura

– Tools Granite Design
– Pompetta oneUp Components
– GOPRO Hero9 Black
– GOPRO Max
– Drone DJI Mavic Mini 2
– Sony zv-e10
– Zaino Evoc Explorer 30L
– Zaino Evoc Trace 18L
– Hookabike
– Faretti Magicshine
– Tenda Vaude Power Lizard 1/2P
– Materassino Thermarest NeoAir
– Sacco a pelo invernale
– Sacco a pelo estivo
– Tubolito

Commenti

  1. Ottimo report di viaggio che con la tua esperienza lo fai sembrare (quasi) facile, mentre un viaggio di più giorni in autonomia lontano da centri abitati non è mai banale, soprattutto a certe latitudini, ma a volte si tende a sottovalutare* le difficoltà che il cicloturismo può porci innanzi decurtandolo ad una semplice gita.
    Unici appunti (io) mi sarei portato un copertone** di scorta, (e come hai già capito) una borraccia filtrante pieghevole e alcune razioni d'emergenza.
    *errore che tu non hai commesso ;-)
    https://community.mtb-mag.com/t/borraccia-filtrante.405661/
    https://community.mtb-mag.com/t/razioni-demergenza.402079/
    **in caso di tagli importanti si può ricorrere al cucito.:-)
    [MEDIA=youtube]6FXgrGkBRJU[/MEDIA]
    p.s. Complimenti alla Mary, non è stata una passeggiata.
  2. akko69:

    la seatbag normalmente ha un velcro che chiude sul reggisella. se è telescopico, di solito ho visto usare un collarino in plastica che di fatto riduce l'escursione del reggisella e consente di chiudere lo strap in velcro.
    esistono altre seat bag che si fissano solo alla sella ma sono ovviamente meno capienti.
    nella mia front, sarà per la taglia, se abbasso il telescopico, va contro la ruota...
    Esattamente, io me lo sono stampato in 3d....

    https://www.printables.com/model/125810-bens-better-dropper-post-seat-bag-adapters-264-22-
  3. Motubuntu:

    Non conoscevo la borraccia filtrante Katadyn, so che molti si portano dietro un filtro tipo il Sawyer Mini, che pesa poco ed è garantito fino a 100.000 galloni.
    Sistema concettualmente simile.
    Visto l'esiguo peso (e ingombro) lo tengo in borsa e non serve trovarsi in chissà quale luogo sperduto per servirsene.
    Unico appunto, la delicatezza della borraccia, in questo caso il tuo filtro è migliore.
Storia precedente

La vita di un trail

Storia successiva

Bologna Montana collabora con Paganella

Gli ultimi articoli in Trail Ninja