MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Justin Leov – Una corsa particolare: ospedale – EWS – ospedale!

Justin Leov – Una corsa particolare: ospedale – EWS – ospedale!

Justin Leov – Una corsa particolare: ospedale – EWS – ospedale!

13/08/2014
Whatsapp
13/08/2014

la 6° manche dell’EWS raccontata da uno dei suoi principali protagonisti. Parole di Justin Leov. Foto di Jérémie Reuiller.
Buona lettura!

JER_2726

11 Agosto 2014.

Ho già avuto dei weekend difficili in passato ma quello appena trascorso ha segnato un nuovo record!

Arrivando a Whistler lunedì continuavo ad avere dei problemi al ginocchio e ho iniziato delle sedute di fisioterapia a Back in Action, seguite da massaggi, agopuntura e taping. Ottima decisione. Ho subito sentito dei benefici nei giorni seguenti grazie ai trattamenti.

JER_2055

Giovedì mattina, di ritorno dal riscaldamento mattutino avevo previsto di lavorare su dei brevi sprint per preparare le gambe alla modalità “corsa” ma mi sentivo senza energie. Sono rientrato al nostro appartamento, infilandomi a letto dopo una doccia veloce. Ero spompato e avevo la febbre.

Venerdì mattina mi sono svegliato con un forte mal di gola ma la febbre era scesa e ho deciso di partecipare ai giri di ricognizione della giornata. Ho percorso le Speciali 1 e 2 due volte, poi lentamente la 5, cercando di tenere il ritmo cardiaco sotto ai 120 battiti per minuto, in modo da limitare al massimo lo stress per il mio fisico.

Di ritorno all’appartamento la gola mi faceva molto più male, sentivo un formicolio alle dita e sul volto erano apparse tante vescicole. La notte non è stata lunga. Mi sono svegliato pieno di dolori. Nonostante tutto mi sono preparato per la seconda giornata di prove.

Ho percorso la Speciale 3 due volte. Malgrado i 40 minuti di salita per accedere al circuito, come il giorno precedente ho fatto attenzione a mantenere basso il ritmo cardiaco. Cosa non semplice durante una salita bella ripida.

Mi rimaneva una speciale da provare, che partiva sopra al tracciato della quinta. L’ho fatta una sola volta e poi sono sceso all’appartamento. Ero distrutto. Tutti i sintomi erano peggiorati. La gola mi faceva molto male ed esaminandola in bagno ho constatato che la mia bocca era piena di afte: spaventosa!

JER_1065

Si era fatto tardi ma sapevo che la cosa migliore da fare era rivolgersi a un medico. Verso le 10 di sera, Ray, il mio team manager, mi ha portato al Whistler Medical. Ma a quell’ora era impossibile ricevere un trattamento e anche una diagnosi vera e propria. Ho fatto un prelievo del sangue ma i risultati sarebbero arrivati solo il giorno dopo. Un dottore mi ha consigliato di non correre il giorno dopo. Non è la prima volta che me lo sento dire nella mia carriera. All’una di notte sono finalmente andato a dormire, ma senza diagnosi e rimedi, depresso.

 

Giorno della corsa
Mi sono svegliato molto nervoso. Non per la gara ma perché non sapevo come avrei affrontato quella che si preannunciava come una giornata molto faticosa. Ho deciso di “spegnere” mentalmente questi pensieri negativi e di concentrarmi sulla competizione.

Speciale 1 Una pedalata di un’ora in salita, seguita da un breve riscaldamento in discesa per arrivare alla partenza. Sono partito con prudenza. Tutti i passaggi dei corridori durante il giro di ricognizione avevano arato il terreno. C’erano buche dappertutto e ogni solco poteva trasformarsi in una trappola. Me la sono presa molto comoda, finendo con un gusto di sangue in bocca, una sensazione davvero non piacevole.

Ancora 40 minuti in salita a 30°C per arrivare alla partenza della Speciale 2. Ho cercato di idratarmi e mangiare bene, cercando di passare quando era possibile all’ombra.
Speciale 2 Molto simile alla prima. Passaggi molto tecnici, in cui era difficile mantenere un buon ritmo su un terreno tanto scavato. Mi sentivo un poco meglio ma ero sempre molto prudente.

Il trasferimento alla speciale seguente era più lungo, bisognava attraversare la valle e risalire sull’altro versante per un sentiero abbastanza ampio. Fortunatamente in gran parte all’ombra, perché la temperatura era sui 30°C.

Speciale 3 Un percorso più affine alle mie capacità, un po’ più aperto rispetto ai precedenti ma altrettanto scavato. Vedere il mio fisico resistere a tali prove mi ha dato un pizzico di fiducia in più e sono riuscito a fare un buon run. Mi sono motivato a superare un ultimo ostacolo: la speciale successiva. Dopo saremmo saliti con la seggiovia. Dovevo solo resistere fino a quel momento.

JER_1604

Nel trasferimento seguente ci hanno fatto riattraversare la valle con un tratto di un’ora buona ora in salita e in pieno sole, giusto per finirci a puntino. Non sono mai stato così felice di avere un casco leggero e ventilato come il Parachute. Ho bevuto due litri d’acqua risalendo, arrivando giusto entro il limite di tempo definito all’inizio della speciale. Cominciavo a soffrire veramente, il caldo era soffocante, sentivo male dappertutto.

Speciale 4 La più tecnica del fine settimana a mio avviso. Un percorso davvero pericoloso. Avevo previsto di correre con prudenza e di fare il possibile per non danneggiare la mia bici. L’ultima speciale sarebbe stata molto lunga. Era importante arrivarci con l’equipaggiamento in buono stato.
Alla partenza avevo tutto sommato delle buone sensazioni. Ho rallentato i miei slanci dove di solito avrei attaccato, superando gli ostacoli senza intralci. La gola non mi aveva mai fatto così male. Mi sono buttato sull’acqua ghiacciata a disposizione all’arrivo per rinfrescarmi.

Avevamo 30 minuti per ritornare al paddock e un po’ di tempo prima di incamminarci per l’ultima speciale (top of the world).

JER_9506

Ho deciso di dare tutto me stesso per l’ultima speciale. Avevo già raggiunto il mio obiettivo di arrivare fino a quel punto, non avevo niente da perdere. Il tracciato meno serrato di quello delle speciali precedenti era perfetto per la mia bici e il mio stile di guida. Inoltre una speciale così lunga mi poteva dare una chance di recuperare una parte del ritardo che avevo accumulato durante la giornata.

Speciale 5 Fin dalla partenza sono riuscito a trovare un buon ritmo. Come per miracolo non sentivo più i miei dolori. Cercavo di avere una guida pulita ed efficace per mantenere sempre una buona velocità. Tutto ha funzionato alla meraviglia. Attraversando la linea di arrivo avevo la sensazione di aver realizzato una buona performance.

Non potevo credere di essere riuscito a finire la corsa, per non parlare di essere riuscito addirittura ad arrivare 6° nella classifica generale!

Subito dopo la corsa sono tornato in ospedale. Dalle analisi del sangue risultava una febbre herpetica e la cura era… una settimana a riposo. Dopo un weekend del genere non potevo chiedere di meglio.

JER_0591

Da questa esperienza estenuante ho imparato che mente e corpo insieme possono superare limiti impensabili. Ho imparato anche quanto è importante non arrendersi ai primi segni di difficoltà. Le cose non sono andate come speravo nelle ultime gare ma questo è il mondo delle competizioni Non mollare, mai. Prima o poi si viene ripagati.

Appuntamento a ottobre a Finale Ligure per l’ultimo atto di EWS. Prima faccio “un salto” a casa, in Nuova Zelanda ma tornerò in Europa in occasione del Buegrass Enduro Tour di Castelbuono in Sicilia.

– Justin –

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Deroma
Deroma

azz…. meno male che non era ipocondriaco…. rischioso correre quando non si è al top però respect!!!

wile59
wile59

……….. quanto lo capisco !
Soffro di herpes ( e talvolta afte) fin da piccolo.
Se non mi alimento con attenzione e riposo correttamente, dopo ogni uscita in mtb le vescicole fanno la loro regolare comparsa da qualche parte sul viso.
Per quel che ne so, non è una cosa da prendere troppo alla leggera.
Comunque tanto di cappello alla sua determinazione. I campioni si riconoscono anche da questo.

Mitzkal
Mitzkal

Bah, con la salute non si dovrebbe scherzare.

Jack Bisi
Jack Bisi

C’è chi per molto meno chiede malattia a lavoro….. ecco cosa accade invece quando passione e lavoro coincidono (e soprattutto quando qualcuno ha una mente da sportivo).

ozzap73
ozzap73

Ecco cosa succede quando un lavoro ti piace e appassiona il 90% di noi fa un lavoro di merda che non ti piace ma ne sei quasi costretto visto gli ultimi anni, me ne faccio anche 2 di sett.di malattia anche se non ho niente…

sma73
sma73

Voglio solo far notare come al Whistler Medical(nota bene che negli ospedali americani la prima cosa che fanno è strisciarti la carta di credito, a prescindere), in quel grande paese che è l’America, nessuno sia stato in grado di assisterlo, cioè gli è stato detto di tornare il giorno dopo.
E’ solo una leggerissima nota polemica verso tutti quelli che non fanno altro che denigrare l’Italia al primo accenno.
PS. il confine tra irresponsabilità e potere/mente/fisico è sempre molto labile…la differenza sta sempre se ti va bene o no, cioè culo!:-) Comunque per me Leov è un grande!

mountaindoctor
mountaindoctor

Posto che l’America è un continente, non un paese, do per scontato che sappia che Whistler è in BC, Canada, e non negli USA…
Leov ha fatto quello che un bravo salesman fa quando deve chiudere un deal: fanculo tutto e avanti fino alla firma. Sostituisci salesman con qualsiasi altra professione, ed è possibile (non è detto, eh…) che capisca che:
1: lo sport è una grande scuola di vita, perchè quell’attitudine la acquisisci da piccolo
2: se nella tua Italia continuate a pensare che spingersi oltre i propri limiti sia irresponsabile e solo una questione di culo, preparatevi perchè i risultati non arriveranno mai e le critiche non potranno che aumentare.
PS: nel resto del mondo industrializzato un qualsiasi feedback, soprattutto se negativo, è considerato un regalo e un’opportunità di crescita, non lesa maestà 😉