MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | La European Enduro Series non si terrà nel 2016

La European Enduro Series non si terrà nel 2016

La European Enduro Series non si terrà nel 2016

05/01/2016
Whatsapp
05/01/2016

[ad3]

Doris e Georgy Grogger, gli organizzatori della European Enduro Series, hanno oggi comunicato che quella del 2015 rimarrà probabilmente l’unica stagione del circuito europeo. A fianco delle difficoltà finanziarie vengono citate difficoltà burocratiche a livello assicurativo e di responsabilità in caso di incidenti.

Questo il comunicato ufficiale:

After careful consideration, Trail Solutions made the hard decision to stop organizing events.
On the one hand the economic situation is forcing us to stop organizing events, on the other hand the personal risk as an event-organizer is getting higher and higher and we are not willing to take this risk anymore.
Due to this decision we have to cancel all our events including our the races in Innsbruck as well as the European Enduro Series.
We say THANK YOU to all the participants and partners of the last years: you made each event a SPORT-HIGHLIGHT!
… see you on the trail!
Doris und Georgy Grogger

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
85549
85549

l` hanno prossimo non avremo più enduro in catalogo?

demach
demach

Peccato, era interessante

Elendil
Elendil

Dopo aver partecipato a tutte le gare del 2015 ero in attesa di iscrivermi senza indugi al circuito 2016, questa mattina doccia fredda!!!
Un altro circuito di belle gare ben organizzate che chiude… e la nostra federazione di parassiti si pippa le nostre affiliazioni e che fa???

daniele0511

Che cosa c’entra la Federazione con un circuito organizzato all’ estero e che ha annullato TUTTE le gare e non solo quelle in Italia? Tanto per capire…

Mirko0
Mirko0

Una domanda il super enduro world series si corre questo anno ?

Shelbiminox
Shelbiminox

Mi sembra che il segmento enduro si sia dimostrato una bella macchina da soldi negli ultimi anni.. forse il più attivo.. Paradossalmente nel campo delle competizione un flop dietro l’altro.. Sembra che parta un circuito.. sparisce l’anno dopo.. Mah
Faccio una riflessione. Diciamoci la verità, alla stragrande maggioranza delle persone interessano relativamente le competizioni… vogliamo solo sapere qual’è la bici che va meglio, o la forcella, o quali gomme usano i pro giusto per sapere come “buttare” al meglio i nostri soldi… Con lo sviluppo di internet e la moltiplicazione delle community online è diventato molto più comodo trovare queste info in un test o in un forum o nei teaser, dall’ipad, nel letto…
Le competizioni allora vanno bene giusto per chi gareggia ma per qualche centinaio di persone vale la pena mettere in piedi il circo? E’ quello che si chiedono gli sponsor che se ne vanno (parentesi: in italia chi sponsorizza lo fa solo perché c’è un famoso giochetto fiscale), le aziende che non investono più ed infine gli organizzatori costretti ad alzare bandiera bianca..

Gian96
Gian96

sono d accordo con shelbiminox….anche a livello italiano con circuiti tipo ultraenduro vedi veramente pochi partecipanti nonostante gare belle e non estremamente dure ma molto divertenti… piuttosto che fare magari il solito giro domenicale su percorsi fatti e rifatti migliaia di volte io mi vado a fare queste gare !

Mirko0
Mirko0

Scusate ma poco tempo fa non era stato pubblicato questo http://www.mtb-mag.com/video-european-enduro-series-recap-2015/ doveva anche già le tappe del 2016 sbaglio grazie

Mirko0
Mirko0

*diceva

RSG
RSG

Credo che quelli che sono veramente interessati alle competizioni enduro, che hanno la capacità tecnica ed atletica e la possibilità economica per farlo siano in pochi.
Gli amici che hanno bici da enduro, solitamente escono tranquilli per divertirsi in discesa e secondo me sottovalutano la preparazione fisica necessaria per affrontare determinati percorsi.
Gli altri amici con cui esco in mtb, pedalano e partecipano a gran fondo e xc.

DoubleT
DoubleT

sì hai perfettamente ragione!!!
infatti, la massa dei biker è fatta da ragazzotti che, dannandosi l’anima, con gli occhi fuori dalle orbite alla vil coyote si lanciano a tutta all’inseguimento del bip-bip di turno.
ma… a pensarci bene nel ciclismo, mountain o road che sia, è e sarà sempre così. e qualcuno direbbe… una scuola di vita.

Mirko0
Mirko0

Marco quindi secondo te non ci sarranno più bici da enduro né fare da enduro

Mirko0
Mirko0

*gare

daniele0511

La gara dell’ anno scorso a PuntaAla fece 140 concorrenti, molto meno della media delle presenze del Toscano Enduro Series.

E’ evidente che un trofeo internazionale, per quanto divertente, ben organizzato e con una formula interessante, non ha speranza nè di reggersi in piedi con le quote di iscrizione nè di attrarre attenzione mediatica e sponsor.

Nell’ occasione mi permetto di dire che @Marco a mio parere ci aveva visto giusto quando si chiedeva se l’enduro avesse cannato direzione. Il successo dei circuiti regionali nel 2015 (relativo come tutto in questa che è comunque una piccola realtà) ha dimostrato che lo spazio c’è ma per gare “umane”, che richiedono un impegno tecnico, atletico ed economico minore; la ricerca di una dimensione “pro” ha allontanato molti racer che non hanno alcuna ambizione di classifica nè di crescita agonistica.
Quello che traspare dal calendario 2016 della SuperEnduro sembra decisamente un passo indietro rispetto alle ambizioni dei passati anni e nella direzione di recuperare quelli che corrono per divertimento e che volgiono farlo senza tante complicazioni…

daniele0511

Mi è saltato una frase, leggasi:

E’ evidente che con questi numeri un trofeo internazionale, per quanto divertente, ben organizzato e con una formula interessante, non ha speranza nè di reggersi in piedi con le quote di iscrizione nè di attrarre attenzione mediatica e sponsor.

luca.pejrani
luca.pejrani

Mi dispiace ovviamente come a tutti. Lascia un argomento di riflessione la seconda parte del comunicato, quella sulle responsabilità degli organizzatori e di loro collaboratori in caso di infortuni. In moltissimi sport l’effetto della legge e della reltiva interpretazione giuridica sta diventando paralizzante.