La Terre Rosse – Bosco della Serenissima – Internazionali d’Italia #6

La Terre Rosse – Bosco della Serenissima – Internazionali d’Italia #6

23/06/2014
Whatsapp
23/06/2014

Sesto ed ultimo appuntamento per la serie degli internazionali d’Italia. Questa volta è il turno di un’altra località che ci riporta alla mente grandi eventi e grandi nomi: Volpago del Montello si trova a pochi km da Montebelluna (TV), dove nel 2011 si sono svolti i Campionati del Mondo Marathon, allora vinti dallo svizzero Christoph Sauser e dalla danese Annika Langvad.

1DS_6173

L’affiatatissimo Team Pedali di Marca, guidato sapientemente da Massimo Panighel, ha presentato una serie di eventi sportivi che durerà una settimana, partendo dal Campionato Italiano Team Relay per giungere alla gara di Enduro della Polveriera.

1MK47675

Nella calda giornata di sabato 21 giugno, 13 squadre si sono contese il titolo Italiano XCO a staffetta. Gli addetti ai lavori discutevano ferventemente da giorni su chi potessero essere i favoriti di questa specialità! Vediamo com’è andata! Michele Casagrande (Corratec – Keit) e Anton Sintsov (TiTici LGL) prendono subito  la testa della corsa, seguiti dall’atleta del Gruppo Sportivo Forestale, Mirko Tabacchi.

1DS_6117

Durante il secondo giro le posizioni variano leggermente: ora la squadra leader è il Gruppo Sportivo Forestale, favorita dal giro veloce di Nicholas Pettinà. A seguire ancora TiTici LGL e Corratec-Keit.

1DS_6130

Nella terza frazione, dove molte squdre hanno scelto di schierare la componente femminile, Giulia Gaspardino (TiTici LGL) segue a pochi secondi la leader Alessia Bulleri (Gruppo Forestale).  Con un maggiore distacco dalle due, Serena Calvetti (Corratec Keit) e Lisa Rabensteiner (Focus Xc Italy Team).

1MK47728

Alla chiusura del giro, però, ci troviamo con un cambio alla testa della corsa: Lisa Rabensteiner (Focus Xc Italy Team) ha colmato il distacco sull’avversaria e si appresta a dare il cambio al fratello e compagno di squadra Fabian.

1MK47811

Ad avere la meglio, è Luca Braidot, che porta sul podio i colori del Gruppo Forestale.

1MK47856

Il team Focus Xc chiude in seconda posizione, con un ritardo di 31″ .

1MK47966

L’inno nazionale pone il sigillo su questo podio, riconfermando il Gruppo Sportivo Forestale, come campione italiano Team Relay!

 

1DS_6167

Nella giornata di domenica l’afa si è fatta sentire particolarmente.
La gara delle donne open è fissata per le 12.18 e il sole batte a picco sul campo gara. nei paddock si ricorre a tutti gli stratagemmi per cercare un po’ di refrigerio, alcuni si affidano al melone…

1DS_6169

.. altri ai braccialetti imbevuti in particolari sostanze refrigeranti.

1MK48067

Una ventina le atlete al via. Le due leader del circuito, Serena Calvetti (Corratec – Keit) e Lisa Rabensteiner (Focus Xc Italy Team) prendono subito il comando della corsa.

1DS_6217

1DS_6218

Già dalle prime tornate il ritmo è serrato. L’altoatesina Lisa Rabensteiner (Focus Xc Italy Team) sembra decisa a voler conquistare anche questa vittoria. Serena Calvetti (Corratec Keit) transita con un lieve distacco, che andrà ad accentuarsi di giro in giro.

1DS_6248

Anna Oberperleiter (Carraro Team Trentino) si attesta alla terza posizione e la difenderà fino al termine della gara.

1MK48305

Lisa chiude le 5 tornate previste in un tempo di 1h45:34.7, vincendo la gara e confermando la sua leadership della serie degli internazionali d’Italia.

1DS_6407

Podio donne open:

1. Lisa Rabensteiner – Focus Xc Italy Team 5 1h45:34.7
2. Serena Calvetti  – Team Corratec Keit 5 1h48:41.2 +3:06.5
3. Anna oberparleiter – Carraro Team Trentino 5 1h51:19.5 +5:44.8
4. Vera Andreeva – Federazione ciclistica russa 5 1h52:47.8 +7:13.1
5. Kirillova Kristina – Federazione ciclistica russa 5 1h53:34.6 +7:59.9

1MK48290

A causa del caldo e del duro tracciato, la gara donne si è rivelata piuttosto lunga, abbiamo solamente poco tempo a disposizione per prepararci a seguire la categoria open maschile!

1MK48468

Gerhard Kerschbaumer (I.idrodrain Bianchi) si concentra prima della partenza, che sia giunta l’ora del suo riscatto?

1MK48522

Marco Aurelio Fontana ha preferito prendersi un weekend libero dopo le lunghe fatiche di questa prima parte di stagione.
Al via circa 60 atleti, tra i favoriti della giornata, Andrea Tiberi (FRM Factory Team), Michele Casagrande (Corratec Keit) e Gerhard Kerschbaumer (I.idrodrain Bianchi). I pronostici si sprecano, ogni addetto del settore dice la sua impressione.

1MK48537

Al termine del giro di lancio Antov Sintsov (TiTici LGL) prende il comando della corsa, seguito dal russo Dimirtry Medvedev (Full dynamix).

1DS_6284

Al secondo passaggio, la situazione sembra essersi capovolta. Andrea Tiberi (Frm Factory) ha guadagnato la prima posizione. Lo segue a brevissima distanza Gerhard Kerschbaumer (I.idrodrain Bianchi) e un rinvigorito Ivan Alvarez Gutierrez (Team Selle San Marco- Trek).

1DS_6333

Andrea Tiberi e Ivan Alvarez Gutierrez mantengono la leadership del terzo giro, ma alle loro spalle, si avvicinano inesorabili Miguel Martinez (Frm Tropix) e Daniele Braidot (Corpo Forestale).

1MK48638

Nel quarto passaggio, Andrea Tiberi, perde due posizioni. Ivan Alvarez Gutierrez e Miguel Martinez, tentano di allungare sull’italiano.

1MK48689

Transita sesto Nicholas Pettinà (Corpo Forestale). Teniamolo d’occhio, anche a Vermiglio ha sbaragliato gli avversari con un recupero senza precedenti!

1MK49204

I numerosi giri, i durissimi strappi in salita e il caldo, hanno reso questo percorso durissimo.

1MK48926

Nella quinta tornata, Miguel Martinez prende il largo, guadagnando secondi su secondi, sfruttando la sua guida leggera ed agile.

1DS_6379

L’organizzazione si è impegnata veramente molto per la realizzazione di questa gara: ogni tratto è stato identificato con nomi blasonati di luoghi sportivi!

1MK49245

1MK49252

Il suo vantaggio nell’ultimo giro non lasciava dubbi. Il funambolico Miguel Martinez taglia il traguardo con 1′ 10″ su Ivan Alvarez Gutierrez.

1MK49533

1MK49564

Nella terra del Valdobbiadene non si poteva festeggiare diversamente!

1. Miguel Martinez (FRM Factory team) 1:41:34
2. Ivan Alvarez Gutierrez (Selle San Marco Trek) a 1′ 10”
3. Andrea Tiberi (FRM Factory team) a 1′ 24”
4. Nicholas Pettinà (Corpo Forestale dello Stato) a 2′ 18”
5. Daniele Braidot (Corpo Forestale dello Stato) a 2′ 23”
6. Martin Loo (Merida Italia team) a 3′ 10”
7. Anton Sintsov (TITICI LGL Pro team) a 4′ 03”
8. Fabian Rabensteiner (Focus XC Italy team) a 4′ 18”
9. Luca Braidot (Corpo Forestale dello Stato) a 4′ 24”
10. Gerhard Kerschbaumer (I.Dro Drain Bianchi) a 4′ 29”

Classifica Team Relay, qui!

Classifica Donne, qui!

Classifica Uomini qui!

1MK49635

Questa era l’ultima tappa della serie degli internazionali d’Italia, per un po’, possiamo mettere da parte fettucce e TNT, in attesa del campionato italiano a Gorizia!

 

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
DancingLizard
DancingLizard

Ok è un campione, però quella posizione in sella di Miguel Martinez è davvero fantozziana :))):

rocky max
rocky max

l’ho visto vincere un mondiale juniores stracciando niente di meno che Cadel Evans, i senior erano contenti che non corresse con loro.

manego
manego

ragazzi HO VISTO COSE……………………….
questa gente non ha tutte le valvole apposto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
io abito proprio sotto il montello e mi alleno nel circuito DELLE TERRE ROSSE praticamente ogni qual volta esco di casa con la bici.
E vi posso garantire che dove loro letteralmente volano io mi caco addosso.
buttano la bici in discese con pendenze allucinanti,con velocita’ assurde, che x noi poveri umani sarebbe impensabile.
tanto di cappello……..

manego
manego

dimenticavo……
la cosa piu’ brutta del montello è proprio la terra
se è bagnata è come l’olio……
se è troppo asciutta scivoli………
non è facile stare in piedi in tutti i due i casi ………………

manego
manego

le terre rosse offre ai biker 3 diversi tracciati
xc
marathon
enduro
c’è da divertirsi……….

Scaveon
Scaveon

Si è proprio vero, sembra che questi ciclisti vadano come se non avessero i freni e volano sopra i rock garden.
con le pioggie previste questa settimana penso che all’enduro ci sarà un bel po’ di fango.