Le nuove protezioni Dainese Trail Skins 2

Le nuove protezioni Dainese Trail Skins 2


Le Dainese Trail Skins hanno fatto un po’ la storia delle protezioni leggere da mountain bike. Ideate per poter essere indossate anche quando si pedala, avevano la caratteristica di adattarsi alla forma del corpo. Dainese presenta ora la nuova versione di questo prodotto: le ginocchiere e le gomitiere Trail Skins 2.

IMG_8787

Il concetto di base è lo stesso, cioè quello di poter essere usate anche quando si pedala grazie alla loro leggerezza e traspirabilità, cambiato è però il modo in cui le protezioni funzionano, perché il cosiddetto “guscio” è formato da uno schema esagonale che si infittisce lì dove gli impatti sono più probabili, e rimane più flessibile nella parti che tendono a muoversi quando si pedala. A ciò si aggiungono delle protezioni laterali.

IMG_8788

I lacci di chiusura sono più abbondanti, anche se molto fini e dunque non dovrebbero intralciare quando ci si muove.

IMG_8789

Un’altra novità è la pettorina Rhyolite 2, pensata per essere ergonomica e leggera. È dotata di una protezione Flexagon dalla schiena al torace, con maniche rimovibili con imbottiture Pro Armor alle spalle e ai gomiti.

IMG_8793IMG_8796

Dettagli del Flexagon.

IMG_8794

Maniche staccabili.

IMG_8797

Altra novità è la maglia funzionale Trailknit, in cui possono venire inserite le protezioni.

IMG_8799

In pratica si tratta di un base layer, con delle apposite “tasche” in cui mettere protezioni alle spalle e paraschiena, che possono essere risposti nello zaino quando si sale.

IMG_8800 IMG_8802 IMG_8801

Per maggiori informazioni: Dainese.it

    1. mah, oddio… le alveolari ci sono già da molto, credo che queste siano più sensate rispetto a quelle inguardabili con i boa suicidi che si sono viste ultimamente, ma oggi come oggi, sono piuttosto indietro rispetto a marchi specializzati in protezioni, oltretutto sti trafori ok che fanno respirare, ma hai presente polvere e fango come ci si infilano dentro?

      (0)
  1. Finalmente un paraschiena che protegge anche le spalle restando leggero. Quando i produttori di protezioni si accorgeranno che le spalle sono quelle più soggette a infortuni nel riding normale, anche nell’xc, e vanno protette non solo nel downhill

    (0)
    1. Buona parte degli infortuni alle spalle sono dovuti a disarticolazioni più che all’impatto vero e proprio, in un impatto forte di spalla è facile rompere la clavicola, è quando la spalla si disarticola che escono gli infortuni seri

      (0)
      1. Io conosco gente che si è rotta la clavicola per anche due volte per un colpo diretto, se avessero avuto una protezione senza dubbio l’infortunio sarebbe stato meno grave, poi io che ho le spalle sempre piene di lividi un minimo di protezione in più non mi dispiacerebbe (sono tornato su questa pagina proprio per ritrovare quella maglia protettiva). Le disarticolazioni dipendono soprattutto da abitudini sbagliate in caso di caduta, ad esempio mettere giù solo la mano al posto di tentare il roll (che non sempre è possibile) o almeno mettere giù tutto l’avambraccio, poi la sfiga è sfiga a volte

        (0)