Rio 2016: il percorso e gli azzurri in gara

Rio 2016: il percorso e gli azzurri in gara

18/08/2016
Whatsapp
18/08/2016

[ad3]

La gara XC più importante degli ultimi 4 anni dista ormai solo qualche giorno: sabato 20 (donne) e domenica 21 agosto (uomini), entrambe alle 17:30 ora italiana, verranno assegnate le medaglie olimpiche a Rio de Janeiro. È ora dunque di dare un’occhiata attenta al tracciato, dopo che è rientrato l’allarme per l’incendio scoppiato due giorni fa vicino alla zona dell’evento.

Cominciamo dal video girato da Kulhavy lo scorso anno, quando gli atleti erano andati a Rio per testare il percorso.

La location è fuori Rio de Janeiro, a Deodoro precisamente. La lunghezza del tracciato è di 4.8 km, ed è stato costruito appositamente per la gara olimpica da Nick Floros, responsabile anche dell’evento XC di Londra 2012. Tutto è stato dunque posto artificialmente, a cominciare dal rock garden dopo la prima lunga salita/discesa. Ha un aspetto minaccioso, ma ci sono diverse linee dirette che vi passano attraverso.

mtb

È proprio il susseguirsi di brevi ripide salite e discese con tanti ostacoli a costituire la difficoltà principale, cioè quella di non potersi mai “riposare”. La tecnicità della pista non è elevata, elevata è di conseguenza la velocità a cui i rider la percorranno.

rio

A meno che il meteo non si metta di traverso, come sembra che voglia fare per la gara maschile di domenica. Le previsioni danno il 70% di probabilità di pioggia. Non sappiamo quanto siano affidabili, ma nel caso abbiano ragione gli ostacoli artificiali di cui parlavamo in precedenza diventeranno scivolosi ed insidiosi, in particolare i tronchi messi di traverso sulla pista.

Screen Shot 2016-08-17 at 20.52.52

Sarà una gara che si deciderà negli ultimi metri, come a Londra 2012? Nella speranza che nessuno perda la sella come Fontana in quell’occasione, un finale allo sprint è sempre possibile. Questa volta, però, il tracciato è meno arzigogolato nei pressi dell’arrivo e difficilmente si assisterà ad un sorpasso in curva come quello di Kulhavy nei confronti di Schurter.

Lo svizzero è quello con la pressione maggiore: non solo perché l’oro olimpico è l’unico trofeo mancante al suo palmares (dopo il bronzo di Pechino e l’argento di Londra), ma anche perché un’intera stagione è stata filmata e promossa come “Caccia alla gloria” (Hunt for Glory). Si preannunciano notti insonni, pur nella bellissima magione in cui ha trovato quartiere.

Can't complain about my room in the Olympic village. #penthouse ? #rio2016

Ein von Nino Schurter (@nschurter) gepostetes Foto am

Una star di eccezione al via: Peter Sagan, qui in foto con Kulhavy. Un grande nome sulla carta, ma che in pratica avrà delle serie difficoltà ad andare in testa, visto che partirà lontano dalle prime file. La cosa sicura è che un personaggio del genere sia un’ottima promozione per il nostro sport.

Chi dei nostri potrà puntare in alto?

Fra gli uomini abbiamo in partenza il bronzo olimpico 2012 Marco Aurelio Fontana, 10° nella classifica della coppa del mondo, Luca Braidot, 21°, e Tiberi, 70°. I numeri ingannano, perché Braidot non ha preso parte alla coppa del mondo di Mont Sainte Anne e non ha quindi raccolto punti, quando invece, guardando alla stagione di coppa del mondo, appare essere l’azzurro più in forma.

First training in Olympic course #italyteam

Ein von Luca Braidot (@lucabraidot) gepostetes Video am

Fontana non sta vivendo una grande stagione, ma si gasa molto ai grandi appuntamenti, e poi è il vincitore della medaglia di bronzo a Londra 2012, quindi è lecito aspettarsi una bella gara da lui.

#goodmorning from my personal #room

Ein von fontanaprorider (@fontanaprorider) gepostetes Foto am

Andrea Tiberi ha lottato contro un problema alla tiroide durante l’inverno, da cui si è ripreso non tornando però ancora ai livelli a cui ci aveva abituati nel 2014. Speriamo che la sua forma continui a crescere fino all’appuntamento di domenica.

The #italiateam MTB squad entered the #olympicvillage ??????

Ein von Andrea Tiberi (@irontibi) gepostetes Foto am

Fra le donne il posto a disposizione dell’Italia era solo uno, assegnato ad Eva Lechner. Non una grande stagione neanche per lei, questa.

Non resta che augurare un grosso in bocca al lupo a tutta la squadra e sintonizzarsi davanti al televisore sabato e domenica alle 17:30!

[ad12]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
Pasqui 1.0
Pasqui 1.0

Finalmente l’ articolo che aspettavo. Speriamo bene perché da quello che ho letto la vedo dura. Forza ragazzi!

stefanocucco83
stefanocucco83

Qualcuno sa su quale canale del digitale terrestre la faranno vedere?

Simone-MTB
Simone-MTB

sicuramente sul sito rai e sull’app

Buschi
Buschi

I canali possibili in tv sono 3: Rai2 (2), Raisport1 (57 – 557hd), Raisport2 (58 – 558hd).
Sull’app della Rai invece c’è un canale dedicato per ogni singola gara

gabren
gabren

Sullo spettacolo penso non ci sia da discutere
Speriamo nella telecronaca…. nelle ultime tre edizioni sono arrivato al punto di spegnere l’audio 🙂

Vongraz
Vongraz

Sono mountainbiker da una vita e il dover pedalare in un circuito artificiale con ostacoli artificiali mi ha sempre fatto una grande amarezza. Ovvio che ci sono esigenze quasi esclusivamente televisive (soldi), ma queste manifestazioni non mi interessano alcunchè, preferisco vivere direttamente questo sport soffrendo e esaltandomi sui miei amati e liberi sentieri, piuttosto che seguire le gesta di questi atleti che mi appaiono come animali in uno zoo.

Chi ha vissuto,in prima persona come me, le competizioni, anche internazionali, di molti anni fa, come i primi circuiti di coppa del mondo (allora Grundig), sa bene cosa intendo.

Nessuna polemica, peace & love

Riki174
Riki174

Condivido (in parte) il tuo pensiero…ma lo estendo in toto a tutta l’organizzazione delle olimpiadi. Sarebbe ora di smettere di portarle laddove non ci sono strutture k poi vengono costruite apposta e poi giaciono abbandonate.
Che ospitino olimpiadi solo chi ha strutture, meno megalomani ma gia funzionali e di utilita’. Abbandoniamo i mega-appalti occasionali k costano miliardi e non giovano alle citta’!
…mio pensiero…piu o meno condivisibile.

mountaindoctor
mountaindoctor

@Riki174, niente di personale, ma “Che ospitino olimpiadi solo chi ha strutture, meno megalomani ma gia funzionali” é quanto di piú lontano dallo spirito olimpico, inteso come voglia di superare il proprio limite o, per i piú forti, i limiti conosciuti… Io nello stadio olimpico di Barcelona 92, ci ho corso una gara nel 2010, non proprio una struttura abbandonata dopo i giochi 😉
Sui circuiti di XC, ce n’é per tutti, é ovvio che se vuoi inserire una disciplina di montagna in una manifestazione che prevede anche gare di vela e nuoto di fondo in acque aperte, un compromesso va trovato, o no 😉 ?

nicola47
nicola47

io invece credo che creare dei buchi da miliardi di dollari nei bilanci per costruire cattedrali nel deserto con lo scopo di far contenti gli amici di turno sia molto lontano dallo spirito olimpico..

mountaindoctor
mountaindoctor

Quindi le due possibilitá sono “cattedrali nel deserto” o “strutture giá esistenti”, in mezzo niente? Un filo “semplicistico” 🙂

nicola47
nicola47

Se devono fare le cattedrali nel deserto per gli “amici” con i soldi miei, allora é meglio niente.
Sono favorevole a questi eventi solo se sono economicamente sostenibili, tanto per citare un esempio, i mondiali di rugby organizzati in Inghilterra l´anno scorso sono stati un successo, hanno utilizzato strutture giá esistenti e creato utili, i mondiali in Brasile invece hanno creato utili alla FIFA che aveva i diritti tv, e un buco da 13 miliardi nel bilancio dello stato.

sunsetdream
sunsetdream

Sono d’accordo. Si può tracciare un percorso xc su un terreno naturale, una volta era così e può esser così anche adesso. I tracciati troppo artificiali snaturano questo sport che consiste proprio nel confrontarsi con la naturalità del percorso, che cambia a seconda del clima e addirittura del “giro”, creando un solco in piu, un sasso smosso che prima non c’era ecc. ecc. La gara la guarderò lo stesso, perche’ raramente alla tele più o meno libera (non ho Sky con bike channel) fanno vedere il nostro sport. Sono curioso soprattutto di vedere i rock garden artificiali. Naturalmente tiferò i nostri. Naturalmente.

zary78
zary78

Io spero che piova x bene,giusto da mischiare un po’ bene le carte!

Elio Bortone
Elio Bortone

Decimo Fontana se parliamo di “ranking UCI” , mentre nella classifica di Coppa del Mondo 2016 risulta quattordicesimo con 362 punti ,dietro a Braidot, tredicesimo, con 379 …. Il tutto tenendo conto che il leader, Absalon , di punti ne ha 1060…. Tiberi, di punti ne ha 210 ed è trentunesimo.
Non dimenticandoci che manca ancora una prova.
Spesso si confonde il Ranking , che tiene conto di tutte le prove fatte dagli atleti che portano punti UCI , e la classifica di Coppa del Mondo che meglio identifica lo stato di forma dell anno in corso.

mountaindoctor
mountaindoctor

Io credo che se la giocheranno i soliti tre. Facile pronosticare un Nino in formissima, starei peró attento a Kulhavy, anche se credo che la sua preparazione fosse focalizzata sul mondiale a casa sua. Da Absalon poi ci si puó aspettare di tutto.

gasate
gasate

Se non vince un italiano. Speriamo che vinca lo spettacolo.

Andrea Sicilia
Andrea Sicilia

Sicuri che Sagàn parta dietro?
I punti Uci bdc non valgono? O conta solo la coppa del mondo xc per la griglia?
E comunque chi parte dietro è tagliato fuori del tutto a prescindere?

Boss Equipment
Boss Equipment

Percorso tutto al sole, poveri loro….

luca.pejrani
luca.pejrani

Il tracciato non mi piace proprio o almeno non corrisponde all’idea che ho della MTB. E’ troppo artificiale e tutto lisciato come un tavolo da biliardo al di fuori degli ostacoli, che comunque sembrano più finalizzati a rompere il ritmo e a richiedere continui rilanci che a valorizzare gli atleti tecnicamente più completi. Francamente non so se guarderò la gara.

Andrea Sicilia
Andrea Sicilia

da quale parte si trovano i pettorali?

Se conta il ranking UCI, Sagan ha zero punti (è primo nel ranking road), quindi partirà col 50 visto che i concorrenti sono 50?

vaff
vaff

Sport artificiale, tracciati artificiali..