Alla scoperta del Vajont in MTB (quasi) 60 anni dopo la tragedia

30

Io e Marco ci incontriamo per andare a fare un giro sulla diga del Vajont, in occasione del sessantesimo anno dalla tragedia, e con l’occasione mi consegna il mezzo più elegante e più ignorante che ci sia, la Pässilä Runtu che vi abbiamo presentato qualche giorno fa.
Se volete sapere di più sugli eventi che causarono la morte di migliaia di persone più sotto nell’articolo trovate i video di Marco Paolini.

Traccia GPS



.

Altri episodi Trail Ninja.

Cosa indosso

– Jersey manica lunga
– Jersey manica corta
– Guanti
– Pantaloni
– Fondello
– Calze
– Ginocchiere Bluegrass
– Antivento
– Casco MET Roam
– Buff
– Scarpe
– Giacca Goretex
– Piumino

MTB

– Trek Fuel EX

I miei componenti sulla MTB

– Pedali dhsign
– Attacco manubrio dhsign
– Manubrio
– Ruote Damil Components (come alternativa alle Bontrager carbon)
– Borse bikepacking Miss Grape

La mia attrezzatura

– Tools Granite Design
– Pompetta oneUp Components
– GOPRO Hero9 Black
– GOPRO Max
– Drone DJI Mavic Mini 2
– Sony zv-e10
– Zaino Evoc Explorer 30L
– Zaino Evoc Trace 18L
– Hookabike
– Faretti Magicshine
– Tenda Vaude Power Lizard 1/2P
– Materassino Thermarest NeoAir
– Sacco a pelo invernale
– Sacco a pelo estivo
– Tubolito

Vajont MTB

Commenti

  1. Bel video, complimenti!
    @iron.mike83 la tua guida è sempre uno spettacolo da vedere, è uno stimolo ad uscire per migliorarsi. Con la front però il tuo gesto tecnico, e atletico, è ancora più evidente. Fantastico!
Storia precedente

[Replay] Emil Johansson vince lo Slopestyle a Cairn. Torquato Testa 5°

Storia successiva

Valtellina Climbing Challenge: i vincitori

Gli ultimi articoli in Trail Ninja