Appennino selvaggio: Monte Cusna

Appennino selvaggio: Monte Cusna

Stefano Udeschini, 06/06/2021

Di ritorno da Massa Marittima ci siamo fermati sull’Appennino Emiliano, precisamente sul Monte Cusna. Dopo l’Isola del Giglio e l’epopea per arrivare a Cala Violina, mi ha raggiunto l’amico Wolf con cui ho esplorato questo angolo di Appennino.

Il sito su cui trovare i corsi, le uscite guidate epiche e i camp: Epic-trail.

 

Commenti

  1. Sempre super giri! Qualche domanda:
    -vedo che usi komoot: l'ho scaricato anche io e l'ho usato solo una volta (ma su strada e zona conosciute ed era ok); ho provato ad ipotizzare un giro in mtb con partenza da casa sul monte che ho praticamente dietro e mi ha sparato la traccia su una salita poco praticabile e una discesa che si chiama "Calvario" (direi alla vostra portata ma non alla mia!)...l'idea era di pianificare uscite su posti nuovi ma visto la prova mi sa che è meglio copiare i giri da altre applicazioni...vedo che anche a voi le sorprese non sono mancate...
    -ma quando sei andato a dormire la bici era fuori o nel caddy- si riesce a farla stare dentro?- Vedo che Wolf la lascia fuori sul portabici (io non mi fiderei assolutamente!)
    -ma non siete mai stanchi???
  2. Ivo:

    Il versante est è certamente meglio ma dal Passone (m1837) al Monte La Piella (m2077) si pedala pochissimo a meno di avere una ebike e allora si che si fa in sella almeno fino al Sasso del Morto poi qualche pezzetto a piedi è inevitabile. Tutta la zona è molto selvaggia e i crinali del Cusna e del Prado sono comunque bellissimi e valgono certamente la fatica della conquista.
    Lo scorso anno abbiamo dopo essere arrivati al Passone abbiamo fatto il sentiero che passa dalla costa delle Veline in pratica per quasi la sua totalita' pedalabile in ambiente veramante super poi siamo saliti di portage proprio sotto la vetta in circa 40 minuti dove confermo l'espressione di Steave, e' veramente in piedi.
    A mio modo di vedere pero' se proprio volete farvi un giro super una volta arrivati al Passone scendete a Pianvallese poi a Rescadore(molto bella)da li seggiovia fino a quota 2000 poi Vetta e discesa finale.
    Informatevi solo dell'apertura della seggiovia e degli orari, io ci sono rimasto fregato un paio di anni fa e mi dovetti fare portage fino al Passone.