19/04/2014
Whatsapp
19/04/2014

A distanza di una settimana mi trovo, a mente fredda, ad analizzare e raccontare ciò che è accaduto Domenica 6 Aprile a Pula (Provincia di Cagliari) in località Pixinamanna. La prima volta che parlai di BIKE FESTIVAL con Simone Picci (Pro bike – Pula) era aprile 2013 in occasione della prima Marathon in mountain bike delle tre caserme organizzata da Pul.Sar. MTB.

Altro pubblico gara DH sempre utenti MTB MAG

Dopo qualche scambio di battute mi chiese di lasciare perdere perché stavo alimentando il fuoco con la benzina.

A inizio Marzo, mentre ero convalescente per una brutta frattura alla gamba, ricevo la chiamata di Simone che inizia a raccontare a cosa stava lavorando: “Gara DH… esatto… regolamento? Tutto apposto…. Mancano gli ultimi dettagli…”

Appena chiuso il telefono ho pensato che forse, pure in Sardegna, ci si stava svegliando ed aprendo alla MTB. Ho aspettato davvero fremente il BIKE FESTIVAL SARDEGNA. C’erano tutti i presupposti perché fosse una vera festa e un vero sucesso.

DH 1

Il programma, d’altronde, era allettante:

– Gara Down-Hill.

– Escursione guidata (Percorso corto).

– Escursione guidata (Percorso medio).

– Escursione guidata (Percorso lungo).

– Escursione guidata (Bici da Corsa).

– Corsi guida per bambini.

– Corsi guida (Livello base).

– Corsi guida (Livello intermedio e avanzato).

– Test bike con percorso dedicato (Cannondale, Specialized, Mondraker, Giant, Trek, Merida, GT, Picci bici, Titicì e molte altre)

Utenti MTB-MAG trovati in giro per i sentieri del bike festival

Con un programma così vasto e variegato era quasi impossibile restare insoddisfatti… e le circa 4000 (QUATTROMILA) visite sono state la conferma che il Bike Festival Sardegna è stata un vero successo. Un vero e proprio punto di partenza e di svolta. Le autorità presenti (Alcuni politici locali) sono rimasti colpiti e favorevolmente stupiti dal movimento a pedali con i quattro mori. Simone Picci, deus ex-machina del BFS, ha fatto centro.

Simone DEUS EX MACHINA del bike festival sardegna

I vari stand dei vari espositori presenti pullulavano di persone. Tutti, finalmente, ci siamo mostrati un movimento unito. Piacevolmente sorpresi gli operatori del settore come Alessandro Melis (Negoziante, atleta, maestro mtb e fermo sostenitore delle ruote grasse): “Non ci aspettavamo tutta questa risposta… Simone l’ha azzeccata”.

Stand team  PulSar MTB

La Location prescelta è un parco vastissimo ricco di trails, molti dei quali manutenuti dai ragazzi della zona (Cicerino, Donato, Stefano, Matteo, Marco… insomma il team Pul.Sar).

Proprio nei trails del parco manutenuti da questi ragazzi (Pul.Sar.) si sono svolti i corsi e le escursioni.

Stand a fine giornata TUTTI ESAUSTI

Maurizio Cherchi (Mountain biker esperto con convocazioni di livello nazionale), durante uno dei corsi da lui tenuti, mi rilascia delle dichiarazioni: “Non si tratta solamente di insegnare ad andare in mountain bike… non è solamente tecnica di guida… si tratta di diffusione della cultura della mountain bike con tutto ciò che ne concerne come il rispetto per l’ambiente e dei trails” aggiunge pure: “Ho numerosi sponsor che credono nella mountain bike e che investono ingenti capitali… e oggi è una svolta… una pietra miliare… con l’ambizione di prender a riferimento l’Austria e i suoi bike park (LEOGANG ndr).”

Momento del corso livello intermedio con Maurizio Cherchi

Pure Ciro Commesso (Il primo ad aver fondato una scuola MTB in Sardegna), durante una chiacchierata che abbiamo fatto durante il suo corso per i bambini, ribadisce i concetti di Alessandro Melis e Maurizio Cherchi.

Insomma… la Sardegna si sta svegliando dal torpore turistico estivo e vuole accogliere i mountain bikers di tutto il mondo durante tutto l’anno…. E credetemi, il nostro clima lo consente!

Momenti del bike festival con Isla bike

Saluto Ciro, Maurizio e Alessandro e proseguo il mio tour… in giro è un visibilio di MTB. Le bici TEST si fermano solamente per adattarsi ai nuovi testers che si susseguono senza sosta.

DH 3 Emiliano Musselli

Continuo il giro con la mia ciurma di disperati a pedali e mi fermo a vedere la gara DH… uno show senza fine… i riders danno spettacolo e si danno battaglia in una gara dimostrativa che è più una festa che una vera e propria gara. Ci sono state pure delle pecche che, sicuramente, non ci saranno l’anno prossimo. Si, il bike festival si farà pure nel 2015 e non durerà un giorno solo come quello di questa edizione!

Utenti MTB-MAG trovati in giro per i sentieri del bike festival

Simone mi confessa che, lui e il suo staff, stanno già lavorando per poter fare 3 (TRE) giorni di festa in cui saranno presenti un sacco di eventi fra cui:

– Una 24 ore

– Gara Enduro

– Gara DH

– Pumptracks

– Test bike

– Escursioni

A sto punto, spero, possano partecipare più persone possibili e che pure le aziende di settore si facciano avanti… non sarà la Sea Otter ma c’è tutto il potenziale affinché il Bike Festival Sardegna diventi una vetrina mondiale.

Dopo qualche quarto d’ora passato a godermi la gara mi sono spostato allo stand del team Pul.Sar. che presentava la Marathon delle tre caserme di quest’anno (Si terrà il 18 Maggio a Pula).

Utenti MTB MAG fanno da spettatori durante la gara DH

Parlando con i dirigenti (Marco Vita, Guido Vincis e Francesco Sanna) del team, scopro che non sono una squadra MTB ma una vera e propria corazzata composta da quasi 70 (SETTANTA) appassionatissimi iscritti che fanno pure tanto trailbuilding… dovreste vedere i sentieri che mi stanno mostrando in questi giorni!

Locandina MARATHON DELLE TRE CASERME

Resto fino alla fine… non me ne voglio andare… mi sto godendo un sacco di positività e propositività.

Vedere gli amici con cui ho corso fino a due anni fa, che scendono come missili dalla pista, mi fa venire voglia di indossare l’integrale… ma poi mi ricordo che oggi ho un’altra mission… e così inforco la mia Ellsworth e continuo la mia esplorazione…

Trails… stand… birra… ancora trails… stand alimentazione sportiva e relativo seminario… stand tecnico da Techno bike con Giorgio, fresco dall’esperienza in Sud Africa alla Cape Epic come meccanico di un certo Paulissen… Mi sposto da Stefano e Rosy di Back Flip Shop con cui faccio una chiacchierata sulla loro recente esperienza nel Superenduro (Hanno portato i loro atleti a Coggiola a correre la Superenduro experience)… e sul loro pumptrack… IL PRIMO PUMPTRACK della Sardegna.

Massimo di Ethic sport e lo stand preso d'assalto dalle cavallette

La giornata, ormai, sta volgendo al termine… dunque faccio una telefonatina a Edoardo (Unico infortunato della DH del festival), Raduno la ciurma e abbandoniamo i monti. Scendiamo verso il mare. Raggiungiamo la piazza sporchi, impolverati e puzzolenti e ci godiamo una birretta. Io, ancora oggi, non voglio che sia finita lì…. Ma sto già aspettando il BIKE FESTIVAL SARDEGNA 2015… Sono cosciente che sarà ancora meglio.

La vallata dove sorge il parco di Pixinamanna sede del bike festival

Nel frattempo mi guardo le poche foto che ho scattato e quelle di alcuni amici… anzi… guardatevele pure voi…. E l’anno prossimo prendete un dannatissimo traghetto e venite a trovarci…. La Sardegna non è solamente Mare… CREDETEMI.

 

POTRESTI ESSERTI PERSO