[Fotostory] Intorno al Monte Oronaye, in Val Maira

[Fotostory] Intorno al Monte Oronaye, in Val Maira

07/07/2012
Whatsapp
07/07/2012

Dall’anno scorso volevo intraprendere il giro del Monte Oronaye, in Alta Val Maira. Oggi, finalmente, il meteo ha dato il suo consenso e così, insieme a Zergio, Muldox e Biker di Pezza, mi sono messo in marcia per questo itinerario a cavallo fra Italia e Francia. La sua particolarità sta nel percorrere singletracks, nella maggior parte del suo sviluppo. Se si eccettua, infatti, la strada militare che dalle sorgenti del Maira porta a quota 2000 e l’antecedente tratto in asfalto da Acceglio, per tutto il resto del percorso si pedala su dei sentieri incredibili.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174610&s=1024[/img]

Tralascio i nomi dei passi, vi dico solo che la salita iniziale porta da 1200 a 2450 metri, con dei paesaggi spettacolari, dove delle vallette dimenticate da Dio sono solcate dalle strade militari costruite durante il ventennio fascista per difendere la madrepatria dal nemico d’Oltralpe. Un’opera assurda, che però oggi permette ai bikers di raggiungere luoghi che, altrimenti, neanche vedrebbero in cartolina.

Alla fine della prima lunga salita, una caserma abbandonata, appena sotto il confine con la Francia, é il luogo ideale per una pausa a suon di focaccia. Notate la scritta sul muro, fatta dal “Gruppo motoalpinistico” il 17/08/1975!

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174617&s=1024[/img]

Per arrivare qui non siamo riusciti a pedalare tutto, ma quasi.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174613&s=1024[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174614&s=1024[/img]

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174616&s=1024[/img]

Un ceppo rivela il motivo per cui la caserma – e  la strada – furono costruite.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174618&s=1024[/img]

Dietro il passo comincia il delirio di sentieri francesi. Solo un forte vento da nord riesce a buttarci giù di sella. Seguiamo la traccia attraverso prati così bianchi per via dei fiori che sembra aver nevicato.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174619&s=1024[/img]

E poi inizia questo sentiero. Sembra essere stato costruito per le mountain bike.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174620&s=1024[/img]

Lo pedaliamo tutto, sia in salita che in discesa, una vera goduria.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174621&s=1024[/img]

E come se non fosse abbastanza, dietro l’ennesimo passo c’é un altro lago e un altro sentiero da sballo.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174622&s=1024[/img]

C’é chi dorme e chi rifiata.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174623&s=1024[/img]

Zergio porta stoicamente il suo prototipo di Rose Uncle Jimbo 2013, malgrado la schiena saccagnata dopo un brutto volo durante il giro di ieri, verso l’ultimo passo. Notare i resti delle caserme in basso vicino al lago.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174624&s=1024[/img]

Ultimo passo raggiunto = ultima foto. 1400 metri di dislivello ci attendono, prima su un sentiero molto sassoso, poi sulla fluidità fatta in persona, fino in Val Maira e nessuno ha voglia di fermarsi per fare foto. Un giro che consiglio a tutti gli amanti dei sentieri e dell’alta montagna.

[img]http://fotoalbum.mtb-forum.it/image.php?id=174626&s=1024[/img]

>>> La descrizione dettagliata dell’itinerario, con i dati GPS.
>>> Dove pernottiamo in Val Maira: Sagna Rotonda 

Tutte le foto sono state fatte con una Canon Powershot G10 e con iPhone