GT Sensor Carbon Pro

GT Sensor Carbon Pro LE in test

6

Negli ultimi tempi GT sta vivendo una sorta di rinascita. L’iconico marchio è tornato dalla East Coast alle sue radici nella terra del sole e dell’infinita stagione delle corse: la California del Sud. Questa mossa coincide anche con un aggiornamento graduale della gamma di prodotti, con nuove linee ed estetiche, oltre a grafiche che ricordano gli esordi. Da qualche tempo sono in sella al loro ultimo modello all rounder, la Sensor Carbon Pro LE, e volevo condividere le mie opinioni sul nuovo mezzo. Continuate a leggere per lo scoop completo…

GT Sensor Carbon Pro


Dettagli

  • Ruote da 29″
  • Taglie: S, M, L (in test), XL
  • Escursione anteriore 150mm / 140mm al posteriore
  • Triangolo anteriore in carbonio / Carro in alluminio
  • Mavimento centrale filettato
  • Forcellino universale (UDH)
  • 5.699€

.

GT Sensor Carbon Pro
A partire dalle sospensioni, GT ha scelto i modelli di punta di RockShox. All’anteriore c’è la Lyrik RC2 con il nuovo ammortizzatore Charger 3 (regolazione della compressione ad alta e bassa velocità, regolazione singola del ritorno), Buttercups e valvole di spurgo. Finora sono rimasto molto colpito da questa forcella e l’ho trovata molto adatta al tipo di bici. Sul retro c’è un Super Deluxe Ultimate RC2, anch’esso dotato di regolazione della compressione ad alta e bassa velocità e di una singola regolazione del ritorno, ma con il controllo idraulico del fondo corsa come bonus. Mi piace molto questo ammortizzatore e approfondirò la questione delle sospensioni più avanti.

GT Sensor Carbon Pro

Il cockpit è per lo più un mix di componenti interni/economici, ma non ho avuto grossi problemi. Sono stato felice di vedere un manubrio abbastanza alto da 30 mm e un tubo di sterzo che è stato lasciato con molti distanziali. Preferisco un avantreno alto e troppo spesso ricevo bici troppo basse. Le manopole GT sono sorprendentemente comode e sono un fan del design a morsetto singolo. Mi ricordano le ODI Longneck leggermente più solide. Infine, i freni Code RSC di SRAM hanno dimostrato più volte il loro valore. Il raggio d’azione e il punto di contatto regolabili esternamente sono un tocco di classe e la combinazione di rotori anteriori da 200 mm e posteriori da 180 mm è perfetta per il livello di utilizzo di questa bicicletta.

GT Sensor Carbon Pro

Non ho nulla di negativo da dire sul reggisella dropper TranzX. Anzi, mi piace molto il suo funzionamento e il feeling. Inoltre, il fatto di poter regolare facilmente l’escursione è un tocco di classe. Complimenti a GT per aver scalato l’escursione del reggisella in tutta la gamma di taglie e per aver previsto un’escursione di 200 mm sulla taglia Large. Noi uomini allampanati lo apprezziamo molto, quindi altri marchi sono pregati di prendere nota! Detto questo, non mi sono assolutamente trovato bene con la leva. A prima vista sembra che possa andare bene, ma ha tutti gli angoli sbagliati. Fortunatamente è possibile sostituirla con qualcosa di molto superiore per circa 50€.

GT Sensor Carbon Pro

La trasmissione della Sensor Carbon LE Pro è un mix intelligente di componenti che aiutano a ridurre il prezzo per raggiungere il giusto obiettivo. Un deragliatore XO1 Eagle mantiene il cambio preciso, ma la maggior parte del resto è di livello GX – e va bene, ma pesa un po’ di più di una trasmissione X01 completa. In ogni caso, la cassetta 10-52T offre un range ampio. Per la cronaca, questo modello viene fornito con una corona in acciaio da 32T. Come potete vedere qui sopra, ho installato un 30T per una parte di questa recensione, per aiutarmi ad affrontare alcune delle mie uscite più dure.

Il passaggio dei cavi è molto ben pensato. Passa internamente attraverso il tubo di sterzo con un’uscita super ordinata nella parte inferiore del tubo obliquo, fissata con un raccordo in plastica stampata e un sistema di chiusura funzionale. Forse ciò che ha reso più felice il mio nerd interiore sono state le guide per le fascette (in basso a sinistra).


La protezione è quella che generalmente ci aspettiamo nel mondo della MTB: una protezione in gomma stampata sul fodero che si avvolge più generosamente nei punti critici e presenta delle ondulazioni per mantenere il silenzio. Anche alla base del tubo obliquo è presente una robusta protezione in gomma.

La Sensor monta ruote WTB KOM i30 con un mozzo anteriore interno e un mozzo posteriore SRAM. Il set di ruote non è niente di eccezionale, visto che ha avuto bisogno di un paio di correzioni e ritensioni per rimanere dritte, ma in linea di massima queste ruote si sono dimostrate all’altezza del compito fino ad ora e riescono a svolgere il loro lavoro, a patto che si faccia manutenzione regolarmente.

Infine, la gommatura è costituita da un set di pneumatici Continental Kryptotal Fr. Ho sentito parlare molto bene di questi pneumatici, ma personalmente non ho avuto un’esperienza ottimale, tuttavia c’è un retroscena. La scheda tecnica di GT prevede una combinazione Kryptotal Fr/Rr con carcassa “Enduro” e gomma “Soft”. La mia bici di prova è stata spedita alcune settimane prima che la nuovo Sensor fosse disponibile al pubblico e credo che GT si stesse affannando per far uscire le bici da recensire. In questo affanno, la mia bici si è ritrovata con le carcasse più sottili “Trail” nella mescola più dura “Endurance”.

Non ci è voluto molto perché il pneumatico posteriore traballasse parecchio, dato che in alcune curve difficili la carcassa più sottile ha fatto fatica. Per essere chiari, non si trattava della ruota ma del pneumatico stesso… Tenendo conto di ciò, penso che sia lecito supporre che la versione di serie con una carcassa Enduro più spessa e una mescola morbida sia all’altezza del compito, soprattutto alla luce di quanto ho sentito parlare positivamente di questi pneumatici.

Geometria GT Sensor Carbon Pro

Una rapida occhiata ai numeri ha rivelato una geometria che personalmente sceglierei per la mia bicicletta. Un reach di 480 mm e foderi di 440 mm sono perfetti per una taglia Large, secondo me. Anche tutti gli altri dati critici sono stati scelti perfettamente. Detto questo, sarebbe bello vedere una geometria scalata in base alla taglia, dato che i rapporti centro anteriore : centro posteriore non sono coerenti in tutta la linea. Come si può immaginare, un reach di 430 mm e un fodero di 440 mm sulla taglia Small non hanno la stessa proporzionalità della mia taglia Large. Vale la pena di considerare che questa scelta fa lievitare notevolmente i costi di produzione e che GT pone una forte enfasi sul rapporto qualità/prezzo, quindi è comprensibile che questo aspetto non faccia parte dell’equazione finale. In ogni caso, la maggior parte dei numeri sono corretti e si prestano a una grande maneggevolezza sia in salita che in discesa.

GT Sensor Carbon Pro su sentiero

Per quanto riguarda l’assetto, questa bicicletta prevede una percentuale di sag del 25%. Si tratta di una percentuale leggermente inferiore a quella di una bici media, che si aggira intorno al 30%. In ogni caso, ho regolato le sospensioni di conseguenza e sono partito per i sentieri. Ho inviato un’e-mail al mio contatto da GT per sapere che cosa richiedono in termini di riduttori di volume o se devono essere utilizzati gli air can progressivi o lineari. Stranamente c’era un solo riduttore di volume nell’ammortizzatore posteriore, che aveva il barilotto lineare, ma è previsto per 3 riduttori di volume. Mi è capitato di avere due riduttori extra in giro e li ho inseriti. Da quel momento la sospensione ha funzionato perfettamente. Come nel caso degli pneumatici, si può parlare di difficoltà tipiche dei campioni prima del rilascio.

Questo nuovo modello riprende le basi gettate dall’ultima Sensor, ma le perfeziona e le migliora sotto molti aspetti. L’ultimo modello era un valido all rounder e questo non è diverso, ma è più calibrato, leggero e silenzioso. Un aspetto che è andato perduto è la geometria regolabile, poiché GT non include più un flip chip nell’occhiello inferiore dell’ammortizzatore. Dato che la geometria è così precisa, penso che sia una decisione abbastanza perdonabile, ma in genere preferisco avere più opzioni piuttosto che meno.

In ogni caso, GT ha offerto alcuni spunti per questa scelta dal loro punto di vista, che ho apprezzato. In sostanza, la maggior parte dei rider intervistati ha adottato un approccio “imposta e dimentica” e non ha cambiato posizione più di una volta. Hanno anche sottolineato che un  flip chip richiede linguette inferiori dell’ammortizzatore più larghe, il che impedisce la compatibilità con barilotti più grandi e rende difficile la sostituzione delle molle elicoidali, in quanto è necessario rimuovere l’hardware dell’ammortizzatore per cambiare le molle, mentre l’hardware da 20 mm da loro scelto non comporta alcun problema. Un gioco da ragazzi!

Ok, basta con i discorsi da nerd: parliamo di come si è comportata questa bici sui sentieri. Iniziando dalle salite, ho trovato la Sensor estremamente scattante. Se da un lato l’angolo del tubo sella di 77° vi mette in una posizione comoda ed eretta, dall’altro questa bici è molto reattiva agli input del pedale, senza sprechi di energia. Credo che attribuire questa caratteristica a una bassa percentuale di sag sarebbe quantomeno ignorante. Secondo le mie conclusioni, si tratta piuttosto di una conseguenza della cinematica. In diverse lunghe salite sono arrivato in cima a un sentiero e sono andato a sbloccare l’ammortizzatore posteriore per scoprire che non mi era mai venuto in mente di bloccarlo. Di solito, se mi trovo su una lunga salita e sento del bobbing, chiudo la leva di blocco senza esitare. Il risultato è che c’è una piattaforma di pedalata molto solida su cui spingere e questa bici si arrampica molto bene.

Se da un lato questo rende la bici ben pensata e capace di affrontare le salite, dall’altro significa che non è esattamente un’auto da corsa con la quale si può sfrecciare senza preoccuparsi di nulla. È più una bici da trail che un cinghialone da enduro. Questo significa anche che quando si tratta di scendere è facile da pompare e far saltare. È la bici che vi farà cercare linee per saltare sul terreno accidentato, piuttosto che attraversarlo. Con questo non voglio dire che abbia esibito una guida dura o che mi abbia frenato in qualche modo… sto semplicemente analizzando il suo comportamento e la sua posizione nello spettro tra bici vivace e bici spianatutto.

Per quanto riguarda le altre caratteristiche di guida, GT ha scelto ottimi componenti su questo modello e quindi offre un rapporto qualità/prezzo davvero buono. I freni e le sospensioni di punta, uniti a una trasmissione collaudata, sono un ottimo punto di partenza. Questo, unito a una silenziosità assoluta e a un comportamento solido, ha reso la guida priva di distrazioni e mi ha permesso di concentrarmi sul percorso da affrontare.

È una bici molto vivace ma tranquilla, che non ha particolari manierismi che si fanno sentire, e questo lo considero un aspetto positivo. Nel corso dei pochi mesi in cui ho guidato questa bici non ci sono stati problemi con i cuscinetti e ho trovato tutte le caratteristiche del telaio estremamente ben studiate. Sono rimasto particolarmente colpito dal passaggio dei cavi e, se devo essere sincero, sono entusiasta delle guide per fascette a basso profilo. Perché nessuno ci ha mai pensato prima?

Conclusioni

Alla fine dei conti, la nuova GT Sensor Carbon Pro è una bici da trail molto polivalente con un buon rapporto qualità/prezzo. I freni e le sospensioni di alta gamma, il dropper a lunga escursione e il telaio brillantemente progettato alla base di tutto mi hanno conquistato. Il fatto che il mio principale punto critico sia la leva del reggisella dropper, che può essere sostituita con un costo molto basso, la dice lunga. Certo, le ruote potrebbero essere un po’ più robuste, ma non sono affatto male. Come detto in precedenza, l’indole della Sensor è più orientata verso l’agilità e la velocità che non verso la “velocità di punta”, ma è sicuramente un mezzo sicuro di sé e pronto a tutto. Tutto sommato, sembra che GT stia andando nella direzione giusta.

www.gtbicycles.com

Commenti

  1. Consiglio taglia: il mio compagno di uscite sta per portare a casa la ST ma è indeciso sulla taglia, é 167 cm ed è a cavallo tra S e M , io guardando un po’ le geo e il fatto che la S monta le 29 gli ho suggerito la S per non perdere in abilita qualcuno ha esperienza diretta?
Storia precedente

Nuova GT Zaskar FS

Storia successiva

Preview del tracciato della Redbull Hardline 2023

Gli ultimi articoli in Test