Highlights XCO Araxa, Brasile

18

Dopo le serrate battaglie di sabato nella Coppa del Mondo di Cross-country Short Track, il sole ha brillato nell’ultima giornata di gare, quando le gare XCO si sono svolte davanti a una folla esultante di tifosi locali, su un dinamico percorso di cross-country che ha incoraggiato gare veloci e d’attacco.

Uomini Elite

È stata una vera e propria carneficina nel primo giro della gara UCI Cross-country Olympic World Cup Elite maschile, e il vincitore della scorsa settimana, lo statunitense Christopher Blevins (Specialized Factory Racing), ha avuto la peggio nel caos, precipitando in ultima posizione nella gara. Più avanti, gli altri hanno affrontato le salite e la sezione delle radici, con alcuni corridori che hanno scelto di correre o sono stati costretti a smontare, e sono stati gli specialisti dell’XCC a sfruttare la loro potenza per approfittare del frenetico ritmo iniziale, con il campione del mondo UCI, il neozelandese Sam Gaze (Alpecin-Deceuninck), il tedesco Luca Schwarzbauer (Canyon CLLCTV XCO) e lo svizzero Mathias Flückiger (Thömus Maxon), tra quelli che hanno guidato la carica verso il secondo giro.



.

Il secondo giro ha visto un rimescolamento delle posizioni, con il francese Jordan Sarrou (Team BMC) che ha preso il controllo del ritmo e lo svizzero Nino Schurter (Scott-SRAM MTB Racing Team) proprio sulla sua ruota, esattamente 14 anni dopo la sua prima vittoria nell’XCO. Al terzo giro, però, non c’era nulla a separare un gruppo consistente di corridori, con i primi 20 separati da poco più di 20 secondi.

Con il suo compagno di squadra Blevins che cercava di risalire il gruppo, il campione cileno Martin Vidaurre è stato il prossimo a spingere in testa alla gara, ed è stato il primo ad aprire un varco temporale, volando nel corso del terzo giro e portandosi in testa con oltre dieci secondi di vantaggio al quarto giro con un gruppo di sei corridori all’inseguimento. Guidati da Gaze, hanno tentato di riprenderlo, ma lui ha reso loro la vita difficile, tornando in testa con un’ultima scarica di energia prima di essere definitivamente chiuso al quinto giro.

Gaze e il vincitore dell’XCC di sabato, il francese Victor Koretzky (Specialized Factory Racing), hanno preso il comando della corsa da lì in poi, e la testa della corsa è passata di mano in mano in più di un’occasione, mentre il gruppo di testa è salito a dieci corridori al sesto giro, ma il danese Simon Andreassen (Cannondale Factory Racing) ha imposto un ritmo sostenuto che ha iniziato ad allungare il gruppo. La Cannondale ha preso il controllo, scambiando Andreassen con il sudafricano Alan Hatherly in testa, ma non è durata a lungo, perché Koretzky ha sferrato due attacchi nel corso del settimo giro per passare alla testa della corsa in solitaria, e quando ha iniziato il penultimo giro aveva un vantaggio di 14 secondi su un gruppo di quattro corridori che lo inseguivano: Sarrou, Hatherly, Andreassen e lo svizzero Filippo Colombo (Scott-SRAM MTB Racing Team).

Un piccolo errore al culmine dell’ultima salita avrebbe potuto mettere al tappeto Koretzky, ma nonostante abbia recuperato la calma e si sia spinto fino all’ultimo giro, un drammatico incidente lo ha visto subire un guasto meccanico, costringendolo a smontare e a sistemare la catena mentre gli inseguitori volavano davanti a lui, guidati da Colombo. Nonostante il contrattempo, Koretzky si è impegnato a fondo ed è riuscito a rientrare nel gruppo in vista del finale.

Andreassen ha sferrato un attacco decisivo nel corso del giro, ma non è stato in grado di distanziare né Colombo né un Koretzky risorto, e si è arrivati a un frenetico sprint per il traguardo, con Andreassen troppo forte per Koretzky e gli altri, registrando la sua prima vittoria in Coppa del Mondo UCI a livello elite XCO. Koretzky è arrivato secondo, Hatherly terzo, Colombo quarto e Sarrou quinto. Koretzky è in testa alla classifica generale dopo due gare. Blevins ha registrato un’incredibile rimonta, tornando dall’ultima posizione in gara al primo giro per concludere al 23° posto.

Risultati completi uomini elite

Donne Elite

L’apertura caotica dell’XCO femminile élite ha visto la testa della corsa cambiare più volte, con numerose atlete alle prese con problemi sulle salite e sul tratto delle radici, con il conseguente traffico che si è ripercosso sul resto del gruppo. La gara ha preso il via a un ritmo frenetico e, una volta che la polvere si è depositata, un trio di biker è riuscito a staccarsi dagli altri: la svizzera Alessandra Keller (Thömus maxon), attiva anche nelle prime fasi dell’XCC di sabato, la tedesca Linda Indergand (Liv Factory Racing) e la vincitrice dell’XCC, Batten.

Nel corso del secondo giro, le tre sono state raggiunte da un gruppo di inseguitrici e otto si sono allontanate con un gruppo di sei che li inseguiva poco dopo. La svedese Jenny Rissveds (Team 31 Ibis Cycles Continental), vincitrice dell’XCO della scorsa settimana a Mairiporã, ha sferrato un attacco e il secondo gruppo è quasi riuscito a recuperare il disavanzo, ma una vivace Keller ha attaccato di nuovo, portando con sé Batten e Rissveds. La statunitense Savilia Blunk (Decathlon Ford Racing Team), seconda classificata a Mairiporã, ha chiuso su di loro e, dopo di lei, la compagna di squadra di Liv Factory Racing Indergand e la canadese Jennifer Jackson si sono unite a loro per portare a sei il gruppo di testa.

La campionessa francese Loana Lecomte (Canyon CLLCTV XCO) è stata costretta ad abbandonare la gara dopo un incidente che l’ha lasciata in difficoltà. Nel frattempo, il quartetto composto da Keller, Batten, Rissveds e Blunk è riuscito a trovare spazio ancora una volta e Keller ha continuato a spingere il ritmo in testa, conducendo una gara aggressiva, ma è stata Rissveds a trovare brevemente un varco, attaccando sulla salita alla fine del quarto giro per passare al comando in solitaria. Un errore di Rissveds sulla prima salita del quinto giro ha però fatto svanire il suo vantaggio e il quartetto è tornato a riunirsi.

Da quel momento in poi è stato un effetto yo-yo, con Rissveds e Batten che hanno aperto un varco e Blunk e Keller che hanno recuperato. La gara si è trasformata in una gara di strategia, con i corridori che si sono valutati a vicenda nel penultimo giro, e verso l’ultimo giro la partita era aperta, con ognuno dei quattro ancora in corsa. È stata Batten a colpire per prima, e ancora una volta lei e Rissveds hanno preso il largo, un distacco che è aumentato quando Blunk è stata costretta a smontare sulla salita.

Si è arrivati a un testa a testa tra le due, ma Batten ha attaccato ancora una volta e questa volta il suo distacco si è rivelato inattaccabile: Rissveds ha finalmente capito che l’americana aveva la meglio su di lei, mentre Batten si è ritagliata un margine sufficiente per godersi la sua prima vittoria in un XCO di livello elitario mentre tagliava il traguardo. Rissveds si è classificata seconda, Blunk terza, Keller e l’olandese Anne Terpstra (Ghost Factory Racing) hanno completato il podio rispettivamente in quarta e quinta posizione.

Risultati completi donne elite

Risultati uomini U23

Risultati donne U23

 

Commenti

  1. Ammetto di non essere un esperto, ma la catena che salta dalla corona, in una fase di spinta, su un tratto praticamente "liscio" appare inusuale ... o no ?
  2. marco:

    la catena è caduta dalla corona, quindi non c'entra la cambiata, più probabile che sia stato un colpo o qualcosa che si è messo fra catena e corona
    A volte è colpa del cambio anche quando cade la catena dalla corona. Può essere una frizione che non funziona a dovere o una molla che non tensiona bene.

    Comunque poteva succedere anche con shimano eh, dico solo che prima o poi lo inventeranno il cambio senza problemi ma non è questo sram transmission.
  3. iaco70:

    che è comunque molto meglio del ormai vetusto XTR.
    il deragliatore si apre a guardarlo. Oggi mi si è aperta la gabbia di un XT dopo un piccolo impatto su una roccia. È il terzo che faccio fuori in poco tempo, e considera che le bici test montate shimano sono sempre di meno, direi pochissime. Se non corrono ai ripari si vedranno i cambi shimano solo sulle bitumiere e sulle Pininfarina.
Storia precedente

[Highlights] XC Short Track Araxa, Brasile

Storia successiva

Aiutaci a mappare i Punti di Interesse (POI) per biker

Gli ultimi articoli in Race Corner