I salsicciotti servono davvero a qualcosa?

111

Sono sempre stato dell’opinione che se si necessita di salsicciotti, o inserti, da mettere nelle gomme significa che si è fatto uno dei seguenti errori, od entrambi:

  • pneumatico troppo leggero per la destinazione d’uso.
  • Pressione dell’aria della gomma troppo bassa.

Mi rendo anche conto però che se uno ha dato fondo al conto in banca per comprarsi un paio di ruote in carbonio, l’ultima cosa che vuole fare è rovinarle o romperle per un banale impatto con una roccia. Motivo per cui gli inserti possono venire comodi, anche se i due punti sopra citati non vengono chiamati in causa. Infatti può capitare di perdere pressione senza accorgesene e dunque di andare a pizzicare la gomma.



.

Inoltre è possibile girare a pressioni più basse con un inserto, aumentando la trazione, ma si potrebbe obiettare che questo è possibile anche con una gomma robusta il giusto per quello che si fa.

L’italiana Tannus ci ha mandato un set dei loro nuovi inserti Fusion, che sono degli inserti modulari: si posso usare separatamente o insieme a seconda dell’ambito di utilizzo. Un modo per rendermi meno scettico sui salsicciotti? State sintonizzati per il test, intanto fatemi sapere se voi li usate.

Commenti

  1. albatros_la:

    È vero, anche se a Schwalbe, tanto per fare un nome, aggiungere qualche mm di schiuma all'interno del copertone costa poche decine di centesimi, che poi ti farebbe pagare magari 15-20 € in più. La mia era una considerazione legata ai produttori più che ai consumatori. Mi stupisce, insomma, che non lo abbiano già fatto.
    La tecnologia non manca. Ci sono ad es. copertoni da trekking che hanno uno strato gommoso integrato (come lo SmartGuard/GreenGuard di Schwalbe, per intenderci). Immagino che sarebbero copertoni più facili da montare rispetto a montare il salsicciotto, che tra l'altro mi chiedo sempre come interagisca con il lattice.
    secondo me ci sono diversi svantaggi
    1. aggiungere questa schiuma all'interno del copertone non penso che sia così facile, deve essere ben incollata e con le varie sollecitazioni che subisce una gomma non è detto che sia così facile
    2. secondo me rende la gomma un bel pò più difficile da montare
    3. la gomma da piegata occupa molto più posto (maggiori costi di trasporto)
    4. aggiungi peso proprio nella parte esterna della ruota, mentre il salsicciotto classico che sta vicino al cerchio fa proprio l'opposto
    5. il salsicciotto detto anche appunto "salva-cerchio" è meglio che stia vicino al cerchio visto che la sua funzione è proteggerlo, avrebbe meno senso metterlo sulla gomma
  2. LUKE83:

    Personalmente sono tre anni che uso tannus con camera d aria e non ho piu forato,,,, girando nelle mie zone con boschi di castagno la foratura era un giro si e l altro forse,,, su terreni scassati con pressioni basse ho la sensazione di una gomma comunque sostenuta e anche varie piccole asperita sono smorzate tantissimo,,,ovvio tra i tanti benefici su due ruote ci sta un po di peso in piu e a occhio anche una bella resistenza al rotolamento con conseguente dispendio di energio,,, però se fare km era il mio problema sarei andato su bici da strada,, conclusione pro e contro tannus a mio avviso è un buon prodotto .
    Ho usato il tannus per un anno su 2 bici, e personalmente penso sia il peggiore che ho mai provato in ambito "inserti"
    Tolti e tornato a tubeless+ inserto classico
    Poi se cmq tu ti ci trovi bene, meglio x te! ;-)
Storia precedente

OneUp Components Challenge (anche su app)

Storia successiva

Il gusto della Colombia

Gli ultimi articoli in Tech Corner