Il pianeta si salverà da solo

274

Pur essendo la mountain bike uno sport che si svolge nella natura, devo ammettere che su MTB Mag abbiamo parlato troppo poco del clima e dei cambiamenti che lo riguardano. Questa estate però mi ha fatto molto riflettere, perché a causa del Covid tantissime persone hanno decisono di spostarsi in automobile, lasciando stare gli aerei e i certosini controlli agli aeroporti, oltre al rischio di rimanede bloccati nella località di vacanza se si viene testati positivi.

Io stesso a giugno/luglio ho fatto migliaia di chilometri fra mare, montagna e spostamenti vari. Durante le due settimane a cavallo di Ferragosto me ne sto però ben tranquillo perché non mi piacciono i luoghi affollati. Cioé tutti i luoghi di villeggiatura o minimamente attrattivi. Ho anche la fortuna di vivere in un posto attaccato alle montagne e con un lago in cui poter andare a nuotare, senza dover toccare la macchina.



.

Questo è però il periodo più bello dell’anno, insieme alla prima metà di settembre, per fare giri in alta quota, quindi ho spesso guidato per circa un’ora fino a raggiungere i percorsi in zona Gottardo. Montagna che per tanti significa una sola cosa: ore e ore incolonnati in attesa di passare attraverso il famigerato tunnel. Traffico che durante i weekend diventa un sadico test alla pazienza di ogni mortale. Il Gottardo è solo un esempio, tutta l’Europa centrale e meridionale diventa “rossa” sulle cartine di Google in estate.

Milioni di persone che si spostano significa macchine che inquinano, ed inquinamento significa riscaldamento globale. Un po’ semplicistica la cosa, ma in soldoni questo è quello che stiamo facendo per andare in vacanza: stiamo inquinando. D’altronde dopo un anno e mezzo di pandemia e il rilassarsi delle norme anti Codiv grazie ai vaccini, chi non vedeva l’ora di spostarsi da casa?

Non sto qui a discutere su macchine con motore a scoppio e macchine elettriche, perché le batterie al litio non si producono o smaltiscono con i petali di rosa, né l’energia elettrica è sempre sinonimo di ecologia, visto che spesso e volentieri viene prodotta con i combustibili fossili. Il punto è un altro: come facciamo a cambiare le nostre abitudini di vita?

Impossibile dire ad uno di Milano di stare a casa a Ferragosto, o ad uno di Torino di non fare la gita fuoriporta in montagna, Si prende su la macchina, e si raggiunge l’amena località prescelta, spesso affollata da gente che ha avuto la stessa idea.

Questa foto è stata scattata il 12 agosto a Riale, l’ultimo paesino della Val Formazza, praticamente senza abitanti fissi tanto è piccolo e remoto. Invaso dalle auto. Ingrandite la foto per vedere quante sono. Immaginate poi la puzza in valle quando tutte si muovono per tornare in pianura.

È solo un esempio, e non è niente in confronto al traffico nelle Dolomiti o verso le spiagge. Mentre sudavo le proverbiali sette camicie verso il passo San Giacomo sotto il sole delle 13, pensavo a come sia impossibile convincere le attuali generazioni degli adulti a cambiare abitudini. Senza auto, come arrivereste in quel posto? Ammettendo di salire in bici, anche elettrica, la cosa non è certo fattibile se si abita in uno dei grandi centri urbani della Pianura Padana. Mettere tutta quella gente su treni e autobus è un’impresa altrettanto biblica.

Se tutti avessimo un’auto elettrica, la produzione di quest’ultima dovrebbe essere decisamente potenziata e per avere impatto zero sulle emissioni dovrebbe essere totalmente green. Non so se sia fattibile, ma anche se lo fosse cosa succede con tutte le batterie usate?

Ovviamente il riscaldamento globale non è causato solo dalle auto o dai camion, ma da qualche parte dobbiamo poter iniziare nel nostro piccolo, e cosa c’è di più piccolo delle nostre abitudini?

Forse le nuove generazioni avranno altre abitudini, si abitueranno a spostarsi di meno, a vivere in case più fredde in inverno e più calde d’estate. Non lo so, al momento sono pessimista, tranne su una cosa: non è il pianeta che morirà se non troviamo una soluzione, ma il genere umano. Tornando al titolo, la Terra si salverà da sola, ma non noi.

Quali sono le abitudini che avete già cambiato o che prevedete di cambiare nella vostra vita?

 

Commenti

  1. pk71:

    A me è rimasta in mente una frase del mio professore di geografia in prima superiore "abbiamo l'illusione che il mondo finirà con la fine del genere umano, ma è una convinzione completamente sbagliata, il mondo continuerà (e anche la vita) più o meno fino a quando il sole esisterà, quindi moltissimo tempo dopo la nostra estinzione", e a chi dice che il problema sono le auto a combustione interna piuttosto che il riscaldamento in casa vorrei rispondere che stanno guardando il dito e non la luna, ha pienamente ragione @bughy1978, il grosso impatto sulle emissioni di gas lo danno gli stabilimenti e giganteschi, giornalieri, spostamenti di merci, ma il danno peggiore lo fa lo sfruttamento del suolo delle enormi campagne di estrazione di minerali e metalli, con i gas serra la terra potrà ritrovare un suo equilibrio forse in qualche migliaio di anni, per la devastazione del suolo serviranno ere geologiche.
    Purtroppo ti sbagli. Non vorrei essere insistente, ma se cercate dati aggiornati e da fonti indipendenti scoprirete che non è così. Credo sia importante ribadirlo perché la pessima informazione è molto diffusa ed è causa di troppi problemi. Se vi informate meglio scoprirete che ha senso modificare i nostri costumi.
    Del resto non bisogna essere degli specialisti per capire che i consumi personali di 5 miliardi di persone incidano sul bilancio complessivo in maniera marcata... Poi è chiaro che le grandi industrie hanno la loro responsabilità, ma contesto che le nostre emissioni "personali" siano marginali.
  2. gargasecca:

    Sicuramente...usando meno una cosa...si inquina meno e si risparmia...quindi significa fare delle rinunce.
    Siamo disposti a rinunciare a qualcosa?
    :prost:
    No, nessuno vuole rinunciare a qualcosa per quello non ha senso fare questi discorsi
  3. gargasecca:

    Sicuramente...usando meno una cosa...si inquina meno e si risparmia...quindi significa fare delle rinunce.
    Siamo disposti a rinunciare a qualcosa?
    :prost:
    Alcuni lo stanno facendo.. per la prima volta in USA ci sono milioni di posti di lavoro che non trovano candidati.. anche in italia vedo molte attività con scritto "cercasi personale".

    Il punto è consumare meno, spendere meno, lavorare meno .. e guarda un pò ci sono anche studi che dimostrano che così facendo si è anche più felici!!!

    Altrimenti spiegami come mai ci sono manager strapagati, che lavorano 60 ore a settimana, che vivono in vivono in ville di lusso, con auto di lusso, che fanno vacanze super... e che però sono depressi e infelici?

    Io spero che il prima possibile si arrivi a questa consapevolezza collettiva che la felicità non è nello spendere e nel comprare ma nel riappropriarci del nostro tempo!
Storia precedente

[Video] The Knife Edge: Gee Atherton sul filo del rasoio

Storia successiva

Peter Sagan versione Bike Park

Gli ultimi articoli in Report e interviste