Migliorare i freni SRAM (Level) con i dischi Galfer Shark

81

Durante il test della nuova Specialized Epic Worldcup avevo sostituito i dischi Centerline con i nuovi Galfer Shark sull’impianto SRAM Level.vI freni SRAM Level non sono famosi per la loro potenza. Malgrado l’aspetto cambiato grazie ai serbatoi ora più vicino al manubrio, per facilitare il passaggio del tubo nella serie sterzo, gli interni e l’idraulica sono sempre gli stessi. Due i pistoncini che vanno a mordere i dischi Centerline, anch’essi non propriamente famosi per la loro potenza.

Galfer mi ha mandato i suoi nuovi dischi Shark: 180mm di diametro e 2.0mm di spessore all’anteriore, 160mm di diametro e 1.8mm di spessore al posteriore. Anche le pastiglie sono del marchio spagnolo, quelle nere. Vediamo se e come gli SRAM Level sono migliorati nelle loro prestazioni.



.

Prezzo: da 88.90€

Link ai dischi Shark

Commenti

  1. AlfreDoss:

    Mi spieghi su quale base lo dici? Non lo dico con vena polemica sia chiaro, anche perché non lavoro mica per Sram e quando non me li regalano li compro di tasca mia.
    Vorrei solo capire cosa ti porta a questa conclusione.
    30x26:

    È sbagliato come progettazione secondo quale metro di valutazione? È un disco come tanti altri in cui tutta la pastiglia viene pulita durante una rotazione completa. Uno Shimano a pista stretta non ha più materiale a contatto col disco o più spessore.
    allora, in quei dischi la parte centrale della pista è per la maggior parte vuota proprio per via di quei tagli centrali…quindi si, si pulisce tutta la pastiglia (che è già qualcosa, ci mancherebbe) ma al centro si ha molto meno contatto. Questo porta a surriscaldare maggiormente le zone esterne della pista, oltre a fornire meno materiale di attrito.

    alcuni design fatti bene sono quelli formula e quello dei dischi intend (i miei preferiti a livello tecnico, ma mai provati di persona) ad esempio. Tanto materiale e fori nei posti giusti.
  2. marpa:

    Io ho preso da due settima e i GALFER Wave 2mm e vanno bene ma se non fosse stato per il prezzo avrei preso gli shark per avere una pista con più materiale . Sono molto belli ma anche secondo me il prezzo non e’ del tutto giustificato
    Hi, thanks for your contribution. The Shark discs overheat less and allow the pads to wear out much more slowly (40% less than the average).
    This translates into considerable savings in consumption and obviously in economics.
    The price of the Sharks is also motivated by the type of material used and the quantity of holes (between 300 and 400) present on the disc, a different and much more elaborate production is required compared to other discs.
Storia precedente

[Video] Emil Johansson: una stagione intensa

Storia successiva

Nuova Wilier Urta Max SLR

Gli ultimi articoli in Test