Galfer Disc Shark

Nuovi dischi Galfer Disc Shark

111

Novità in casa Galfer: il nuovo Disc Shark (squalo), che prende il nome dalle alette interne che ricordano i denti di uno squalo.

[Comunicato stampa] Galfer Bike lancia sul mercato la versione fissa del suo innovativo Disc Shark®, il disco freno per MTB più completo del momento. Grazie a un processo di produzione all’avanguardia che prevede il taglio a laser, ha raggiunto un design dalla geometria ottimale per garantire il massimo delle prestazioni.

Galfer Disc Shark

Una delle sue particolarità è rappresentata dalle alette interne dalle quali prende il nome il disco, ovvero Disc Shark®. Queste alette, insieme ai piccoli fori circolari interni della pista, consentono la riduzione della temperatura di esercizio del disco, mentre il design esterno Wave e le aperture trasversali della pista gli conferiscono una presa potente e uniforme su tutta la superficie a contatto con la pastiglia.

Con il Disc Shark®, la vita utile delle pastiglie aumenta tra il 25 e il 40% in condizioni di utilizzo normali.

Il Disc Shark® riduce drasticamente la temperatura di esercizio del 30% rispetto ai dischi freno di alta gamma attualmente sul mercato ed è costruito in un unico pezzo per avere una solidità maggiore.

Galfer Disc Shark

Grazie al design Disc Shark®, questo disco richiede una pressione inferiore sul circuito frenante anche nelle condizioni più gravose, determinando uno sforzo di frenata minore. Ciò si traduce in una potenza di frenata del 5-10% superiore in condizioni normali.

Il design ottimizzato rende il Disc Shark® più leggero rispetto alla maggior parte dei dischi freno di alta gamma presenti sul mercato, sia per quanto riguarda la pista che il nucleo.

Anche nelle condizioni di temperatura più sfavorevoli (con elevati dislivelli, alte velocità, alte temperature ambientali e peso elevato), il disco Disc Shark® mantiene un comportamento stabile e regolare in qualsiasi situazione. Il design strutturale si adatta ai diversi diametri del disco per raggiungere la giusta rigidità indipendentemente dalla dimensione.

 Galfer Shark

“Da quando ho provato il nuovo Disc Shark® di Galfer Bike posso contare su un aumento della potenza di frenata e una grande stabilità in qualsiasi momento. Il freno risponde allo stesso modo in qualsiasi situazione, anche estrema, e anche grazie alle pastiglie freno Galfer Pro, il controllo della frenata risulta eccellente. Abbiamo inoltre provato a ridurre la dimensione del disco della bici da Enduro a ø180 mm per ottenere un’azione più progressiva e ridurre contemporaneamente il peso. Anche con il disco da ø180 mm non ho avuto alcun problema di sollecitazione o surriscaldamento in nessuna circostanza.” – Martin Maes

Opzioni

  • ø180×2.0mm – 127g – €85 + iva
  • ø203×2.0mm – 174g – €90 + iva
  • ø223×2.0mm – 237g – €95 + iva

Galfer

 

Commenti

  1. Le percentuali da "cioccolataio" lasciano il tempo che trovano , ciò che mi stupisce di più del comunicato è sapere che Martin Maes frena ! :smile:
  2. Boro:

    Il segreto, se vuoi un disco che frena di più è fare la pista piena.
    Avete mai visto fori in motgp o f1 o in roba seria da competizione? D'altronde è fisica, più contatto, più frenata.
    I forellini sono ricami, servono per abbellire e rendere un prodotto, il cui costo principale è dato da qualità del materiale e accuratezza della lavorazione, più appetibile e tecnologico.
    Fa il paio con i cuscinetti super scorrevoli da 400 euro e le altre fufferie simili.
    Che i dischi debbano essere più pieni che vuoti e che si esagera con le piste frenanti svuotate sono d'accordo, che i fori o asole non servano a nulla no.
    Anzi ti dirò di più, se guardi bene il disco in foto trovi dei dentini al suo interno che hanno lo stesso scopo dei denti di squalo dei Galfer.
Storia precedente

Petropolis: Schurter eguaglia il record di vittorie di Absalon

Storia successiva

Coppa del mondo XCO con presenza obbligatoria?

Gli ultimi articoli in News

La miniera

Le miniere di carbone del Belgio, da dove proviene Thomas Genon, il protagonista di questo video,…