MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Rompe il fodero posteriore della bici prima della gara…

Rompe il fodero posteriore della bici prima della gara…

Rompe il fodero posteriore della bici prima della gara…

12/09/2016
Whatsapp
12/09/2016

[ad3]

… e scende dai 3100 metri del Rothorn di Zermatt, per il prologo della Swiss Epic 2016, così:

14352173_1277159352294812_5269689667761852960_o

In pratica subito dopo aver scattato la foto che vedete qui sotto, la bici di Thomas Frischknecht è caduta sulle rocce sottostanti. Per fortuna il meccanico Yanick era nelle vicinanze e con un po’ di inventiva alla McGyver ha reso possibile a Frischi una discesa di circa 1600 metri di dislivello.

Notare il reggisella telescopico, un Uptimizer della Yep Components.

Voi vi sareste fidati?

Foto: ScottRacing

*Edit: il titolo riportava che questa fosse la bici di Schurter, più tardi ci è stato detto che quella era la bici di Thomas Frischknecht, anche se aveva la verniciatura custom “Nino”. In ogni caso, Frischi ha gareggiato così.

Screen Shot 2016-09-12 at 16.41.00

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
scnia
scnia

Con le fascette e il nastro si può scendere pure il k2 ahahah.
Grande!

iNicc0lo
iNicc0lo

Beh, la soluzione apportata da un meccanico di livello è sicuramente da testare… Quindi SI mi sarei almeno inizialmente fidato come Nino. Chiaro che poi a eventualmente rimetterci di più, sarebbe stato lui!

synk88
synk88

…con due brugole in acciaio all’interno del nastro magari tiene di più che il tubo originale 🙂

miki99
miki99

Oltre alle chiavi sembra che ci sia anche una catena e qualche fascetta!

Il brevetto è già stato depositato.

Ginogion
Ginogion

ora…dite quello che volete ma se la bici fosse stata in alluminio tutto ciò non sarebbe successo…. ;-P

Tomcat
Tomcat

Beh, visto che possiamo dire quello che vogliamo… Non sono d’accordo!
Difficile dire se sarebbe successo lo stesso o meno. I compositi in carbonio non sono così fragili come molti temono, e soprattutto l’alluminio non è in assoluto così robusto agli urti diretti come si immagina.
Se il materiale è molto rigido, e l’alluminio temprato lo è eccome, può essere molto fragile. Una botta “ben assestata” da una roccia appuntita avrebbe probabilmente piegato o imbozzato anche un fodero in alluminio, cosa con la quale non si corre tranquilli (buona parte del carico cui è sottoposto è di punta e un bozzo aumenta enormemente l’instabilità del fodero).
Inoltre, se il fodero in composito si fosse spezzato, dubito che avrebbe corso; suppongo che “la pezza” che vediamo funga da rinforzo. È probabile che avrebbero messo la medesima “pezza” anche se il fodero danneggiato fosse stato di alluminio.
Tutto ciò lo dico da utilizzatore di un telaio in alluminio…

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

In realtà:
Per definizione i metalli sono isotropi o quasi, mentre i compositi non lo sono affatto, inoltre i metalli sottoposti a carichi prima elastizzano, poi snervano e solo infine fratturano, le fibre invece in linea di massima fratturano “subito” (non è vero ma semplificando)
Il modulo elastico delle fibre di carbonio è indicativamente 200÷400Gpa, quello delle leghe 6000 indicativamente 40÷70Gpa, ovvero 5÷6 volte meno.
Quindi non è vero che i due materiali sono ugualmente rigidi.
Il comportamento ad urto dei due materiali è molto differente.

Tomcat
Tomcat

…e infatti non ho detto che i due materiali sono ugualmente rigidi. Il punto è che è errato pensare che una lega di alluminio temprata sia granché resiliente. Non lo è. Poi ovviamente la resistenza all’urto dipende da molti altri fattori oltre alla proprietà intrinseca del materiale: dallo spessore, in entrambi i casi, all’orientamento delle fibre e al tipo di resina nel CFRP.
Se per il CFRP non si può parlare di carico di snervamento, certo è che per una lega in alluminio temprata non c’è granché differenza tra carico di snervamento e carico di rottura: il tratto plastico è piuttosto striminzito, e l’elongazione di un 6061 T6 è ben sotto il 10 % soprattutto per spessori sottili come quelli dei tubi.
Quindi, di nuovo, nessuno ci dice che l’urto che ha subito quel fodero non sarebbe stato fatale anche se si fosse trattato di lega di alluminio. Poi, se qualcuno qui ha la sfera di cristallo ed è certo del contrario, chapéu!

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

L’allungamento a rottura dei compositi è comunque circa 10 volte inferiore al 7÷8 % del 6061-T6, che citi.

Balzy
Balzy

Si, infatti le cellule di sicurezza delle vetture di F1 sono tutte in alluminio…

Paolo Ercole
Paolo Ercole

non capisci un cazzo di metalli ed altri materiali

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

Chi non capisce nulla io o Balzy?
Per sapere.

Balzy
Balzy

Io, nel dubbio, gli ho messo un pollice su XD

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

Sono due campi di utilizzo completamente diversi.
Le celle di sicurezza delle F1 devono resistere a sollecitazioni, come ordine di grandezza, diverse migliaia di volte superiori a quelle a cui deve resistere un telaio di una bicicletta.
Inoltre le scocche di F1 sono costruite in carbonio anche per un discorso di processo tecnologico.
Costruire una struttura del genere in metallo è estremamente lungo e complesso: è necessario fare una fusione, poi rilavorare in zone anche difficilmente raggiungibili ecc ecc.
E’ errato paragonare.

vaff
vaff

@willyeCoyote: secondo me è un paragone azzeccato, le cellule di F1 sono in carbonio perché più resistente e leggero, punto

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

Punto.

Balzy
Balzy

Considera che io non sono un ingegnere dei materiali, non lavoro in questo campo e non me ne intendo, quindi il mio ragionamento va puramente a intuito e ogni cosa che mi si può spiegare la accetto volentieri.

Io penso che, al di là del processo costruttivo, le supercar vengano costruite in carbonio perché un materiale più resistente e al contempo leggero. Cioè, a parità di peso è più resistente, altrimenti può avere la stessa resistenza ma con un peso inferiore.

Lo stesso lo vedo nelle MTB: bici in carbonio dello stesso peso di quelle in alluminio vengono vendute come “più resistenti”, mi fa strano pensare che queste stesse bici vengano utilizzate in ambiti come gare di Downhill… però ripeto, sono ignorante in materia quindi accetto ben volentieri spiegazioni.

Pitaro
Pitaro

Il carbonio è più resistente e leggero, però è fatto di fili incollati tra loro. Puoi ben immaginare che se tiri nella direzione del filo sarà molto resistente, mentre se tiri la colla si rompe.
Per alleggerire ovviamente si cerca di mettere meno fili possibili quindi si mettono solo dove e nelle direzioni che servono a sostenere le sollecitazioni di progetto. Di conseguenza se un pezzo in carbonio subisce una sollecitazione non prevista è facile che ceda, i metalli invece resistono a sollecitazioni da tutte le direzioni, quindi anche se metti il minimo di materiale necessario per resistere in una determinata direzione ti trovi “a gratis” resistenza anche in altre direzioni. Ed è per questo che in genere i telai in alluminio sono ritenuti più affidabili.
Le cellule di sicurezza di F1 le fanno in carbonio per il peso e per la maggior capacità di assorbimento degli urti (ovviamente in quel caso i famosi fili di carbonio sono messi intrecciati in modo da resistere in tutte le direzioni)

Wile E. Coyote
Wile E. Coyote

Il fatto è che “resistente”, in un materiale, vuol dire poco.
Qua si parla di comportamento a urto, ovvero di un caso particolare.
La caratteristica di un materiale relativa alla resistenza agli urti è la resilienza.
La fibra di carbonio ha una resilienza tipica inferiore a quella delle leghe di alluminio, per questo in linea generale è più soggetta a rompersi se sottoposta ad urti.

Pitaro
Pitaro

Ho cercato di spiegare il concetto ad una persona che ha ammesso di non essere per niente pratico di materiali ecc…
Comunque per tornare alla rottura: il problema non è il carbonio ma la sua costruzione, se è sollecitato in una direzione lungo la quale tiene solo la resina puoi avere anche la fibra migliore del mondo, ma resta che tiene solo la resina, che ha caratteristiche meccaniche non eccezionali

Balzy
Balzy

Grazie a entrambi per la spiegazione. 😉

Quindi, tirando le somme, ben vengano le bici in carbonio, ovviamente però se subiscono urti in modo “non previsto” è più facile che si rompano rispetto all’alluminio.

jack11
jack11

esatto ben pochi telai sono laminati come quelli da formula uno, e di certo non un telaio scott che ne produce una valanga….e quindi il processo tecnologico, in questo materiale incide non poco, paragonabile ad invecchiare una lega di alluminio 6XXX ad un tempo di invecchiamento sbagliato (sovrainvecchiamento)

rimirkus1975
rimirkus1975

Ma per rompersi il fodero che caduta ha fatto? se si è rotto per un banale o lieve impatto contro le rocce , più che della riparazione non mi fiderei troppo della bici ! c’è però da rilevare che con quella borraccia formato tanica il mezzo è più sollecitato 😉
Per curiosità la forcella montata è la solita utilizzata da Nino o una versione per la Swiss Epic ? .

gabrireghe
gabrireghe

mooooooolto male!!!!!!
sono quasi incredulo onestamente…. è vero che può essere una casualità o semplice sfortuna però ero convinto che i tempi del carbonio fragile che si rompe a causa di urti spigolosi fossero finiti da tempo.. ora che siamo nel futuro del carbonio super-advanced e ogni casa sponsorizza i suoi telai in cartonio con dozzine di acronimi complicatissimi che dovrebbero dimostrare quanta ricerca e attenzione viene posta in questi aspetti

Pitaro
Pitaro

È proprio perché siamo nell’era del carbonio hi-bech che succedono queste cose… Una volta quando era un materiale sconosciuto (e anche le sollecitazioni sulle bici) nel dubbio si aggiungeva un po’ più di carbonio qua e là per essere sicuri, adesso invece che si conoscono bene i carichi sulla bici, si riescono a fare delle simulazioni strutturali affidabili (e soprattutto perché l’amatore non ti compra il telaio se pesa 20g più della concorrenza) allora si riesce a mettere solo il carbonio che serve per il normale funzionamento del mezzo… Ovviamente cadere sulle rocce non rientra nel normale funzionamento di una bici da xc 🙂

Rybo68
Rybo68

Io sono tipo da alluminio…8 anni di enduro,cadute,anche quelle della sola bici accidentali…ho vuto problemi rispetto quelli che vedo con le bici in carbonio anche blasonate.
Peso 90 kg…del carbonio non mi fido punto e stop…non mi interessa la scienza e i numeri….io vedo gente che lo rompe sto carbonio….le mie bike in alu,raramente

Mitzkal
Mitzkal

Io pedalo quotidianamente un telaio in carbonio del ’94.

iaco70
iaco70

chissà se a lui l’hanno poi sostituito in garanzia… o gli hanno risposto che la rottura era dovuta a… 🙂

Velocity
Velocity

Secondo me glielo hanno cambiato in garanzia e poi gli hanno pure chiesto scusa?Come diceva Albertone del Marchese del Grillo: io sono io e voi non siete un caxxo! Scherzo nessuno si offenda
Ciao

Bald
Bald

Nel mio giro di persone reali, e non nickname da fora, non ho mai sentito nessuno a cui è stato negato il cambio telaio in garanzia, anche in situazioni decisamente limite…

Velocity
Velocity

Ad un amico con Specy s-works Ht hanno negato la garanzia perché la rottura si è verificata in un punto non “usuale”.Il punto non “usuale” era all’interno del fodero superiore del carro e lui se ne era accorto lavando la bici e passando lo straccio per asciugarla perché non si vedeva facilmente….

Bald
Bald

Non ho amici con Specy ?

nikolas
nikolas

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

Rybo68
Rybo68

Scusate NON ho avuto problemi volevo scrivere.

Rybo68
Rybo68

Cmq l’articolo dice che la bici é caduta…non nino…..solo la bici da sola…..

Metti Bike

ma sono segni profondi quelli nel fianco del copertone che si vede dietro la riparazione? La caduta ha danneggiato anche quello? Se fosse così, non stupirebbe una foratura dopo 5oo metri…

Ginogion
Ginogion

sono spruzzi di fango

andreasia610
andreasia610

count sistema simile ho riparato la pinza del freno anteriore… avevo perso la vite e l’ho sostituita con una una brugola passante, tenuta con delle fascette e nastro americano…
e ha retto una giornata intera a Priero!!!
😉

miki99
miki99

Se non sbaglio la nuova Spark usa la flessione del carro per funzionare, guarda guarda che è proprio in quella zona che si è rotto…

Sasso? Hum hum…

iaio
iaio

Ma perché Nino?

iaio
iaio

E comunque se scorrazzi tra le rocce con una bici in carbonio ti prendi i tuoi extra rischi, inclusi quelli di non rivendere l’usato come vorresti

vaff
vaff

La rivedremo nel mercatino

menollix
menollix

Di cosa vi stupite?
10gr meno qua, 20gr meno di la… ovvio che se sbatte male qualcosa si può rompere.
Se il telaio della spark pesasse tipo 2200gr anzichè 1749 come scritto sul sito, non staremmo qua a chiaccherare di questa rottura.

dlacego

Certo che ogni volta che c’è un confronto tra carbonio e alluminio nascono fazioni che se le dicono di santa ragione… ma che cavolo vi cambia? Basta essere un tantino pragmatici per capire che ognuno dei 2 materiali ha caratteristiche che lo rendono migliore in certe situazioni e peggiore in altre… ma fare analisi del piffero sparando dati ed esempi presi qua e la è davvero ridicolo.

teoDH

Dilettanti, in BMX han risolto il problema da anni…
https://youtu.be/mrWHTHPFAnQ

sma73
sma73

Non è in carbonio, è in osso, tra 30 gg cavano la fasciatura ed è risaldato.

iceboy
iceboy

è così importante sottolineare che reggisella montasse? con un altro reggisella quindi non ce l’avrebbe fatta?
Sulla riparazione non c’è tanto da stupirsi

Fiore761
Fiore761

Secondo me non é il materiale in se a rendere il pezzo delicato,ma quanto se ne mette.
Ho spezzato un manubrio KCNC in alluminio e dopo due settimane sul muletto mi si é sbriciolata la pedivella sempre della stessa marca.
Ora ho telaio in carbonio e manubrio in alluminio da 340g per farci enduro leggero.
Manubrio in alluminio perché se cado forte lo cambio per sicurezza e il carbonio costa ancora troppo

littleboy111
littleboy111

non ha rotto il fodero, si tratta dello SWAT progettato da SCOTT, posizionato sul fodero opposto alla trasmissione per bilanciarne i pesi 😀 😀 😀

barbasma
barbasma

Una bici estrema… ovvio che una xc ai vertici della leggerezza se cade male… si rompe

Se lo fai con una gambler o una dh qualsiasi forse si rompe il sasso quasi…hahah

Non ho carbonio perche’ non posso permettermelo… ma lo comprerei senza problemi… non userei una xc per farci enduro… ovvio…

giorgiocat
giorgiocat

Bah comunque xc o non xc in MOUNTAIN bike dovrebbe essere contemplato che una bici caschi su delle rocce, inoltre se è cascata ” da sola “, certo non dal terzo piano…La notizia mi lascia un po’ perplesso….

Rayearth
Rayearth

cade da fermo e si spacca il fodero? bah…

Gioele caldana
Gioele caldana

Testimonio. Domenica 3 lugIio di quest’anno si parte per Andalo per fare il Bear Trails sulla Paganella. Prima discesa e crack il fodero dx si spezza …panico. No. Due miei amici prendono alcuni rami nel bosco, ne preparano tre e con fascette e nastro mi riparano la bici. Si riparte, prima con prudenza poi sempre più sciolto constatando la bontà della riparazione mi sono fatto praticamente tutto il giro con oltre 2500- e ha funzionato alla grande.

Mat.sorre
Mat.sorre

@MarcoToniolo: sai la bici che usa Frischi alla Swiss Epic è la nuova Spark in versione 27.5 o 29?

Mat.sorre
Mat.sorre

ops.. sai SE la bici..

littleboy111
littleboy111

dalla prima foto si vede sul cerchio scritto 29 quindi dovrebbe essere la 29